Skip to content

La prova finale di laurea, che conclude l’iter di studio di secondo livello, consiste nella stesura di una tesi su un tema concordato dal candidato con il suo relatore, di natura sperimentale o teoretica o storica.
La quantità di lavoro richiesta allo studente è commisurata al numero di CFU previsti per la
prova finale dal corso di laurea, considerando che ogni CFU corrisponde mediamente a 25 ore di lavoro dello studente.
La tesi consiste in uno scritto caratterizzato da originalità, conforme a caratteristiche di qualità scientifica, svolto con la supervisione di un relatore e di un correlatore, e con un alto grado di autonomia e può consistere in:
►una ricerca empirica che può riguardare sia dati raccolti direttamente dal candidato (da solo o in collaborazione con altri studenti) sia dati messi a disposizione dal docente; in ogni caso deve risultare specificato il contributo del candidato alla raccolta dei dati e agli altri aspetti del lavoro.
►una ricerca storica che non si riduca a una semplice compilazione, ma usi fonti autorevoli quali articoli, capitoli di libri, manuali, rassegne bibliografiche, saggi.
L’argomento della tesi di laurea può riguardare qualunque settore scientifico-disciplinare, purché previsto dal corso di studio cui lo studente è iscritto.
La stesura della tesi deve rispondere ai formati standard definiti dal Corso di Laurea (tipicamente una tesi è contenuta in un testo di non meno di cento pagine nel formato tesi stabilito dal corso di laurea) e deve prevedere anche un abstract da allegare alla tesi, per la commissione di laurea.