Skip to content

Chimica e tecnologia farmaceutiche - Insegnamenti - Regolamento didattico

Laurea magistrale a ciclo unico - LMCU

Facoltà di Farmacia e Medicina
Nuovo Ordinamento del Corso di Laurea Magistrale
in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche
D.M. 270/2004 Classe LM-13 (FARMACIA E FARMACIA INDUSTRIALE)
Approvato dal Consiglio di Corso di Studi in CTF nella riunione in data 22 Febbraio 2016

MANIFESTO DEGLI STUDI PER L’ANNO ACCADEMICO 2016/2017

A partire dall'anno accademico 2009-2010 presso la Facoltà di Farmacia è stato attivato il corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche (classe LM-13, Farmacia e Farmacia Industriale) strutturato in base al DM 270/04. Questo corso di laurea magistrale è subentrato al corso di Nuova Laurea Specialistica in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche previsto dal precedente ordinamento (conforme al D.M. 509/1999, classe LS14).

REGOLAMENTO DIDATTICO
In questo documento sono presentate le caratteristiche del corso di laurea magistrale a ciclo unico in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche (CTF), il cui ordinamento è progettato in conformità al D.M. 270 del 2004. Questo corso di laurea magistrale ha sostituito il corso di laurea specialistica in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche (conforme al D.M. 509/1999, classe LS14), che a sua volta è il risultato di modifiche successive del corso di studi istituito nel 1967 (DPR 1037/1967) ed attivato 3 anni dopo (1970) nel nostro Ateneo. L’attuale ordinamento ha previsto l’adeguamento alla nuova tabella della classe LM-13, mantenendo al tempo stesso la conformità alle direttive europee (Direttive 2005/36/CE e 85/432/CEE) per la regolamentazione in ambito farmaceutico, ma non ha cambiato in maniera sostanziale la struttura del corso in quanto la figura professionale del laureato in CTF incontra la soddisfazione del mondo del lavoro, come testimoniato dall’alta percentuale di laureati che trova lavoro in tempi brevi.
Il Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche (CLM CTF) si articola in cinque anni accademici.
1. Definizione degli obiettivi formativi
La struttura del Corso di Laurea magistrale in CTF si propone il conseguimento degli obiettivi formativi di seguito definiti. I laureati del CLM CTF dovranno possedere:
• una buona padronanza della metodologia dell'indagine scientifica applicata in particolare alle tematiche del settore;
• le conoscenze multidisciplinari fondamentali per la comprensione del farmaco, della sua struttura ed attività in rapporto alla loro interazione con le biomolecole a livello cellulare e sistemico, nonché per le necessarie attività di preparazione e controllo dei medicamenti;
• le conoscenze chimiche e biologiche, integrate con quelle di farmacoeconomia e farmacoutilizzazione, nonché quelle riguardanti le leggi nazionali e comunitarie che regolano le varie attività del settore, proprie di una figura professionale che, nell'ambito dei medicinali e dei prodotti per la salute in generale, può garantire i requisiti di sicurezza, qualità ed efficacia, richiesti dalle normative dell'OMS e dalle direttive nazionali ed europee;
• le conoscenze utili all'espletamento professionale del servizio farmaceutico nell'ambito del servizio sanitario nazionale, nonché quelle necessarie ad interagire con le altre professioni sanitarie.
In vista delle finalità indicate, il Corso di Laurea magistrale in CTF comprenderà l’acquisizione di conoscenze relative a:
• elementi di matematica, informatica e fisica, finalizzati all'apprendimento delle discipline del corso; chimica generale e chimica inorganica;
• principi fondamentali della chimica organica, del chimismo dei gruppi funzionali, della stereochimica e dei principali sistemi carbociclici ed eterociclici;
• elementi fondamentali della chimica analitica, utili all'espletamento ed alla valutazione dei controlli dei medicamenti, nonché di altre sostanze di interesse sanitario; cellula animale e strutture vegetali, apparati ed organi animali;
• morfologia del corpo umano in rapporto alla terminologia anatomica; fisiologia della vita vegetativa e di relazione dal livello cellulare fino all’organismo vivente; patologia;
• biochimica generale, biochimica applicata e biologia molecolare, ai fini della comprensione delle molecole di interesse biologico, dei meccanismi delle attività metaboliche e dei meccanismi molecolari dei fenomeni biologici, in rapporto all'azione dei farmaci, nonché alla produzione e analisi di nuovi farmaci che simulino biomolecole o che antagonizzino la loro azione;
• chimica farmaceutica, progettazione e sintesi delle principali classi di farmaci, loro proprietà chimico-fisiche, loro meccanismo di azione, nonché rapporti struttura - attività; materie prime impiegate nelle formulazioni dei preparati terapeutici; conoscenze di base e avanzate della tecnologia farmaceutica;
• norme legislative e deontologiche necessarie all'esercizio dei vari aspetti dell'attività professionale;
• farmacologia, farmacoterapia e tossicologia, al fine di una completa conoscenza dei farmaci e degli aspetti relativi alla loro somministrazione, metabolismo, azione, tossicità ed interazioni; analisi chimica dei farmaci, anche in matrici non semplici;
• preparazione delle varie forme farmaceutiche e loro controllo di qualità;
• elementi di microbiologia utili alla comprensione delle patologie infettive, alla loro terapia ed ai saggi di controllo microbiologico;
• principi di fisiopatologia e di eziopatogenesi delle malattie umane, con conoscenza della terminologia medica;
• prodotti diagnostici e altri prodotti per il mantenimento dello stato di salute e di benessere e loro controllo di qualità;
• piante medicinali e dei loro principi farmacologicamente attivi; conoscenze farmacologiche, su basi cliniche, applicative e tossicologiche, tali da consentire ai laureati della classe di prepararsi a svolgere un valido supporto nel consiglio e dispensazione dei farmaci senza obbligo di prescrizione.

