Ritratto di Carlo.Ricotta@uniroma1.it

Per gli studenti di Ecobiologia e Scienze della Natura gli esami del 13 febbraio 2024 si terranno in presenza alle ore 9.30 presso l'edificio di Botanica, aula B.

Per gli studenti di Geografia gli esami del 13 febbraio 2024 si terranno in presenza alle ore 15.00 presso l'edificio di Botanica, aula B.

 

Il link al materiale didattico a disposizione degli studenti

per il corso di Conservazione e gestione della vegetazione e del paesaggio (Laurea magistrale in Scienze della natura) è: https://www.dropbox.com/sh/uly70456wm9p6sp/AABq8JpoujEG1zfCPCxRXW4va?dl=0

per il corso di Monitoraggio ambientale di sistemi naturali ed antropizzati (Laurea magistrale in Ecobiologia) è: https://www.dropbox.com/sh/5b60rqv05ehygq4/AABhdoe_WUcvatzj9EJNUPrIa?dl=0

per il corso di Cartografia della vegetazione e dell'uso del suolo (Laurea triennale in Scienze geografiche per l'ambiente e la salute) è:

https://www.dropbox.com/scl/fo/2sqv2pgnjelb36a1nolrh/h?rlkey=uxznairfgxr8b3kj4fs4w01vk&dl=0

 

Gli esami del corso di Cartografia della vegetazione e dell'uso del suolo si svolgeranno secondo le seguenti modalità: per i frequentanti è prevista una tesina da concordare con il Docente; per i non frequentanti, oltre alla possibilità di svolgere la tesina, il testo di riferimento è: Cartografia Geobotanica di Franco Pedrotti, Pitagora Editrice, disponibile in biblioteca presso il Dipartimento di Biologia Ambientale, Edificio di Botanica.

 

 

Insegnamento Codice Anno Corso - Frequentare Bacheca
MONITORAGGIO AMBIENTALE DI SISTEMI NATURALI E ANTROPIZZATI 1041868 2023/2024
CARTOGRAFIA DELLA VEGETAZIONE E DELL'USO DEL SUOLO 10612164 2023/2024
CONSERVAZIONE E GESTIONE DELLA VEGETAZIONE E DEL PAESAGGIO 1047805 2023/2024
CONSERVAZIONE E GESTIONE DELLA VEGETAZIONE E DEL PAESAGGIO 1047805 2022/2023

Programma

Classificazione e cartografia della vegetazione.

Cenni di Ecologia del paesaggio: obiettivi e principi.

Definizione di paesaggio. Evoluzione del concetto di paesaggio. Il ruolo del naturalista nella definizione e cartografia dei paesaggi.

Analisi del paesaggio: frammentazione, connettività, cambiamento di copertura del suolo, reti ecologiche, servizi ecosistemici.

La cartografia della copertura ed uso del suolo.
 La classificazione ecologica del territorio: principi, metodi e schemi classificatori.

Qualità ambientale, naturalità e stato di conservazione degli ecosistemi e del paesaggio.

 

 

Testi adottati

Bailey R.G. 1996. Ecosystem geography. Springer.

Dramstad W.E., Olson J.D., Forman, R.T.T. 1996. Landscape Ecology Principles in Landscape Architecture and Land-Use Planning, Harvard University Graduate School of Design.

Pedrotti F. 2004. Cartografia Geobotanica. Pitagora Editrice, Bologna.

Pignatti S. 1995. Ecologia vegetale. UTET.

Turner M.G. 2000. Ecologia del Paesaggio, Vivere in un mosaico. In: Dodson S.I., Allen T., Carpenter S.R., Ives A.R., Jeanne R.L., Kitchell J.F., Langston N.E., Turner M.G. Ecologia, Zanichelli, Cap. 3, pag. 77-96.
 Turner M.G., Gardner R.H., O’Neill R.O. 2001. Landscape ecology in theory and practice. Springer-Verlag.

Ulteriore materiale di studio e di approfondimento potrà essere consigliato e/o distribuito a lezione.

 

Prerequisiti

Conoscenze naturalistiche ed ecologiche di base

 

Modalità di valutazione

La valutazione del profitto individuale dello studente verrà effettuata mediante prova orale.

