Skip to content

Artificial Intelligence and Robotics - Insegnamenti - Regolamento didattico

Laurea magistrale - LM

Regolamento Didattico del Corso di Laurea
Magistrale in Intelligenza Artificiale e Robotica
(Master of Science in Artificial Intelligence and
Robotics)
Classe LM 32 Ingegneria Informatica
Ordine degli Studi 2018/2019

Obiettivi formativi specifici

Il laureato magistrale in Intelligenza Artificiale e Robotica deve essere dotato di una approfondita
preparazione e di una vasta cultura scientifica, per affrontare la natura multi-disciplinare delle
metodologie impiegate in intelligenza artificiale e robotica, nonché la varietà dei possibili domini
di applicazione. Il laureato magistrale in Intelligenza Artificiale e Robotica si troverà infatti ad
interagire da un lato con specialisti di diversi settori dell'ingegneria (informatica, meccanica,
elettronica, automatica) e dall’altro con esperti e utenti delle molteplici aree applicative
interessate. Tra queste ultime sono da considerare tutte quelle aree dove hanno rilievo la
rappresentazione e l’uso della conoscenza, il ragionamento automatico basato su conoscenza o
informazioni sensoriali, la pianificazione delle azioni in tempo reale e/o in presenza di incertezza,
l’autonomia operativa di dispositivi meccatronici, l’automazione dei processi complessi, la
robotica industriale e dei servizi, il riconoscimento ed interpretazione di immagini e video e la
ricostruzione e simulazione di scene e ambienti, le interazioni fisiche e cognitive utentemacchina.

Per la formazione di un ingegnere laureato magistrale in Intelligenza Artificiale e Robotica, sono
necessarie una solida e ampia cultura di base e delle discipline dell’ingegneria, specifiche
conoscenze di Informatica ed Automatica, e un’adeguata attività progettuale.

Il percorso formativo della Laurea Magistrale in Intelligenza Artificiale e Robotica si basa sul
presupposto che lo studente abbia acquisito preliminarmente le conoscenze relative alla cultura
scientifica di base e alle discipline dell’Ingegneria. A questo scopo sono previsti per la laurea
magistrale in Intelligenza Artificiale e Robotica diversi percorsi formativi in relazione alla
tipologia di laurea ed al curriculum del candidato.

Il percorso formativo prevede l’insegnamento in lingua inglese, consentendo l’accesso anche a
studenti provenienti da altri paesi. Favorisce quindi l’integrazione e lo scambio di conoscenze in
un contesto internazionale e contribuisce alla formazione di ingegneri che possano operare in
progetti multidisciplinari.

Il completamento del curriculum consente allo studente sia di approfondire le proprie conoscenze
in settori specifici sia di perfezionare le proprie capacità comunicative attraverso

Requisiti di ammissione e crediti riconoscibili

Requisiti curriculari

L'accesso alla Laurea Magistrale in Intelligenza Artificiale e Robotica è regolamentato dai sotto
indicati criteri per la verifica dei requisiti curricolari.

Verrà effettuata una valutazione preventiva della carriera pregressa. Gli allievi saranno ammessi
se la somma di crediti riconoscibili nelle materie di base e caratterizzanti nei SSD sotto riportati è
complessivamente superiore a 96. Sulla base della valutazione della carriera verrà individuato un
percorso formativo che potrà prevedere una differenziazione fino ad un massimo di 36 crediti.

ICAR/13 – Disegno Industriale
ING-IND/03 - Meccanica del volo
ING-IND/04 - Costruzioni e strutture aerospaziali
ING-IND/05 - Sistemi aerospaziali
ING-IND/07 - Propulsione aerospaziale
ING-IND/31 - Elettrotecnica
ING-IND/34 - Bioingegneria Industriale
ING-IND/35 - Ingegneria economica e gestionale
ING-IND/13 - Meccanica applicata alle macchine
ING-IND/14 - Progettazione meccanica e costruzione di macchine
ING-INF/01 - Elettronica
ING-INF/02 - Campi elettromagnetici
ING-INF/03 - Telecomunicazioni
ING-INF/04 - Automatica
ING-INF/05 - Sistemi di elaborazione delle informazioni
ING-INF/06 - Bioingegneria elettronica ed informatica
ING-INF/07 - Misure elettriche ed elettroniche
INF/01 - Informatica
CHIM/07 - Fondamenti Chimici delle tecnologie
FIS/01 - Fisica sperimentale
MAT/02 - Algebra
MAT/03 - Geometria
MAT/05 - Analisi matematica
MAT/06 - Probabilità e statistica matematica
MAT/08 - Analisi numerica
MAT/09 - Ricerca Operativa
SECS-S/02 - Statistica per la ricerca sperimentale e tecnologica
M-FIL/02 - Logica e filosofia della scienza
Inoltre gli studenti debbono possedere una buona padronanza, in forma scritta e parlata, della lingua
inglese, almeno al livello di competenza B2.

