Our course catalogue for the accademic year 2022/2023 is currently being updated

Graduation

Per essere ammesso a sostenere la prova finale (esame di Laurea), lo studente deve aver superato tutti gli esami di profitto, totalizzato il monte-ore per la frequenza dei tirocini e aver superato il relativo esame. Per il conseguimento della Laurea lo studente deve superare una prova finale che si compone di: a) una prova pratica, in cui lo studente deve dimostrare di aver acquisito competenze e abilità tecnico-pratiche fondamentali proprie dello specifico profilo professionale; b) la redazione di un elaborato, con la guida di un docente relatore, e sua dissertazione. La tesi, inerente a tematiche o discipline strettamente correlate al profilo professionale, può avere un profilo di ricerca, di tipo tecnico-applicativo o compilativo. Lo studente che non supera la prova pratica non può essere ammesso alla dissertazione della tesi. Entrambe le fasi oggetto delle prova finale avverranno di fronte ad una Commissione composta a norma di legge, in ottemperanza al Regolamento didattico di Ateneo e ai Regolamenti didattici di Facoltà e di Corso di Laurea. L'esame di Laurea ha valore di esame di stato abilitante alla professione.
La prova finale è organizzata in due sessioni definite a livello nazionale.




Dopo aver superato tutti gli esami previsti nel piano di studi ed avendo ottenuto le idoneità di ciascuno dei tre anni di tirocinio, è previsto l'esame finale, sostenuto dinanzi ad una Commissione nominata dalla competente Autorità accademica e composta a norma di legge.
La prova è organizzata, con decreto del Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca di concerto con il Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, in due sessioni definite a livello nazionale, (ottobre-novembre e marzo-aprile) e non può essere ripetuto più di una volta nella stessa sessione.

Ai sensi dell'art. 7 del Decreto Interministeriale 19 febbraio 2009, considerate le Linee di indirizzo per la prova finale dei Corsi di Laurea afferenti alle classi delle Professioni sanitarie, la prova finale si compone di:

a) una prova pratica nel corso della quale lo studente deve dimostrare di aver acquisito le conoscenze e abilità teorico-pratiche e tecnico-operative proprie dello specifico profilo professionale; la prova pratica consiste nell'analisi di un caso clinico estratto a sorte, riguardante l'area neurologica dell'adulto o l'area della cardio-respiratoria o quella ortopedica. I candidati devono rispondere ad alcune domande e pianificare l'intervento appropriato per facilitare la risoluzione di uno o più bisogni di salute prioritari per il paziente.
I candidati che hanno conseguito un esito di idoneità alla predetta prova, saranno ammessi alla discussione della tesi di laurea.

b)la tesi di laurea consiste nella redazione di un elaborato scritto e nella sua dissertazione. È prevista la possibilità per lo studente di redigere l'elaborato in lingua inglese.

Il candidato deve consegnare un Abstract con le caratteristiche dell' allegato 1
Una copia cartacea deve essere consegnata ai membri della commissione all'inizio seduta di laurea che viene poi restituita ai candidati La presentazione deve essere fatta con diapo Power Point o equivalente e deve durare non più di 8/10 minuti.

Viene richiesta la preparazione di un DVD in cui è inserita la tesi in word e la presentazione, da consegnare al CL di Fisioterapia il giorno prima della discussione tesi .

L'esame finale non può essere ripetuto più di una volta nella stessa sessione; potrà essere quindi sostenuto nella sessione successiva
Per la Valutazione finale si terrà conto della prova pratica e della tesi secondo i seguenti punteggi:

• Prova pratica
• 2 ottimo;
• 1 buono;
• 0 sufficiente
• NON IDONEO.

• Tesi:
• tesi compilativa 3 punti;
• tesi sperimentale senza gruppo di controllo 6 punti,
• tesi sperimentale con gruppo di controllo 9 punti.

3. Per l'assegnazione della lode sarà necessario aver raggiunto un punteggio finale superiore a 110 / 110, aver ricevuto almeno due lodi nel curriculum (per i fuori corso almeno 3 lodi) e aver dimostrato un'adeguata capacità espositiva della tesi.