 

Calendario degli Appelli

 

02 Feb 2023

16 Feb 2023

13 Apr 2023

20 Giu 2023

06 Lug 2023

12 Set 2023

26 Set 2023

07 Nov 2023

MONITORAGGIO AMBIENTALE DI SISTEMI NATURALI E ANTROPIZZATI 1041868 2022/2023

Programma

Introduzione al monitoraggio dei sistemi ambientali: definizioni; principi generali e significato ecologico; relazioni struttura-funzione-cambiamento. La rappresentazione cartografica dei sistemi ambientali: ruolo ecologico della cartografia dei sistemi ambientali; concetti di scala spaziale e temporale e livelli di organizzazione gerarchica; il contributo di telerilevamento e GIS per il monitoraggio dei sistemi ambientali; cartografia vegetazionale e di uso del suolo. La struttura dei sistemi ambientali come driver di processi ecologici. Disturbo, impatto antropico ed ecosistemi urbani. Le dinamiche spazio-temporali dei sistemi ambientali e loro significato ecologico. Analisi della vulnerabilità dei sistemi ambientali: metodologie per la valutazione della vulnerabilità e sua rappresentazione cartografica.

 

Testi adottati

• Dramstad W.E., Olson J.D., Forman, R.T.T. 1996. Landscape Ecology Principles in Landscape Architecture and Land-Use Planning, Harvard
  University Graduate School of Design.
• Pedrotti F. 2004. Cartografia Geobotanica. Pitagora Editrice, Bologna.
• Collezione di PDF per temi specifici trattati a lezione.
• Collezione di slide utilizzate a lezione.

 

Prerequisiti

Conoscenza dei fondamenti dell'ecologia generale

 

Modalità di valutazione

La valutazione del profitto individuale dello studente verrà effettuata mediante prova orale.

 

Calendario degli Appelli

02 Feb 2023

16 Feb 2023

13 Apr 2023

20 Giu 2023

06 Lug 2023

12 Set 2023

26 Set 2023

07 Nov 2023

 

CONSERVAZIONE E GESTIONE DELLA VEGETAZIONE E DEL PAESAGGIO 1047805 2021/2022
MONITORAGGIO AMBIENTALE DI SISTEMI NATURALI E ANTROPIZZATI 1041868 2021/2022
CONSERVAZIONE E GESTIONE DELLA VEGETAZIONE E DEL PAESAGGIO 1047805 2020/2021
MONITORAGGIO AMBIENTALE DI SISTEMI NATURALI E ANTROPIZZATI 1041868 2020/2021
CONSERVAZIONE E GESTIONE DELLA FAUNA 1047907 2020/2021
CONSERVAZIONE E GESTIONE DELLA FAUNA 1047907 2019/2020
CONSERVAZIONE E GESTIONE DELLA VEGETAZIONE E DEL PAESAGGIO 1047805 2019/2020
BIODIVERSITA' VEGETAZIONE E VALORIZZAZIONE DEI SISTEMI RURALI 1047794 2018/2019
ECOLOGIA DEL PAESAGGIO 1016338 2018/2019
DINAMICA DELLA VEGETAZIONE ED ECOLOGIA DEL PAESAGGIO 1035097 2018/2019
CONSERVAZIONE E GESTIONE DELLA VEGETAZIONE E DEL PAESAGGIO 1052275 2018/2019
ECOLOGIA DEL PAESAGGIO 1016338 2017/2018
CONSERVAZIONE E GESTIONE DELLA VEGETAZIONE E DEL PAESAGGIO 1052275 2017/2018
ECOLOGIA DEL PAESAGGIO 1016338 2016/2017
CONSERVAZIONE E GESTIONE DELLA VEGETAZIONE E DEL PAESAGGIO 1052275 2016/2017

Martedi e giovedi 14-16
La modalità (telematica o in presenza) deve essere concordata in precedenza con il docente

CURRICULUM VITAE PROF. CARLO RICOTTA

E-mail: carlo.ricotta@uniroma1.it
ORCID: http://orcid.org/0000-0003-0818-3959

Formazione e curriculum professionale

Laurea in Scienze Geologiche presso l'Università di Roma La Sapienza (valutazione 110/110). Titolo della tesi: Contributo alla cartografia automatica della vegetazione: radianze toponormalizzate da immagini Landsat 5 , marzo 1992.

Dottorato di Ricerca in Scienze Botaniche (IX ciclo) presso l Università di Roma La Sapienza . Titolo della tesi di dottorato: Un approccio integrato alla misura della biodiversità di coperture vegetazionali montane e submontane nel Massiccio dei Monti Lucretili (Appennino Centrale) , luglio 1997.

