Frequentare

 

L'articolazione degli insegnamenti del Corso di Studio non prevede la scelta di alcun curriculum.

La compilazione del percorso formativo è invece richiesta (seguire le istruzioni specifiche su questa parte del sito) per la definizione delle "Attività a scelta dello studente" pari complessivamente a 9 CFU. Normalmente tali attività vengono acquisite attraverso il superamento di insegnamenti a scelta dello studente.

E' possibile consultare il Regolamento didattico nella sezione "Percorso formativo" di questo sito del CdS, per avere maggiori informazioni rispetto a quanto previsto in merito a frequenza, passaggi di cattedra, ecc.

Per quanto riguarda le informazioni sui singoli insegnamenti (contenuti del corso, modalità della prova, testi di esame, ecc.) è possibile consultare le schede sintetiche dell'elenco seguente, nelle quali sono indicate anche le date degli appelli prenotabili su Infostud.

 

E' in ogni caso molto utile seguire le web cattedre di ogni singolo insegnamento sul sito del Dipartimento Coris, iscrivendosi allo specifico sistema di identificazione, per poter ottenere informazioni personalizzate sui corsi che si frequentano (news e altre comunicazioni del docente) e accedere all'archivio dei materiali che normalmente sono resi disponibili nel corso delle lezioni.

 

 

 

Orari lezioni

Quale curriculum scegli?

Primo anno (Iscrizione di riferimento A.A. 2018/2019)

Insegnamento Codice Semestre CFU SSD Lingua
TEORIE E PRATICHE DELLA VALUTAZIONE LABORATORIO DI RICERCA VALUTATIVA 1044131 Primo semestre 9 Italiano
A SCELTA DELLO STUDENTE Primo semestre 9 Italiano
COMUNICAZIONE POLITICA E ANALISI DEI FLUSSI ELETTORALI 1044076 Primo semestre 6 SPS/11 Italiano
DIGITAL MARKETING 1044459 Primo semestre 9 SECS-P/08 Italiano
TEORIE DELL'AZIONE E DELLA DECISIONE 1034750 Secondo semestre 9 SPS/07 Italiano
COMUNICAZIONE SOCIALE E ISTITUZIONALE - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE E VALUTAZIONE DELLE CAMPAGNE DI COMUNICAZIONE 1048123 Secondo semestre 12 Italiano
LABORATORIO DI INGLESE SPECIALISTICO AAF1538 Secondo semestre 3 Italiano

Secondo anno (Iscrizione di riferimento A.A. 2017/2018)

Insegnamento Codice Semestre CFU SSD Lingua
PARTECIPAZIONE E COMUNICAZIONE POLITICA 1044071 Primo semestre 9 SPS/04 Italiano
RELAZIONI ISTITUZIONALI E RESPONSABILITA' SOCIALE D'IMPRESA 1022377 Primo semestre 6 SPS/11 Italiano
METODOLOGIE QUALITATIVE PER LA VALUTAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION 1048114 Primo semestre 6 SPS/07 Italiano
GESTIONE E COMUNICAZIONE DEGLI EVENTI 1044073 Primo semestre 6 SPS/08 Italiano
SISTEMI POLITICI E ISTITUZIONALI 1044070 Secondo semestre 9 SPS/04 Italiano
DIRITTO COSTITUZIONALE ITALIANO E ISTITUZIONI DELL'UE 1034805 Secondo semestre 9 IUS/08 Italiano
SOCIAL MEDIA MANAGEMENT 1041910 Secondo semestre 6 SPS/08 Italiano
COMUNICAZIONE ADVOCACY E CONSUMO RESPONSABILE 1048070 Secondo semestre 6 SPS/08 Italiano
PER STAGES E TIROCINI PRESSO IMPRESE, ENTI PUBBLICI O PRIVATI, ORDINI PROFESSIONALE AAF1173 Secondo semestre 3 Italiano
PROVA FINALE AAF1016 Secondo semestre 18 Italiano

Le prove di esame sono organizzate sulla base delle specificità degli insegnamenti (obiettivi, tipo di contenuti e specificità disciplinari), per questo motivo ciascun insegnamento esplicita le modalità di svolgimento e di valutazione dell’apprendimento. Accanto a insegnamenti che prevedono una prova di esame finale, prevalentemente orale o “combinata” (orale+scritto e/o orale o scritto + discussione del project work), altri insegnamenti valutano l’apprendimento lungo il percorso didattico, secondo una “modularità” delle modalità di valutazione (valutazione di esercitazioni e/o prove intermedie, momenti di discussioni dei lavori e/o dei project work, presentazioni di paper, ecc.).

