Skip to content

GIURISPRUDENZA - Insegnamenti - Regolamento didattico

Il corso di laurea magistrale in Giurisprudenza (LMG-01) persegue l’obiettivo di assicurare una formazione giuridica di livello superiore e la padronanza degli strumenti culturali e metodologici in grado di permettere un’adeguata impostazione di questioni giuridiche, generali e specialistiche, di casi e di fattispecie.
A tal fine, il corso di laurea e gli insegnamenti in esso impartiti sono volti ad assicurare un’adeguata conoscenza delle tecniche di argomentazione giuridica, nonché il giusto approfondimento delle capacità interpretative richieste per lo sbocco nel mondo del lavoro, in prospettiva, sia dello svolgimento delle professioni legali, sia dell’assunzione di compiti di responsabilità nei vari settori della vita sociale ed economica, in ambito privatistico o pubblicistico.
La formazione culturale del giurista proposta dal Corso di laurea si orienta verso gli sbocchi professionali ad essa corrispondenti anche attraverso la previsione della possibilità di svolgere – negli ultimi anni del percorso - stage e tirocini formativi presso strutture ed enti convenzionati, nonché attraverso l’articolazione di un nutrito numero di insegnamenti a scelta, volti ad assicurare una più specialistica formazione economico-giuridica, insegnamenti appositamente proposti con una suddivisione per ambiti professionalizzanti.

L’intensificarsi del numero di insegnamenti a scelta nel Corso di Laurea magistrale a ciclo unico LMG-01 rende essenziale articolare l’offerta formativa attraverso la ripartizione degli stessi per “ambiti” capaci di fornire una guida allo studente circa l’importanza e la funzionalità del singolo insegnamento in prospettiva professionalizzante. Quali materie volte verso una maggiore “specializzazione” nella formazione culturale del giurista, esse dovrebbero guidare il giovane – sin dal periodo degli studi – verso le scelte su cui orientare l’indirizzo lavorativo; la ripartizione per “ambiti” vale quale guida in questa prospettiva.
Resta fermo che la scelta di ciascun “ambito” è meramente facoltativa e può essere declinata dallo studente che acceda alla “ “finestra libera”, selezionando gli insegnamenti senza alcun vincolo, né condizionato dalle prospettive professionalizzanti delle materie.