Titolare di un Assegno di Ricerca biennale in Ecologia Vegetale (Settore Disciplinare E01/D) presso il Dipartimento di Biologia Vegetale, Università di Roma La Sapienza , 2000-2002.

Titolare di un Assegno di Ricerca biennale in Botanica Ambientale ed Applicata (Settore Disciplinare BIO/03) presso il Dipartimento di Biologia Vegetale, Università di Roma La Sapienza , 2002-2004.

Ricercatore a tempo indeterminato in Botanica Ambientale ed Applicata (Settore Disciplinare BIO/03) presso il Dipartimento di Biologia Ambientale dell Università di Roma La Sapienza , 2005-2015.

E attualmente Professore Associato in Botanica Ambientale ed Applicata (Settore Disciplinare BIO/03) presso il Dipartimento di Biologia Ambientale dell Università di Roma La Sapienza .

In possesso dell'abilitazione scientifica nazionale in corso di validità per il ruolo di Professore di I fascia per il Settore Concorsuale 05/A1 (Botanica).

Soggiorni all estero

Visiting Professor alla Utah State University, Department of Geography and Earth Resources, Logan, Utah (U.S.A), febbraio-marzo 1996.

Visiting Research Associate alla University of North Dakota, School of Aerospace Sciences, Grand Forks, North Dakota (U.S.A) agosto 1998/gennaio 1999.

Visiting Researcher al Berzsenyi College, Department of Zoology, Szombathely (Ungheria), dicembre 2000.

Attivita didattica

Professore a contratto per l insegnamento di Ecologia presso la Scuola di Specializzazione in Gestione dell Ambiente della Facoltà di Economia, Università degli Studi del Molise, sede di Campobasso, Anno accademico 1998/1999.

Ha tenuto presso l Università di Roma La Sapienza gli insegnamenti di:

Ecologia del Paesaggio (6 CFU) per la Laurea Triennale in Scienze Ambientali, Anno accademico 2006/2007, 2007/2008, 2008/2009;

Ecologia del Paesaggio (6 CFU) per la Laurea Magistrale in Monitoraggio e Riqualificazione ambientale, A.A. 2008/2009, 2009/2010, 2010/2011 e 2011/2012 (9 CFU);

Complementi di Ecologia Applicata (4 CFU) per la Laurea Specialistica in Fisiografia del Territorio ed Ecologia del Paesaggio, A.A. 2005/2006, 2006/2007, 2007/2008;

Geobotanica Applicata (6 CFU) per la Laurea Triennale in Scienze Ambientali, A.A. 2007/2008, 2008/2009;

Geobotanica Applicata (4 CFU) per la Laurea Specialistica in Monitoraggio Ambientale e Controllo delle Alterazioni Ambientali, A.A. 2007/2008.

Ecologia Quantitativa del Paesaggio (6 CFU) per la Laurea Magistrale in Scienze del Mare e del Paesaggio Naturale, A.A. 2013/2014, 2014/2015.

Biodiversità, Vegetazione e Valorizzazione dei Sistemi Rurali (6 CFU) per la Laurea Magistrale in Scienze del Mare e del Paesaggio Naturale, A.A. 2014/2015.

Biodiversità, Vegetazione e Valorizzazione dei Sistemi Rurali (3 CFU) per la Laurea Magistrale in Scienze della Natura, A.A. 2018/2019.

Dinamica della Vegetazione ed Ecologia del Paesaggio (3 CFU) per la Laurea Magistrale in Monitoraggio e Riqualificazione Ambientale, A.A. 2018/2019.

Ecologia del Paesaggio (6 CFU) A.A. 2015/2016, 2016/2017, 2017/2018, 2018/2019 per la Laurea Magistrale in Scienze della Natura.

E attualmente titolare del corso di Conservazione e gestione della vegetazione e del paesaggio (9 CFU) A.A. 2016/2017-2022/2023 per la Laurea Magistrale in Scienze della Natura e del corso di Monitoraggio Ambientale di Sistemi Naturali ed Antropizzati (6 CFU) A.A. 2020/2021-2022/2023 per la Laurea Magistrale in Ecobiologia.

