Ritratto di Donatella.Rossi@uniroma1.it

Ultimo aggiornamento: Lunedì 15 Luglio 2024

 

Appelli Sessione Autunnale:

I Appello: 09/09, N° Verbale 903994 -  Inizio e fine prenotazioni: 25-31/08

II Appello: 18/09, N° Verbale 903995 - Inizio e fine prenotazioni: 02-10/09

Le studentesse e gli studenti fuori corso che non riscontrano su Infostud appelli di proprio interesse sono gentilmente pregati, per consentire il corretto inserimento, di inviare alla docente tramite il proprio indirizzo di posta istituzionale i seguenti dati: Cognome, Nome, Numero di Matricola, Codice del Corso di Studio, e Codice d'esame.

Per aggiornamenti consultare la bacheca dipartimentale della Docente al link: https://sites.google.com/a/uniroma1.it/donatellarossi/?pli=1

 

Le studentesse e gli studenti prenotati si rechino presso il luogo indicato all'ora definita con il foglio di prenotazione e un documento di identità valido.

Gli esami procederanno in base all'elenco definitivo di prenotazione generato da Infostud, al netto degli  assenti.

Chi desidera essere interrogata/o per prima/o lo faccia presente alla docente al più presto, inviando un'email con i propri dettagli.

Coloro che necessitano di una dichiarazione a scopi lavorativi si premurino di informare la docente per tempo e di arrivare all'esame con il relativo documento debitamente compilato. Il timbro verrà apposto dalla segreteria didattica del Dipartimento (Cfr. https://web.uniroma1.it/diso/didattica/didattica).

 

RICEVIMENTO:

Previo appuntamento concordato: de visu (Studio 12, III P. Edificio Marco Polo); Zoom/Meet; WhatsApp.

La richiesta va inviata all'indirizzo Donatella.Rossi@uniroma1.it attraverso il proprio indirizzo di posta istituzionale, specificando il motivo della richiesta, e indicando soggetto, cognome, nome, numero di matricola, anno di immatricolazione, Corso di Studio, Codice del Corso di Studio (es. ex-509, 270, vecchio ordinamento, 00613, 26000 etc.), Codice d'Esame. I messaggi privi di tali elementi non verranno presi in considerazione.

 

LAUREA TRIENNALE

Lingua e Letteratura Tibetana 1 - I e II Semestre

(L-OR/18 -  12 CFU - 84 Ore Frontali - Codice Esame 10596560)

Orari Primo e Secondo Semestre:

martedì dalle ore 12:00 alle ore 14:00 Laboratorio Didattico 3 – Plesso Marco Polo – III Piano 

mercoledì dalle ore 14:00 alle ore 16:00 Laboratorio Didattico 3 – Plesso Marco Polo – III Piano 

Inizio e fine lezioni Primo Semestre: ma 03/10 - me 13/12 2023

Inizio e fine lezioni Secondo Semestre: ma 27/02 - me 15/05 2024

Codice Classroom: 6dii2f7

Referente di classe: d.d.

 

Obiettivi Generali

Attraverso la sua natura di insegnamento contestualizzato di una lingua e civiltà orientale facente parte del Gruppo Opzionale 'Seconda Lingua Orientale' previsto in tutti i percorsi di studio della Classe di Laurea L-11 nel secondo anno di corso, la disciplina in oggetto (12CFU) contribuisce al raggiungimento degli obiettivi formativi metodologici e di apprendimento trasversali e interdisciplinari dichiarati nella Scheda Unica Annuale del Corso di Studio di riferimento, Quadri A4.b.2 e A4.c.

 

Obiettivi Specifici

Il corso fornisce nozioni fondamentali necessarie e utili alla conoscenza e alla padronanza della grammatica e della sintassi della lingua tibetana ai livelli A1-B1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per la Conoscenza delle Lingue (QCER; Descrittore di Dublino 1).

Le conoscenze di cui sopra sono finalizzate allo sviluppo delle capacità gestionali degli utenti nei confronti delle componenti semantiche della lingua relazionate agli aspetti socio-antropologici di base che caratterizzano la cultura in oggetto (DD2).

Le attività in grado di sviluppare capacità critiche e di giudizio saranno costituite da audiovisione critico-analitica di materiale multimediale, incontri con esperti e conferenze di studiosi incentrati su temi specifici (DD3), dibattiti a tema in classe.

Le attività mirate alle capacità di comunicare e trasmettere le proprie conoscenze linguistiche saranno caratterizzate da esercitazioni consistenti in dialoghi di gruppo e/o brevi presentazioni individuali in lingua, concepiti, sviluppati e organizzati dagli studenti stessi sulla base del materiale didattico fornito e del tutoraggio del docente (DD4).

Le strategie didattiche relative al corso implicano la trasmissione di tecniche metodologiche di organizzazione ottimizzata del rapporto con lo studio ispirata a principi maieutici ed euristici sostenuti da un materiale didattico concepito per agevolare lo studio indipendente nonché futuri approfondimenti individuali dei temi trattati (DD5).

Alla fine del percorso formativo gli studenti dovranno essere in grado di: a) saper scrivere e leggere correttamente i caratteri dell'alfabeto e le sillabe composte; b) essere in grado di utilizzare le nozioni sintattico-grammaticali apprese per costruire frasi esatte; saper usare il dizionario; d) essere in grado di sostenere semplici conversazioni su temi relativi allo studio e alla vita quotidiana.

 

Prerequisiti/Prerequisites

Una discreta conoscenza operativa dell'inglese accademico è indispensabile per lo studio dei materiali di riferimento e per l'uso dei dizionari.

A good working knowledge of academic English is essential for the study of reference materials and for the use of the dictionaries.

 

Programma dell'insegnamento/Teaching Program

Introduzione alla lingua tibetana moderna e alla civiltà tibetana.

Le lezioni saranno tenute in Italiano dal primo al secondo semestre incluso e saranno focalizzate:

a) sulla presentazione e il commento analitico dei temi grammaticali e sintattici contenuti nel libro di testo; nella fattispecie si articoleranno nella lettura e scrittura dei dialoghi, nell'analisi dei contenuti grammaticali e relativi esempi, nello svolgimento degli esercizi di ciascuna lezione in classe e sull'uso del dizionario;

b) su esercitazioni orali, nella fattispecie ripetizione singola e di gruppo dei dialoghi contenuti nel libro di testo, ascolto attivo delle tracce del relativo CD concomitanti a ciascuna lezione, nonché di qualunque altro elemento volto a sviluppare capacità di ascolto e comprensione (canzoni tradizionali e moderne, brevi componimenti poetici etc.);

c) presentazioni della cultura e della civiltà tibetana nei suoi aspetti salienti in base alla bibliografia di riferimento; partecipazione a seminari, conferenze, e attività extracurriculari rilevanti (es. mostre); visione critico-analitica di documentari e film pertinenti.

Il sillabo con il contenuto sintetico delle lezioni sarà fornito all'inizio del corso.

Introduction to modern Tibetan language and to the Tibetan civilization.

Lessons will be taught in Italian, will last for two semesters, and will be focused on:

a) presentation and analytical comment of the grammatical and syntactical themes contained in the textbook; in particular, they will be articulated in the reading and writing of the dialogues, the analysis of the grammatical contents and related examples, the performance of the exercises of each lesson in the classroom, and the use of the dictionary;

b) oral exercises, such as individual and group repetition of the dialogues contained in the textbook, active listening to the tracks of the relative CD concomitant to each lesson as well as to any other element aimed at developing listening and comprehension skills (such as traditional and modern songs, short poems, etc.);

c) presentations of the Tibetan culture and civilization in its salient aspects according to the reference bibliography; participation to seminars, lectures, and relevant extracurricular activities (e.g. exhibits); critical and analytical viewing of pertinent documentaries and movies.

The syllabus and relevant information will be published on the dedicated University’s portals as soon as the teaching calendar of the Department will be finalized.

 

Modalità di svolgimento/Course Delivery Mode

Il corso si svolgerà in due semestri e seguirà uno stile intensivo in cui le lezioni linguistiche propriamente dette saranno integrate dalle esercitazioni e da lezioni specifiche di cultura e civiltà.

I Metodi Didattici adottati includono:

a) lezioni frontali (DD1);

b) esperienze di laboratorio (DD2);

c) lezioni a carattere seminariale e multimediale (DD3);

esercitazioni singole e di gruppo (DD4);

simulazioni d'esame (DD5).

La frequenza è vivamente consigliata.

The course will be delivered in two terms and will follow an intensive style in which linguistic lessons proper will be supplemented by exercises as well as specific lessons on culture and civilization. The adopted Teaching Methods include: a) frontal lessons (DD1); b) laboratory experiences (DD2); c) seminars and multimedia lessons (DD3); single and group exercises (DD4); exam simulations (DD5).

Class attendance is strongly recommended.

 

Modalità di valutazione/Evaluation

Una prova scritta e una prova orale da sostenersi separatamente al termine dell'insegnamento. L'obiettivo della prova scritta è quello di accertare l'effettivo conseguimento dei risultati di apprendimento attesi da parte dello studente con particolare riferimento al DD1.

La prova scritta è Open Book; viene valutata in termini di Idoneità; essa si intende superata con una percentuale di errori non superiore al 40%. Il superamento della prova scritta consentirà l'accesso alla prova orale con un voto di partenza determinato dal risultato della prova scritta. La prova scritta implicherà: a) scrittura dell'alfabeto secondo l'ordine dei tratti e relativa traslitterazione in Wylie; b) traduzione di 10 (dieci) frasi dall'italiano in tibetano e 10 (dieci) frasi dal tibetano in italiano. La durata della prova sarà di 3 (tre) ore. Per sostenere la prova inviare un’email direttamente alla docente con i propri dati e la sessione prescelta, senza iscriversi su Infostud.

L'obiettivo della prova orale è quello di accertare l'effettivo conseguimento dei risultati di apprendimento attesi da parte dello studente con particolare riferimento ai DD 2, 3, 4, e 5. Essa sarà a stimolo aperto non strutturato e consisterà in: a) un'analisi valutativa e interlocutoria della prova scritta; b) un breve dialogo in tibetano in stile 'domanda e risposta' e di verifica delle capacità di spelling; c) domande su temi connessi alla bibliografia di riferimento.