2. Ambiti occupazionali previsti
Il laureato in CTF può esercitare, previo conseguimento delle rispettive abilitazioni, la professione di Farmacista secondo la Direttiva 2005/36/CEE, o la professione di Chimico secondo il DPR n.328 del 5.6.2001.
Con il conseguimento dell’abilitazione alla professione di farmacista, il laureato della classe è autorizzato, tra l'altro, all'esercizio delle seguenti attività professionali:
• preparazione della forma farmaceutica dei medicinali nell'industria;
• controllo dei medicinali in un laboratorio pubblico o privato di controllo dei medicinali;
• immagazzinamento, conservazione e distribuzione dei medicinali nella fase di commercio all'ingrosso;
• preparazione, controllo, immagazzinamento e distribuzione dei medicinali nelle farmacie aperte al pubblico e negli ospedali (farmacie ospedaliere pubbliche e private);
• diffusione di informazioni e consigli nel settore dei medicinali, dei prodotti cosmetici, dietetici e nutrizionali, nonché erboristici per il mantenimento e la tutela dello stato di salute;
• formulazione, produzione, confezionamento, controllo di qualità e stabilità e valutazione tossicologica dei prodotti cosmetici; produzione di fitofarmaci, antiparassitari e presidi sanitari; analisi e controllo delle caratteristiche fisico-chimiche e igieniche di acque minerali; analisi e controllo di qualità di prodotti destinati all'alimentazione, ivi compresi i prodotti destinati ad un'alimentazione particolare ed i dietetici; produzione e controllo di dispositivi medici e presidi medico-chirurgici;
• trasformazione, miscelazione, concentrazione e frazionamento di parti di piante e loro derivati, sia per uso terapeutico che erboristico.
In particolare quindi i ruoli professionali di riferimento del laureato in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche includono i seguenti:
- esperto nella ricerca e sviluppo del farmaco (industria, centri pubblici e privati, università)
- esperto di produzione del farmaco
- esperto in controllo della qualità
- informatore scientifico del farmaco
- farmacista in farmacie territoriali ed ospedaliere
Il conseguimento dell’abilitazione alla professione di Chimico, consente al laureato in CTF l’iscrizione alla sezione A dell’Albo Professionale dei Chimici, offrendo l’opportunità di esercitare le seguenti attività professionali:
- Analisi chimiche con qualunque metodo e a qualunque scopo destinate;
- Direzione di laboratori chimici la cui attività consista anche nelle analisi chimiche;
- Studio e messa a punto di processi chimici;
- Progettazione e realizzazione di laboratori chimici e di impianti chimici industriali;
- Verifiche di pericolosità o non pericolosità di sostanze chimiche.
In generale i laureati in CTF potranno accedere a professioni delle categorie ISTAT 2.1.1.2 (Chimici e professioni assimilate) e 2.3.1.5 (Farmacisti e professioni assimilate), nonché 2.3.1.2 – Farmacologi, batteriologi ed assimilati e 2.6.2.0 – Ricercatori, tecnici laureati ed assimilati.
3. Conoscenze richieste e programmazione dell’accesso
