Skip to content
Laurea magistrale a ciclo unico - LMCU

Profilo: Chimico e Tecnologo farmaceutico
Funzioni: a) Funzioni svolte dal laureato in CTF presso Industrie chi-mico-farmaceutiche, cosmetiche e dietetiche:
- progettazione e sintesi di principi attivi;
- produzione industriale dei medicinali;
- formulazione, produzione, confezionamento;
- controllo di qualità, stabilità e valutazione tossicolo-gica dei prodotti cosmetici e dietetici;
- messa a punto e validazione metodi analitici sia delle materie prime impiegate sia del prodotto finale da solo o in formulazione come pure in matrici com-plesse;
- caratterizzazione fisica e biofisica di eccipienti e principi attivi; ricerca e sviluppo di nuove forme farmaceutiche, con particolare riguardo alle nano-tecnologie;
- elaborazione e validazione modelli "in vitro”;
- produzione e controllo di dispositivi medici e presidi medico-chirurgici;
- preparazione di documenti regolatori;
- supervisione attività aziendali di produzione e con-trollo di medicinali, cosmetici, prodotti dietetico-alimentari;
- corretto mantenimento della documentazione relati-va ai farmaci e alle officine;
- responsabilità della qualità del prodotto sul mercato;
- gestione di uno o più reparti, dagli operatori ai mac-chinari alle spese di manutenzione;
- assicurazione del volume di produzione atteso, ri-spetto degli standard di qualità e di sicurezza.

b) Funzioni svolte dal laureato in CTF presso Laboratorio di controllo dei medicinali e dei prodotti per la salute:
- controllo dei medicinali e dei farmaci anche in ma-trici non semplici;
- sviluppo tecniche di analisi e controllo della qualità di processi; analisi di natura chimica, fisica e micro-biologica di materie prime, intermedie, principi atti-vi, prodotti finiti farmaceutici, cosmetici e dietetico-alimentari e di materiali di confezionamento;
- raccolta e redazione dati relativi al CQ, stesura di appositi report aziendali;
- formazione del personale per gli aspetti tecnici ine-renti la qualità;
- gestione dei piani di campionamento, definizione delle specifiche, predisposizione dei materiali di rife-rimento, mantenimento della calibrazione degli strumenti, procedure di convalida, studi di stabilità;
- rapporti con gli enti di certificazione.

c) Funzioni svolte dal laureato in CTF presso Enti di farma-covigilanza, clinical monitoring e registrazione:
- raccolta, elaborazione, aggiornamento e segnalazio-ne-divulgazione, secondo quanto previsto dalle norme in materia, di tutte le informazioni relative al-la sicurezza dei prodotti farmaceutici (reazioni av-verse, uso improprio, abuso, indicatori di tossicità, biomarcatori);
- supervisione dell'andamento degli studi clinici per garantire che vengano effettuati e registrati in osser-vanza del protocollo di studio, delle procedure ope-rative standard (SOP), delle GCP (Buona Pratica Clinica) e delle disposizioni normative applicabili;
- analisi qualitativa e quantitativa di farmaci e meta-boliti in fluidi biologici;
- supervisione delle procedure di autorizzazione per la commercializzazione dei prodotti delle aziende farmaceutiche (allestimento documentazione a so-stegno della domanda AIC, interfaccia azienda-organismi ministeriali esaminatori).

d) Funzioni svolte dal laureato in CTF in farmacie sul terri-torio nazionale dopo il conseguimento dell'abilitazione pro-fessionale (legittimato ai sensi della direttiva 85/432 CEE, all'esercizio della professione di Farmacista):
- preparazione, controllo, immagazzinamento e di-stribuzione dei medicinali nelle farmacie aperte al pubblico e ospedaliere;
- preparazione della forma farmaceutica dei medici-nali; fabbricazione e controllo dei medicinali;
- analisi e controllo dei medicinali e dei prodotti a va-lenza sanitaria;
- immagazzinamento, conservazione e distribuzione dei medicinali nella fase di commercio all'ingrosso;
- preparazione, controllo, immagazzinamento e di-stribuzione dei medicinali negli ospedali;
- diffusione di informazioni e consigli dei medicinali e dei prodotti a valenza sanitaria.

e) Funzioni svolte dal laureato in CTF nei Servizi Farmaceu-tici territoriali del Servizio Sanitario Nazionale:
- vigila sul corretto svolgimento del servizio e dell'assi-stenza farmaceutica da parte delle farmacie conven-zionate;
- provvede al monitoraggio della prescrizione farma-ceutica e allo sviluppo delle attività di farmacovigi-lanza;
- promuove l'informazione e la documentazione sul farmaco ed attività finalizzate alla razionalizzazione del consumo dei farmaci;
- collabora nella definizione e pianificazione dei pro-cessi orientati al miglioramento dell'assistenza far-maceutica.

f) Funzioni svolte dal laureato in CTF nelle Scuole Seconda-rie:
Insegnamento delle discipline chimiche, biologiche e scienti-fiche di base, qualora il laureato abbia acquisito crediti in numero sufficiente nei SSD previsti dalla normativa per partecipare al concorso per l'insegnamento secondario.