Nella prova orale, in lingua italiana, lo studente dovrà in primis essere in grado di esprimersi in un italiano corretto e accademicamente pertinente; dovrà inoltre dimostrare di aver acquisito sufficienti conoscenze degli argomenti culturali connessi alla materia ed essere in grado di descriverli in maniera convincente. Per conseguire un punteggio pari a 30/30 e lode lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito una conoscenza eccellente di tutti gli argomenti trattati durante il corso ed essere in grado di articolarne l'apprezzamento in forma logica, coerente, critica, e creativa.

A written test and an oral test to be carried out separately at the end of the course.

The objective of the written test is to ascertain the actual achievement of the expected learning outcomes by the student, with particular reference to DD1.

La prova scritta è Open Book; viene valutata in termini di Idoneità; essa si intende superata con una percentuale di errori non superiore al 40%. Il superamento della prova scritta consentirà l'accesso alla prova orale con un voto di partenza determinato dal risultato della prova scritta. La prova scritta implicherà: a) scrittura dell'alfabeto secondo l'ordine dei tratti e relativa traslitterazione in Wylie; b) traduzione di 10 (dieci) frasi dall'italiano in tibetano e 10 (dieci) frasi dal tibetano in italiano. La durata della prova sarà di 3 (tre) ore. Per sostenere la prova inviare un’email direttamente alla docente con i propri dati e la sessione prescelta, senza iscriversi su Infostud.

The written test is in Open Book form; it is assessed in terms of Eligibility and is considered to have been passed with a percentage of errors not exceeding 40%. Passing the written test will allow access to the oral exam and with an entry mark determined by the written test. The written test will involve: a) writing of the alphabet according to the order of the strokes and relative transliteration; b) translation of 10 (ten) sentences from the Italian into Tibetan and 10 (ten) sentences from the Tibetan into Italian; allowed the use of the dictionary. The duration of the test will be 3 (three) hours. To take the test, please send an emial to the professor with your academic data and the chosen session, without signing up on Infostud.

The objective of the oral exam is to ascertain the actual achievement of the expected learning outcomes by the student, with particular reference to the DD 2, 3, 4, and 5. It will be implemented as an open unstructured stimulus test and will consist of: a) an evaluative and interlocutory analysis of the written test; b) a brief dialogue in Tibetan, in ’question and answer’ form and verification of spelling skills; c) questions on topics related to the reference bibliography.

The oral exam will be taken in the Italian language, is evaluated in thirtieths, and is considered passed with a grade not inferior to 18/30. The student must first of all be able to express him/herself in a correct and academically relevant Italian; s/he must also demonstrate to have acquired sufficient knowledge of the cultural topics related to the subject-matter and be able to cogently describe them. To achieve a score of 30/30 with honors, the student must demonstrate that s/he has acquired excellent knowledge of all the topics covered during the course and be able to articulate their appreciation in a logical, coherent, critical, and creative manner.

 

Testi di Studio e d'esame/Study and Test Books

Tutti gli studenti, tutti i curricula, inclusi i non frequentanti.

Lingua

1. Rossi, Donatella e Dhondup, Nyima, Corso di lingua tibetana moderna, Editore Ulrico Hoepli, Milano, 2013. Collocazione Biblioteca DISO: TIB C 609. (Fino all'ultima lezione studiata in classe).

Culture (Bibliografia di Riferimento)

1. Stein, Rolf A., La civiltà tibetana, ET Saggi, Giulio Einaudi Editore, Torino, 1998. Collocazione Biblioteca DISO: TIB C 223: Per intero.

2. Rossi, Donatella (a cura di) e AA VV, Fili di Seta. Introduzione al pensiero filosofico-religioso dell'Asia, Astrolabio Ubaldini Editore, Roma, 2018. Collocazione Biblioteca DISO: OR C 427, 427bis, 427ter.: Sezioni sul Bon e sul Buddhismo del Tibet, pp. 109-274.

3. Cabezon, Jose and Jackson, Roger, R. (eds.), Tibetan Literature: Studies In Genre, Snow Lion Publications, Ithaca, New York, 1996. Collocazione Biblioteca DISO: TIB C 365. Link per accesso online al testo presso The Tibetan & Himalayan Library: http://www.thlib.org/encyclopedias/literary/genres/genres-book.php#!book... : 2 articoli a scelta).

4. Donald S. Lopez, Jr., Religions of Tibet in Practice, Princeton University Press, Princeton, New Jersey, 1997. Collocazione Biblioteca DISO: TIB C 613: 2 articoli a scelta.

All students, including those not attending classes, all curricula.

Language:

1. Rossi, Donatella and Dhondup, Nyima, Corso di lingua tibetana moderna, (A modern Tibetan language course), Editore Ulrico Hoepli, Milano, 2013. Dept. of Oriental Studies shelf mark: TIB C 609. (Up to the last lesson studied in class).

Culture (Bibliografia di Riferimento)

1. Stein, Rolf A., Tibetan Civilization, Stanford University Press, 1972 (First Edition). ISBN: 0-8047-0901-7. (In full).

2.  Rossi, Donatella (ed.) and Various Authors, Fili di Seta. Introduzione al pensiero filosofico-religioso dell'Asia (Introduction to Asian Philosophical and Religious Thought), Astrolabio Ubaldini Editore, Roma, 2018. Dept. of Oriental Studies shelf mark: OR C 427, 427bis, 427ter. (Sections on Bon and Buddhism, pp. 109-274).

3. Cabezon, Jose and Jackson, Roger, R. (eds.), Tibetan Literature: Studies In Genre, Snow Lion Publications, Ithaca, New York, 1996. Dept. of Oriental Studies shelf mark: TIB C 365. (Two articles chosen by the student). Link for online access to the text through The Tibetan & Himalayan Library:

http://www.thlib.org/encyclopedias/literary/genres/genres-book.php#!book....

4. Donald S. Lopez, Jr., Religions of Tibet in Practice, Princeton University Press, Princeton, New Jersey, 1997. Dept. of Oriental Studies shelf mark: TIB C 613. (Two articles chosen by the student).

 

LAUREA MAGISTRALE

East Asian Philosophies and Religions - II Semestre

(L-OR/20 -  6 CFU - 42 Ore Frontali - Codice Esame 10600054)

Orari:

martedì dalle ore 14:00 alle ore 16:00   Plesso Marco Polo Aula 107  e

mercoledì dalle ore 12:00 alle ore 14:00  Plesso Marco Polo Sala Riunioni 1 - III Piano

Inizio e Fine lezioni Secondo Semestre: ma 27/02 - me 15/05 2024

Codice Classroom: m6iubff

Referente di classe: Sig.ra Anna Franco (franco.2128412@studenti.uniroma1.it)

 

Obiettivi Generali e Specifici

Il corso fornisce principi trasversali e nozioni fondamentali necessari alla conoscenza delle Religioni e Filosofie dell'Asia Orientale con particolare riferimento al Buddhismo (Descrittore di Dublino 1).

Le conoscenze di cui sopra sono finalizzate allo sviluppo delle capacità gestionali degli utenti nei confronti della comprensione delle componenti emiche ed etiche della materia relazionate agli aspetti socio-antropologici caratterizzanti le culture orientali studiate (DD2).

Le attività in grado di sviluppare capacità critiche e di giudizio saranno costituite da dibattiti a tema in classe, audiovisione critico-analitica di materiale multimediale, incontri con esperti e conferenze di studiosi incentrati su temi specifici (DD3).

Le attività mirate alle capacità di comunicare e trasmettere le proprie conoscenze saranno caratterizzate da esercitazioni consistenti in presentazioni individuali o di gruppo su temi specifici inerenti al corso, concepite, sviluppate e organizzate dagli studenti stessi sulla base del materiale didattico e di riferimento fornito e del tutoraggio del docente (DD4).

Le strategie didattiche relative al corso implicano la trasmissione di tecniche metodologiche di organizzazione ottimizzata del rapporto con lo studio ispirata a principi maieutici ed euristici sostenuti da pertinente materiale didattico e di riferimento, proposto per agevolare lo studio indipendente nonché futuri approfondimenti individuali dei temi trattati (DD5).

Alla fine del corso gli studenti dovranno essere in grado di dimostrare: a) una conoscenza generale delle strutture diacroniche dei temi principali; b) una conoscenza specifica di almeno un'area tematica; c) conoscenza della natura attuale della ricerca e dei dibattiti relativi alla materia; d) conoscenza critica della relazione tra presente e passato; e) conoscenza della metodologia di ricerca in termini di bibliografie e fonti primarie e secondarie per formulare un discorso filosofico-religioso coerente; f) capacità di recuperare e gestire le informazioni da una varietà di fonti (elettronica, scritta, archivistica, orale) integrandola in modo critico in una narrativa di base; g) capacità di pensare in termini scientifici, porre problemi, raccogliere dati, analizzarli, e proporre ipotesi; h) lavorare autonomamente producendo il risultato richiesto nei tempi definiti.

 

Prerequisiti/Prerequisites

Aver sostenuto almeno un'annualità d'esame di Religioni e Filosofie dell'Asia Orientale nel Corso di Laurea Triennale.

Una buona conoscenza operativa dell'inglese accademico è altresì indispensabile per lo studio dei materiali di riferimento.

Having sustained at least an annual test on the Religions and Philosophies of East Asia in the Three-year Degree Course.

A good working knowledge of academic English is also essential for the study of reference materials.

 

Programma dell'insegnamento/Teaching Program

Il Buddhismo Mahāyāna in Asia Orientale: Studio critico-analitico del Sūtra del Loto.

Le lezioni seguiranno il metodo di apprendimento attivo flipped classroom (https://pheegaro.indire.it/uploads/attachments/2453.pdf), e saranno focalizzate sulla presentazione e il commento analitico delle tematiche filosofico-religiose contenute nel testo di corso e d'esame, con particolare riferimento agli aspetti ontologici, soteriologici ed escatologici ivi espressi, contestualizzati e articolati all'interno della macroarea geo-culturale e storica di riferimento.

Durante ciascuna lezione gli studenti e le studentesse sceglieranno un capitolo dell'opera o un focus specifico pertinente al macrotema oggetto di studio (con particolare riferimento alle culture orientali da essi studiate); singolarmente oppure in gruppo, e in totale autonomia, imposteranno una presentazione in power point che sarà introdotta durante le lezioni e collegialmente dibattuta nei contenuti sotto la supervisione della docente. Modalità, strumenti per la realizzazione e tutoring saranno esplicitati dalla docente durante la prima lezione introduttiva.

Gli studenti non interessati a partecipare alle presentazioni sosterranno l’esame in forma tradizionale portando tutti i testi indicati nella bibliografia.

