Skip to content

TECNICA DELLE COSTRUZIONI ANTICHE E MODERNE

Dati insegnamento

  • Insegnamento: TECNICA DELLE COSTRUZIONI ANTICHE E MODERNE
  • Anno: Primo anno
  • Semester: Primo semestre
  • Tipo attività: Attività formative caratterizzanti
  • CFU: 8
  • SSD: ICAR/09

Caratteristiche

TitoloCodiceCFUSSDAmbito disciplinareOre AulaOreOre Laboratorio
Attività formative caratterizzantiB8ICAR/09Analisi e progettazione strutturale dell'architettura100N.D.N.D.

Canali

NESSUNA CANALIZZAZIONE
DocenteDipartimento
LUIGI SORRENTINO

Obiettivi

Obiettivo essenziale del Corso è di porre gli studenti in condizione di conoscere e saper interpretare il comportamento meccanico delle costruzioni esistenti (antiche e moderne) e dei relativi materiali a fronte di sollecitazioni gravitazionali e sismiche.Altresì il Corso fornisce le conoscenze per la valutazione dell’adeguatezza strutturale e degli interventi di rinforzo rispettando i principi del restauro.

Libri di testo

Giuffrè A, La meccanica dell’architettura. La statica, Roma, NIS, 1986
Giuffrè A, Letture sulla Meccanica delle Murature Storiche, Roma, Kappa, 1991
Giuffrè A (ed), Sicurezza e conservazione dei centri storici: il caso Ortigia, Roma-Bari, Laterza, 1993
Scalora G, Monti G, La conservazione dei centri storici in zona sismica. Un metodo operativo di restauro urbano, Milano, Academia Universa Press, 2010

Programma

Obiettivi dell’insegnamento: Obiettivo essenziale del Corso è di porre gli studenti in condizione di conoscere e saper interpretare il comportamento meccanico delle costruzioni esistenti (antiche e moderne) e dei relativi materiali a fronte di sollecitazioni gravitazionali e sismiche. Altresì il Corso fornisce le conoscenze per la valutazione dell’adeguatezza strutturale e degli interventi di rinforzo rispettando i principi del restauro.
Programma: Riferimenti culturali, strumenti meccanici, problemi strutturali nel restauro, questioni sismiche.Elementi di sismologia: tipi di faglia, eventi, onde. Magnitudo e intensità macrosismica. Legge di attenuazione delle intensità. Correlazione fra intensità macrosismiche e accelerazione del terreno.Tipi murari: regola dell’arte e comportamento strutturale. Parametri meccanici delle murature nella normativa italiana. Conoscenza dell'edificio. Ricerche storico-archivistiche. Successione delle fasi costruttive. Indagini in situ e in laboratorio. Rilievo strutturale e riflessi sulla modellazione. Tecniche di intervento.Sicurezza e prestazioni attese. Fondamenti teorici. Stati limite ultimi. Stati limite di esercizio. Coefficienti parziali di sicurezza.Analisi dei carichi. Azioni permanenti e variabili. Azioni antropiche e naturali. Neve. Vento. Azione sismica: vita nominale, coefficiente d’uso, periodo di riferimento. Pericolosità sismica: accelerazione del terreno, risposta locale, spettro di risposta elastico.Meccanismi locali di collasso. Analisi limite. Verifica di normativa agli stati limite per cinematismi isolati o posti a una certa quota. Modellazione di tirantature. Nel regno del legno: comportamento reologico al variare di materiale, umidità, durata del carico. Verifiche agli stati limite ultimi di sezioni correnti. Verifiche agli stati limite di esercizio di elementi inflessi. Acciaio: classificazione delle sezioni. Verifica agli stati limite ultimo e di esercizio di elementi inflessi.Indagine delle strutture spingenti: archi, volte a una o più generatrici, cupole. Statica grafica: poligono delle forze, poligono funicolare, asse di Culmann. Verifica dell’equilibrio dell’elemento strutturale. Verifica di sezioni allo stato limite ultimo per sforzo normale e taglio.
Modalità di esame: Ai fini dell'esame finale lo studente, in gruppi di quattro candidati, dovrà effettuare alcune verifiche strutturali su un edificio storico in muratura. La scelta dell'edificio, che non deve necessariamente presentare segni di degrado strutturale, è a discrezione dello studente ma soggetta all'approvazione del docente. Lo studente non deve necessariamente essere autore del rilievo dell'edificio. Non è ammesso esaminare edifici che siano già stati oggetto di tesina nell'ambito di questo Corso. L'esame parte dalla tesina, a libro chiuso e riguarda tutti gli argomenti del programma. Informazioni aggiuntive ed esempi sono disponibili sul sito web del corso: http://dsg.uniroma1.it/Sorrentino/