Sbocchi lavorativi

Profilo: Psicologo
Funzioni: a) Valutazione dello sviluppo tipico e atipico in un'ottica sistemico-contestuale
b) Valutazione dei disturbi del neurosviluppo
c) Valutazione dei fattori di rischio e di protezione dello sviluppo
d) Progettazione e realizzazione di interventi di sostegno allo sviluppo e all'apprendimento
e) Progettazione e realizzazione di interventi di promozione dello sviluppo psicologico di bambini, adolescenti e giovani adulti
f) Consulente per l'innovazione educativa sui temi dell'inclusione, degli screening, dei bisogni educativi speciali, della dispersione scolastica, della promozione delle abilità sociali
g) Consulente in progetti volti a eliminare nei contesti educativi fenomeni di discriminazione/segregazione di genere o di esclusione sociale
h) Consulente per lo sviluppo di "buone" pratiche organizzative, professionali e educative in case famiglia, cooperative sociali e del terzo settore
Competenze: Capacità di considerare problematiche legate allo sviluppo tipico e atipico, capacità di ricerca e o di formazione in un'ottica life span. Capacità di usare i metodi di valutazione del funzionamento cognitivo, emotivo e sociale basata sulla valutazione critica dei risultati della ricerca in psicologia dello sviluppo che permetta al professionista di modificare questi strumenti o svilupparne di nuovi in funzione di specifiche fasi dello sviluppo. Comprensione della logica e delle finalità dei programmi di prevenzione e di intervento nello sviluppo tipico e atipico.
Sbocchi professionali: Centri pubblici e privati di valutazione psicodiagnostica e di intervento psicologico per bambini e adolescenti.
Associazioni e studi professionali in cui si svolgono interventi a sostegno dello sviluppo e dell'apprendimento.
Presidi della sanità.
Studi professionali che si occupano di valutazione e trattamento dei disturbi del neurosviluppo.
Servizi territoriali e centri di riabilitazione dell'età evolutiva.
Cooperative che promuovono sul territorio interventi a favore di bambini e adolescenti con disturbi dell'apprendimento, disabilità intellettiva, disturbi dello spettro autistico.
Cooperative sociali e del terzo settore impegnate nella promozione di interventi per lo sviluppo di buone pratiche organizzative, professionali e educative.
Istituzioni educative e scolastiche, pubbliche e private, impegnate in progetti sui temi dell'inclusione, degli screening, dei bisogni educativi speciali, della dispersione scolastica, della promozione delle abilità sociali, della valorizzazione delle differenze individuali


"Per identificare il profilo delle competenze professionali e degli obiettivi di apprendimento sono stati esaminati i profili di competenze identificati da a enti di formazione nazionali e internazionali: Associazione Italiana per la Ricerca e l'Intervento nella Psicopatologia dell'Apprendimento (http://www.airipa.it/); Associazione Italiana Dislessia (www.aiditalia.org); Associazione Italiana Disturbi Attenzione e Iperattività (http://www.aidaiassociazione.com/); Associazione Ricerca sulle cerebro potenzialità (http://www.aerreci.org/); Associazione Italiana per lo Studio delle Disabilità Intellettive ed Evolutive (http://www.airim.it/); Psicologo a scuola (http://www.psicologi.fvg.it/allegati/notizie/allegato120.pdf); Attività psicologiche nelle scuole (http://www.ordinepsicologilazio.it/esercitare/competenze/com_scuola/); Lo psicologo in asilo nido e scuola materna (http://www.psiconline.it/categories.php?op=newindex&catid=19; http://www.psicologialavoro.it/psicologi-e-impresa-nido/2012/07/); Lo psicologo e il Terzo Settore. (http://www.ordinepsicologilazio.it/ordine_psicologi/esercitare/competenz...) Osservatorio nazionale per l'integrazione degli alunni stranieri e l'educazione interculturale (archivio.pubblica.istruzione.it/dgstudente/.../osservatorio.pdf); Developmental Psychology (http://www.apadivisions.org/division-7/); Developmental Psychology and Clinical Practice (http://www.ucl.ac.uk/psychlangsci/); Developmental Science (http://www.yorku.ca/gradpsyc/field4/index.html); Developmental Program in Psychology (http://psychweb.uoregon.edu/graduates/intellectualcommunities/developmental); Developmental Psychology (http://www.lsa.umich.edu/psych/programareas/developmentalpsychology) 16/05/2017
Profilo professionale e sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureatiQUADRO A2.a
Questa consultazione suggerisce che un settore in cui sta emergendo una richiesta di competenze psicologiche specializzate è quello delle famiglie e delle classi scolastiche in cui sono presenti bambini con disturbi evolutivi, disturbi specifici dell'apprendimento (DSA), bisogni educativi speciali (BES) determinati da specifiche condizioni sia individuali che socio-culturali. L'Ordine degli Psicologi del Lazio ha fornito il più recente rapporto, relativo alla presenza degli psicologi nelle strutture scolastiche della regione. In base a tale rapporto, su 508 interviste effettuate, il 70% del personale coinvolto nei progetti risulta costituito da Laureati magistrali in Psicologia. Sembra pertanto utile fornire ai nostri laureati delle competenze aggiuntive a quelle curriculari allo scopo di essere in grado di progettare offerte di lavoro nell'ambito scolastico, che sembra allo stato attuale un'importante committenza per i nostri laureati. All'obiettivo formativo di creare competenze per la valutazione e l'intervento dei disturbi dello sviluppo e dell'apprendimento nel contesto di uno stretto rapporto con le istituzioni educative il nostro corso di laurea dedica i seguenti insegnamenti: Psicologia e scuola, Psicologia dei gruppi e delle organizzazioni educative, Disturbi dell'apprendimento e dello sviluppo cognitivo: valutazione e intervento.
Un altro settore importante è quello delle dipendenze patologiche da internet e dall'uso di sostanze negli adolescenti. Per formare competenze professionali in quest'ambito il corso di laurea ha introdotto l'insegnamento Adolescenti a rischio: valutazione e intervento che prevede, a partire dal prossimo anno accademico, un totale di 9 crediti (con 3 crediti di laboratorio)."