Il sillabo con il contenuto sintetico delle lezioni sarà fornito all'inizio del corso.

Mahāyāna Buddhism in East Asia: A Critical and Analytical Study of the Lotus Sūtra.

The lessons will follow the active learning method known as “flipped classroom” (https://pheegaro.indire.it/uploads/attachments/2453.pdf), and will be focused on the presentation and analytical commentary of the philosophical-religious themes contained in the course text, with particular reference to the ontological, soteriological, and eschatological aspects expressed therein, contextualized and articulated within the geo-cultural and historical macro-area of reference.
During each lesson, the students will choose a chapter of the reference text or a specific focus pertinent to the macro theme in question (with particular reference to the oriental cultures being studied); individually or in groups, and in total autonomy, they will set up a power point presentation that will be introduced during the lessons and collectively discussed in their contents under the supervision of the teacher. Methods and tools for the realization as well as tutoring will be made explicit by the teacher during the first introductory lesson.

The syllabus and relevant reading materials will be provided at the beginning of the course.

 

Modalità di svolgimento/Course Delivery Mode

Il corso si svolgerà nel secondo semestre e seguirà uno stile seminariale interattivo. I Metodi Didattici adottati includono: a) lezioni frontali (DD1); b) sessioni di valutazione comparata di casi e ipotesi analizzati (DD2); c) dibattiti a tema, audiovisione critico-analitica di materiale multimediale, e partecipazione ove possibile a lezioni e conferenze specialistiche (DD3); presentazioni individuali o di gruppo su temi specifici presenti o connessi al testo di riferimento (DD4); lezioni metodologiche (DD5). La frequenza è vivamente consigliata.

The course will take place during the second semester and will follow an interactive seminar style. The Teaching Methods adopted include: a) frontal lessons (DD1); b) sessions of comparative evaluation of cases and hypotheses analyzed (DD2); c) thematic debates, critical-analytical audio-vision of multimedia material, and attendance whenever possible at specialized lectures and conferences (DD3); individual or group presentations on specific topics presented in or connected to the reference text (DD4); methodological lessons (DD5). Class attendance is strongly recommended.

 

Modalità di valutazione/Evaluation

Una prova orale da sostenersi al termine dell'insegnamento.

L'obiettivo della prova orale è quello di accertare l'effettivo conseguimento dei risultati di apprendimento attesi da parte dello studente in riferimento a tutti e cinque i Descrittori di Dublino. Essa sarà a stimolo aperto non strutturato e consisterà in un resconto critico di un articolo o saggio a scelta su uno o più temi fra quelli trattati durante il corso.

La prova orale è valutata in trentesimi e si intende superata con un voto non inferiore a 18/30. Lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito solide conoscenze dei topics culturali connessi alla materia ed essere in grado di descriverli in maniera congrua e convincente. Per conseguire un punteggio pari a 30/30 e lode lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito una conoscenza eccellente di tutti gli argomenti trattati durante il corso ed essere in grado di articolarne l'apprezzamento in forma logica, coerente, critica, e creativa.

An oral test to be carried out at the end of the course.

The objective of the oral exam is to ascertain the actual achievement of the expected learning outcomes by the student in reference to all the five Dublin Descriptors. It will be implemented as an open unstructured stimulus test and will consist of a critical presentation and report of an article or essay chosen by the student on one or more topics among those treated during the course.

The oral exam is evaluated in thirtieths and it is considered passed with a grade not inferior to 18/30. The student must demonstrate that s/he has acquired solid knowledge of the cultural topics related to the subject-matter and is able to describe them in a congruous and convincing manner. To achieve a score of 30/30 with honors the student must demonstrate that s/he has acquired excellent knowledge of all the topics covered during the course and is able to articulate their appreciation in a logical, coherent, critical, and creative way.

 

Testi adottati e Bibliografia d’Esame/Study and Test Books

Tutti gli studenti, tutti i curricula, inclusi i non frequentanti.

1. Meazza, Luciana (a cura di), Sutra del Loto, Biblioteca Universale Rizzoli, Milano, 2002.

Collocazione nella Biblioteca del Dipartimento di Studi Orientali: IND 6 B 50 e 50 BIS.

2. Rossi, Donatella (a cura di) e AA VV, Fili di Seta. Introduzione al pensiero filosofico-religioso dell'Asia, Astrolabio Ubaldini Editore, Roma, 2018. Collocazione Biblioteca DISO: OR C 427, 427bis, 427ter,

Sezione sulla cultura di proprio riferimento (Cina, Corea, Giappone, Tibet).

3. Williams, Paul, Il Buddhismo dell'India. Un'introduzione completa alla tradizione indiana. Astrolabio Ubaldini, Roma, 2002. Collocazione nella Biblioteca del Dipartimento di Studi Orientali: IND 6 C 779.

4. Williams, Paul, Il Buddhismo Mahayana. La Sapienza e la Compassione. Astrolabio Ubaldini, Roma, 1990. Collocazione nella Biblioteca del Dipartimento di Studi Orientali: IND 6 C 773/29 e IND 6 C 752.

Ulteriori materiali saranno forniti ad hoc durante le lezioni.

All students, including those not attending classes, all curricula.

1. Burton Watson, The Lotus Sutra, Columbia University Press, 1993. ISBN-13 : 978-0231081610.

2. Williams, Paul, Mahayana Buddhism: The Doctrinal Foundations, Routledge, 2008. ISBN-13: 978-0415356534.

3. Williams, Paul, Buddhist Thought: A Complete Introduction to the Indian Tradition. Routledge, 2000. ISBN-13: 978-0415207010.

Further materials will be topically provided during classes.

 

ASSEGNAZIONE ELABORATI FINALI / TESI 

Format elaborati finali (LT): Esposizione di un argomento basato su una relazione scritta concordato con la docente tramite l’ausilio di strumenti quali presentazioni elettroniche,  hand-out o altri supporti audiovisivi da discutere con la commissione.

Format tesi (LM): Tesi di carattere compilativo su argomento concordato (max 80-100 pagine, cartelle di 2200 caratteri, spazi e note inclusi, carattere 12, spaziatura 1,5).

Scadenze per la richiesta

I   Sessione (Sedute di Marzo): fine Settembre.

Consegna limite elaborato completo: fine Gennaio.

II  Sessione (Sedute di Luglio): fine Gennaio.

Consegna limite elaborato completo: fine Maggio.

III Sessione (Sedute di Settembre): fine Febbraio.

Consegna limite elaborato completo: fine Giugno.

IV Sessione (Sedute di Gennaio): fine Giugno.

Consegna limite elaborato completo: fine Novembre

 

LETTERE DI RACCOMANDAZIONE

La docente fornisce lettere di raccomandazione solo a studentesse o studenti laureatisi nelle sue materie con il massimo dei voti.

 

 

 

 

Insegnamento Codice Anno Corso - Frequentare Bacheca
LINGUA E LETTERATURA TIBETANA I 10596560 2022/2023
EAST ASIAN PHILOSOPHIES AND RELIGIONS 10600054 2022/2023
LINGUA E LETTERATURA TIBETANA I 10596560 2021/2022

Sarà ancora in vigore la procedura di prenotazione del posto in aula tramite Prodigit.

Resta in vigore l'uso della mascherina nei luoghi chiusi (https://www.uniroma1.it/it/https%3A//www.uniroma1.it/it/pagina/malattie-infettive-trasmesse-respiratoria-p011c).

 

Per eventuali aggiornamenti consultare la bacheca dipartimentale della Docente al link: https://sites.google.com/a/uniroma1.it/donatellarossi/?pli=1

 

LAUREA TRIENNALE - L11

Lingua e Letteratura Tibetana 1 - I e II Semestre

(L-OR/18 - 12 CFU - 84 Ore Frontali - Codice Esame 10596560)

Orari Primo e Secondo Semestre:

martedì dalle ore 17:00 alle ore 19:00 e

mercoledì dalle ore 15:00 alle ore 17:00

Laboratorio Didattico – Aula 3 – Plesso Marco Polo – III Piano

Inizio e fine lezioni Primo Semestre: ma 04/10 - ma 14/12 2022

Inizio e fine lezioni Secondo Semestre: ma 28/02 - me 23/05 2023

 

Obiettivi Generali

Attraverso la sua natura di insegnamento contestualizzato di una lingua e civiltà orientale facente parte del Gruppo Opzionale 'Seconda Lingua Orientale' previsto in tutti i percorsi di studio della Classe di Laurea L-11 nel secondo anno di corso, la disciplina in oggetto (12CFU) contribuisce al raggiungimento degli obiettivi formativi metodologici e di apprendimento trasversali e interdisciplinari dichiarati nella Scheda Unica Annuale del Corso di Studio di riferimento, Quadri A4.b.2 e A4.c.

 

Obiettivi Specifici

Il corso fornisce nozioni fondamentali necessarie e utili alla conoscenza e alla padronanza della grammatica e della sintassi della lingua tibetana ai livelli A1-B1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per la Conoscenza delle Lingue (QCER; Descrittore di Dublino 1).

Le conoscenze di cui sopra sono finalizzate allo sviluppo delle capacità gestionali degli utenti nei confronti delle componenti semantiche della lingua relazionate agli aspetti socio-antropologici di base che caratterizzano la cultura in oggetto (DD2).

Le attività in grado di sviluppare capacità critiche e di giudizio saranno costituite da audiovisione critico-analitica di materiale multimediale, incontri con esperti e conferenze di studiosi incentrati su temi specifici (DD3), dibattiti a tema in classe.

Le attività mirate alle capacità di comunicare e trasmettere le proprie conoscenze linguistiche saranno caratterizzate da esercitazioni consistenti in dialoghi di gruppo e/o brevi presentazioni individuali in lingua, concepiti, sviluppati e organizzati dagli studenti stessi sulla base del materiale didattico fornito e del tutoraggio del docente (DD4).

Le strategie didattiche relative al corso implicano la trasmissione di tecniche metodologiche di organizzazione ottimizzata del rapporto con lo studio ispirata a principi maieutici ed euristici sostenuti da un materiale didattico concepito per agevolare lo studio indipendente nonché futuri approfondimenti individuali dei temi trattati (DD5).

Alla fine del percorso formativo gli studenti dovranno essere in grado di: a) saper scrivere e leggere correttamente i caratteri dell'alfabeto e le sillabe composte; b) essere in grado di utilizzare le nozioni sintattico-grammaticali apprese per costruire frasi esatte; saper usare il dizionario; d) essere in grado di sostenere semplici conversazioni su temi relativi allo studio e alla vita quotidiana.

