Skip to content

Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere) - Corso di laurea E - ASL Roma 1 - S. Spirito - Roma - Il corso - FAQ (Frequently Asked Questions)

COME CI SI ISCRIVE AL CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA?

Requisito di ammissione indispensabile è il Diploma di scuola media superiore o un analogo titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto valido in Italia.

Essendo i Corso di Laurea delle Professioni Sanitarie a numero programmato, l’iscrizione degli studenti è subordinata al superamento di una prova di ammissione, preceduta da apposito bando, pubblicato sul sito della Sapienza: www.uniroma1.it ; è quindi necessario effettuare una pre-iscrizione on-line, alla seguente pagina web: https://www.uniroma1.it/it/pagina/iscrizione-alle-prove-di-accesso-infostud

La prova di ammissione verte su sessanta quesiti che presentano cinque opzioni di risposta, (quiz a risposta multipla), sui seguenti argomenti: cultura generale e ragionamento logico, biologia, chimica, fisica e matematica.

 

CI SONO TEST E LIBRI PER PREPARARSI ALLA PROVA DI AMMISSIONE?

In tutte le principali librerie è possibile acquistare libri contenenti nozioni teoriche e/o esercizi (con soluzioni) utili per la preparazione al test di ammissione alle lauree triennali per le Professioni Sanitarie.

 

CI SI PUÒ ISCRIVERE A PIÙ TEST DI AMMISSIONE?

E' possibile indicare sulla domanda di pre-iscrizione fino a 6 preferenze, indicando l'ordine di priorità di scelta. Lo studente concorre principalmente per la prima scelta e, nel caso in cui non superi il test di ammissione relativo, potrà essere ripescato, in base alla graduatoria, per le altre scelte, sempre che ci siano ancora posti disponibili.

Il test affrontato per l'ammissione alla facoltà di Infermieristica è il medesimo per tutti i corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie e vengono svolti nello stesso giorno e alla stessa ora in tutta Italia.

 

È' NECESSARIO POSSEDERE PRE-CONOSCENZE?

Rispetto ad alcune materia già affrontate nella scuola media superiore (chimica, fisica, biologia), possedere un bagaglio di pre-conoscenze è sicuramente un valore aggiunto per lo studente.

Infatti, sebbene queste materie saranno riprese e riviste all'inizio del corso, non sempre ci sarà il tempo necessario per adeguati approfondimenti rispetto alle conoscenze di base; spetterà allo studente colmare le eventuali lacune identificate durante le ore di lezione con approfondimenti e studio individuale.

 

A VOSTRO AVVISO, QUANTO È IMPEGNATIVO IL CORSO DI LAUREA?

Riteniamo che il corso di laurea richieda un grande impegno da parte dello studente, poiché è necessaria una partecipazione costante alle lezioni e uno studio giornaliero, in più le attività di tirocinio clinico seppur fonte di buone soddisfazioni, rimangono un impegno fisico e professionale del tutto sovrapponibile ad un vera e propria attività lavorativa.

 

NELLE SUE CARATTERISTICHE ESSENZIALI, COM'È STRUTTURATO IL CORSO DI LAUREA?

La laurea di I° livello in Infermieristica si compone di tre anni di corso, divisi a loro volta in due semestri (il primo, da ottobre a febbraio e il secondo da marzo a settembre), nei quali si alternano periodi di lezioni teoriche in aula e di tirocinio clinico, nelle varie strutture sanitarie predisposte.

Generalmente (la programmazione didattica annuale può variare nei diversi anni accademici), il primo anno di corso è composto da un primo blocco teorico che tiene gli studenti impegnati in aula da ottobre a dicembre; successivamente a gennaio, si affrontano i Laboratori Professionali e a febbraio i primi esami. Le lezioni del secondo semestre si effettuano nel periodo che va da ad aprile, al termine delle quali (metà aprile circa) inizia il tirocinio clinico che si concluderà a fine settembre (con esclusione dei mesi di luglio e agosto).