Gli studenti devono essere in possesso del diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo conseguito all'estero riconosciuto idoneo in base alla normativa vigente. Il corso di laurea magistrale in CTF ha effettuato una programmazione degli accessi prevedendo un numero massimo di posti disponibili pari a 200 (duecento). L'accesso al corso è subordinato al superamento di una prova di ammissione da effettuarsi prima dell'inizio dei corsi. La prova consiste in 80 domande a risposta multipla su argomenti di base di Biologia, Chimica, Fisica e Matematica, suddivise nel seguente modo: 25 di Biologia, 25 di Chimica, 15 di Fisica e 15 di Matematica. Le domande sono basate sui programmi delle materie predette in uso nelle scuole secondarie superiori. Le modalità della prova sono comunicate a tempo debito mediante apposito bando. Le domande della prova sono sorteggiate dagli uffici del Rettorato a partire da un pool generale di oltre 1000 quesiti selezionati da una apposita commissione formata da docenti della facoltà delle materie succitate. I risultati della prova di ammissione sono oggetto di elaborazione statistica e di valutazione da parte della apposita commissione, che ha anche il compito di implementare il numero dei quesiti e valutarne l'utilità e la congruità in relazione alle finalità del corso ed ai prerequisiti necessari. Per tutti gli studenti che verranno inseriti in graduatoria verrà valutata l’opportunità di attribuzione di obblighi formativi aggiuntivi (OFA) su uno o più argomenti di base. Le modalità di recupero degli OFA saranno comunicate sul sito web del Corso di Laurea dopo la pubblicazione delle graduatorie. Tale recupero sarà condizione indispensabile per la regolare iscrizione al secondo anno.
4. Crediti formativi
L’unità di misura del lavoro richiesto allo studente per l’espletamento di ogni attività formativa prescritta dall’Ordinamento Didattico per conseguire il titolo di studio è il Credito Formativo Universitario (CFU). Al credito formativo universitario, corrispondono 25 ore di impegno complessivo per studente (art.5 D.M. 270/04), per cui un CFU può prevedere 8 ore di lezione frontale, ovvero 12 ore di laboratorio o esercitazione guidata oppure 20 ore di formazione professionalizzante (con guida del docente su piccoli gruppi) o di studio assistito. La quota rimanente sarà utilizzata dallo studente per lo studio individuale.
I crediti corrispondenti a ciascuna attività formativa sono acquisiti dallo studente con il superamento dell’esame o di altra forma di verifica del profitto.
5. Quadro generale dell’offerta formativa e organizzazione didattica in semestri
Il CLM CTF prevede l’articolazione in attività di base, caratterizzanti, affini e integrative e a scelta dello studente. I 300 CFU necessari per il conseguimento del titolo, distribuiti in cinque anni di corso, sono così ripartiti:
a) Insegnamenti che comportano una didattica frontale (comprensivi di esercitazioni numeriche e/o di laboratorio) per 228 CFU.
b) Insegnamento a scelta libera per 8 CFU
c) Lingua straniera per 4 CFU
d) Tirocinio professionale per 30 CFU
e) Prova finale per 30 CFU
PRIMO ANNO
Insegnamento CFU SSD Esame Attività
Biologia Vegetale e Animale 8 BIO/05 – BIO/15 1 Di base
Anatomia Umana 6 BIO/16 1 Di base
Matematica 8 MAT/04 1 Di base
Fisica 8 FIS/01 1 Di base
Chimica Generale ed Inorganica 9 CHIM/03 1 Di base
Lingua Inglese 4 Idoneità Lingua Straniera
Totali 43 5

