Skip to content

METODOLOGIA DELLO SCAVO E DELLA RICERCA ARCHEOLOGICA AVANZATO

Dati insegnamento

  • Insegnamento: METODOLOGIA DELLO SCAVO E DELLA RICERCA ARCHEOLOGICA AVANZATO
  • Anno: Secondo anno
  • Semester: Secondo semestre
  • Tipo attività: Attività formative affini ed integrative
  • CFU: 6
  • SSD: L-ANT/10

Caratteristiche

TitoloCodiceCFUSSDAmbito disciplinareOre AulaOreOre Laboratorio
Attività formative affini ed integrativeC6L-ANT/10Attività formative affini o integrative3612N.D.

Canali

NESSUNA CANALIZZAZIONE

(Canale mutuato)

DocenteDipartimento
PAOLO CARAFA

Obiettivi

Approfondimento delle procedure di documentazione, analisi e interpretazione di monumenti, materiali e contesti pluristratificati del mondo classico partendo da casi di studio concreti nell’ambito delle manifestazioni sociali e culturali, dell’architettura e dell’urbanistica, della cultura artistica e materiale. Apprendimento dei sistemi di classificazione e dell’analisi filologica. Discussone di problemi connessi alla definizione e all’uso del metodo: analisi quantitative e analisi qualitative. Approfondimento dei processi di ricostruzione del fenomeno culturale sulla base degli indicatori archeologici e confronto con le altre forme di conoscenza.


Libri di testo

Per chi non avesse letto i seguenti volumi durante il corso di laurea triennale:
E.C. Harris, Principi di stratigrafia archeologica, Carocci 1983
A. Carandini, Storie della terra. Manuale di scavo archeologico, Einaudi 2010

Bibliografia base di riferimento per i temi trattati durante le lezioni:
P. Carafa, M. C. Capanna, “Il progetto ‘Archeologia del Suburbio di Roma’ per la ricostruzione dei paesaggi agrari antichi” in V. Jolivet, C. Pavolini, M. A. Tomei, R. Volpe (a cura di), Suburbium II. Il Suburbio di Roma dalla fine dell’età monarchica alla nascita del sistema delle ville (V-II secolo a.C.), Roma 2009, pp. 27-39.
P. Carafa, “Il Sistema Informativo Archeologico di Roma Antica” in A. Carandini, P. Carafa (a cura di), Atlante di Roma Antica. Biografia e immagini della città, Electa 2012, pp. 44-55.
P. Carafa, D. Bruno, “Il Palatino messo a punto” in Archeologia Classica 64, 2013, pp. 719-786

Per approfondire i temi trattati durante le lezioni:
Per un confronto tra diverse edizioni di stratigrafie:
A. Carandini, P. Carafa (a cura di), Palatium e Sacra Via 1. Prima delle mura, l’età delle mura, l’età delle case arcaiche, Bollettino di Archeologia 31-34.
F. Coarelli, F. Pesando, Rileggere Pompei. L'insula 10 della Regio VI, Roma 2006.
oppure
Per un’ edizione di paesaggi agrari:
A. Carandini, F. Cambi, Paesaggi d’Etruria. Valle dell’Albegna, Valle d’Oro, Valle del Chiarore, Valle del Tafone – Progetto di ricerca italo-britannico seguito allo scavo di Settefinestre, Roma 2002.
oppure
Per un’ edizione di stratigrafia nel quadro dell’evoluzione dei paesaggi agrari:
A. Carandini, M.T.D'Alessio, H. Di Giuseppe (a cura di), La fattoria e la villa dell'Auditorium nel quartiere Flaminio di Roma, Roma 2006.
oppure
Per una lettura storico sociale basata sulla ricostruzione dei paesaggi agrari:
A. Launaro, Peasants and Slaves. The Rural Population of Roman Italy (200 BC to AD 100), Cambridge 2011.

Programma

Durante il corso saranno analizzati in dettaglio e comparati casi di studio concreti per ricostruire la successione di paesaggi urbani e rurali, approfondendo la conoscenza delle procedure e delle scelte metodologiche applicate. Una parte delle lezioni sarà dedicata anche alla conoscenza e all’utilizzo di sistemi informatici di classificazione e analisi, all’analisi filologica delle testimonianze e alla considerazione di problemi metodologici connessi all’integrazione dei contesti archeologici.