Skip to content

Scienze della natura - Sbocchi lavorativi

Profilo: Laureato Magistrale in Scienze della Natura
Funzioni: Il laureato nel Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Natura potrà effettuare studi sul riconoscimento, la catalogazione e la rappresentazione cartografica della distribuzione delle caratteristiche fisiche del territorio, di specie e di comunità animali e vegetali in relazione tra loro. Possiederà inoltre gli strumenti necessari per eseguire, in team o come consulente, l'analisi delle variazioni dell’ambiente fisico e delle popolazioni animali e vegetali, in funzione di cause di origine naturale o antropica e per proporsi come collaboratore per la parte naturalistica nella realizzazione di piani di gestione dell'ambiente naturale e di documenti di pianificazione territoriale. Potrà svolgere attività nella ricerca naturalistica, sia di base che applicata, ed una serie di compiti operativi nella gestione e conservazione delle aree protette e della biodiversità, come anche nella comunicazione e divulgazione di temi ambientali e conoscenze naturalistiche, anche da un punto di vista evolutivo.
Il laureato nel Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Natura sarà, inoltre, in grado di eseguire funzioni di gestore e conservatore di campioni biologici e di roccia o sedimento, e di curatore scientifico di collezioni geomineralogiche e biologiche ed al loro incremento.


Competenze: Il laureato naturalista metterà a frutto le sue conoscenze sulla biologia e la geologia integrate nell’ambiente naturale, e sulla valutazione di risorse e di rischi naturali, con capacità di analisi dei dati, anche avvalendosi di strumenti statistici e del senso critico derivante dal percorso formativo.
L'articolazione degli ambiti e la distribuzione dei crediti formativi e dei settori scientifico-disciplinari forniscono al laureato sia un rafforzamento della formazione di base (nei diversi ambiti geologici e biologici) sia conoscenze specialistiche differenziate che garantiscono un aggiornato livello di conoscenze in campi specifici.
Il laureato, grazie alla interdisciplinarietà della preparazione è quindi in grado di interfacciarsi direttamente con specialisti nel campo delle Scienze della Vita e della Terra, con i quali condivide la formazione di base, e con gestori del territorio (architetti, ingegneri, chimici dell'ambiente, esperti di Beni Culturali) per gli ambiti relativi all'ambiente naturale.


Sbocchi professionali: La Laurea magistrale ha lo scopo di formare a specifiche professionalità, sia nel campo della ricerca di base (ad esempio botanici, zoologi, ecologi, entomologi, pedologi, curatori e conservatori di museo) sia nella libera professione (naturalista, giornalista specializzato, tecnico del territorio, esperto di sistemi naturali), sia nel campo della gestione sostenibile delle risorse naturali (consulente tecnico per enti pubblici territoriali, esperto in gestione di parchi naturali e aree protette).
l laureati sono in grado di operare nelle realtà territoriali della Pubblica Amministrazione con ruoli di coordinamento e supervisione degli aspetti che concernono l'ambiente naturale, essendo in grado di interloquire con i diversi specialisti ambientali e di analizzare le profonde interazioni tra biosfera e geosfera indotte dai cambiamenti globali e, in particolare, dalle attività e dalle infrastrutture antropiche
I laureati che avranno crediti in numero sufficiente in opportuni gruppi di settori, come previsto dalla legislazione vigente,
potranno partecipare alle prove di ammissione per i percorsi di formazione per l'insegnamento secondario.