 

Prerequisiti/Prerequisites

Una discreta conoscenza operativa dell'inglese accademico è indispensabile per lo studio dei materiali di riferimento e per l'uso dei dizionari.

A good working knowledge of academic English is essential for the study of reference materials and for the use of the dictionaries.

 

Programma dell'insegnamento/Teaching Program

Introduzione alla lingua tibetana moderna e alla civiltà tibetana.

Le lezioni saranno tenute in Italiano dal primo al secondo semestre incluso e saranno focalizzate:

a) sulla presentazione e il commento analitico dei temi grammaticali e sintattici contenuti nel libro di testo; nella fattispecie si articoleranno nella lettura e scrittura dei dialoghi, nell'analisi dei contenuti grammaticali e relativi esempi, nello svolgimento degli esercizi di ciascuna lezione in classe e sull'uso del dizionario;

b) su esercitazioni orali, nella fattispecie ripetizione singola e di gruppo dei dialoghi contenuti nel libro di testo, ascolto attivo delle tracce del relativo CD concomitanti a ciascuna lezione, nonché di qualunque altro elemento volto a sviluppare capacità di ascolto e comprensione (canzoni tradizionali e moderne, brevi componimenti poetici etc.);

c) presentazioni della cultura e della civiltà tibetana nei suoi aspetti salienti in base alla bibliografia di riferimento; partecipazione a seminari, conferenze, e attività extracurriculari rilevanti (es. mostre); visione critico-analitica di documentari e film pertinenti.

Il sillabo con il contenuto sintetico delle lezioni sarà fornito all'inizio del corso.

Introduction to modern Tibetan language and to the Tibetan civilization.

Lessons will be taught in Italian, will last for two semesters, and will be focused on:

a) presentation and analytical comment of the grammatical and syntactical themes contained in the textbook; in particular, they will be articulated in the reading and writing of the dialogues, the analysis of the grammatical contents and related examples, the performance of the exercises of each lesson in the classroom, and the use of the dictionary;

b) oral exercises, such as individual and group repetition of the dialogues contained in the textbook, active listening to the tracks of the relative CD concomitant to each lesson as well as to any other element aimed at developing listening and comprehension skills (such as traditional and modern songs, short poems, etc.);

c) presentations of the Tibetan culture and civilization in its salient aspects according to the reference bibliography; participation to seminars, lectures, and relevant extracurricular activities (e.g. exhibits); critical and analytical viewing of pertinent documentaries and movies.

The syllabus and relevant information will be published on the dedicated University’s portals as soon as the teaching calendar of the Department will be finalized.

 

Modalità di svolgimento/Course Delivery Mode

Il corso si svolgerà in due semestri e seguirà uno stile intensivo in cui le lezioni linguistiche propriamente dette saranno integrate dalle esercitazioni e da lezioni specifiche di cultura e civiltà.

I Metodi Didattici adottati includono:

a) lezioni frontali (DD1);

b) esperienze di laboratorio (DD2);

c) lezioni a carattere seminariale e multimediale (DD3);

esercitazioni singole e di gruppo (DD4);

simulazioni d'esame (DD5).

La frequenza è vivamente consigliata.

The course will be delivered in two terms and will follow an intensive style in which linguistic lessons proper will be supplemented by exercises as well as specific lessons on culture and civilization. The adopted Teaching Methods include: a) frontal lessons (DD1); b) laboratory experiences (DD2); c) seminars and multimedia lessons (DD3); single and group exercises (DD4); exam simulations (DD5).

Class attendance is strongly recommended.

 

Modalità di valutazione/Evaluation

Una prova scritta e una prova orale da sostenersi separatamente al termine dell'insegnamento. L'obiettivo della prova scritta è quello di accertare l'effettivo conseguimento dei risultati di apprendimento attesi da parte dello studente con particolare riferimento al DD1.

La prova scritta è Open Book; viene valutata in termini di Idoneità; essa si intende superata con una percentuale di errori non superiore al 40%. Il superamento della prova scritta consentirà l'accesso alla prova orale con un voto di partenza determinato dal risultato della prova scritta. La prova scritta implicherà: a) scrittura dell'alfabeto secondo l'ordine dei tratti e relativa traslitterazione in Wylie; b) traduzione di 10 (dieci) frasi dall'italiano in tibetano e 10 (dieci) frasi dal tibetano in italiano. La durata della prova sarà di 3 (tre) ore. Per sostenere la prova inviare un’email direttamente alla docente con i propri dati e la sessione prescelta, senza iscriversi su Infostud.

L'obiettivo della prova orale è quello di accertare l'effettivo conseguimento dei risultati di apprendimento attesi da parte dello studente con particolare riferimento ai DD 2, 3, 4, e 5. Essa sarà a stimolo aperto non strutturato e consisterà in: a) un'analisi valutativa e interlocutoria della prova scritta; b) un breve dialogo in tibetano in stile 'domanda e risposta' e di verifica delle capacità di spelling; c) domande su temi connessi alla bibliografia di riferimento.

Nella prova orale, in lingua italiana, lo studente dovrà in primis essere in grado di esprimersi in un italiano corretto e accademicamente pertinente; dovrà inoltre dimostrare di aver acquisito sufficienti conoscenze degli argomenti culturali connessi alla materia ed essere in grado di descriverli in maniera convincente. Per conseguire un punteggio pari a 30/30 e lode lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito una conoscenza eccellente di tutti gli argomenti trattati durante il corso ed essere in grado di articolarne l'apprezzamento in forma logica, coerente, critica, e creativa.

A written test and an oral test to be carried out separately at the end of the course.

The objective of the written test is to ascertain the actual achievement of the expected learning outcomes by the student, with particular reference to DD1.

La prova scritta è Open Book; viene valutata in termini di Idoneità; essa si intende superata con una percentuale di errori non superiore al 40%. Il superamento della prova scritta consentirà l'accesso alla prova orale con un voto di partenza determinato dal risultato della prova scritta. La prova scritta implicherà: a) scrittura dell'alfabeto secondo l'ordine dei tratti e relativa traslitterazione in Wylie; b) traduzione di 10 (dieci) frasi dall'italiano in tibetano e 10 (dieci) frasi dal tibetano in italiano. La durata della prova sarà di 3 (tre) ore. Per sostenere la prova inviare un’email direttamente alla docente con i propri dati e la sessione prescelta, senza iscriversi su Infostud.

The written test is in Open Book form; it is assessed in terms of Eligibility and is considered to have been passed with a percentage of errors not exceeding 40%. Passing the written test will allow access to the oral exam and with an entry mark determined by the written test. The written test will involve: a) writing of the alphabet according to the order of the strokes and relative transliteration; b) translation of 10 (ten) sentences from the Italian into Tibetan and 10 (ten) sentences from the Tibetan into Italian; allowed the use of the dictionary. The duration of the test will be 3 (three) hours. To take the test, please send an emial to the professor with your academic data and the chosen session, without signing up on Infostud.

The objective of the oral exam is to ascertain the actual achievement of the expected learning outcomes by the student, with particular reference to the DD 2, 3, 4, and 5. It will be implemented as an open unstructured stimulus test and will consist of: a) an evaluative and interlocutory analysis of the written test; b) a brief dialogue in Tibetan, in ’question and answer’ form and verification of spelling skills; c) questions on topics related to the reference bibliography.

The oral exam will be taken in the Italian language, is evaluated in thirtieths, and is considered passed with a grade not inferior to 18/30. The student must first of all be able to express him/herself in a correct and academically relevant Italian; s/he must also demonstrate to have acquired sufficient knowledge of the cultural topics related to the subject-matter and be able to cogently describe them. To achieve a score of 30/30 with honors, the student must demonstrate that s/he has acquired excellent knowledge of all the topics covered during the course and be able to articulate their appreciation in a logical, coherent, critical, and creative manner.

 

Testi di Studio e d'esame/Study and Test Books

Tutti gli studenti, tutti i curricula, inclusi i non frequentanti.

Lingua

1. Rossi, Donatella e Dhondup, Nyima, Corso di lingua tibetana moderna, Editore Ulrico Hoepli, Milano, 2013. Collocazione Biblioteca DISO: TIB C 609. (Fino all'ultima lezione studiata in classe).

Culture (Bibliografia di Riferimento)

1. Stein, Rolf A., La civiltà tibetana, ET Saggi, Giulio Einaudi Editore, Torino, 1998. Collocazione Biblioteca DISO: TIB C 223: Per intero.

2. Rossi, Donatella (a cura di) e AA VV, Fili di Seta. Introduzione al pensiero filosofico-religioso dell'Asia, Astrolabio Ubaldini Editore, Roma, 2018. Collocazione Biblioteca DISO: OR C 427, 427bis, 427ter.: Sezioni sul Bon e sul Buddhismo del Tibet, pp. 109-274.

3. Cabezon, Jose and Jackson, Roger, R. (eds.), Tibetan Literature: Studies In Genre, Snow Lion Publications, Ithaca, New York, 1996. Collocazione Biblioteca DISO: TIB C 365. Link per accesso online al testo presso The Tibetan & Himalayan Library: http://www.thlib.org/encyclopedias/literary/genres/genres-book.php#!book... : 2 articoli a scelta).

4. Donald S. Lopez, Jr., Religions of Tibet in Practice, Princeton University Press, Princeton, New Jersey, 1997. Collocazione Biblioteca DISO: TIB C 613: 2 articoli a scelta.

All students, including those not attending classes, all curricula.

Language:

1. Rossi, Donatella and Dhondup, Nyima, Corso di lingua tibetana moderna, (A modern Tibetan language course), Editore Ulrico Hoepli, Milano, 2013. Dept. of Oriental Studies shelf mark: TIB C 609. (Up to the last lesson studied in class).

Culture (Bibliografia di Riferimento)

1. Stein, Rolf A., Tibetan Civilization, Stanford University Press, 1972 (First Edition). ISBN: 0-8047-0901-7. (In full).

2.  Rossi, Donatella (ed.) and Various Authors, Fili di Seta. Introduzione al pensiero filosofico-religioso dell'Asia (Introduction to Asian Philosophical and Religious Thought), Astrolabio Ubaldini Editore, Roma, 2018. Dept. of Oriental Studies shelf mark: OR C 427, 427bis, 427ter. (Sections on Bon and Buddhism, pp. 109-274).

