Skip to content

Scienze e tecniche psicologiche - Obiettivi formativi - Autonomia di giudizio

Il titolo finale del corso potrà essere conferito agli studenti che dimostrino la capacità di affrontare in modo critico lo studio di testi scientifici. Per i laureati in Scienze e Tecniche Psicologiche, ciò comporta la capacità di confrontarsi con quadri disciplinari solo parzialmente interconnessi, che richiedono sempre delle comparazioni critiche per poter integrare le conoscenze acquisite in un quadro complessivo.
Per le professionalità psicologiche è inoltre cruciale la riflessione sulle responsabilità sociali ed etiche collegate all'applicazione delle proprie conoscenze e dei propri giudizi.
Al termine del percorso gli studenti dovranno essere in grado di assumere la propria parte di responsabilità nelle azioni professionali a cui la laurea li prepara, e di valutare la pertinenza e correttezza deontologica delle richieste loro avanzate.
L'autonomia di giudizio viene conseguita attraverso l'esercizio della capacità critica durante le esercitazioni individuali e di gruppo e durante le attività in presenza di Stage presso enti e aziende.
Al conseguimento di questo obiettivo saranno destinate soprattutto le attività collaborative specifiche della modalità telematica che potranno includere discussioni o altre attività di gruppo, simulazioni o prove pratiche.
La verifica del conseguimento dell'autonomia di giudizio da parte degli studenti avverrà pertanto attraverso la valutazione della capacità di portare avanti i compiti, individualmente o in gruppo, durante le attività proposte in modalità telematica. La capacità di giudizio viene inoltre verificata durante lo svolgimento degli esami secondo le modalità che i docenti ritengono opportune rispetto ai propri ambiti disciplinari e più approfonditamente durante la supervisione della realizzazione dell'elaborato finale.