Skip to content

TEORIA E TECNICA DEL RESTAURO

Dati insegnamento

  • Insegnamento: TEORIA E TECNICA DEL RESTAURO
  • Anno: Primo anno
  • Semester: Primo semestre
  • Tipo attività: Attività formative affini ed integrative
  • CFU: 6
  • SSD: ICAR/19

Caratteristiche

TitoloCodiceCFUSSDAmbito disciplinareOre AulaOreOre Laboratorio
Attività formative affini ed integrativeC6ICAR/19Attività formative affini o integrative75N.D.N.D.

Canali

1
DocenteDipartimento
NICOLA SANTOPUOLI

Obiettivi

Obiettivo del corso è di porre lo studente in condizione di conoscere e sapere utilizzare i diversi materiali e le tecniche per gli interventi manutentivi e di restauro sui manufatti storici. Il corso si svolge alternando, nell'ambito del laboratorio, lezioni teoriche sugli argomenti in programma, applicazioni pratiche e progettazione assistita. Sono previste anche visite ai cantieri.

Libri di testo

Bibliografia
• G. CARBONARA, Avvicinamento al restauro. Teoria, storia, monumenti, Napoli 1997;
• voce Restauro, in "Enciclopedia Universale dell'Arte", vol. XI, Venezia-Roma, 1963, coll. 322-353.
• G. CARBONARA, Restauro dei monumenti, Guida agli elaborati grafici, Napoli 1999;
• S.A. CURUNI, Guida allo studio diretto dell’edificio storico. Appunti di anatomia dell’architettura per l’intervento di restauro, Pisa 2009;
• BRUSCHI Arnaldo, Indicazioni metodologiche per lo studio storico dell'architettura, in *Lineamenti di storia dell'architettura, Roma, 1978, pp.13-29.

Programma

Il corso si propone di fornire i criteri metodologici e gli strumenti operativi per la comprensione storica e la lettura del manufatto edilizio così pure per il riconoscimento delle diverse cause di degrado e dissesto dei materiali lapidei naturali e artificiali impiegati nell’architettura storica. Il processo di costruzione e di trasformazione degli edifici storici sarà affrontato all’interno del corso approfondendo in particolare il tema del cantiere. L’integrazione del corso di Teoria e tecnica del restauro con il Laboratorio di Restauro Architettonico, permetterà, a chi lo desideri, di affrontare un unico tema all’interno dei due corsi.
Il corso si articola in lezioni teoriche e pratiche, durante le quali i vari argomenti saranno affrontati anche attraverso casi esemplificativi, esercitazioni e visite guidate in cantieri dove sperimentare dal vivo le metodologie precedentemente introdotte. Il tema d’esame dovrà riguardare lo studio d'un edificio storico che presenti problemi di conservazione e garantisca la possibilità di condurre, in modo efficace, gli approfondimenti necessari.
Sintesi degli argomenti:
- Progetto delle indagini scientifiche: prediagnosi, progetto diagnostico, saggi e campionamenti.
- Catalogazione dei “monumenti” (schede, ICCD, metodologie e standard di riferimento).
- Metodi e strumenti per la caratterizzazione dei materiali; nuovi materiali e tecnologie per il restauro.
- Rilievo del colore e indagini multispettrali per la conoscenza, il monitoraggio ed il controllo dei processi di pulitura e degli interventi di restauro delle superfici architettoniche.
- Analisi visiva e fotointerpretazione per lo studio dei materiali e del degrado delle superfici architettoniche. Redazione delle tavole tematiche (normative e lessici).
- Scansione laser 3D per l’analisi dell’architettura, banche dati 3D per la conoscenza, il restauro, la manutenzione, il monitoraggio e la valorizzazione del patrimonio architettonico (cenni).
- Cantiere di restauro: opere provvisionali, saggi d’intervento, progetto della sicurezza, progetto di restauro, gestione e direzione lavori (cenni).
2
DocenteDipartimento
CINZIA CONTIFacoltà: ARCHITETTURA

Obiettivi

Obiettivo del corso è di porre lo studente in condizione di conoscere e sapere utilizzare i diversi materiali e le tecniche per gli interventi manutentivi e di restauro sui manufatti storici. Il corso si svolge alternando, nell'ambito del laboratorio, lezioni teoriche sugli argomenti in programma, applicazioni pratiche e progettazione assistita. Sono previste anche visite ai cantieri.