Competenze: Il laureato in CTF conosce la composizione, la struttura chimica, le attività farmacologiche, tossicologiche e tecnologiche dei principi attivi contenuti in medicinali di sintesi o di origine naturale o biotecnologica;
possiede competenze trasversali per eseguire l'analisi qualitativa e quantitativa di farmaci;
possiede competenze trasversali per eseguire il controllo chimico e biologico delle materie prime impiegate in campo farmaceutico, cosmetico e dietetico;
possiede competenze per eseguire e dispensare preparazioni magistrali e galeniche di medicinali;
possiede competenze trasversali per condurre in ambito accademico, industriale e scientifico ricerche teoriche e sperimentali finalizzate ad ampliare e ad innovare la conoscenza scientifica o la sua applicazione in ambito produttivo;
possiede competenze trasversali per la gestione della farmacovigilanza;
possiede competenze trasversali per incrementare la conoscenza scientifica in ambito farmaceutico, per utilizzare e trasferire tali conoscenze nell'industria, nella medicina, nella farmacologia e in altri settori della produzione;
possiede competenze trasversali per fornire informazioni e documentazione sui farmaci alla popolazione e al personale sanitario;
possiede competenze di chimica farmaceutica, tecnologia e legislazione farmaceutica, patologia, farmacologia, farmacoterapia e tossicologia che gli consentono di procedere all'ispezione delle farmacie;
possiede le competenze trasversali necessarie per acquisire la specializzazione post-lauream in Farmacia Ospedaliera;
possiede competenze trasversali di tipo comunicativo-relazionale, organizzativo-gestionale e di programmazione, in accordo con il livello di autonomia e responsabilità assegnato, con le modalità organizzative e di lavoro adottate e con i principali interlocutori (colleghi, altri professionisti e clienti pubblici e/o privati);
ha sviluppato capacità di auto-apprendimento e di aggiornamento continuo.

Sbocchi professionali: Il laureato in CTF possiede una solida preparazione teorico-pratica che gli consente di svolgere la propria attività professionale presso Industrie chimico farmaceutiche, Industrie cosmetiche e dietetiche, Laboratori di controllo dei medicinali e dei prodotti per la salute, Servizi Farmaceutici territoriali del Servizio Sanitario Nazionale.

In particolare i possibili sbocchi occupazionali sono:
- Industria chimico-farmaceutica
- Centri di ricerca pubblici e privati
- Centri studio e rilevazione tossicologica e ambientale
- Enti preposti all'elaborazione di normative tecniche e/o alla certificazione di qualità
- Centri preposti alla farmacovigilanza (industria, ASL, Ministero Salute, Regioni), e clinical monitoring (azienda farmaceutica, Clinical Research Organization (CRO))
- Officina farmaceutica
- Industria cosmetica
- Industria dietetico-alimentare
- Industria di prodotti diagnostici
- Struttura del servizio sanitario nazionale
- Farmacia privata o pubblica
- Esercizi commerciali nei quali si attua la vendita di medicinali senza ricetta, farmacie ospedaliere e servizi farmaceutici ASL, distributori intermedi (grossisti e depositari)
- Docente scuole secondarie qualora il laureato abbia acquisito crediti in numero sufficiente nei SSD previsti dalla normativa per partecipare al concorso per l'insegnamento secondario.
Per l'esercizio della professione di Farmacista, è necessario il conseguimento dell'abilitazione professionale, ai sensi della direttiva 85/432 CEE.
Per l'esercizio della professione di Chimico, sez. A dell'Albo professionale, è necessario il conseguimento dell'abilitazione professionale, ai sensi del DPR 3285 del 5 Giugno 2001.
Come proseguimento degli studi sono previsti:
1 Dottorato di ricerca
2 Scuola di specializzazione
3 Master di II livello
4 Accesso al FIT (formazione iniziale e tirocinio per i docenti della Scuola Secondaria), avendo preventivamente conseguito i crediti richiesti dalla normativa vigente.