Skip to content

SCAVI RICOGNIZIONI E REPERTI IN CONTESTI TERRESTRI E SUBACQUEI: ARCHEOLOGIA E ARCHEOMETRIA

Dati insegnamento

  • Insegnamento: SCAVI RICOGNIZIONI E REPERTI IN CONTESTI TERRESTRI E SUBACQUEI: ARCHEOLOGIA E ARCHEOMETRIA
  • Anno: Secondo anno
  • Semester: Secondo semestre
  • Tipo attività: Attività formative affini ed integrative
  • CFU: 6
  • SSD: L-ANT/10

Caratteristiche

TitoloCodiceCFUSSDAmbito disciplinareOre AulaOreOre Laboratorio
Attività formative affini ed integrativeC6L-ANT/10Attività formative affini o integrative3612N.D.

Canali

NESSUNA CANALIZAZZIONE

(Canale mutuato)

DocenteDipartimento
GLORIA ANGELA OLCESE

Obiettivi





Il modulo approfondisce le modalità di studio e di
interpretazione dei contesti archeologici terrestri e subacquei e dei reperti
in essi rinvenuti, con i metodi dell’archeologia e dell’archeometria.

Parte teorica: le
lezioni sono mirate ad approfondimenti tematici e alla presentazione di alcuni
contesti archeologici dell’Italia centro meridionale.

Parte pratica: è
prevista una parte pratica a OSTIA (presso
i depositi della Soprintendenza Archeologica) e/o a LIPARI, Isole Eolie (Museo
Eoliano Bernabò Brea) per lo studio dei carichi dei relitti, con la
partecipazione diretta a fasi delle ricerche in corso (www.immensaaequora.org)

In questa parte del corso gli studenti apprenderanno anche
a classificare e a interpretare i reperti archeologici, utilizzando anche i metodi dell’archeometria che consentono di
potenziare i mezzi a disposizione dell’archeologo per ricostruire gli aspetti
produttivi e commerciali del passato.

Libri di testo

La bibliografia per l’esame comprende alcuni blocchi tematici diversi che rispecchiano le lezioni e, a seconda della località in cui si svolge la parte pratica (di solito Ischia o Lipari).

1. Archeologia subacquea: metodi e problemi 2. Commerci marittimi 3. Metodi di studio dei carichi. 4. Il commercio marittimo romano 5. Problemi di tutela e conservazione.
L’elenco dettagliato dei testi per l’esame verrà dato nel corso della prima lezione.

Archeologia subacquea, i pionieri e le moderne metodologie
Dizionario di Archeologia, (a cura di R. Francovich e D. Manacorda), Editori Laterza, Roma-Bari 2000 s.v. Archeologia Subacquea.
R. Petriaggi, B. Davidde, Archeologia sott’acqua. Teoria e pratica, 2007 (capitoli 1, 2, 6 e 7).
C. Beltrame, Archeologia marittima del Mediterraneo. Navi, merci e porti dell’antichità all’età moderna, Carocci 2012 (capitoli 1, 2 e 3).
F. Pallarés, Nino Lamboglia e l'archeologia subacquea, in Nel ricordo di Nino Lamboglia, Atti del Convegno 20-22 marzo 1998, a cura di D. Gandolfi, Bordighera 1999, Rivista di Studi Liguri Anno LXIV, gennaio - dicembre 1997-1998.

Per la localizzazione dei relitti:
- Atlante dei siti di produzione ceramica (a cura di G. Olcese) 2011-2012, la parte finale dedicata ai relitti della Sicilia.
- A. J. Parker, Ancient Shipwrecks of the Mediterranean and the Roman Provinces, Oxford 1992.

Per problematiche di tutela e conservazione: La convenzione Unesco

Note
Gli studenti interessati al corso che non avessero sostenuto gli esami di base di Metodologia sono pregati di contattare la docente possibilmente all’inizio dell’anno accademico. Coloro che non hanno esperienza nel campo dello studio dei reperti archeologici sono consigliati di frequentare i seminari a Ostia fin dal primo semestre (con attribuzione di CFU nell’ambito delle AAF e dei tirocini) . Si suggerisce inoltre di consultare il sito www.immensaaequora.org, che riunisce le ricerche della Cattedra di Metodologia della Ricerca Archeologica della docente, cliccando sulla voce didattica del banner. Tale spazio riservato agli studenti e alle lezioni verrà aggiornato all’inizio delle lezioni.

Per informazioni relative al corso e alle attività pratiche, scrivere a Gloria.Olcese@uniroma1.it

Programma

INTRODUZIONE ALL'ARCHEOLOGIA SUBACQUEA

Il modulo introduce all’indagine archeologica dei contesti subacquei e dei reperti in essi rinvenuti.

Parte teorica: le lezioni hanno come oggetto la ricognizione, lo scavo subacqueo e lo studio dei reperti.
Alcune lezioni sono dedicate alla conservazione e alla tutela del patrimonio archeologico sommerso.

Parte pratica: facoltativa è la partecipazione a una parte pratica che avrà come tema lo studio del carico di un relitto di epoca romana e di reperti archeologici da scavi subacquei (alle Isole Eolie, a Ischia o in altro contesto) (indagini in corso riassunte nel sito www.immensaaequora.org)