3. Cabezon, Jose and Jackson, Roger, R. (eds.), Tibetan Literature: Studies In Genre, Snow Lion Publications, Ithaca, New York, 1996. Dept. of Oriental Studies shelf mark: TIB C 365. (Two articles chosen by the student). Link for online access to the text through The Tibetan & Himalayan Library:

http://www.thlib.org/encyclopedias/literary/genres/genres-book.php#!book....

4. Donald S. Lopez, Jr., Religions of Tibet in Practice, Princeton University Press, Princeton, New Jersey, 1997. Dept. of Oriental Studies shelf mark: TIB C 613. (Two articles chosen by the student).

 

EAST ASIAN PHILOSOPHIES AND RELIGIONS

(L-OR/20 - 6 CFU – 42 Ore Frontali - Codice Esame 10600054)

Inizio e fine lezioni Secondo Semestre: ma 28/02 - me 23/05 2023

Orari:

Martedì dalle ore 15:00 alle ore 17:00, Aula 102, I Piano, Plesso Marco Polo e

Mercoledì dalle ore 17:00 alle ore 19:00, Aula 206, II Piano, Plesso Marco Polo

Codice Classroom: Sarà comunicato in presenza.

Referente di classe: 

 

Obiettivi Generali e Specifici

Il corso fornisce principi trasversali e nozioni fondamentali necessari alla conoscenza delle Religioni e Filosofie dell'Asia Orientale con particolare riferimento al Buddhismo (Descrittore di Dublino 1).

Le conoscenze di cui sopra sono finalizzate allo sviluppo delle capacità gestionali degli utenti nei confronti della comprensione delle componenti emiche ed etiche della materia relazionate agli aspetti socio-antropologici caratterizzanti le culture orientali studiate (DD2).

Le attività in grado di sviluppare capacità critiche e di giudizio saranno costituite da dibattiti a tema in classe, audiovisione critico-analitica di materiale multimediale, incontri con esperti e conferenze di studiosi incentrati su temi specifici (DD3).

Le attività mirate alle capacità di comunicare e trasmettere le proprie conoscenze saranno caratterizzate da esercitazioni consistenti in presentazioni individuali o di gruppo su temi specifici inerenti al corso, concepite, sviluppate e organizzate dagli studenti stessi sulla base del materiale didattico e di riferimento fornito e del tutoraggio del docente (DD4).

Le strategie didattiche relative al corso implicano la trasmissione di tecniche metodologiche di organizzazione ottimizzata del rapporto con lo studio ispirata a principi maieutici ed euristici sostenuti da pertinente materiale didattico e di riferimento, proposto per agevolare lo studio indipendente nonché futuri approfondimenti individuali dei temi trattati (DD5).

Alla fine del corso gli studenti dovranno essere in grado di dimostrare: a) una conoscenza generale delle strutture diacroniche dei temi principali; b) una conoscenza specifica di almeno un'area tematica; c) conoscenza della natura attuale della ricerca e dei dibattiti relativi alla materia; d) conoscenza critica della relazione tra presente e passato; e) conoscenza della metodologia di ricerca in termini di bibliografie e fonti primarie e secondarie per formulare un discorso filosofico-religioso coerente; f) capacità di recuperare e gestire le informazioni da una varietà di fonti (elettronica, scritta, archivistica, orale) integrandola in modo critico in una narrativa di base; g) capacità di pensare in termini scientifici, porre problemi, raccogliere dati, analizzarli, e proporre ipotesi; h) lavorare autonomamente producendo il risultato richiesto nei tempi definiti.

 

Prerequisiti/Prerequisites

Aver sostenuto almeno un'annualità d'esame di Religioni e Filosofie dell'Asia Orientale nel Corso di Laurea Triennale.

Una buona conoscenza operativa dell'inglese accademico è altresì indispensabile per lo studio dei materiali di riferimento.

Having sustained at least an annual test on the Religions and Philosophies of East Asia in the Three-year Degree Course.

A good working knowledge of academic English is also essential for the study of reference materials.

 

Programma dell'insegnamento/Teaching Program

Il Buddhismo Mahāyāna in Asia Orientale: Studio critico-analitico del Sūtra del Loto.

Le lezioni seguiranno il metodo di apprendimento attivo flipped classroom (https://pheegaro.indire.it/uploads/attachments/2453.pdf), e saranno focalizzate sulla presentazione e il commento analitico delle tematiche filosofico-religiose contenute nel testo di corso e d'esame, con particolare riferimento agli aspetti ontologici, soteriologici ed escatologici ivi espressi, contestualizzati e articolati all'interno della macroarea geo-culturale e storica di riferimento.

Durante ciascuna lezione gli studenti e le studentesse sceglieranno un capitolo dell'opera o un focus specifico pertinente al macrotema oggetto di studio (con particolare riferimento alle culture orientali da essi studiate); singolarmente oppure in gruppo, e in totale autonomia, imposteranno una presentazione in power point che sarà introdotta durante le lezioni e collegialmente dibattuta nei contenuti sotto la supervisione della docente. Modalità, strumenti per la realizzazione e tutoring saranno esplicitati dalla docente durante la prima lezione introduttiva.

Gli studenti non interessati a partecipare alle presentazioni sosterranno l’esame in forma tradizionale portando tutti i testi indicati nella bibliografia.

Il sillabo con il contenuto sintetico delle lezioni sarà fornito all'inizio del corso.

Mahāyāna Buddhism in East Asia: A Critical and Analytical Study of the Lotus Sūtra.

The lessons will follow the active learning method known as “flipped classroom” (https://pheegaro.indire.it/uploads/attachments/2453.pdf), and will be focused on the presentation and analytical commentary of the philosophical-religious themes contained in the course text, with particular reference to the ontological, soteriological, and eschatological aspects expressed therein, contextualized and articulated within the geo-cultural and historical macro-area of reference.
During each lesson, the students will choose a chapter of the reference text or a specific focus pertinent to the macro theme in question (with particular reference to the oriental cultures being studied); individually or in groups, and in total autonomy, they will set up a power point presentation that will be introduced during the lessons and collectively discussed in their contents under the supervision of the teacher. Methods and tools for the realization as well as tutoring will be made explicit by the teacher during the first introductory lesson.

The syllabus and relevant reading materials will be provided at the beginning of the course.

 

Modalità di svolgimento/Course Delivery Mode

Il corso si svolgerà nel secondo semestre e seguirà uno stile seminariale interattivo. I Metodi Didattici adottati includono: a) lezioni frontali (DD1); b) sessioni di valutazione comparata di casi e ipotesi analizzati (DD2); c) dibattiti a tema, audiovisione critico-analitica di materiale multimediale, e partecipazione ove possibile a lezioni e conferenze specialistiche (DD3); presentazioni individuali o di gruppo su temi specifici presenti o connessi al testo di riferimento (DD4); lezioni metodologiche (DD5). La frequenza è vivamente consigliata.

The course will take place during the second semester and will follow an interactive seminar style. The Teaching Methods adopted include: a) frontal lessons (DD1); b) sessions of comparative evaluation of cases and hypotheses analyzed (DD2); c) thematic debates, critical-analytical audio-vision of multimedia material, and attendance whenever possible at specialized lectures and conferences (DD3); individual or group presentations on specific topics presented in or connected to the reference text (DD4); methodological lessons (DD5). Class attendance is strongly recommended.

 

Modalità di valutazione/Evaluation

Una prova orale da sostenersi al termine dell'insegnamento.

L'obiettivo della prova orale è quello di accertare l'effettivo conseguimento dei risultati di apprendimento attesi da parte dello studente in riferimento a tutti e cinque i Descrittori di Dublino. Essa sarà a stimolo aperto non strutturato e consisterà in un resconto critico di un articolo o saggio a scelta su uno o più temi fra quelli trattati durante il corso.

La prova orale è valutata in trentesimi e si intende superata con un voto non inferiore a 18/30. Lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito solide conoscenze dei topics culturali connessi alla materia ed essere in grado di descriverli in maniera congrua e convincente. Per conseguire un punteggio pari a 30/30 e lode lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito una conoscenza eccellente di tutti gli argomenti trattati durante il corso ed essere in grado di articolarne l'apprezzamento in forma logica, coerente, critica, e creativa.

An oral test to be carried out at the end of the course.

The objective of the oral exam is to ascertain the actual achievement of the expected learning outcomes by the student in reference to all the five Dublin Descriptors. It will be implemented as an open unstructured stimulus test and will consist of a critical presentation and report of an article or essay chosen by the student on one or more topics among those treated during the course.

The oral exam is evaluated in thirtieths and it is considered passed with a grade not inferior to 18/30. The student must demonstrate that s/he has acquired solid knowledge of the cultural topics related to the subject-matter and is able to describe them in a congruous and convincing manner. To achieve a score of 30/30 with honors the student must demonstrate that s/he has acquired excellent knowledge of all the topics covered during the course and is able to articulate their appreciation in a logical, coherent, critical, and creative way.

 

Testi adottati e Bibliografia d’Esame/Study and Test Books

Tutti gli studenti, tutti i curricula, inclusi i non frequentanti.

1. Meazza, Luciana (a cura di), Sutra del Loto, Biblioteca Universale Rizzoli, Milano, 2002.

Collocazione nella Biblioteca del Dipartimento di Studi Orientali: IND 6 B 50 e 50 BIS.

2. Rossi, Donatella (a cura di) e AA VV, Fili di Seta. Introduzione al pensiero filosofico-religioso dell'Asia, Astrolabio Ubaldini Editore, Roma, 2018. Collocazione Biblioteca DISO: OR C 427, 427bis, 427ter.

3. Williams, Paul, Il Buddhismo dell'India. Un'introduzione completa alla tradizione indiana. Astrolabio Ubaldini, Roma, 2002. Collocazione nella Biblioteca del Dipartimento di Studi Orientali: IND 6 C 779.

4. Williams, Paul, Il Buddhismo Mahayana. La Sapienza e la Compassione. Astrolabio Ubaldini, Roma, 1990. Collocazione nella Biblioteca del Dipartimento di Studi Orientali: IND 6 C 773/29 e IND 6 C 752.

Ulteriori materiali saranno forniti ad hoc durante le lezioni.

All students, including those not attending classes, all curricula.