 

Prove intermedie

Il CdS ha deliberato che per ogni semestre le prove di verifica intermedia (1 o 2 in linea di massima), che normalmente esonerano da alcune parti di programma, si possono svolgere - in base a quanto previsto dal singolo docente:

  • la prima, entro la metà delle ore in cui il corso è erogato
  • la seconda, immediatamente al termine del corso.

Le prove intermedie sono normalmente riservate agli studenti frequentanti il corso. Per le modalità e le date di svolgimento delle prove è necessario fare riferimento alle singole web cattedre dei docenti.

Le modalità delle prove intermedie - quando previste - sono molto differenziate e specifiche per singolo in insegnamento e possono comprendere test a risposta multipla, domande a risposta sintetica, brevi saggi, soluzione di problemi, ecc.

 

Modalità di svolgimento delle verifiche finali

Il percorso di studi magistrale si conclude con l'elaborazione e discussione di una Tesi di laurea. Rispetto alla Prova finale sostenuta dagli studenti al termine degli studi triennali, la Tesi di laurea rappresenta un'esperienza senza dubbio più complessa per durata e per impegno. In continuità con la tradizionale Tesi di laurea prevista nell'ordinamento pre-riforma a ciclo unico, lo scopo della Tesi magistrale è infatti attestare l'acquisizione, da una parte, di conoscenze e competenze specialistiche nel settore di studio; dall'altra, di una formazione avanzata che mostri in particolare autonomia critica e capacità di ricerca scientifica. La Tesi di laurea magistrale va dunque intesa come il risultato di un lavoro di indagine, non necessariamente empirica, purché con carattere di originalità: l'elaborato, partendo dallo stato di conoscenza dell'oggetto di ricerca, e trovando quindi fondamento su un'adeguata conoscenza della letteratura e dello stato del dibattito scientifico, deve poi andare oltre e tradursi concretamente in un contributo originale da parte del laureando allo studio dell'argomento prescelto (ancorché, in genere, specifico e circoscritto).

Esso deve soprattutto configurarsi come produzione autonoma di contenuti, scientificamente e metodologicamente fondati, che non ricorrano ad alcuna forma di plagio.

La Tesi di laurea Magistrale consiste nella preparazione e discussione, dinanzi a un'apposita Commissione, di un elaborato scritto (in italiano o in inglese o spagnolo), che approfondisce un tema prescelto dallo studente. Se in lingua straniera, l'elaborato dovrà essere accompagnato da un abstract in italiano di 15 cartelle.

In relazione al numero di crediti formativi (15 cfu) associato alla Prova finale, le dimensioni orientative dell'elaborato finale oscillano fra 100 e 150 cartelle, ciascuna di circa 2.000 battute (compresi spazi, tavole, figure, tabelle, grafici, note bibliografiche etc.), per un totale di circa 200/300 mila battute. L'elaborato viene sviluppato autonomamente dal laureando sotto la supervisione di un Relatore che diventa il docente di riferimento. Egli fornirà tutta l'assistenza necessaria allo svolgimento del lavoro e alla sua discussione. È auspicabile che lo studente concordi l'assegnazione del progetto all'inizio dell'ultimo anno di corso e, in ogni caso, con un congruo anticipo sugli ultimi esami, così da poter avviare in parallelo al completamento delle prove curriculari il lavoro. Spetta in ogni caso al docente Relatore la facoltà/responsabilità di stabilire quando lo studente è pronto a sostenere la discussione finale della Tesi.

