Comunicazione, Valutazione e Ricerca Sociale per le Organizzazioni LM-59 - Sbocchi lavorativi

Profilo: Comunicatore per le organizzazioni pubbliche e non profit
Funzioni: I laureati della Magistrale in Comunicazione, Valutazione e Ricerca Sociale per le Organizzazioni potranno svolgere le seguenti funzioni in differenti tipi di organizzazioni (aziende, istituzioni mediali, agenzie pubblicitarie, concessionarie dei mezzi di comunicazione, ma anche enti pubblici e organizzazioni no-profit). Le funzioni che il laureato andrà a svolgere sono: predisposizione di piani di comunicazione integrata; impostazione e gestione di campagne di comunicazione per la sensibilizzazione sulle tematiche sociali; impostazione dei sistemi di monitoraggio e valutazione della qualità e dell’efficacia delle azioni intraprese in ambito sociale, istituzionale e aziendale; organizzazione e coordinamento nella realizzazione di eventi di comunicazione e fundraising; progettazione, coordinamento e realizzazione di ricerca valutativa e di analisi di mercato.
Competenze: Le competenze associate alle funzioni generali previste per tutti i laureati del CdS sono relative a: redazione di piani di comunicazione pubblica, sociale e politica; realizzazione di story board per messaggi pubblicitari; progettazione e applicazione di disegni di ricerca valutativa.
Ulteriori competenze riferibili alle funzioni specifiche dei laureati consistono in: gestione delle relazioni pubbliche e istituzionali; organizzazione di eventi; la gestione delle attività di informazione e comunicazione, in particolare nell'ambito delle organizzazioni no-profit e delle istituzioni; stesura di comunicati stampa; redazione dei contenuti di siti web; definizione di strategie social; la gestione delle attività di comunicazione interna, esterna e integrata; redazione di programmi per la comunicazione interna e interistituzionale; redazione di programmi per la relazione con l'utenza. Inoltre, selezione appropriata di disegni e di strategia di ricerca sociale in funzione della specificità di diversi campi di applicazione; ideazione e gestione di processi e azioni di carattere valutativo; costruzione e analisi di base di dati matriciali e testuali; padronanza nell'uso di software statistico-informatici di base per la ricerca sociale.

Sbocchi professionali: Gli obiettivi formativi generali e specifici del corso definiscono figure professionali con competenze e capacità avanzate di progettazione e coordinamento delle attività di comunicazione, di processi e di performance di enti pubblici e privati. Si tratta di figure qualificate per lo svolgimento di funzioni di responsabilità in istituzioni pubbliche, amministrazioni locali, aziende pubbliche e del privato sociale e culturale, organizzazioni di rappresentanza, associazioni, enti di ricerca.
I laureati potranno, inoltre, ricoprire i seguenti ruoli non previsti nella classificazione Istat:

- Responsabile degli uffici comunicazione e relazione con il pubblico /ex Legge 150/2000)
- Responsabile della comunicazione interna
- Responsabile della comunicazione esterna
- Responsabile marketing ed eventi
- Progettista di campagne di comunicazione sociale
- comunicatore pubblico
- Responsabile delle relazioni istituzionali

Tali profili possono trovare collocazione nelle amministrazioni pubbliche e private; negli Enti locali; negli istituti, organismi ed enti di ricerca, alta formazione, studio e documentazione; nelle strutture di 'intervento sociale; in uffici studi, imprese e organizzazioni del terzo settore.



Profilo: Ricercatore valutatore
Funzioni: Il progetto formativo nel suo complesso è articolato in modo da fornire a tutti i laureati conoscenze, competenze e abilità adeguate allo svolgimento, nell'’ambito degli sbocchi occupazionali previsti, di funzioni di progettazione di piani e campagne di comunicazione integrata e di programmi per la gestione dei rapporti con i pubblici di riferimento delle organizzazioni, nonché funzioni di progettazione, coordinamento e realizzazione di ricerca valutativa e di analisi di mercato.
Con specifico riferimento alla formazione del profilo di comunicatore per le organizzazioni pubbliche e non profit (LM-88) accanto alle suddette funzioni di carattere generale si prevedono quelle ulteriori relative alla redazione di rapporti di valutazione; alla progettazione di iniziative di intervento volte al miglioramento di progetti, programmi, politiche.

Competenze: Le competenze associate alle funzioni generali previste per tutti i laureati del CdS sono relative a: redazione di piani di comunicazione pubblica, sociale e politica; realizzazione di story board per messaggi pubblicitari; progettazione e applicazione di disegni di ricerca valutativa.
Ulteriori competenze riferibili alle funzioni specifiche dei laureati nell’'indirizzo LM-88 consistono in: costruzione e analisi di basi di dati matriciali e testuali; padronanza nell'’uso di software statistico-informatici di base per la ricerca sociale; selezione appropriata di disegni e di strategie di ricerca sociale in funzione della specificità di diversi campi di applicazione.

Sbocchi professionali: Gli obiettivi formativi generali e specifici del corso definiscono figure professionali con competenze e capacità avanzate di progettazione e coordinamento delle attività di valutazione di programmi, di processi e di performance di enti pubblici e privati. Si tratta di figure qualificate per lo svolgimento di funzioni di responsabilità in istituzioni pubbliche, amministrazioni locali, aziende pubbliche e del privato sociale e culturale, organizzazioni di rappresentanza, associazioni, enti di ricerca.
I laureati potranno, inoltre, ricoprire i seguenti ruoli non previsti nella classificazione Istat:

- Valutatore professionale
- Ricercatore specializzato nell’'analisi e nella previsione di processi, effetti ed impatti sociali
- Consulente esperto nella progettazione, gestione e valutazione di interventi sociali
- Responsabile di centri/enti di ricerca sociale e di formazione per la valutazione di fenomeni
complessi

Tali profili possono trovare collocazione nelle amministrazioni pubbliche e private; negli Enti locali; negli istituti, organismi ed enti di ricerca, alta formazione, studio e documentazione; nelle strutture di ’intervento sociale; in enti di programmazione, pianificazione, controllo e valutazione; in uffici studi, imprese e organizzazioni del terzo settore.