Per i successivi anni di corso, la programmazione didattica alterna, periodi di tirocinio, e periodi in aula per le lezioni teoriche (I° e II° semestre), senza sovrapposizione giornaliera delle due attività didattiche.

QUANDO INIZIANO E COME SONO ORGANIZZATE LE LEZIONI?

Le lezioni sono programmate dal lunedì al venerdì, dalle ore 14:00 alle ore 19:20, se si effettuano di pomeriggio e dal lunedì al sabato, dalle ore 8:00 alle ore 13:20, se si effettuano di mattina.

Dopo le prime tre ore di lezione è prevista una pausa di 20 minuti

Il sabato, se non occupato da alcuna attività formativa, può essere impegnato saltuariamente per eventuale recupero di lezioni o per attività formative relative ai crediti supplementari obbligatori.

Per sapere la data di inizio delle lezioni e il relativo calendario didattico, consultare la seguente pagina web del sito di Facoltà, alla sezione “Frequentare”:

https://corsidilaurea.uniroma1.it/it/corso/2017/infermieristica-abilitante-alla-professione-sanitaria-di-infermiere-roma-corso-di-5/frequentare

 

C'È OBBLIGO DI FREQUENZA?

La frequenza delle attività didattiche di tipo frontale (lezioni) e di tirocinio clinico è obbligatoria. L'attestazione di frequenza alle attività didattiche è necessaria allo studente per sostenere gli esami.

Per poter sostenere l'esame relativo ad uno specifico insegnamento è necessario che sia stata documentata la presenza in aula pari ad almeno il 66% delle ore corrispettive ai CFU assegnati all'insegnamento. (Es: insegnamento 72 ore, da frequentare 48 ore).

Per il tirocinio invece, lo studente è tenuto a frequentare tutto il monte ore di tirocinio previsto dall'ordinamento didattico del corso di laurea per poter effettuare l’esame (100% delle ore programmate).

 

È NECESSARIO ACQUISTARE MOLTI LIBRI?

L'acquisto dei libri non è obbligatorio, anche se in alcuni casi e fortemente raccomandato.

Il docente se vuole, può mettere a disposizione degli studenti le slide delle sue lezioni, che devono essere però intese come un traccia sintetica degli argomenti trattati, che andranno comunque ulteriormente approfonditi ed integrati per una buona preparazione all’esame.

 

 

AVENDO LEZIONI TUTTI I GIORNI RIMANE DEL TEMPO PER STUDIARE?

Per nostra esperienza possiamo affermare che è possibile trovare il tempo per studiare, naturalmente è necessaria una buona organizzazione poiché uno studio affrettato pochi giorni prima dell'esame non è sufficiente. E' indispensabile rivedere giorno per giorno, le lezioni affrontate per poter ottenere dei risultati ottimali, e forse fare qualche altro piccolo sacrificio.

 

COSA SONO I CFU?

I CFU (Crediti Formativi Universitari) sono l’unità di misura del lavoro richiesto allo studente per l’espletamento di ogni attività formativa necessaria al conseguimento della laurea.

La quantità di lavoro svolto in un anno da uno da uno studente impegnato a tempo pieno negli studi universitari e di circa 60 CFU, (la laurea triennale prevede 180 CFU), che sono acquisiti dallo studente solamente con il superamento degli esami.

1 CFU= 12 ore di lezione, 1 CFU= 30 ore di lavoro per le attività di tirocinio e i laboratori professionali.

 

COME SONO ORGANIZZATI E COME SI SVOLGONO GLI ESAMI?

Gli esami di Profitto devono essere effettuati nei periodi a loro dedicati denominati “Sessioni di esame”. Le sessioni di esame sono previste nei mesi di febbraio, giugno, luglio, settembre e gennaio; le uniche due sessioni di esami, nelle quale gli studenti non sono impegnati in alcuna attività formativa, ma preparano e sostengono esclusivamente gli esami, sono quelle di febbraio e luglio.