1. Burton Watson, The Lotus Sutra, Columbia University Press, 1993. ISBN-13 : 978-0231081610.

2. Williams, Paul, Mahayana Buddhism: The Doctrinal Foundations, Routledge, 2008. ISBN-13: 978-0415356534.

3. Williams, Paul, Buddhist Thought: A Complete Introduction to the Indian Tradition. Routledge, 2000. ISBN-13: 978-0415207010.

Further materials will be topically provided during classes.

EAST ASIAN PHILOSOPHIES AND RELIGIONS 10600054 2021/2022
EAST ASIAN PHILOSOPHIES AND RELIGIONS A 1045301 2020/2021
LINGUA E CULTURA TIBETANA I 1055394 2020/2021
RELIGIONI E FILOSOFIE DELL'ASIA ORIENTALE 1055399 2019/2020
EAST ASIAN PHILOSOPHIES AND RELIGIONS B 1045302 2019/2020
LINGUA E CULTURA TIBETANA I 1055394 2019/2020
LINGUA E CULTURA TIBETANA I 1055394 2018/2019
RELIGIONI E FILOSOFIE DELL'ASIA ORIENTALE 1055399 2018/2019
EAST ASIAN PHILOSOPHIES AND RELIGIONS A 1045301 2018/2019
EAST ASIAN PHILOSOPHIES AND RELIGIONS B 1045302 2017/2018
RELIGIONI E FILOSOFIE DELL'ASIA ORIENTALE B 1047859 2017/2018
RELIGIONI E FILOSOFIE DELL'ASIA ORIENTALE 1017765 2017/2018
LINGUA E CULTURA TIBETANA I 1040471 2016/2017
RELIGIONI E FILOSOFIE DELL'ASIA ORIENTALE 1017765 2016/2017
RELIGIONI E FILOSOFIE DELL'ASIA ORIENTALE A 1047858 2016/2017

https://sites.google.com/a/uniroma1.it/donatellarossi/
Previo appuntamento concordato: de visu (Studio 12, III P. Edificio Marco Polo); Zoom/Meet; WhatsApp. La richiesta va inviata all'indirizzo Donatella.Rossi@uniroma1.it attraverso il proprio indirizzo di posta istituzionale, specificando il motivo della richiesta, e indicando soggetto, cognome, nome, numero di matricola, anno di immatricolazione, Corso di Studio, Codice del Corso di Studio (es. ex-509, 270, vecchio ordinamento, 00613, 26000 etc.), Codice d'Esame. I messaggi privi di tali elementi non verranno presi in considerazione.

DONATELLA ROSSI
Curriculum Vitae et Studiorum
(Donatella.Rossi@uniroma1.it)

ISTRUZIONE E FORMAZIONE
Data/Periodo

Istituto di formazione

Titolo
09/06/1998

University of Oslo, Department of Culture Studies and Oriental Languages, Oslo, NORVEGIA

PhD in History of Religions and Tibetology
Titolo della tesi: The Philosophical View of the Great Perfection in the Tibetan Bon Religion (pubblicato da Snow Lion Publications, Ithaca, NY, 1999. ISBN: 978-1559391290).
Supervisor: Prof. Per Kværne, University of Oslo. Advisor: Prof. Katsumi Mimaki, Kyoto University.
Data/Periodo

Istituto di formazione

Titolo 21/03/1985

Università di Roma La Sapienza , Facoltà di Lettere, Istituto di Studi Indiani e dell Estremo Oriente

Laurea cum laude.
Titolo della tesi: Tradizioni e persecuzioni del Bon nell'epoca dell'antica monarchia tibetana.
Relatore: Prof. Luciano Petech.
Data/Periodo

Istituto di formazione

Tipo di corso Giugno-settembre. 1985

Istituto delle nazionalità del Qinghai (Qinghai Minzu Xueyuan), Xining, CINA

Studio del dialetto tibetano Amdo; lavoro sul campo linguistico nelle aree nomadiche e rurali.
Data/Periodo

Istituto di formazione

Tipo di corso 1983-1984

Istituto Centrale delle Nazionalità (Zhongyang Minzu Xueyuan, ora Zhongyang Minzu Daxue), Pechino, CINA

Studio della lingua tibetana classica e moderna (dialetto di Lhasa).
Data/Periodo

Istituto di formazione

Tipo di corso 1982-1983

Beijing Language Institute (Beijing Yuyan Xueyuan), Pechino, CINA

Studio della lingua cinese classica e moderna.

ESPERIENZE PROFESSIONALI E DIDATTICHE
Data/Periodo
28 Dicembre 2023

Sapienza Università di Roma, ITALIA

Professoressa Associata

Seminario propedeutico a conclusione della procedura valutativa per chiamata professori di I fascia, Bando 2023POR034.
Data/Periodo

Datore di lavoro

Tipo di lavoro

Principali mansioni 2011-2023

Sapienza Università di Roma, ITALIA

Professoressa Associata (confermata)

Insegnamenti per i corsi di L e LM di Religioni e Filosofie dell Asia Orientale (L-OR/20) e Lingua e Cultura e Lingua e Letteratura Tibetana (L-OR/18).
Data/Periodo 26/11/2014
Abilitazione Scientifica Nazionale (Tornata 2013)
Settore Concorsuale: 10/N3 Culture dell Asia Centrale e Orientale
Fascia: Prima
(https://asn.cineca.it/ministero.php/public/esitoAbilitati/settore/10%252...)
Data/Periodo

Datore di lavoro

Tipo di lavoro

Principali mansioni Mar. 2014 Feb. 2015

Università di Erlangen-Norimberga IKGF Internationales Kolleg für Geisteswissenschaftliche Forschung, The International Consortium for Research in the Humanities "Fate, Freedom and Prognostication", GERMANIA

Visiting Fellow and Research Partner (as of 2015).

Ricerca e analisi ermeneutica di testi selezionati di carattere mantico-apotropaico e metafisico-dottrinale relativi alle tradizioni tibeto-himalayane della religione tibetana Bön .
Data/Periodo

Datore di lavoro

Tipo di lavoro

Principali mansioni 2007-2010

Sapienza Università di Roma, ITALIA

Professoressa Associata (non confermata)

Insegnamenti per i corsi di L e LM di Religioni e Filosofie dell Asia Orientale (L-OR/20) e Lingua e Cultura Tibetana (L-OR/18).
Data/Periodo

Datore di lavoro

Tipo di lavoro

Principali mansioni 2003-2006 Chiamata diretta Rientro dei Cervelli dagli USA

Sapienza Università di Roma, ITALIA

Professoressa Associata

Insegnamenti per i corsi di L1, L2 (fino a 2004) e L, LM (2004-2006) di Religioni e Filosofie dell Asia Orientale (L-OR/20) e Lingua e Cultura Tibetana (L-OR/18).
Implementazione progetto di ricerca relativo alle tradizioni mantico-apotropaiche testuali e antropologiche nella religione tibetana Bön , con field work in India e Cina per documentazione filmata dei relativi rituali liturgici (Vedi Pubblicazioni Multimediali 2006a).
Data/Periodo

Datore di lavoro

Tipo di lavoro

Principali mansioni Ottobre 2000-2002

Marylhurst University, Marylhurst, Oregon, USA

Associate Professor e Co-Director, Department of Religious Studies

Corsi generali e monografici per studenti BA ed MA sulle religioni e filosofie dell Asia (Cina, India, Giappone, Tibet).
Coordinator, Master of Arts in Applied Theology.
Svolgimento di tutte le funzioni amministrative e istituzionali richieste a un direttore di dipartimento universitario.
Data/Periodo

Datore di lavoro

Tipo di lavoro

Principali mansioni 1998 - ottobre 2000

Marylhurst University, Marylhurst, Oregon, USA

Associate Professor, Department of Religious Studies

Corsi generali e monografici per studenti BA ed MA sulle religioni e filosofie dell Asia (Cina, India, Giappone, Tibet).
Data/Periodo

Datore di lavoro

Tipo di lavoro

Principali mansioni 1996-1998

Portland State University, Portland, Oregon, USA

Adjunct Professor, College of Liberal Arts and Sciences

Corsi e conferenze sulla storia delle religioni, le religioni del mondo, le religioni e le filosofie dell India e dell'Estremo Oriente.

Data/Periodo

Datore di lavoro

Tipo di lavoro

Principali mansioni 1993-1995

Università di Kyoto, Kyoto, GIAPPONE

Visiting Scholar, Facoltà di Lettere, Dipartimento di Studi Buddisti

Ricerca e lezioni legate al dottorato di ricerca, grazie a una borsa di studio del Japanisch-Deutsches Zentrum Berlin (1993-1994), e della Società Giapponese per la Promozione del Buddismo (Bukkyo Dendo Kyokai BDK) (1994-1995).
Data/Periodo

Datore di lavoro

Tipo di lavoro

Principali mansioni 1991-1993

Shang Shung Institute of America, Conway, Massachussets, USA

Consulente

Organizzazione e realizzazione di programmi di ricerca ed eventi incentrati sulla conservazione del patrimonio culturale tibetano.
Data/Periodo

Datore di lavoro

Tipo di lavoro

Principali mansioni 1989-1991

United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization (UNESCO)

Junior Professional Officer, Regional Office for Science and Tecnology for South East Asia, Jakarta, INDONESIA

Formulazione, preparazione di budgets, implementazione, monitoraggio e valutazione di progetti educativi e culturali gestiti dall UNESCO nel Sudest asiatico.
Data/Periodo

Datore di lavoro

Tipo di lavoro

Principali mansioni 1987-1989

Danieli Co., Ufficio di Rappresentanza, Pechino, CINA

Rappresentante

Gestione dell ufficio di rappresentanza (personale locale, negoziazioni contratti, pubbliche relazioni, gestione e organizzazione visite personale tecnico e delegazioni Italia > Cina e Cina > Italia).
Data/Periodo

Datore di lavoro

Tipo di lavoro

Principali mansioni 1985-1987

Sky Ho Trading Company, Ufficio di Rappresentanza, Pechino, CINA

Rappresentante

Gestione dell ufficio di rappresentanza (personale locale, negoziazioni contratti, pubbliche relazioni, gestione e organizzazione visite personale tecnico e delegazioni Italia > Cina e Cina > Italia).

PROGETTI DI RICERCA
2003-2006
PI Progetto relativo alla Chiamata Diretta, incentrato sulle tradizioni mantico-apotropaiche testuali e antropologiche nella religione tibetana Bön , con field work in India e Cina per documentazione filmata dei relativi rituali liturgici.

