Skip to content

Ingegneria Informatica e Automatica - Frequentare - TIROCINI

Laurea - L

Informazioni Generali sul Tirocinio

Le seguenti informazioni sono valide per gli studenti dei corsi di laurea in Ingegneria Informatica e Automatica (ordinamenti 270/04), Ingegneria dei Sistemi Informatici (ordinamenti 270/04) e Ingegneria Informatica (ordinamento 509).

I tirocini (detti anche stage) sono svolti dagli studenti quando previsto dal loro piano di studi[1]. In questo caso conferiscono crediti universitari (CFU) nella misura indicata nel manifesto di riferimento (in genere 6  o 12 CFU). Inoltre, consentono di accedere alla prova finale se attivati quando lo studente ha già conseguito almeno 130 CFU (per informazioni sulla prova finale si veda la pagina https://corsidilaurea.uniroma1.it/it/corso/2017/ingegneria-informatica-e-automatica/laurearsi).

Anche nel caso in cui non sia previsto nel piano di studi, uno studente può svolgere un tirocinio come attività strumentale alla prova finale. Anche in questo caso, per accedere alla prova finale il tirocinio deve essere attivato dopo che lo studente ha conseguito 130 CFU (per ulteriori informazioni si contatti il Responsabile tirocini e/o i Responsabili della prova finale).

I tirocini previsti dal piano di studi, o svolti ai fini della prova finale, sono chiamati Tirocini curriculari.

E’ altresì possibile attivare tirocini post-laurea (detti anche tirocini non-curriculari o tirocini di formazione e orientamento), nei 12 mesi successivi alla laurea. Per l’attivazione di questo tipo di tirocini è necessario utilizzare il portale JobSoul (per indicazioni sulla registrazione al portale si veda anche il punto 1 seguente).

ATTIVAZIONE DI UN TIROCINIO

Per l’individuazione ed attivazione di un tirocinio curriculare lo studente ha a disposizione le seguenti opzioni:

  1. Tirocinio aziendale: Il tirocinio aziendale viene svolto presso un’organizzazione esterna alla Sapienza, privata o pubblica, sotto la diretta supervisione di un tutore appartenente all’organizzazione (tutore aziendale), e con il supporto di un tutore della Sapienza (tutore universitario). Consiste nello svolgimento di attività per il raggiungimento di obiettivi definiti dall'organizzazione esterna, in accordo con il tirocinante e approvati dal Consiglio d'Area Didattica. Le attività vengono di norma svolte presso una delle sedi dell'organizzazione esterna o altra sede da questa stabilita e prevedono, salvo casi particolari, la frequenza a tempo pieno (30 ore settimanali). Per attivare un tirocinio aziendale è necessario utilizzare il portale JobSoul e seguire le istruzioni per l’attivazione del tirocinio. Nella procedura per l’inserimento del proprio curriculum, è necessario indicare la facoltà di Ingegneria dell'Informazione, Informatica e Statistica e selezionare il proprio corso di laurea. Se il proprio corso di laurea non dovesse risultare disponibile dal menu pre-impostato, selezionare l'opzione "altro", ed inserire manualmente la facoltà di Ingegneria dell'Informazione, Informatica e Statistica e successivamente il proprio corso di laurea (prima di procedere, verificare l’esatta dicitura del corso di laurea sul sistemaInfostud).Ulteriori informazioni sulle procedure JobSoul sono reperibili al link http://www.i3s.uniroma1.it/it/node/7367
  2. Progetto interno equipollente a tirocinio: in questo caso il tirocinio è svolto direttamente sotto la supervisione di un docente della Facoltà e/o del Dipartimento di Ingegneria Informatica Automatica e Gestionale, denominato relatore del progetto. Il progetto consiste nello svolgimento di attività per il raggiungimento di obiettivi definiti dal relatore, in accordo con lo studente e approvati dal Consiglio d'Area Didattica. Le attività vengono svolte presso una struttura messa a disposizione dalla facoltà/dipartimento. Per attivare un progetto equipollente a tirocinio lo studente dovrà innanzitutto contattare i docenti della Facoltà e/o del Dipartimento allo scopo di individuare proposte che lo possano interessare. Il contatto avverrà attraverso il servizio di ricevimento studenti eventualmente dopo la consultazione delle pagine Web dei docenti. La durata del progetto, l’inizio ed il termine del progetto stesso sono definiti  dal docente relatore.
  3. Progetto esterno equipollente a tirocinio: Questo tipo di tirocinio è una opzione prevista per studenti che prestano attività lavorativa come dipendenti di una organizzazione (con contratto a tempo determinato o indeterminato). In questo caso gli studenti possono svolgere il tirocinio presso la loro organizzazione. Gli obiettivi del tirocinio possono in tal caso sovrapporsi parzialmente o completamente ad obiettivi posti dall'organizzazione al proprio dipendente, purché siano approvati dal Consiglio d'Area Didattica prima dell'inizio delle relative attività. Come per i tirocini aziendali, il progetto esterno equipollente a tirocinio prevede un tutore appartenente all’organizzazione (tutore aziendale) ed un tutore appartenente alla Sapienza (tutore universitario). La richiesta di attivazione di questo tipo di tirocinio avviene attraverso la compilazione da parte dell’azienda del modulo AZ, che va inviato via email al Responsabile tirocini da un indirizzo email aziendale.
  4. Tirocini in ambito di accordi fra Sapienza e soggetti istituzionali: si tratta di tirocini svolti presso enti istituzionali esterni alla Sapienza (ad esempio ministeri) nell’ambito di progetti che l'ateneo rende periodicamente disponibili, pubblicizzandoli attraverso canali quali sito di ateneo, sito di facoltà o sito del corso di laurea Come per i tirocini aziendali, questo tipo di tirocinio prevede un tutore appartenente all’organizzazione (tutore aziendale) ed un tutore appartenente alla Sapienza (tutore universitario).