Verifica della preparazione personale

Una commissione appositamente preposta dal Consiglio d’Area Didattica valuterà la
preparazione personale dello studente sulla base dei seguenti elementi:

- media voti laurea triennale
- pertinenza del curriculum di studio della laurea di primo livello;
- altre attività extracurriculari, incluse attività lavorative ed altre attività formative;
- colloquio.

Descrizione del percorso formativo

L’articolazione del percorso formativo porterà il laureato magistrale in Intelligenza Artificiale e
Robotica ad acquisire, oltre alle competenze caratterizzanti la figura professionale, competenze
specifiche ad uno dei settori dell’Ingegneria Informatica e/o Automatica. Il completamento del
percorso formativo consente allo studente sia di approfondire le proprie conoscenze nel settore di
interesse, sia di perfezionare le proprie capacità comunicative attraverso corsi seminariali.

Per fornire un’adeguata esperienza nello sviluppo di una capacità di risoluzione di problemi e di
progettazione di sistemi di Intelligenza Artificiale e Robotica il curriculum prevede lo
svolgimento di una tesi di laurea che comporta l’acquisizione di 27 crediti.

Il percorso formativo è articolato come segue:
● Insegnamenti caratterizzanti obbligatori (48 crediti)
o Che forniscono le competenze di base comuni nei campi dell’Intelligenza
Artificiale, della Robotica, dell’Informatica Grafica e della Visione

● Insegnamenti caratterizzanti specialistici (18 crediti a scelta)
o Che forniscono le competenze specialistiche con la scelta tra 2 ambienti
principali, Robotica o Intelligenza Artificiale

● Insegnamenti affini ed integrativi (12 crediti a scelta)
o Che forniscono competenze da SSD affini diversi da quelli caratterizzanti

● Insegnamenti seminariali (3 crediti)

● A scelta dello studente (12 crediti)

● Tesi di laurea (27 crediti)

Per ciascun insegnamento possono essere previste lezioni frontali, esercitazioni, laboratori, lavori
di gruppo, ed ogni altra attività che il docente ritenga utile alla didattica. La verifica
dell’apprendimento relativa a ciascun insegnamento avviene di norma attraverso un esame (E)
che può provvedere prove orali e/o scritte secondo modalità definite dal Docente e comunicate
insieme al programma. Per alcune attività non è previsto un esame ma un giudizio di idoneità (V)
anche in questo caso le modalità di verifica sono definite dal docente.

La laurea magistrale in Intelligenza Artificiale e Robotica prevede un percorso di eccellenza che
ha lo scopo di valorizzare la formazione degli studenti iscritti, meritevoli ed interessati ad attività
di approfondimento e di integrazione culturale. Il percorso di eccellenza consiste in attività
formative aggiuntive a quelle del corso di studio al quale è iscritto lo studente. Il complesso di
tali attività non dà luogo al riconoscimento di crediti utilizzabili per il conseguimento dei titoli
universitari rilasciati dall'Università “La Sapienza”. L'accesso al percorso di eccellenza avviene al
termine del primo anno di corso, su domanda dello studente, che deve essere in possesso dei
requisiti minimi illustrati nel seguito. Ad ogni studente verrà assegnato un tutore. Le modalità di
accesso e le attività previste per il percorso di eccellenza sono indicate nel sito web del corso.

Caratteristiche della prova finale

La prova finale consiste nella discussione della tesi di laurea e comporta l'acquisizione di 27
crediti. La tesi di laurea viene svolta dal candidato sotto la supervisione di un docente del Corso
di Studio e costituisce un banco di prova per la verifica delle conoscenze acquisite dallo studente
e della sua capacità di approfondirle, applicarle in modo autonomo in un contesto specifico e
presentarle con capacità di sintesi. Lo svolgimento della tesi di laurea dovrà comportare lo
sviluppo di una significativa attività progettuale, orientata ad affrontare problematiche in contesti
applicativi innovativi, o riguardare aspetti di ricerca di base e /o metodologici. In entrambi le
tipologie di tesi, verrà favorito lo sviluppo di soluzioni originali ed innovative, l’inserimento nelle
attività svolte nell’ambito di progetti di ricerca e la pubblicazione di risultati nella letteratura
scientifica del settore. La prova finale deve valutare l'elaborato e la presentazione del lavoro del
candidato con riferimento ai risultati di apprendimento attesi.

Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati

La Laurea Magistrale in Intelligenza Artificiale e Robotica permette di progettare e realizzare
sistemi robotici e sistemi per l'elaborazione dell'informazione e loro componenti specifici. Gli
ambiti professionali tipici per i laureati magistrali in Intelligenza Artificiale e Robotica sono
quelli dell’innovazione e dell’automazione industriale, della robotica di servizio e domestica,
della progettazione di sistemi automatici avanzati, di sistemi di video sorveglianza per la
sicurezza pubblica e privata, sistemi video per il controllo della qualità applicati alla produzione,
ai servizi e al turismo.
I principali profili professionali formati dalla Laurea Magistrale in Intelligenza Artificiale e
Robotica sono:

1. Ingegnere progettista di sistemi robotici e sistemi automatici avanzati
2. Ingegnere progettista di sistemi intelligenti di elaborazione dell'informazione

Ingegnere progettista di sistemi robotici e sistemi automatici avanzati

Funzione in un contesto di lavoro:
Progettista di sistemi robotici per applicazioni industriali o di servizio, in particolare da
impiegare nella sicurezza, in medicina, in ambienti remoti e/o ostili, nei trasporti, nella difesa, in
ambito domestico e di supporto all'attività di persone con diverse abilità fisiche e/o cognitive.

Competenze associate alla funzione:
L'Ingegnere progettista di sistemi robotici e sistemi automatici avanzati:
- analizza, progetta, realizza e verifica le prestazioni di sistemi robotici e sistemi di controllo
automatico;
- è in grado di interagire efficacemente con gli esperti dei diversi settori applicativi, al fine di
comprendere le specifiche esigenze di progetto;
- è in grado di descrivere in modo chiaro e comprensibile le soluzioni e gli aspetti tecnici del
proprio ambito di competenze agli utenti finali e agli organi decisionali;
- sa addestrare collaboratori, coordinare e partecipare a gruppi di progetto nell'industria,
pianificare e condurre la formazione;
- è in grado di utilizzare fluentemente, in forma scritta e orale, la lingua inglese con riferimento
anche ai lessici disciplinari.

Sbocchi occupazionali:
L'Ingegnere progettista di sistemi robotici e sistemi automatici avanzati può trovare occupazione
presso industrie per l'automazione e la robotica, industrie operanti negli ambiti della produzione hardware e software, imprese di servizi e per la sicurezza, industrie operanti nel settore spaziale,
imprese operanti nella salvaguardia dell'ambiente e nel turismo, oppure operare come liberi
professionisti.

Ingegnere progettista di sistemi intelligenti di elaborazione dell'informazione

Funzione in un contesto di lavoro:
Il progettista di sistemi intelligenti di elaborazione dell'informazione analizza, progetta e verifica
sistemi di elaborazione dell'informazione caratterizzati dall'uso di metodi e tecniche di
intelligenza artificiale. Esempi di tali sistemi sono: sistemi di knowledge management e di
estrazione di conoscenza da grandi quantità di dati; sistemi grafici e di animazioni, in particolare
per l'industria del cinema e dei videogiochi; sistemi di videosorveglianza e sistemi video per il
monitoraggio e la valutazione della qualità della produzione e dei servizi; sistemi per la gestione
della complessità.

Competenze associate alla funzione:
L'ingegnere progettista di sistemi intelligenti di elaborazione dell'informazione:
- analizza, progetta, realizza e verifica le prestazioni di sistemi di elaborazione dell'informazione;
- è in grado di interagire efficacemente con gli esperti dei diversi settori applicativi, al fine di
comprendere le specifiche esigenze di progetto;
- è in grado di descrivere in modo chiaro e comprensibile le soluzioni e gli aspetti tecnici del
proprio ambito di competenze agli utenti finali e agli organi decisionali;
- sa addestrare collaboratori, coordinare e partecipare a gruppi di progetto nell'industria,
pianificare e condurre la formazione;
- è in grado di utilizzare fluentemente, in forma scritta e orale, la lingua inglese con riferimento
anche ai lessici disciplinari.

Sbocchi occupazionali:
L'Ingegnere progettista di sistemi intelligenti di elaborazione dell'informazione può trovare
occupazione presso industrie operanti negli ambiti della produzione hardware e software,
industrie per l'automazione e la robotica, imprese operanti nell'area dei multimedia, imprese di
servizi e per la sicurezza, industrie operanti nel settore spaziale, imprese operanti operanti nella
salvaguardia dell'ambiente e nel turismo, oppure operare come liberi professionisti.

Norme relative alle iscrizioni ad anni successivi per studenti provenienti da
altro corso di laurea o altro ateneo

Per iscriversi al secondo anno del corso di studi lo studente proveniente da altro corso di laurea
o altro ateneo deve aver acquisito almeno 30 dei crediti previsti per il primo anno. Non sono
previste propedeuticità.
Non sono previsti obblighi di frequenza se non per attività di laboratorio o altre attività pratiche.