La base di partenza con la quale si accede al conseguimento della tesi di laurea è costituita dalla media dei voti ottenuti nei singoli moduli didattici, ponderata per il numero dei crediti attribuiti a ciascun modulo. Ferma restando la piena autonomia della commissione al riguardo, tuttavia, il Dipartimento ha deliberato alcuni suggerimenti, al fine di rendere quanto più possibile omogenei i comportamenti delle diverse commissioni. Al punteggio derivante dalla media ponderata degli esami, la commissione potrà aggiungere un punto ogni quattro lodi ottenute dal candidato nel corso del suo curriculum formativo. In sede di valutazione finale, la Commissione di laurea potrà aggiungere un punteggio che di norma va da 0 a 6, secondo i seguenti criteri: completezza, correttezza e fondatezza dell'elaborato; originalità, accuratezza metodologica e capacità di ricerca; qualità della presentazione e della discussione; valutazione del curriculum.

La Tesi di laurea, elaborato in modo originale dallo studente sotto la guida di un relatore, può essere svolta esclusivamente in una materia della quale lo studente abbia sostenuto l'esame e che compaia come tale nel curriculum formativo. Si potrà far riferimento anche ad uno dei laboratori previsti, nonché a prove che prevedano la sola idoneità, purché essi risultino come esami sostenuti nel curriculum formativo e siano riconducibili ad uno specifico settore scientifico-disciplinare. L'assegnazione dell'argomento e la formalizzazione del rapporto di supervisione avvengono 8-10 mesi prima della data prevista per la discussione. Oltre alla forma classica del saggio - che preferibilmente include una ricerca empirica o una sua parte - delle dimensioni orientative di 100-150 cartelle (ciascuna di circa 2000 battute), l'elaborato può essere costituito dalla presentazione di diversi prodotti di comunicazione (siti, audiovisivi, Cd-Rom, progetti, piani di comunicazione e marketing, format, campagne pubblicitarie o di comunicazione sociale, servizi e prodotti di comunicazione, etc.), che possono essere realizzati integralmente o parzialmente attraverso formati multimediali. In ogni caso, l'elaborato deve prevedere un adeguato impianto logico-metodologico supportato dalla documentazione e dalla letteratura scientifica di riferimento, che ne illustrino le motivazioni teoriche e culturali e il suo specifico contributo nell'ambito della disciplina.

"Il percorso di studi magistrale si conclude con l’elaborazione e discussione di una Tesi di laurea.
Rispetto alla Prova finale sostenuta dagli studenti al termine degli studi triennali, la Tesi di laurea rappresenta un’esperienza senza dubbio più complessa per durata e per impegno. In continuità con la tradizionale Tesi di laurea prevista nell’ordinamento pre-riforma a ciclo unico, lo scopo della Tesi magistrale è infatti attestare l’acquisizione, da una parte, di conoscenze e competenze specialistiche nel settore di studio; dall’altra, di una formazione avanzata che mostri in particolare autonomia critica e capacità di ricerca scientifica. La Tesi di laurea magistrale va dunque intesa come il risultato di un lavoro di indagine, non necessariamente empirica, purché con carattere di originalità: l’elaborato, partendo dallo stato di conoscenza dell’oggetto di ricerca, e trovando quindi fondamento su un’adeguata conoscenza della letteratura e dello stato del dibattito scientifico, deve poi andare oltre e tradursi concretamente in un contributo originale da parte del laureando allo studio dell’argomento prescelto (ancorché, in genere, specifico e circoscritto).
Esso deve soprattutto deve configurarsi come produzione autonoma di contenuti, scientificamente e metodologicamente fondati, ove eventuali riferimenti ad altri autori siano ben riconoscibili e la fonte sia chiaramente indicata nel testo per offrire al lettore la possibilità di verificarne la veridicità.
La Tesi di laurea Magistrale consiste nella preparazione e discussione, dinanzi a un’apposita Commissione, di un elaborato scritto (in italiano o in inglese, spagnolo, francese), che approfondisce un tema prescelto dallo studente. Se in lingua straniera, l’elaborato dovrà essere accompagnato da un abstract in italiano di 15 cartelle.
In relazione al numero di crediti formativi associato alla Prova finale, le dimensioni orientative dell’elaborato finale oscillano fra 100 e 150 cartelle, ciascuna di circa 2.000 battute (compresi spazi, tavole, figure, tabelle, grafici, note bibliografiche etc.), per un totale di circa 200/300 mila battute. Allo studente è richiesto, pertanto, un impegno che va, orientativamente, da un minimo di 6 ad un massimo di 10 mesi di lavoro. L’elaborato viene sviluppato autonomamente dal laureando sotto la supervisione di un Relatore che diventa il docente di riferimento. Egli fornirà tutta l’assistenza necessaria allo svolgimento del lavoro e alla sua discussione. È auspicabile che lo studente concordi l’assegnazione del progetto all’inizio dell’ultimo anno di corso e, in ogni caso, con un congruo anticipo sugli ultimi esami, così da poter avviare in parallelo al completamento delle prove curriculari il lavoro. Spetta in ogni caso al docente Relatore la facoltà/responsabilità di stabilire quando lo studente è pronto a sostenere la discussione finale della Tesi.
Al voto di partenza dello studente, desunto dalla media ponderata conseguita nelle prove di esame, andrà sommato 1 punto ogni quattro lodi. La commissione di Laurea potrà invece assegnare da 0 a 6 punti sulla base della qualità dell’elaborato e della sua discussione."

