Skip to content

Il corso di di studio è dedicato alla formazione di qualificate figure professionali in grado di operare nella gestione di sistemi documentari, servizi bibliotecari e di documentazione, altresì promuovendo e attuando le più opportune politiche di conservazione, tutela e valorizzazione dei beni archivistici e librari. Poiché sempre più di frequente gli istituti istituzionalmente preposti a tali attività si trovano a gestire un patrimonio costituito sia da raccolte librarie sia da fondi archivistici diversi per tipologia e provenienza, il percorso formativo è articolato in modo da rispondere alle esigenze culturali e professionali di un laureato capace di muoversi con pari disinvoltura nell'uno e nell'altro ambito di riferimento, pur consentendo al singolo studente di affinare e approfondire durante il corso i propri interessi personali. Nel rispetto della normativa vigente, il percorso formativo prevede il superamento di 10 prove di verifica (da 6 o 12 CFU ciascuna), integrate dalla prova o dalle prove (1 x 12 CFU o 2 x 6 CFU) relative al conseguimento dei CFU a scelta dello studente. Gli sbocchi lavorativi più naturali per i laureati sono rappresentati dalle istituzioni preposte alla gestione, tutela, conservazione e valorizzazione del patrimonio archivistico e librario; ulteriori possibilità occupazionali sono offerte da aziende con finalità culturali ed editoriali, nonché da enti privati (ad es. archivi e biblioteche di privati/Fondazioni, Camere di commercio, associazioni industriali e di categoria, ASL, archivi notarili, istituti bancari, sedi sindacali e di partiti politici) e pubblici (Regioni, Province, Comuni, Comunità montane e Città metropolitane) che per le proprie esigenze funzionamento devono avvalersi delle competenze di archivisti, bibliotecari e documentalisti, con adeguata formazione sia nelle metodologie tradizionali sia nelle tecniche più avanzate, con competenze che spaziano dai materiali antichi e manoscritti ai documenti immateriali o su supporto audiovisivo.