Membro del Collegio dei docenti del Corso di Dottorato di Ricerca dell Università di Roma La Sapienza in Biologia Ambientale ed Evoluzionistica, Sezione di Ecologia.

Nell ambito delle Altre Attività Formative (AAF) ha tenuto i seguenti corsi:

Laboratorio di Ecologia Quantitativa (4 CFU) per le Lauree Triennali in Scienze Ambientali e Scienze Naturali e per la Laurea Magistrale in Monitoraggio e Riqualificazione Ambientale, 2007-2012.

Lettura e interpretazione di cartografia vegetazionale (4 CFU) per le Lauree Triennali in Scienze Ambientali e Scienze Naturali, 2013-2019.

Information Literacy (1 CFU in collaborazione con la Biblioteca del Dipartimento di Biologia Ambientale) per la Laurea Triennale in Scienze Ambientali e per la Laurea Magistrale in Monitoraggio e Riqualificazione Ambientale.

Ha seguito in qualità di relatore o correlatore lo svolgimento di un cospicuo numero di Elaborati Finali per le Lauree Triennali, Tesi di Laurea quadriennali, magistrali e specialistiche, e Tesi di Dottorato conseguite presso l Università di Roma La Sapienza con argomenti che spaziano dall ecologia vegetale e del paesaggio, all ecologia quantitativa e all ecologia funzionale.

Linee di ricerca

Il Prof. Ricotta ha svolto un intensa attività di ricerca in campo ecologico-vegetale e geo-ecologico, occupandosi prevalentemente di ecologia quantitativa e analisi della diversità vegetale, ecologia del fuoco, telerilevamento, ecologia del paesaggio e controllo di specie esotiche.

Ecologia del fuoco
La ricerca è volta principalmente a mettere in luce le relazioni tra passaggio del fuoco e struttura, composizione e grado di antropizzazione del territorio. Tali parametri influenzano diversi aspetti del passaggio del fuoco; mentre le probabilità di innesco di un incendio sono direttamente collegate al grado di antropizzazione del territorio, la composizione e la struttura del paesaggio controllano rispettivamente quantità e continuità del combustibile, influenzando intensità ed estensione degli incendi. L analisi spaziale del combustibile viene inoltre affiancata dal monitoraggio dello stato fenologico della vegetazione mediante dati telerilevati, impiegato come indicatore dei parametri che caratterizzano le condizioni bioclimatiche più favorevoli al passaggio del fuoco.

Ecologia del paesaggio e telerilevamento
Nell ambito dell ecologia del paesaggio il Prof. Ricotta si è dedicato principalmente al monitoraggio del pattern spazio-temporale del paesaggio vegetale in risposta alle alterazioni antropiche e alla dinamica vegetazionale. Una seconda linea di ricerca è volta all impiego di immagini telerilevate ad elevata risoluzione temporale per il monitoraggio delle caratteristiche sinfenologiche della vegetazione.

Ecologia Quantitativa e biodiversità
Questa linea di ricerca è volta principalmente allo studio dei meccanismi che regolano la diversità delle comunità vegetali e ne determinano le variazioni spazio-temporali in relazione alla storia evolutiva ed alle caratteristiche funzionali delle specie costituenti. I principali meccanismi di risposta all ambiente fisico e di interazione tra diverse specie, quali filtraggio ambientale o competizione, sono infatti mediati dalle caratteristiche funzionali degli organismi, a loro volta parzialmente controllate dalla loro affinità filogenetica. In quest ottica, lo sviluppo di modelli matematici ed indicatori statistici volti ad incorporare le differenze funzionali e filogenetiche tra diverse specie si sono rivelati uno strumento molto promettente per la comprensione dei processi che controllano la composizione delle comunità a diverse scale di osservazione.

Controllo di specie esotiche
Il Prof. Ricotta si è dedicato principalmente allo studio dell impatto di specie esotiche sulla diversità floristica di ecosistemi urbani. In seguito ai recenti mutamenti socioeconomici che hanno fortemente favorito lo spostamento di uomini e merci a scala globale, le aree urbane hanno assunto il ruolo di principale porta d ingresso per le specie aliene. Allo stesso tempo, grazie alle loro peculiari caratteristiche ambientali, le città rappresentano habitat ideali per la maggior parte di queste specie. La conservazione delle specie autoctone e la gestione della biodiversità degli ecosistemi urbani rappresenta dunque un requisito di primaria importanza per un efficace contenimento della diffusione di specie esotiche.