A.A. 2018-2019

CALENDARIO DELLE LEZIONI

 

Primo semestre: 

da mercoledì 19 Settembre a venerdì 21 Dicembre 2018

Festività: giovedì 1 novembre – venerdì 2 novembre – sabato 3 novembre – sabato 8 dicembre. 

 

Secondo semestre: 

da lunedì 18 febbraio a venerdì 31 maggio 2019 
Festività: da giovedì 18 aprile a lunedì 22 aprile compresi, per le festività di Pasqua – giovedì 25 aprile – mercoledì 1 maggio.

 

 

ORARIO DELLE LEZIONI

 

Poichè gli orari possono essere sottoposti a cambiamenti nel corso del semestre, in particolare nella prime settimane, è opportuno sempre consultare l'informazione nelle pagine del Dipartimento Coris dove viene puntualmente aggiornata.

 

Questo il link agli orari del Primo semestre:

http://www.coris.uniroma1.it/orario-lezioni-coris/21343

 

Il link agli orari del secondo semestre sarà pubblicato dopo la conferma definitiva delle aule che sono state assegnate al Dipartimento.

CALENDARIO E DISPOSIZIONI SULLE SESSIONI D'ESAME

 

Secondo quanto previsto dal Manifesto degli studi (art. 26 e 27), gli studenti possono sostenere gli esami di una materia del proprio anno di corso solo dopo che le lezioni del relativo modulo didattico siano terminate.
(Es: nella sessione esami di gennaio/febbraio 2019 uno studente di triennale iscritto al secondo anno di corso può sostenere gli esami relativi a tutti gli insegnamenti di primo anno del suo ordinamento, ma soltanto gli esami relativi agli insegnamenti di secondo anno previsti dal suo ordinamento, per i quali le lezioni si siano tenute nel primo semestre. Non potrà invece sostenere gli esami relativi agli insegnamenti di secondo anno, le cui lezioni si terranno nel secondo semestre, prima della sessione esami di giugno/luglio 2019. Non potrà inoltre sostenere esami relativi agli insegnamenti di terzo anno previsti dal suo ordinamento).

 

Gli appelli sono aperti su Infostud a cura dei singoli docenti e sono disponibili per l'intero A.A. 2018/19.

Sulla base del percorso formativo gli studenti visualizzano gli appelli e possono prenotarsi rispettando le disposizioni che seguono sulle singole sessioni di esame.