SECONDO ANNO
Insegnamento CFU SSD Esame Attività
Chimica Organica I 9 CHIM/06 1 Di base
Microbiologia 6 MED/07 1 Di base
Chimica Analitica e Laboratorio di Chimica Generale ed Inorganica 8 CHIM/01 – CHIM/03 1 Di base
Fisiologia Generale 8 BIO/09 1 Di base
Analisi Chimico Farmaceutica e Tossicologica I 10 CHIM/08 1 Caratterizzanti
Biochimica 10 BIO/10 1 Caratterizzanti
Chimica Fisica 8 CHIM/02 1 Affini e Integrative
Totali 59 7

TERZO ANNO
Insegnamento CFU SSD Esame Attività
Chimica Organica II 8 CHIM/06 1 Di base
Patologia Generale e Molecolare con Terminologia Medica 6 MED/04 1 Di base
Chimica Farmaceutica e Tossicologica I 9 CHIM/08 1 Caratterizzanti
Analisi Chimico Farmaceutica e Tossicologica II 10 CHIM/08 1 Caratterizzanti
Metodi Fisici in Chimica Organica 8 CHIM/06 1 Affini e Integrative
Biologia Molecolare 9 BIO/11 1 Caratterizzanti
Farmacologia e Farmacognosia 11 BIO/14 1 Caratterizzanti
Totali 60 7

QUARTO ANNO
Insegnamento CFU SSD Esame Attività
Chimica Farmaceutica Applicata 8 CHIM/09 1 Caratterizzanti
Chimica Farmaceutica e Tossicologica II 9 CHIM/08 1 Caratterizzanti
Tossicologia 8 BIO/14 1 Caratterizzanti
Analisi Chimico Farmaceutica e Tossicologica III 10 CHIM/08 1 Caratterizzanti
Chimica degli Alimenti 8 CHIM/10 1 Caratterizzanti
Tecnologia e Legislazione Farmaceutiche 10 CHIM/09 1 Caratterizzanti
Insegnamento opzionale (un insegnamento a scelta): 8 CHIM/09 1 Caratterizzanti
Fabbricazione industriale dei Medicinali
Polimeri di Interesse Farmaceutico
Veicolazione e Direzionamento dei Farmaci
Insegnamento complementare (un insegnamento a scelta): 8 CHIM/08-CHIM/09-CHIM/03-CHIM/06-BIO/10-BIO/14-BIO/15-MED/04-MED/07 1 Affini e Integrative
Chimica dei Radiofarmaci
Chimica Bioinorganica
Sintesi Avanzate in Chimica Organica
Metodologie Separative e Spettroscopiche Avanzate in Chimica Organica
Chimica Farmaceutica e Tossicologica III
Progettazione del Farmaco
Analisi dei Farmaci e dei loro Metaboliti nei Fluidi Biologici
Polimeri di Interesse Farmaceutico
Veicolazione e Direzionamento dei Farmaci
Applicazioni Biochimiche e Biotecnologiche
Saggi e dosaggi farmacologici
Microbiologia Farmaceutica
Oncologia Molecolare
Chimica dei prodotti cosmetici
Laboratorio di Preparazione Estrattiva e Sintetica dei Farmaci e Fitochimica
- Laboratorio di Preparazione Estrattiva e Sintetica dei Farmaci (5 cfu)
- Fitochimica (3 cfu)
Nanosistemi per la diagnostica e la tecnologia farmaceutica
- Nanosistemi per la diagnostica e la tecnologia farmaceutica I (4 cfu)
- Nanosistemi per la diagnostica e la tecnologia farmaceutica II (4 cfu)
Totali 70 8

QUINTO ANNO
Insegnamento CFU SSD Esame Attività
A scelta dello studente 8 1 A scelta dello studente
Totali 8 1

L’organizzazione didattica del corso di studi è strutturata in semestri secondo lo schema seguente:
I ANNO
I semestre II semestre
Matematica Anatomia Umana
Biologia Vegetale e Animale Chimica Generale ed Inorganica
Fisica Lingua Inglese