Partecipazione a progetti di ricerca

Fire PARADOX (An Innovative Approach of Integrated Wildland Fire Management Regulating the Wildfire Problem by the Wise Use of Fire: Solving the Fire Paradox), EC-Project, 2006-2009. Coordinatore del Work Package: Detection of patterns of ignitions and fire sizes in relationship with the human factor .

LUCIFER (Land Use Change Interactions with Fire in Mediterranean Landscapes), EC-Project ENV-CT96-0320, 1996-2000.

MNTFR (Scale Dependent Monitoring of Non-Timber Forest Resources Based on Indicators Assessed in Various Data Sources), EC-Project FAIR-CT98-4045, 1999-2002.

DMMD (Development of methods and tools for monitoring forest diversity as a contribution to sustainable forest management in Europe), Joint Research Centre of the European Union (JRC), Space Applications Institute (SAI), Contract No 16182-2000-05 F1ED ISP SE, 2000-2001.

HEREPLUS (Health Risk from Environmental Pollution Levels in Urban Systems), EC-Project, 2008-2011.

ALP FFIRS (Alpine Forest FIre waRning System), EU-project within the framework of the European Territorial Cooperation Alpine Space Programme, 2009-2012.

sUrBioCity - Deciphering Drivers of Urban Biodiversity across Multiple Scales. Working Group financed by the German Centre for Integrative Biodiversity Research (iDiv) Halle-Jena-Leipzig, Germany, 2017-2018.

*****
Analisi della vegetazione mediante telerilevamento: studi di base ed aspetti applicativi, Agenzia Spaziale Italiana, 1996-1997.

Valutazione della risposta ecofisiologica di specie vegetali su substrati naturali ed artificiali ad elevato contenuto di metalli pesanti, Consiglio Nazionale delle Ricerche, 2000-2001.

TreeCity: Progettare la citta verde nell'era del cambiamento globale. Progetto PRIN 2011-2014.

*****

Relazione tra uso del suolo e passaggio del fuoco in aree mediterranee. Università di Roma La Sapienza , 2008-2009. Coordinatore.

Environmental and climatic aspects of past and present fire regimes as a key for understanding changing scenarios. Università di Roma La Sapienza , 2011. Coordinatore.

The influence of urbanization on fire regimes. Università di Roma La Sapienza , 2012. Coordinatore.

BioDiverCity: the influence of environmental drivers and alien species on the biodiversity of urban environments. Università di Roma La Sapienza , 2015. Coordinatore.

Indagini vegetazionali per mezzo di sensori remoti. Università di Roma La Sapienza , 2005-2006.

Studio sugli effetti degli ammendanti fosfatici sull'immobilizzazione e sulla fitodisponibilità di metalli pesanti in suoli inquinati. Università di Roma La Sapienza , 2006.

Valle del Fiume Sacco (Lazio): studio a differente scala spaziale e temporale della componente vegetale e dei suoli al fine di sviluppare azioni di recupero ambientale mediante biorisanamento e tecnologie chimico-fisiche di bonifica in-situ. Università di Roma La Sapienza , 2009.

Carbon sequestration capability of the Mediterranean costal habitats: past, present and future perspectives. Università di Roma La Sapienza , 2013.

Forest fires under climate and land use changes: learning from the past to inform the future. Università di Roma La Sapienza , 2014.

Natural forcing and human impact in past and present Mediterranean landscapes: a view on the future. Università di Roma La Sapienza , 2016.

Botanical Garden of Rome: environmental quality amelioration by plant collections. Università di Roma La Sapienza , 2017.

The effect of water and nutrient limitations on biomass allocation patterns in crops and their wild relatives. Università di Roma La Sapienza , 2018.

Multiscale analysis of remotely sensed plant phenology. Università di Roma La Sapienza , 2019. Coordinatore.

Intraspecific variability of the biomass allocation patterns under stress conditions: implications for Mediterranean plant adaptative strategies. Università di Roma La Sapienza , 2020.

Ecological specialization: a relevant aspect of biodiversity. The concept and the measurement. Bando SEED 2022, Università di Roma La Sapienza . Coordinatore.

Cariche istituzionali

Membro della Giunta del Dipartimento di Biologia Ambientale dell Università di Roma La Sapienza 2022-2024.

Membro della Giunta della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell Università di Roma La Sapienza 2022-2025.