In caso di problemi (mancata visualizzazione dell'insegnamento, ecc.) si può contattare il docente per e-mail e la segreteria didattica di Dipartimento all'indirizzo:

triennalicoris@uniroma1.it 

 

Sulla distribuzione delle date d’esame ed eventuali sovrapposizioni puoi leggere i chiarimenti del Direttore: www.coris.uniroma1.it/archivionotizie/lettera-del-direttore-agli-studenti

 

 

APPELLI

                                                         
Da lunedì 7 gennaio 2019 a sabato 16 febbraio 2019 (sessione invernale):


3 appelli per tutti i corsi erogati fino all'a.a. 2017/2018, e per tutte le materie i cui corsi si siano svolti nel primo semestre dell'a.a. 2018/2019

 

N.B.: Al fine di garantire agli studenti la possibilità di rispettare le scadenze per presentare domanda di laurea per la sessione di marzo 2019 in segreteria amministrativa, il primo dei tre appelli dovrà essere necessariamente fissato ed effettuato, almeno per i laureandi, entro mercoledì 16 gennaio 2019. Tutti gli appelli svolti in date successive a giovedì 31 gennaio 2019, anche se relativi ad insegnamenti erogati nei precedenti anni accademici, potranno essere registrati esclusivamente sui verbali dell’a.a. 2018-2019

 

Da lunedì 8 aprile a venerdì 10 maggio 2019 (Sessione laureandi e fuori corso): 


1 appello per tutti i corsi erogati fino all'a.a. 2017/2018 e delle materie 2018/2019 i cui corsi si siano tenuti nel primo semestre riservato a:

  • laureandi della sessione di luglio 2019 (i laureandi iscritti alle triennali e alle specialistiche/magistrali e i laureandi iscritti al vecchio ordinamento quinquennale potranno sostenere fino ad un massimo di 2 esami per raggiungere il 96% dei crediti);
  • studenti fuori corso (tutti gli esami previsti dal loro ordinamento);
  • studenti iscritti in modalità Part Time e Part Time Speciale (potranno sostenere 2 esami).

Da lunedì 3 giugno a venerdì 26 luglio 2019 (Sessione estiva):


3 appelli di tutte le materie dell'a.a. 2018-2019
Entro il 26 luglio 2019 tutti gli esami dovranno essere sostenuti e verbalizzati

N.B. : Al fine di garantire agli studenti la possibilità di rispettare le scadenze per poter partecipare alla sessione di laurea di luglio 2019, il primo dei tre appelli dovrà essere necessariamente fissato ed effettuato, almeno per i laureandi, entro venerdì 14 giugno 2019.

 

Da lunedì 2 settembre a sabato 14 settembre 2019 (Sessione autunnale):


1 appello di tutte le materie dell'a.a. 2018/2019


Da lunedì 21 ottobre a venerdì 15 novembre 2019 (Sessione laureandi di dicembre 2018/gennaio 2019 e fuori corso ).


1 appello per tutti i corsi erogati fino all'a.a. 2018/2019 riservato a:

  • laureandi di Triennale della sessione di dicembre 2019/gennaio 2020 (potranno sostenere l’ultimo esame per un massimo di 8 cfu se di ordinamento 509 e per un massimo di 9 cfu se di ordinamento 270);
  • laureandi di Specialistica/Magistrale e di Vecchio Ordinamento Quinquennale della sessione di dicembre 2019/ gennaio 2020 (potranno sostenere l’ultimo esame, per un massimo di 8 cfu se di ordinamento 509 e per un massimo di 9 cfu se di ordinamento 270);
  • studenti fuori corso (tutti gli esami previsti dal loro ordinamento);
  • studenti iscritti in modalità Part Time e Part Time Speciale (potranno sostenere 2 esami).

Da mercoledì 8 gennaio 2020 a venerdì 17 gennaio 2020 (Sessione invernale 2018/2019) ultimo appello relativo all’a.a. 2018/2019:


1 appello per tutti i corsi erogati fino all'a.a. 2018/2019.

