Laurearsi

La prova finale consiste nello svolgimento di una tesi teorica, sperimentale o progettuale su argomenti relativi agli insegnamenti del corso di laurea magistrale, da svilupparsi sotto la guida di un docente appartenente al Consiglio Didattico relativo, anche in collaborazione con enti pubblici e privati, aziende manifatturiere e di servizi, centri di ricerca operanti nel settore di interesse.
Nel corso della elaborazione della tesi lo studente dovrà, in primo luogo, analizzare la letteratura tecnica relativa all'argomento in studio e procedere successivamente ad una sintesi delle conoscenze già acquisite.
A valle di questa fase il laureando magistrale, in maniera autonoma e a seconda della tipologia della tesi, dovrà:
nel caso di lavoro progettuale, individuare soluzioni al problema proposto con una modellizzazione che consenta di analizzare la risposta del sistema in corrispondenza a variazioni delle variabili caratteristiche del sistema stesso, analizzando gli aspetti tecnologici, economici, della sicurezza, dell'impatto ambientale e del controllo,
nel caso di lavoro sperimentale, elaborare un piano della sperimentazione che consenta di ottenere i risultati desiderati e presentare una modellizzazione dei risultati ottenuti per consentire l'applicazione dei risultati sperimentali anche in condizioni diverse da quelle investigate.
Alla prova finale vengono assegnati dai 15 ai 18 CFU per aumentare la flessibilità nella delineazione di diversi percorsi formativi, con particolare riguardo al percorso formativo in lingua inglese che può essere scelto da popolazioni di studenti con differente preparazione di base.

La prova finale consente la valutazione delle conoscenze acquisite dall’Allievo. Il Presidente del Consiglio d’Area in Ingegneria Elettrica assegna un argomento relativo agli insegnamenti del corso di laurea magistrale di lavoro che l’allievo svolge sotto la guida di un docente appartenente al Consiglio d’Area o della Facoltà, anche in collaborazione con enti pubblici e privati, aziende manifatturiere e di servizi, centri di ricerca. Nel corso della elaborazione della tesi lo studente dovrà, in primo luogo, analizzare la letteratura tecnica relativa all'argomento e procedere poi ad una sintesi delle conoscenze già acquisite. A valle di questa fase il laureando, in maniera autonoma e a seconda della tipologia della tesi, dovrà:
 nel caso di lavoro progettuale, individuare soluzioni al problema proposto con una modellizzazione che consenta di analizzare la risposta del sistema in corrispondenza a variazioni delle variabili caratteristiche del sistema stesso, analizzando gli aspetti tecnologici, economici, della sicurezza, dell'impatto ambientale e del controllo,
 nel caso di lavoro sperimentale, elaborare un piano della sperimentazione che consenta di ottenere i risultati desiderati e presentare una modellizzazione dei risultati ottenuti per consentire l’applicazione dei risultati sperimentali anche in condizioni diverse da quelle investigate.
I risultati del lavoro dell’Allievo sono documentati da un elaborato che viene sottoposto alla Commissione degli Esami di laurea. La valutazione da parte di tale Commissione dell’elaborato concorre alla formazione del voto finale. La valutazione della tesi di laurea è effettuata con riferimento all’attualità delle tematiche studiate, alla modernità ed all’innovazione delle tecniche di studio proposte, al grado di importanza dei risultati ottenuti. Particolare attenzione viene dedicata alla capacità di sintesi del candidato, all’efficacia della trattazione e alla qualità della presentazione.
All’attività di tesi sono attribuiti 15 CFU per l'indirizzo in lingua italiana e 18 CFU per l'indirizzo in lingua inglese.