Membro della Commissione Ricerca del Dipartimento di Biologia Ambientale dell Università di Roma La Sapienza dal 2014.

Coordinatore e Delegato del Preside della Commissione Biblioteche della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell Università di Roma La Sapienza dal 2022.

Membro del Comitato Direttivo del Sistema Bibliotecario Sapienza in rappresentanza della Macro-area A per il triennio 2018-2020 (prorogato fino al 2022); Membro del Consiglio Tecnico-Scientifico Sistema Bibliotecario Sapienza in rappresentanza della Macro-area A per il triennio 2022-2024.

Attività editoriale

Dal 2009 è membro del comitato editoriale della rivista ISI Community Ecology (ISSN 1585-8553).

Dal 2009 è membro del comitato editoriale della rivista ISI Remote Sensing Letters (ISSN 2150-704x).

Dal 2021 è membro del comitato editoriale della rivista ISI Ecological Indicators (ISSN 1470-160x).

2009-2015 Membro del comitato editoriale della rivista open access Diversity (ISSN 1424-2818).

2013-2014 Membro del comitato editoriale della rivista ISI open access PLOS ONE (ISSN 1932-6203).

Guest editor in collaborazione con M. Marchetti del numero speciale della Rivista Italiana di Telerilevamento Telerilevamento e Vegetazione , Vol. 37(3-4), Anno 2006.

Guest editor del numero speciale Diversity Theories and Perspectives della rivista open access Diversity, http://www.mdpi.com/journal/diversity/special_issues/perspectives/, Anno 2009.

Organizzazione di convegni e simposi

Membro del Comitato scientifico del seminario: Utilizzo di dati telerilevati per le statistiche di copertura del suolo negli ambienti forestali , Firenze, Accademia Italiana di Scienze Forestali, 22 gennaio 2003.

Membro del Comitato scientifico della giornata di studio: L impiego dei fuzzy set in ecologia , Università di Roma Tre, 25 giugno 2004.
Co-convener della sessione: Spatial and temporal patterns of wildfires: models, theory and reality, General Assembly of the European Geosciences Union, Vienna, 2005, 2006 e 2007.

Membro del Comitato scientifico della giornata di studio: Supporting the Life: le piante vascolari come determinanti della diversità biologica , organizzato dalla Societa Botanica Italiana - Gruppo di Ecologia in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Ambientali G. Sarfatti dell Università di Siena ed i Dipartimenti di Biologia Vegetale dell Università di Firenze e di Roma, Firenze, 11 dicembre 2009.

Membro del Comitato organizzatore del XX Congresso Nazionale della Società Italiana di Ecologia, Roma 27-30 settembre 2010.

Membro del Comitato scientifico del Convegno di Palinologia 2013, promosso dai Gruppi di Palinologia, di Ecologia e di Paleobotanica della Società Botanica Italiana, Modena, Università di Modena e Reggio Emilia, 27-29 maggio 2013.

Co-chair della sessione ad invito: Indicators & measures of biodiversity, International Statistical Ecology Conference Montpellier, 1-4 luglio 2014.

Membro del Comitato scientifico del Convegno Plant Traits 2.0: lo stato dell arte e le prospettive di ricerca sui caratteri morfo-funzionali delle piante in Italia promosso dal Gruppo di Ecologia della Società Botanica Italiana, Bologna 9-10 febbraio 2017.

ComEc - 1st International Conference on Community Ecology, Budapest 28-29 settembre 2017, membro del Comitato scientifico.

IX Conference of the Italian Society of Remote Sensing AIT - Associazione Italiana di Telerilevamento, From space to land management - remote sensing technologies supporting sustainable development and natural resource management, Firenze 4-6 Luglio 2018, membro del Comitato scientifico e co-chair della sessione satellite ecology .

Relazioni ad invito

Invited contribution: On parametric TIs: bridging the gap between ecological statistics and mathematical chemistry , Third Indo-US Workshop on Mathematical Chemistry with Applications to Drug Discovery, Environmental Toxicology, Cheminformatics and Bioinformatics, Duluth (Minnesota, USA), 2-7 agosto 2003.

Invited contribution: On the stability of relationships between indicators and the indicated groups across spatial and temporal scales, e-conference Landscape scale biodiversity assessment: the problem of scaling , organizzata dalla European Platform for Biodiversity Research Strategy (EPBRS) ed il BioPlatform Thematic Network, 7-23 Marzo 2005.

