Skip to content

Per la procedura di presentazione della domanda di laurea, consultare la pagina generale Sapienza con la modulistica per studenti, a partire dalla pagina della Segreteria Studenti della Facoltà di Ingegneria dell'Informazione, Informatica e Statistica (I3S). Altre informazioni utili si trovano qui.

La prova finale per la laurea magistrale potrà riguardare un'attività progettuale o di tirocinio, in media della durata di 6 mesi, presso una struttura aziendale, industriale o presso i laboratori stessi dell'Università. Al completamento di questa attività sono associati 24 crediti.

L'esame finale di laurea consiste nella presentazione e discussione di un progetto e di una relazione supervisionata da un docente relatore. Il lavoro svolto dovrà dimostrare che lo studente ha raggiunto una padronanza delle metodologie proprie dell'Ingegneria Automatica e/o della loro applicazione in un settore specifico, a un livello di competenza in linea con le esigenze imposte dai processi di innovazione tecnologica. La prova finale sarà impostata in maniera tale da costituire una credenziale importante per l'inserimento del laureato nel tessuto lavorativo.

I criteri di assegnazione dei punteggi della Laurea Magistrale In Ingegneria Automatica sono stati stabiliti dal Consiglio del Corso di Studio e si allineano con quelli delle altre lauree magistrali erogate dal DIAG.

Il punteggio finale viene calcolato come somma dei seguenti elementi

  • media pesata sui crediti dei voti riportati negli esami sostenuti nel corso della laurea magistrale (normalizzata su 110)
  • aumento per la carriera scolastica: 0-2 punti (1 punto per chi ha conseguito almeno 3 lodi, 1 punto se la laurea magistrale viene conseguita in 2 anni accademici)
  • voto della tesi di laurea magistrale: 3-8 punti

Per la lode occorre raggiungere il punteggio totale di 113 punti. Per un voto di tesi compreso tra 7 e 8 punti e per la richiesta di lode, il relatore deve richiedere 15 giorni prima della seduta di laurea la nomina di un controrelatore. Il controrelatore, designato dal Presidente del Consiglio del Corso di Studio, dovrà effettuare una valutazione approfondita del lavoro svolto dal candidato e fornire una valutazione dello stesso alla Commissione di laurea.

E' possibile, anzi è fortemente consigliato, preparare il lavoro di tesi in lingua inglese. La versione finale della tesi deve essere sottoposta al controllo anti-plagio da parte del relatore prima della seduta di laurea.