PERCORSO FORMATIVO

 

Da lunedì 3 dicembre 2018 a martedì 30 aprile 2019 si apre la finestra per la compilazione dei percorsi formativi 2018/2019.
La compilazione del percorso formativo è obbligatoria per tutti gli studenti immatricolati a partire dall’a.a. 2011-2012, pertanto si invitano tutte le matricole dell’a.a. 2018/2019 e tutti gli iscritti degli anni precedenti che non hanno ancora provveduto, ad ottemperare a tale obbligo.

 

È possibile compilare il piano di studi soltanto una volta per ciascun anno accademico, salvo casi eccezionali autorizzati dal Presidente del proprio corso di laurea.
Gli studenti che hanno già compilato il piano nell’a.a. 2017/2018, e che intendono apportare modifiche per l’a.a. 2018/2019, devono procedere direttamente ad una nuova compilazione.
Una volta compilato il piano per l'a.a. 2018/19 e ottenuta l’approvazione, laddove dovesse essere necessario effettuare ulteriori ed inevitabili modifiche nello stesso anno accademico, queste saranno possibili solo a seguito dell’autorizzazione del Presidente del proprio corso di laurea.
A tal fine, lo studente dovrà richiedere l'annullamento del percorso già approvato inviando una mail a triennalicoris@uniroma1.it(link sends e-mail) se studenti iscritti ai corsi di laurea triennale.
Nella richiesta di annullamento, gli studenti dovranno indicare: nome, cognome, matricola e motivo della richiesta. Se la motivazione sarà ritenuta valida, il Presidente accoglierà la richiesta di modifica, la segreteria procederà con l’annullamento e lo studente potrà compilare un nuovo piano. Non è possibile richiedere modifiche dei piani durante le sessioni di esami, per nessun motivo.

Una volta annullato, il nuovo piano dovrà essere ricompilato sempre nel periodo compreso tra il 3 dicembre 2018 e il 30 aprile 2019. Se l’annullamento dovesse avvenire al di fuori della finestra indicata, lo studente potrà ricompilare il piano solo recandosi in segreteria didattica negli orari di ricevimento. Non sarà assolutamente possibile compilare il piano telefonicamente o con richieste presentate tramite mail.

Prima di procedere alla compilazione, leggere attentamente le seguenti istruzioni.

 

Perché compilare il percorso formativo?

La compilazione è fondamentale per visualizzare e prenotare gli insegnamenti opzionali o a scelta.

Come si compila il percorso formativo?
 

  • collegati ad Infostud ed entra nella tua pagina personale;
  • entra su Corsi di laurea;
  • nel menù a sinistra, clicca su percorso formativo;
  • clicca su vai al percorso formativo;
  • in fondo alla pagina che si apre, clicca su crea un nuovo piano di studi e procedi alla compilazione;
  • se la pagina ti presenta l’opzione  “percorso formativo individuale” non devi selezionarla , ma devi scegliere Curriculare.
  •  seleziona, tra gli esami opzionali che il percorso ti offre, quello che preferisci
  •  nel riquadro insegnamenti a scelta dello studente dovrai inserire l’esame, o gli esami, che intenderai sostenere come attività a scelta.

Attenzione:

  • non è assolutamente possibile inserire come esame a scelta un esame con la stessa epigrafe, di uno già sostenuto o comunque presente nel proprio percorso di triennale o magistrale, anche se con un numero di CFU diverso (ad esempio, se in un percorso di studi è previsto storia contemporanea da 6 cfu, non puoi inserire e sostenere tra le attività a scelta storia contemporanea da 9 cfu).
  • non è possibile neanche inserire esami che hanno epigrafe diverse, ma che di fatto sono mutuazioni o fruizioni di esami già inseriti e che prevedono quindi lo stesso programma o che hanno parti di programma in comune

L'inosservanza di queste regole comporterà l'annullamento dell'esame da parte della Segreteria studenti in fase di verifica della carriera finale prima della laurea, anche se gli esami non permessi sono già stati sostenuti e verbalizzati. 