Invited lecture: On parametric measures of taxonomic diversity , Eötvös Loránd University, Department of Plant Taxonomy and Ecology, Budapest, settembre 2007.

Seminario ad invito: Diversità e processi ecologici: un approccio multiscala , Università di Roma Tre, Giornata seminariale su Biodiversità e gestione degli ecosistemi , Scuola Dottorale in Biologia, Roma, 24 ottobre 2008.

Relazione ad invito: Incendi ed uso del suolo: quali sono le classi più colpite? al workshop Come misurare l ambiente? organizzato dall Università degli Studi del Molise in collaborazione con la Società Botanica Italiana, GRASPA (Gruppo Ricerca Applicazioni Statistica a Problemi Ambientali) e TERRADATA, 25 febbraio 2009, Dip. S.T.A.T. Università degli studi del Molise, Pesche (Isernia).

Invited contribution: Fire selectivity and land use: what, when and why do wildfires burn? General Assembly of the European Geosciences Union, Section Spatial and temporal patterns of wildfires: models, theory and reality Vienna, 19-24 aprile 2009.

Seminario ad invito: La beta-diversità tra statistica ed ecologia 10 Dicembre 2009, Università di Ravenna, Corso di Laurea di Scienze Ambientali.

Relazione introduttiva: Metodi per l analisi cross-taxon alla giornata di studio: Supporting the Life: le piante vascolari come determinanti della diversità biologica , organizzato dalla Societa Botanica Italiana - Gruppo di Ecologia in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Ambientali G. Sarfatti dell Università di Siena ed i Dipartimenti di Biologia Vegetale dell Università di Firenze e di Roma, Firenze, 11 dicembre 2009.

Invited contribution: On the equivalent number of partially distinct species: An example from coastal dune systems , international conference on the Mathematics of Biodiversity, Centre de Recerca Matemàtica, Universitat Autònoma de Barcelona, Bellaterra, 2-6 luglio 2012.

Invited lecture: The problem and promise of phylogenesis in invasion ecology , Helmholtz Centre for Environmental Research, Halle (Saale), 23 gennaio 2013.

Relazione ad invito: Recent history of fires: where, when and why do wildfires burn?' Convegno di Palinologia 2013, promosso dai Gruppi di Palinologia, di Ecologia e di Paleobotanica della Società Botanica Italiana, Modena, Università di Modena e Reggio Emilia, 27-29 maggio 2013.

Invited lecture: Where, when and why do wildfires occur? , Workshop on modelling of wildfires and their environmental impacts, The Abdus Salam International Centre for Theoretical Physics ICTP, 22-26 June 2015, Trieste, Italy.

Seminario ad invito: 'Biodiversity in Vegetation Science: from Shannon to Functional Diversity', Università di Trieste, PhD Program in Environmental and Life Sciences, 14 aprile 2016.

Relazione ad invito: Community ecology among plants and numbers: the role of functional traits , Convegno Plant Traits 2.0: lo stato dell arte e le prospettive di ricerca sui caratteri morfo-funzionali delle piante in Italia promosso dal Gruppo di Ecologia della Società Botanica Italiana, Bologna 9-10 Febbraio 2017.

Altri riconoscimenti per l attività scientifica

Top Cited Article 2014-2016 della rivista Ecological Complexity per il lavoro: Podani J., Ricotta C., Schmera D., 2013, A general framework for analyzing beta diversity, nestedness and related community-level phenomena based on abundance data, Ecological Complexity, Vol. 15: 52-61.

Best paper award 2013 della rivista Computers and Geosciences per il lavoro: Rocchini D., Foody G.M., Nagendra H., Ricotta C., Anand M., He K.S., Amici V., Kleinschmit B., Förster M., Schmidtlein S., Feilhauer H., Ghisla A., Metz A., Neteler, M., 2013, Uncertainty in ecosystem mapping by remote sensing, Computers & Geosciences, 50: 128-135.

Top Cited Article 2008-2010 della rivista Theoretical Population Biology per il lavoro: Ricotta C., 2008, Computing additive -diversity from presence and absence scores: a critique and alternative parameters, Vol. 73: 244-249.

Numerosi lavori sono risultati ai primi posti nelle classifiche dei most downloaded papers e most cited papers di diverse riviste ISI.