2015
PI - Progetto Piccolo di Ateneo (C26A14PJFH), Dialectics of Buddhist Metaphysics in East Asia. Tibet and Japan: An Inedited Comparison.
2016
Componente - Progetto Grande di Ateneo (RG11615506597E88), Shamanism as Anthropotechnics: A Multidiscplinary Reasearch on the Arts of Healing . PI: Prof. Segio Botta.
2019
PI - Progetto Medio di Ateneo (RM11916B45F8FE71) Fate and Immortality in Asia. A Cross-cultural Perspective.
2020
Componente Progetto Grande di Ateneo (RG120172B720ABAA), The Oriental School of Rome: History, Figures, Cultural Scene, Manuscript and Book Collections. PI: Prof. Bruno Lo Turco.

Supervisore Scientifico Progetto Codicology, Paleographic Traits, and Philosophical Hermeneutics of the Bon-po Texts preserved in the Giuseppe Tucci Fund at the National Library, Rome. Responsabile: Dr.ssa Michela Clemente (RTDA, 2020-2025).
2021
Componente Medie Attrezzature Scientifiche (MA22117A56D07D59), PAN&TILT HYPERSPECTRAL SCANNER per l'analisi di oggetti o scene di interesse indoor/outdoor in diversi ambiti di ricerca applicata: ambiente, sicurezza, salute, beni culturali, agricoltura di precisione, materiali, analisi forensi. PI: Prof.ssa Silvia Serranti.
2022
PI SEED (SP1221848530B658), Tibetan Bonpo Textual Treasures Preserved at the Central National Library of Rome: A (Re-) Discovery (TiBTreaD).

Tutor di Riferimento Progetti per Avvio alla Ricerca, Il Valore Religioso e Cerimoniale del Beopseongge nel Buddhismo della Corea Moderna e Contemporanea. Responsabile: Dr.ssa Althea Volpe.

Supervisore Scientifico Progetto Catalogazione della Sezione Tenjur (bsTan gyur) del Canone Buddhista Tibetano conservata nell edizione xilografica di Narthang (sNar thang) presso la Biblioteca del Dipartimento Istituto Italiano di Studi Orientali (ISO) Sapienza Università di Roma. Progetto interamente finanziato dall Unione Buddhista Italiana (UBI). Responsabile: Dr. Filippo Lunardo (RTDA 2022-2025).
2023
Componente - Progetto Grande di Ateneo (RG123188B4B99351), Mapping China Studies in Italy (1861-1949): A Digital Archive (MaCSI-DA). PI: Federica Casalin (in corso di valutazione).

ATTIVITÀ SCIENTIFICHE E DI TERZA MISSIONE (Ten-year Track-record)
(Organizzazione/Partecipazione a Conferenze, Convegni, Eventi)
2013
15.04 Proiezione del Documentario del Dr. Nino Azzarello C era una volta in Cina e c ero anch io, seguito da dibattito, Aula Magna, Dipartimento Istituto Italiano di Studi Orientali, Via Principe Amedeo 182/b.
2014
27.10 Public lecture del Ven. Lopon Trinley Nyima Rinpoche, Direttore della Dialectic School del New Menri Monastery (Dolanji, HP, India) Bon Religion and Divination, Auditorium, Friedrich-Alexander-Universität Erlangen-Nürnberg (FAU) (http://www.ikgf.fau.de/events/event-history/other-events/2014/boen-relig...).
02-03.12 Divination in Tibet and Mongolia. Past and Present, Convenor, International Consortium for Research in the Humanities (IKGF), Friedrich-Alexander-Universität Erlangen-Nürnberg (FAU) (http://www.ikgf.fau.de/events/event-history/workshops/2014/2014-12-works...).
2015
14.05 Proiezione del Documentario del Regista Massimiliano Troiani Un Buddha si è fermato a Comiso, seguito da dibattito, Biblioteca del Dipartimento Istituto Italiano di Studi Orientali, Via Principe Amedeo 182/b.
11.12 Conferenza del monaco taoista Yuan Limin ( ) Principi Taoisti Relativi alla Coltivazione Interiore (Neiye), Aula 1, Dipartimento Istituto Italiano di Studi Orientali, Via Principe Amedeo 182/b.
2016
20.02 Conferenza del Roshi Gensh H zumi ( , 83° patriarca della scuola Rinzai del buddismo Zen) Hannya Shingyo: il Sutra del Cuore, Aula 3, Dipartimento Istituto Italiano di Studi Orientali, Via Principe Amedeo 182/b.
22.3 Università degli Studi di Napoli L Orientale , Centro di Studi sul Buddhismo, Aula T6 (Palazzo Corigliano) S. Domenico Maggiore12, Napoli.
Conferenza individuale dal titolo Il Tibet e le sue Arti Divinatorie: Principi Semantici, Liturgie, Prassi.
13.05 Workshop conclusivo del Progetto Piccolo di Ateneo 2015 (C26A14PJFH, PI D. Rossi) Dialectics of Buddhist Metaphysics in East Asia. Tibet and Japan: An Inedited Comparison, Sala Odeion, Facoltà di Lettere e Filosofia, P.le Aldo Moro 5, Convenor.
Titolo del contributo individuale: Transcendence and Immanence. A Brief Exposition of The View (lTa ba i stong thun) from the rDzogs pa chen po Yang rtse klong chen Cycle.
26.05 Shang Shung Institure UK, conferenza individuale dal titolo Divination in Tibet A Phenomenological Overview, Shang Shung Institute UK Ltd, 10a Chalcot Gardens, London, NW3 4YB.
19-25.06 14th Seminar of the International Association for Tibetan Studies (IATS), University of Bergen, Norway, Convenor of Panel n. 27 Tibetan Divination .
Titolo del contributo individuale: Identifying the Magical Intrigues of the Lords of the World: the Oneiromancy of the gSal byed byang bu.
17.09 Macro - Museo d Arte Contemporanea di Roma, Convegno Le Porte del Sogno, Via Nizza 138.
Titolo del contributo individuale: La Tradizione Mantica nella Religione Bon del Tibet.
04.10 Università degli Studi di Perugia, Dipartimento di Filosofia, Scienze Sociali, Umane e della Formazione, Convegno Tibet: Aspetti delle Tradizioni Culturali, Artistiche e Religiose, Palazzo Florenzi, Aula Tesi, Piazza Ermini 1, Perugia.
Titolo del contributo individuale Assiologia, Simbolismo e Mito nella Mappa Cognitiva del Bon dei Nove Veicoli.
2017
12-15.09 I Convegno Fondativo della Associazione Italiana di Studi Tibetani Himalayani e Mongoli (AISTHiM), Scuola di Procida per l Alta Formazione, Via Borgo, Procida (Napoli).
Titolo del contributo individuale: Riflessioni Ermeneutiche su un Testo Bonpo di Oniromanzia.
2018
13.06 Presentazione del Volume Fili di Seta. Introduzione al pensiero filosofico e religioso dell Asia, D. Rossi (a cura di) e AA VV, Ubaldini Editore - Roma, patrocinata dall Istituto Confucio, Aula Magna, Dipartimento Istituto Italiano di Studi Orientali, Plesso Marco Polo, Circ.ne Tiburtina, 4.
17.10 Conferenza congiunta del Prof. Per Kværne, Emeritus, University of Oslo, e della Dr.ssa Pema Choedon, University of Tartu, Estonia dal titolo Tibet and its Literary Legacy, Aula Magna, Dipartimento Istituto Italiano di Studi Orientali, Plesso Marco Polo, Circ.ne Tiburtina, 4.
24.10 Ven. Lama Shar Khentrul Rinpoche Jamphel Lodrö The Notion of Emptiness according to the Tibetan Buddhist Jonangpa School, Aula Magna, Dipartimento Istituto Italiano di Studi Orientali, Plesso Marco Polo, Circ.ne Tiburtina, 4.
2019
07-13.07 15th Seminar of the International Association for Tibetan Studies (IATS), National Institute of Asian Languages and Civilizations (INALCO), Paris.
Titolo del contributo individuale: A translation of Pelliot Tibétain 1047. Presentation and Hermeneutical Remarks.
2021
07-09.07 II Convegno della Associazione Italiana di Studi Tibetani Himalayani e Mongoli (AISTHiM), Comitato Scientifico-Organizzativo: D. Rossi, D. Antonucci, M. Clemente, M. Matta, D. Torri, Aula Magna, Dipartimento Istituto Italiano di Studi Orientali, Plesso Marco Polo, Circ.ne Tiburtina, 4.
Titolo del contributo individuale: Consolidating the Practice of bodhicitta in an Epoch of Historical and Religious Transitions. The Byang chub bsgrub pa i thabs tshigs su bcad pa sum brgya nyi shu pa i sa bcad Preserved in the Bonpo Collection of the Giuseppe Tucci Tibetan Fund.
2022
11-13.03 Convegno Internazionale Dharma Today. Volti del Buddhismo Contemporaneo, organizzato dall Unione Buddhista Italiana (UBI) con il patrocinio dell Università Ca Foscari Venezia, del Dipartimento FISPPA dell Università di Padova e della Regione Veneto; Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, Palazzo Franchetti, San Marco.
Titolo del contributo individuale: Da Kongpo a San Francisco: che cos è il Bon oggi? Riflessioni etico-diacroniche.
07.06 Conferenza del Ven. Ponlop Trinley Nyima Rinpoche, Visiting Professor e Direttore della Dialectic School del New Menri Monastery (Dolanji, HP, India) dal titolo Introduction to the Cosmological and Soteriological View of the Tibetan Bön Religion on Fate and Immortality: An Emic Presentation, nell ambito del Progetto Medio di Ateneo 2019 (RM11916B45F8FE71, PI Donatella Rossi), Fate and Immortality in Asia. A Cross-cultural Perspective, Aula Magna, Dipartimento Istituto Italiano di Studi Orientali, Plesso Marco Polo, Circ.ne Tiburtina, 4.
07.09 Workshop conclusivo del Progetto Medio di Ateneo 2019 (RM11916B45F8FE71, PI Donatella Rossi), Convenor, Fate and Immortality in Asia. A Cross-cultural Perspective, Aula 203, Dipartimento Istituto Italiano di Studi Orientali, Plesso Marco Polo, Circ.ne Tiburtina, 4.
Titolo del contributo individuale: Today as Yesterday: Tibetan Eschatology in a Fourteenth-Century Bon-po Prophecy.
2023
31.03 Dottorato di Ricerca in Civiltà dell Asia e dell Africa, Convenor, Thematic Seminar on Fate and Immortality in Asia: A Cross-cultural Perspective. Focus on Tibet and the Himalayan Regions , Sala Riunioni 1, Dipartimento Istituto Italiano di Studi Orientali, Plesso Marco Polo, Circ.ne Tiburtina, 3 Speakers: 1. Prof. Charles Ramble, Directeur d études, École Pratique des Hautes Études, Section Sciences Historiques et Philologiques, Chaire, Histoire et philologie tibétaines, Paris: The Concept of a Temporary Afterlife in Tibetan and Himalayan Religions; 2. Prof. Daniel Berounský, Institute of South and Central Asia, Charles University, Prague: An overview of Tibetan Funeral Rituals and the Tibetan Version of the Scripture on the Ten Kings; 3. Prof. Per Kværne, Emeritus, Department of Cultural Studies and Oriental Languages, University of Oslo: Concepts of Fate and Immortality in a Period of Cultural Transition: the Genesis of the Bön Religion in post-Imperial Tibet.
28.04 Attività didattica curriculare, Dottorato di Ricerca in Civiltà dell Asia e dell Africa, Curriculum Asia Orientale, Sala Riunioni 1, Dipartimento Istituto Italiano di Studi Orientali, Plesso Marco Polo, Circ.ne Tiburtina, 4.
Speaker: Prof. Flavio A. Geisshuesler, Hebrew University of Jerusalem, From Southern Italy to Tibet: Ernesto de Martino and the Multidisciplinary Study of Religious Practice.
24.05 Mostra Calligrafica nell ambito del Progetto Medio di Ateneo 2019 (RM11916B45F8FE71, PI Donatella Rossi), Fate and Immortality in Asia. A Cross-cultural Perspective, Biblioteca del Dipartimento Istituto Italiano di Studi Orientali, Sala Coreana, Plesso Marco Polo, Circ.ne Tiburtina, 7 Partecipanti: 1. Bengal, Prof.ssa Sanjukta Dasgupta (PA DISO); 2. India, Dr.ssa Anju Kumari (CEL DISO); 3. Cina, Dr.ssa Peipei Tang, (Hunan University); 4. Giappone, Dr. Tsuruno Shohei (Associazione Culturale Kanyukai); 5. Paesi Arabi, Dr.ssa Rita Barigelli (Artista Indipendente); 6. Persia, Dr.ssa Fereshteh Rezaeifar (Artista Indipendente); 7. Tibet, Dr. Nyima Dhondup (Artista Indipendente).