Nell’arco dell’anno accademico, ci sono sette appelli, ovvero sette possibilità per sostenere e superare ogni esame Le date degli appelli per ogni sessione d'esame, sono fissate nella programmazione didattica all'inizio dell'anno accademico. Lo studente è libero di scegliere la sessione d'esame che preferisce.

Il numero di esami per semestre è di tre (sei esami + esame di tirocinio per ogni anno di corso).

Essendo il percorso teorico strutturato in Corsi Integrati, costituiti cioè dall’unione di più discipline affini, gli esami verranno affrontati per l’appunto per corso integrato.

Quindi ogni esame per essere superato con esito positivo, prevede il superamento di tutte le discipline che lo compongono.

La Commissione di esame di profitto è costituita da tutti i docenti titolari e supplenti dell’insegnamento, ed è presieduta dal Presidente della Commissione d'esame che generalmente corrisponde al Coordinatore/Responsabile dell'insegnamento stesso.

Le prove d'esame possono svolgersi tramite prova scritta, o colloquio orale o entrambe (il superamento della prova scritta permette l'accesso alla prova orale).

La scelta della modalità dell'esame è a discrezione dei docenti del corso integrato;

 

ESISTONO SBARRAMENTI?

No, non esistono sbarramenti, lo studente è iscritto in corso per tutta la durata legale degli studi prevista dall'Ordinamento didattico per i primi tre anni del Corso di Laurea di 1° livello.

È fatto obbligo però allo studente di seguire la norma di propedeuticità che stabilisce l'obbligatorietà di sostenere tutti gli esami dell'anno di corso precedente, ivi incluso l'esame di tirocinio relativo all'anno di corso, prima di sostenere esami di insegnamenti appartenenti ad anni successivi.

Per quanto riguarda l'esame annuale di tirocinio lo studente non potrà iniziare il tirocinio dell'anno successivo se prima non ha sostenuto e superato con esito positivo l'esame di tirocinio dell'anno precedente.

Gli esami sostenuti senza aver rispettato l'obbligo di propedeuticità saranno annullati d'ufficio dalla carriera dello studente 

 

DOVE È POSSIBILE REPERIRE ALTRE INFORMAZIONI UTILI?

Il nostro corso di laurea ha a disposizione un sito ufficiale al seguente indirizzo web: https://corsidilaurea.uniroma1.it/it/corso/2017/infermieristica-abilitante-alla-professione-sanitaria-di-infermiere-roma-corso-di-5 dal quale reperire tutte le informazioni ufficiali sul corso.

Solo per gli iscritti, abbiamo un sistema di comunicazione “interno” che utilizza le mail istituzionali degli studenti, nelle quali è possibile ricevere tutte le comunicazioni ufficiali dalla Segreteria Didattica del Corso (affisse comunque anche in sede, nelle apposite bacheche) e l’eventuale materiale didattico messo a disposizione dai docenti.

 

DOVE È POSSIBILE REPERIRE INFORMAZIONI SUL TIROCINIO CLINICO

Le informazioni dettagliate sulle modalità di svolgimento del tirocinio clinico sono consultabili alla seguente pagina web del sito ufficiale di Facoltà:

https://corsidilaurea.uniroma1.it/it/corso/2017/infermieristica-abilitante-alla-professione-sanitaria-di-infermiere-roma-corso-di-5/frequentare/pages/2387977

Possiamo brevemente dire che il Tirocinio Professionale rappresenta l'attività formativa fondamentale per lo sviluppo di competenze professionali, relazionali e comportamentali di ragionamento diagnostico e pensiero critico.

Responsabile della pianificazione e dell’organizzazione dell'attività di tirocinio è il Direttore Didattico in collaborazione con i tutor professionali del Corso di Laurea, i quali elaborano il progetto formativo di tirocinio annuale e lo propongono all'approvazione del Consiglio di Corso.