 

Crediti a scelta


Per quanto riguarda i crediti a scelta, non è possibile inserire nel percorso formativo la voce generica “attività a scelta dello studente” , anche se appare tra le possibili opzioni; si dovranno invece inserire gli insegnamenti esatti che si intendono sostenere come esami a scelta.
Gli esami che potrai sostenere come attività a scelta dovranno necessariamente essere corsi erogati nell’a.a. in cui sono previste nel tuo manifesto le attività a scelta. Potrai inserire a scelta insegnamenti del tuo stesso percorso non inseriti come opzionali oppure, utilizzando la funzione “ricerca avanzata”, potrai scegliere tra tutti gli insegnamenti erogati in qualsiasi altro corso di laurea dell’Ateneo, digitando il nome esatto dell’insegnamento desiderato o facendo una ricerca per parole chiave. Gli studenti potranno inserire solo esami dei corsi triennali. .

Se devi sostenere un totale di 9 cfu a scelta, potrai selezionare: un unico insegnamento da 9 cfu, oppure, un insegnamento da 3 cfu e uno da 6 cfu. o anche 3 esami da 3 cfu. Potrai anche scegliere esami la cui somma dei crediti corrispondenti superi al massimo di 3 cfu il tetto dei crediti a scelta previsti nel tuo manifesto (se il tuo piano prevede l’inserimento di 9 cfu a scelta potrai al massimo inserirne 12; se ne prevede 12 potrai al massimo inserirne 15, etc. ).

 

Nei piani di studio relativi all'a.a. 2018/2019, sia dei corsi di laurea triennale che magistrale, a prescindere dall'anno di immatricolazione, gli studenti non potranno inserire tra i cfu a scelta crediti da stage o tirocini, neanche in aggiunta al numero di cfu richiesti nei percorsi, in quanto con D.R. N. 2033 del 03/08/2018, è stata introdotta la possibilità di svolgere, durante il percorso di studi, un tirocinio extracurriculare, che ricordiamo dovrà prevedere un'indennità mensile obbligatoria, erogata dall’azienda al tirocinante (per l'eventuale attivazione rivolgersi all'ufficio stage del Dipartimento).
Al termine della compilazione il sistema ti indicherà se il percorso formativo è corretto, in caso contrario potrai utilizzare la funzione “abc” che trovi in alto a sinistra, e il sistema ti indicherà quali incongruenze ha riscontrato.
 

  • Se il percorso formativo proposto risulta corretto, ma non hai ancora deciso di inviarlo, clicca su salva in bozza (volendo potrai salvare in bozza più di un percorso formativo).
  • Una volta effettuata la scelta del percorso desiderato tra quelli salvati in bozza, potrai finalmente inviarlo al valutatore per la richiesta di validazione, e dovrai:
  • Cliccare sul tasto invia
  • Cliccare sul tasto richiedi approvazione del piano di studi
  • Il sistema ti richiederà di confermare l’invio. Clicca anche su conferma invio altrimenti il percorso rimarrà nello stato di bozza e non arriverà alla commissione per l’approvazione.

L’approvazione del percorso formativo è subordinata alla valutazione dello stesso da parte di una commissione di docenti, e, considerando che le richieste sono centinaia, il tempo di attesa previsto per ottenere risposta da parte della commissione (rifiuto/approvazione del percorso) è in media di circa 7/10 giorni.  
Inoltre, successivamente all’approvazione del percorso, sono necessarie ulteriori 24/48 ore affinché le piattaforme informatiche gomp e infostud si allineino e permettano allo studente di  visualizzare su infostud le informazioni (date e prenotazioni degli appelli) degli insegnamenti inseriti nel nuovo percorso formativo.
Per questo motivo si invitano gli studenti a programmare per tempo le modifiche in base alle scadenze delle prenotazioni,  e a non inviare “richieste urgenti” di annullamento e/o approvazione di percorsi formativi a ridosso della scadenze stesse, dal momento che non sarà materialmente  possibile soddisfare tali richieste.

Per ulteriori chiarimenti rivolgersi alla Segreteria Didattica www.coris.uniroma1.it/segreteria-didattica

 

 

l Corso di studi non ha attivato al momento alcun Percorso di Eccellenza