Studenti immatricolati ad ordinamenti precedenti

Lo studente, già iscritto ad un Corso di Laurea Specialistica o Magistrale della Facoltà di
Ingegneria anteriormente all’anno accademico 2008/09, può chiedere il passaggio al Corso di
Laurea in Intelligenza artificiale e Robotica organizzato secondo le norme del DM 270/04
(Ordinamento 270), presentando domanda presso la Segreteria Amministrativa delle Facoltà di
Ingegneria (c/o città universitaria). La domanda deve essere redatta secondo le modalità previste
dalla Segreteria Amministrativa e dovrà comunque prevedere l’elenco degli esami superati per i
quali si richiede il riconoscimento.
Il Consiglio d’Area Didattica delibererà gli esami riconosciuti e i crediti attribuiti. Il Consiglio
d’Area Didattica provvederà inoltre, di concerto con lo studente, a definire il completamento del
curriculum dello studente nell’ambito dell’Ordinamento 270 in accordo al presente Manifesto. Il
passaggio di Ordinamento con il relativo riconoscimento dei crediti già acquisiti e il piano di
completamento del curriculum dovranno essere approvati con specifica delibera del Consiglio
d’Area e avranno validità dalla data della seduta del Consiglio nella quale sarà presa la delibera.
Una volta effettuato il passaggio al nuovo ordinamento non sarà possibile ritornare al precedente
ordinamento e potranno essere sostenuti solo esami dell’Ordinamento che segue il DM 270/04.

Trasferimenti

Gli studenti che intendono trasferirsi al Corso di Laurea Magistrale in Intelligenza Artificiale e
Robotica, devono presentare domanda presso la Segreteria Amministrativa delle Facoltà di
Ingegneria (c/o città universitaria). La domanda deve essere redatta secondo le modalità previste
dalla Segreteria Amministrativa e dovrà comunque prevedere l’elenco degli esami superati per i
quali si richiede il riconoscimento. Il Consiglio d’Area Didattica delibererà gli esami riconosciuti
e i crediti attribuiti, provvederà inoltre, di concerto con lo studente alla definizione del percorso
formativo, che, nel rispetto dell'ordinamento didattico e dei contenuti formativi del Corso di
Laurea Magistrale in Intelligenza Artificiale e Robotica, potrà tenere conto del percorso già
svolto.

Periodi di studio all’estero

I corsi seguiti nelle Università Europee o estere, con le quali la Facoltà di Ingegneria
dell’Informazione, Informatica, Statistica ha in vigore accordi, progetti e/o convenzioni, vengono
riconosciuti secondo le modalità previste dagli accordi.
Gli studenti possono, previo autorizzazione del consiglio del Corso di Laurea, svolgere un
periodo di studio all’estero nell’ambito del progetto LLP Erasmus.
In conformità con il Regolamento didattico di Ateneo nel caso di studi, esami e titoli accademici
conseguiti all’estero, il Corso di Laurea esamina di volta in volta il programma ai fini
dell’attribuzione dei crediti nei corrispondenti settori scientifici disciplinari.

Informazioni generali

Programmi e testi d’esame: Il programma degli insegnamenti e i materiali didattici e informativi
sono consultabili sul sito web del corso di laurea magistrale in Intelligenza Artificiale e Robotica:
http://corsidilaurea.uniroma1.it/it/corso/2018/intelligenza-artificiale-...

Servizi di tutorato: I docenti Alessandro De Luca, Luca Iocchi, Daniele Nardi e Fiora Pirri
svolgono attività di orientamento in ingresso, secondo le modalità e gli orari indicati sul sito del
Corso di Laurea. Per quanto riguarda l’orientamento in itinere, il Consiglio di Area Didattica
assegna ad ogni studente un tutor, scelto tra i docenti del Corso di Laurea: il tutor ha il compito di
aiutare e indirizzare lo studente nel percorso formativo, con particolare riguardo a eventuali
situazioni di parziale o totale inattività dello studente. Inoltre il Corso di Laurea si avvale dei
servizi di tutorato messi a disposizione dalla Facoltà, compatibilmente alle risorse economiche,
utilizzando anche appositi contratti integrativi.

Valutazione della qualità: Il Corso di Laurea, in collaborazione con la Facoltà, effettua la
rilevazione dell’opinione degli studenti frequentanti per tutti i corsi di insegnamento tenuti. Il
sistema di rilevazione è integrato con un percorso qualità la cui responsabilità è affidata alla
Commissione per la gestione dell’assicurazione della qualità della didattica, nominata dal
Consiglio di Area Didattica e comprendente docenti, studenti e personale dei corsi di studio
gestiti dal Consiglio. I risultati delle rilevazioni e delle analisi di tale commissione sono utilizzati
per effettuare azioni di miglioramento delle attività formative.