Nell'arco dei tre anni lo studente deve avere la possibilità di sperimentarsi in diverse realtà cliniche, ottenendo così un ventaglio di esperienze il più completo possibile, necessario per una buona preparazione professionale.

Le sedi di tirocinio vengono scelte con l’obbiettivo di permettere ad ogni studente un percorso formativo che gli consenta di ottenere, differenziando le esperienze, una maggiore professionalità. Tali scelte non avvengano quindi certamente in base al luogo di residenza dello studente, ma bisogna considerare comunque che tutte le strutture ospedaliere e territoriali interessate al tirocinio sono ubicate nel territorio di competenza della nostra ASL.

La frequenza dello studente alle attività di tirocinio è obbligatoria al 100% per tutti i 60 CFU previsti nell’arco dei tre anni di corso, dall'ordinamento didattico in conformità alla normativa europea e deve essere attestata e valutata. L'attività pratica di tirocinio è articolata in cicli, di norma, in relazione al calendario accademico; le relative disposizioni attuative sono di competenza del Direttore Didattico.

L'esame di tirocinio annuale, valutato anch'esso in trentesimi, può essere sostenuto dallo studente solo al completamento del monte ore previsto per ogni anno dall'ordinamento didattico e dopo aver raggiunto gli obiettivi formativi previsti che verranno verificati attraverso valutazioni ottenute nei diversi cicli effettuati.

La divisa viene consegnata in comodato d’uso a tutti gli studenti dall’ASL ROMA 1; prima dell'inizio del tirocinio, vengono consegnate ad ogni studente 2 divise (2 pantaloni, 2 casacche e un pile) che andranno riconsegnate a fine corso.

Le calzature, invece, devono essere acquistate dallo studente e devono possedere particolari caratteristiche obbligatorie comunicate dal Corso di Laurea.

Si ricorda infine che lo studente è coperto da polizza assicurativa contro eventuali infortuni professionali che avvengono esclusivamente durante le attività di tirocinio, programmate e stabilite dai Tutor Professionali del Corso di Laurea.

 

PER OTTENERE L'ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE È NECESSARIO EFFETTUARE UN ESAME POST-LAUREA O UN PERIODO DI PRATICANTATO?

Dopo aver superato tutti gli esami inclusi nel piano di studi, compresi quelli di tirocinio, è previsto l'esame finale, presieduto dalla Commissione nominata dalla competente autorità accademica e composta a norma di legge, che consta di due fasi e comprende: una prova di dimostrazione di abilità pratiche, con valore di Esame di Stato abilitante alla professione, organizzata secondo criteri stabiliti dal Consiglio di Corso di Laurea e in ottemperanza alle disposizioni vigenti; e la discussione di una tesi di laurea, successivamente al superamento della prova pratica, che si svolgerà mediante discussione di un elaborato di natura teorico-applicativa. Non sono previsti pertanto esame post-laurea abilitante o periodi di praticantato.

 

OTTENUTA LA LAUREA, QUALI SONO I POSSIBILI SBOCCHI LAVORATIVI?

Il laureato, in Infermieristica ha la possibilità di svolgere la sua attività professionale in strutture sanitarie pubbliche o private, nel territorio e nell'assistenza domiciliare, in regime di dipendenza o libero professionale.

Per poter accedere al Pubblico Servizio è necessario sostenere un bando di concorso, ottenendo una valutazione positiva nella prova scritta, orale e pratica. Successivamente, al laureato assunto saranno concessi sei mesi di prova al termine dei quali, soltanto in presenza di giudizio positivo diventerà di ruolo a tutti gli effetti. Le stesse procedure di selezione possono attuarsi anche per contratti a tempo determinato. Per quanto riguarda, invece, l'assunzione nel privato vigono regole a sé stanti.