II ANNO
I semestre II semestre
Chimica organica I Fisiologia
Chimica Analitica e Laboratorio di Chimica Generale ed Inorganica Biochimica
Analisi Chimico Farmaceutica e Tossicologica I Microbiologia
Chimica Fisica

III ANNO
I semestre II semestre
Patologia Generale e Molecolare con Terminologia Medica Metodi Fisici in Chimica Organica
Biologia Molecolare Farmacologia e Farmacognosia
Analisi Chimico Farmaceutica e Tossicologica II Chimica Farmaceutica e Tossicologica I
Chimica Organica II

IV ANNO
I semestre II semestre
Analisi Chimico Farmaceutica e Tossicologica III Tecnologia e Legislazione Farmaceutiche
Tossicologia Chimica Farmaceutica e Tossicologica II
Chimica degli Alimenti Insegnamento opzionale
Chimica Farmaceutica Applicata Insegnamento complementare

V ANNO
I semestre II semestre
Insegnamento a scelta dello studente

5.1 Insegnamenti a scelta dello studente
Oltre agli insegnamenti obbligatori, il piano di studi prevede anche, al V anno di corso, un insegnamento a scelta dallo studente. Tale insegnamento, che può essere autonomamente scelto dallo studente all’interno di tutta l’offerta formativa dell’ateneo (quindi anche al di fuori di quella del corso di laurea), deve comunque essere coerente con gli obiettivi formativi di CTF ed essere sottoposto ad approvazione da parte del Consiglio di Corso di Studio, salvo il caso in cui la scelta ricada nel novero degli insegnamenti opzionali o complementari.
5.2 Obbligo di frequenza
Poiché i corsi hanno un carattere prevalentemente applicativo e professionalizzante, con attività pratiche di laboratorio nei diversi settori disciplinari, la frequenza deve intendersi obbligatoria secondo modalità stabilite dai singoli docenti in base alle caratteristiche del corso. Gli studenti che non avranno ottenuto la firma di frequenza di un corso, in particolare con esercitazioni di laboratorio, non potranno iscriversi all’anno successivo fino all’ottenimento della suddetta firma; essi verranno pertanto iscritti come ripetenti all’anno di appartenenza.

5.3 Verifica dell’apprendimento
La verifica del profitto avviene per mezzo di un’idonea prova di esame che può comprende l’uso di colloqui e di prove scritte consistenti nella stesura di elaborati. Oltre all’acquisizione dei crediti, ciascun esame dà luogo a una valutazione espressa in trentesimi. Il voto va da un minimo, pari a 18/30, a un massimo, corrispondente a 30/30; in casi di particolare merito al voto massimo viene aggiunta la “lode”. Per alcune prove la valutazione non si esprime con un voto, ma solo con un giudizio di idoneità; in questo caso la valutazione non contribuisce al calcolo della media complessiva dei voti. Le prove d’esame si svolgono nei periodi stabiliti e pubblicati nel calendario didattico. Le date degli appelli per le diverse materie vengono comunicate e pubblicate dai docenti in Infostud e rese note anche tramite le pagine del sito web del corso di laurea. L’ammissione agli appelli d’esame avviene in seguito ad una prenotazione, da effettuarsi nell’area Infostud del sito d’Ateneo.
5.4 Tirocinio pratico-professionale
A partire dal mese di giugno del quarto anno di corso, e comunque dopo aver ottenuto la firma di frequenza del laboratorio di Tecnologia e Legislazione Farmaceutica, lo studente può iniziare a svolgere il tirocinio pratico-professionale presso una farmacia aperta al pubblico sotto la sorveglianza del servizio farmaceutico per un periodo complessivo di 6 mesi (30 CFU). In conformità alla Direttiva Comunitaria 2005/36/CE, art.4, comma 2, lett. b) il tirocinio per la formazione in Farmacia è di sei mesi a tempo pieno. Per il tirocinio obbligatorio un credito formativo è pari a 30 ore, come precisato dalla circolare MIUR n. 526 del 30/03/2011. Tale periodo è oggetto di uno specifico regolamento concordato con l’Ordine Provinciale dei Farmacisti che può essere consultato sul sito http://corsidilaurea.uniroma1.it/chimica-e-tecnologia-farmaceutiche/tiro....

