Skip to content

Ingegneria Gestionale - Obiettivi formativi - Autonomia di giudizio

I laureati devono essere in grado di interpretare i fenomeni osservati sui mercati e nelle organizzazioni, cogliendo gli effetti della interazione strategica tra soggetti, nonché le potenzialità ed i limiti delle tecniche di decisione razionale e di gestione dell'informazione e della conoscenza.

Essi devono essere consapevoli del carattere multidimensionale delle conseguenze delle attività economico-produttive e, in particolare, degli effetti sociali e delle responsabilità etiche che derivano dall'esercizio della loro professione, con particolare riferimento alla gestione delle risorse umane e agli effetti ambientali delle decisioni economiche.

La valutazione della capacità dello studente di esprimere giudizi in modo autonomo è condotta tramite la stesura di elaborati personali, sia nell'ambito dei singoli moduli che nella prova finale.