 

Per i tirocini indicati ai punti 1 e 4, l’attivazione avviene a valle dell’approvazione di un Progetto Formativo. Nel caso 1 il processo di approvazione è gestito dal portale JobSoul. Nel caso 4 è gestito da procedure definite nell’ambito dell’accordo specifico. In entrambi i casi, è il soggetto ospitante (azienda, ente, ecc.) a stampare in tre copie il progetto formativo approvato. Ciascuna copia deve essere timbrata e firmata in originale dal rappresentante della struttura ospitante e dallo studente. Prima della data di inizio del tirocinio, lo studente dovrà presentare le tre copie del Progetto Formativo alla segreteria didattica che lo sottoporrà alla firma del preside di Facoltà o suo delegato (la documentazione può essere consegnata durante l’orario di ricevimento della segreteria didattica; per eventuali urgenze scrivere a segreteriadidattica@diag.uniroma1.it).

Nota: Al fine di consentire celeri approvazioni, è fondamentale che vengano adeguatamente e chiaramente evidenziati gli obiettivi minimi posti al tirocinante, soprattutto in termini di produzione, chiarendo anche la tipologia del contributo dello studente (ad esempio, analisi, scrittura, specifiche funzionali, sviluppo, test, collaudo, valutazione prestazioni, confronto ecc.) e gli strumenti utilizzati.

MODIFICA OBIETTIVI DURANTE IL TIROCINIO

Nei casi la struttura presso la quale è svolto un tirocinio intenda proporre, in accordo con il tirocinante, una modifica degli obiettivi del tirocinio già approvati, la richiesta deve essere fatta pervenire al Responsabile tirocini o alla segreteria didattica attraverso una comunicazione scritta e trasmessa a cura dell'organizzazione esterna. È ammesso l'uso della posta elettronica.

CONCLUSIONE DI UN TIROCINIO

Alla conclusione del tirocinio il tutore aziendale, nel caso di tirocinio aziendale, progetto esterno equipollente a tirocinio, o tirocinio svolto nell’ambito di accordi tra Sapienza ed soggetti istituzionali, oppure il docente relatore, nel caso di progetto interno equipollente a tirocinio, deve compilare un modulo di valutazione (modulo C), facendolo pervenire in forma riservata, e in particolare non attraverso lo studente, al Responsabile dei tirocini via e-mail.

PROVA FINALE

Nel caso in cui il tirocinio sia svolto anche (o solo) ai fini dell’accesso alla prova finale, lo studente deve produrre una relazione sulle attività del tirocinio ed effettuare una presentazione (durata approssimativa: 20 minuti) ad un docente valutatore. Questi coincide con il tutore universitario nei casi in cui questo è previsto (tirocini di tipo 1, 3 e 4). Negli altri casi (progetto interno), viene nominato dal Consiglio d’Area Didattica e comunicato dalla segreteria allo studente.

È compito dello studente contattare per tempo il docente per fissare uno specifico appuntamento.

A valle della presentazione il docente valutatore farà pervenire alla segreteria didattica una valutazione sulla qualità della presentazione e della relazione; a tale scopo viene utilizzato il modulo V.

Ulteriori dettagli sulla prova finale sono alla pagina https://corsidilaurea.uniroma1.it/it/corso/2017/ingegneria-informatica-e-automatica/laurearsi/pages/2242971

RESPONSABILE DEI TIROCINI

Il Responsabile dei tirocini è il prof. Fabrizio d'Amore (damore@diag.uniroma1.it). Il Responsabile dei tirocini si occupa delle approvazioni delle proposte di tirocinio, dei contatti con le organizzazioni esterne, della nomina dei docenti di riferimento e di tutte le altre eventuali questioni relative ai tirocini stessi.

Il Responsabile tirocini è disponibile a fornire informazioni e chiarimenti; gli utenti del servizio tirocini sono tuttavia invitati a prendere visione delle informazioni disponibili sul Web e ad utilizzare le risorse di contatto prima di rivolgersi direttamente al Responsabile. In particolare, si prega di non richiedere approvazioni preventive.

 

[1] ad esempio, piano di studi che include l’insegnamento AAF1044 (6 CFU), o AAF1176 (6 CFU), o AAF182 (12 CFU). Si precisa inoltre che l’insegnamento AAF1041 (3 CFU), previsto nel manifesto di ordinamenti 270/04 precedenti all’A.A. 2013/14, non richiede lo svolgimento di un tirocinio curriculare aggiuntivo. I crediti relativi a questo insegnamento sono invece conseguiti nell’ambito delle attività relative alla prova finale (come indicato alla pagina https://corsidilaurea.uniroma1.it/it/corso/2017/ingegneria-informatica-e...)