5.5 Prova finale
La prova finale consiste nella stesura, nella presentazione e nella discussione di una tesi scritta, elaborata autonomamente dallo studente, che documenti in modo organico e dettagliato il problema di ricerca affrontato. La tesi documenta il lavoro sperimentale individuale dello studente (30 CFU). La discussione si svolge di fronte alla Commissione di laurea che, sulla base della carriera dello studente e della valutazione della relazione, stabilisce il voto di laurea.
In previsione della prova finale lo studente presenterà domanda al docente presso il quale intende prepararla, non prima di aver sostenuto almeno 12 esami, che ne dovrà firmare l’accettazione. Qualora lo svolgimento del lavoro di tesi preveda esclusivamente l’uso di strutture dell’Ateneo, la domanda verrà sottoposta alla firma del presidente del Consiglio di Corso di Studio e quindi presentata alla Segreteria studenti. In caso diverso, la domanda dovrà essere presentata direttamente in Segreteria Studenti che provvederà ad inoltrarla al Consiglio di Corso di Studio per l’accettazione formale.
5.6 Propedeuticità
Non sono previsti vincoli di propedeuticità. Per ciascun insegnamento il docente indicherà chiaramente quali insegnamenti ritiene che lo studente debba aver seguito per poter frequentare con profitto il suo corso. Queste indicazioni sono esposte nei programmi degli insegnamenti sul sito web del corso di laurea.
6. Orientamento e tutorato
Il Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche diffonde, attraverso l’attività di tutorato dei docenti, informazioni sul percorso formativo. L’attività di orientamento e tutorato è volta ad aiutare gli studenti nel corretto svolgimento del loro processo di formazione e favorire la mobilità internazionale nell’ambito dei programmi promossi dall’Ateneo. L’attività di tutorato è coordinata dai docenti del Corso Laurea ai quali gli studenti sono affidati tramite assegnazione nominativa, resa nota anche attraverso il sito web della facoltà e del Corso di laurea.
7. Trasferimento da altri corsi di studio
a) Le domande di trasferimento da altri corsi di studio verranno accettate previa valutazione del possesso dei requisiti di base per l’iscrizione al Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche e superamento della prova di accesso programmato. Anche i laureati di ogni disciplina dovranno sostenere la prova di accesso prevista ad eccezione dei laureati in Farmacia e dei laureati delle classi 24 e L-29 (lauree triennali) che erano stati inizialmente iscritti nei corsi quinquennali in Farmacia o in Chimica e Tecnologia farmaceutiche de “La Sapienza” e che successivamente erano transitati nelle lauree triennali.
b) Gli studenti provenienti da corsi di laurea quinquennale di Farmacia e Chimica e Tecnologia Farmaceutiche di altre sedi potranno essere esonerati dalla prova di accesso nel trasferimento presso la sede di Roma solo se hanno acquisito almeno 20 CFU convalidabili e qualora la dicitura degli esami sostenuti non sia identica né per nome né per numero di CFU dovranno allegare alla domanda il programma del corso validato dal titolare del corso stesso.
c) Per gli studenti provenienti dai precedenti ordinamenti del corso di laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche nonché per gli studenti del corso di laurea in Farmacia, che vorranno passare al corso di laurea magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, potranno essere riconosciuti i crediti già acquisiti per gli insegnamenti con la stessa od analoga denominazione.
d) Per gli studenti ed i laureati delle classi 24 e L-29 (lauree triennali) che vorranno passare al Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche saranno esaminati i crediti acquisiti per gli insegnamenti appartenenti allo stesso settore scientifico disciplinare, similari per dizione e/o per contenuto, valutabili fino al massimo di crediti previsto per ogni insegnamento dal corso di laurea magistrale. Se non fossero riconosciuti totalmente i CFU per l’insegnamento di analoga denominazione in CTF, lo studente dovrà sostenere una prova integrativa con verbalizzazione dell’esame. I crediti acquisiti in insegnamenti o attività che non hanno corrispettivo nel Piano degli Studi del corso ricevente potranno essere computati, a domanda, tra quelli a scelta fino al massimo previsto di 8 crediti.