VISITING PROFESSORSHIPS (Incoming)
2019 Prof.ssa Lara Maconi, Chargée de cours, INALCO, Chercheuse associée, CRCAO-CNRS. Categoria di Soggiorno A (30 gg. - Didattica). Ciclo di lezioni e conferenze per il Corso di Lingue e Civiltà Orientali (L-11), Insegnamento di Lingua e Cultura Tibetana 1 (L-OR/18), AA 2018-2019, Secondo Semestre, incentrato sul tema dei Viaggi letterari, pratiche trans-linguistiche e appropriazioni culturali sino-tibetane in epoca moderna e contemporanea.
2020 Prof. Fabrizio Pregadio, Research Associate, International Consortium for Research in the Humanities (IKGF), Università di Erlangen-Norimberga. Categoria di Soggiorno A (30 gg. - Didattica). Ciclo di lezioni e conferenze per il Corso di Lingue e Civiltà Orientali (L-11), Insegnamento di Religioni e Filosofie dell Asia Orientale (L-OR/20), AA 2020-2021, Primo Semestre, incentrato sul tema della Storia ed Evoluzione del Pensiero Filosofico Taoista in Cina (online).
2022 Ven. Ponlop Trinley Nyima Rinpoche, Direttore della Dialectic School del New Menri Monastery (Dolanji, HP, India). Categoria di Soggiorno A (30 gg. Ricerca, Maggio 2022) nell ambito del Progetto Medio di Ateneo 2019 (RM11916B45F8FE71, PI Donatella Rossi), Fate and Immortality in Asia. A Cross-cultural Perspective, focalizzata sullo studio di testi Bon di riferimento del Fondo Tibetano G. Tucci, BNCR.
2023 (27 agosto 27 settembre). Ven. Ponlop Trinley Nyima Rinpoche, Direttore della Dialectic School del New Menri Monastery (Dolanji, HP, India) e Ven. Tsewang Rigzin Chaphur, Teacher Assistant, Dialectic School, New Menri Monastery (Dolanji, HP, India), nell ambito del Progetto SEED (SP1221848530B658), Tibetan Bonpo Textual Treasures Preserved at the Central National Library of Rome: A (Re-) Discovery (TiBTreaD), focalizzata su catalogazione ragionata e analisi ermeneutica dei testi di Atiyoga (Tib. rDzogs chen) individuati nel Fondo Tibetano G. Tucci.
2023 (In corso di valutazione). Prof. Daniel Preston Martin, The Hebrew University of Jerusalem. Categoria di Soggiorno A (30 gg. Ricerca, Maggio 2024) nell ambito del Progetto SEED (SP1221848530B658), Tibetan Bonpo Textual Treasures Preserved at the Central National Library of Rome: A (Re-) Discovery (TiBTreaD)

Affiliazioni Dipartimento Istituto Italiano di Studi Orientali (ISO - Sapienza Università di Roma, Facoltà di Lettere e Filosofia)

Consiglio di Area Didattica Dipartimento Istituto Italiano di Studi Orientali (ISO - Sapienza Università di Roma, Facoltà di Lettere e Filosofia)
Collegio di Dottorato in Culture e Civiltà dell Asia e dell Africa, Dipartimento Istituto Italiano di Studi Orientali ( Sapienza Università di Roma)
Consulta Universitaria per gli Studi su Asia e Africa (Consiglio universitario per gli studi sull Asia e l Africa, CUSTAA)
Rivista degli Studi Orientali (RSO), membro del Comitato editoriale
Memberships Associazione Internazionale di Studi sul Mediterraneo e l Oriente (ISMEO)
Associazione Italiana di Studi Tibetani, Himalayani e Mongoli (AISTHiM)
Membro onorario Ligmincha Ass. for the Preservation of the Tibetan Bon Tradition
International Association for Tibetan Studies (IATS)
Membro Fondatore, International Society for the Critical Study of Divination, (fondata nel 2016 presso The International Consortium for Research in the Humanities Fate, Freedom and Prognostication , IKGF, Erlangen, Germania

PUBBLICAZIONI
Curatele in corso Fate and Immortality in Asia. A Cross-cultural Perspective. Contributi al workshop conclusivo dell omonimo Progetto Medio di Ateneo 2019 (RM11916B45F8FE71, PI Donatella Rossi), Sapienza 7 Settembre 2022. Serie Orientale Roma, ISMEO.

Traditions, Translations, Transitions in the Cultural History of Tibet, the Himalayas and Mongolia. Atti del II Convegno della Associazione Italiana di Studi Tibetani Himalayani e Mongoli (AISTHiM), Sapienza 7-9 Luglio 2021. Serie Orientale Roma, ISMEO.
Articoli in prep. Consolidating the Practice of bodhicitta in an Epoch of Historical and Religious Transitions. The Byang chub bsgrub pa i thabs tshigs su bcad pa sum brgya nyi shu pa i sa bcad Preserved in the Bonpo Collection of the Giuseppe Tucci Tibetan Fund. In D. Rossi (chief editor), D. Antonucci, M. Clemente, M. Matta, D. Torri (eds.), Traditions, Translations, Transitions in the Cultural History of Tibet, the Himalayas and Mongolia. Atti del II Convegno della Associazione Italiana di Studi Tibetani Himalayani e Mongoli (AISTHiM), Sapienza 7-9 Luglio 2021. Serie Orientale Roma, ISMEO.

Today as Yesterday: Tibetan Eschatology in a Fourteenth-Century Bon-po Prophecy. In D. Rossi (ed.), Fate and Immortality in Asia. A Cross-cultural Perspective. Contributi al workshop conclusivo dell omonimo Progetto Medio di Ateneo 2019 (RM11916B45F8FE71, PI Donatella Rossi), Sapienza 7 Settembre 2022. Serie Orientale Roma, ISMEO.
In corso di stampa From Explorers to Codicologists. A Note on Past Highlights and the State-of-the-Art of Tibetological Studies at Sapienza. Contributo al volume collettaneo prodotto per il Progetto Grande di Ateneo 2020 (RG120172B720ABAA, PI Bruno Lo Turco) The Oriental School of Rome: History, Figures, Cultural Scene, Manuscript and Book Collections, B. Lo Turco, A. Crisanti e V. Bella Lanza (eds.), Rivista degli Studi Orientali, Nuova Serie, Vol. 96.2 (2023).
Monografie
2013. Corso di Lingua Tibetana Moderna per Italiani (Modern Tibetan Language Course for Italians). Milan: Casa Editrice Libraria Ulrico Hoepli. ISBN: 9788820357023
2003. A Catalogue of the Bon Kanjur. D. Martin, P. Kværne, and Y. Nagano (eds.). Osaka: Senri Ethnological Reports 40, Bon Studies 8, National Museum of Ethnology.
1999. The Philosophical View of the Great Perfection in the Tibetan Bon Religion. Ithaca, New York: Snow Lion Publications.
Traduzioni
2015. The Light of Kailash. A History of Zhang Zhung and Tibet. Volume Three, The Later Period, by Namkhai Norbu. Translated from the Tibetan and edited by Donatella Rossi. Arcidosso (GR): Shang Shung Publications, 362 pp. ISBN: 9788878341456
2013. The Light of Kailash. A History of Zhang Zhung and Tibet. Volume Two, The Intermediate Period, by Namkhai Norbu. Translated from the Tibetan and edited by Donatella Rossi. Arcidosso (GR): Shang Shung Publications, 305 pp. ISBN: 9788878341302
2009. The Light of Kailash. A History of Zhang Zhung and Tibet. Volume One, The Early Period, by Namkhai Norbu. Translated from the Tibetan and edited by Donatella Rossi. Arcidosso (GR): Shang Shung Publications, 261 pp. ISBN: 9788878341036
Curatele 2020. Glimpses of Tibetan Divination. Past and Present. P. Maurer, D. Rossi, and R. Scheuermann, (eds.). Leiden: Brill, 218 pp. ISBN: 9789004407374
2018. Dialectics of Buddhist Metaphysics in East Asia. Tibet and Japan: An Inedited Comparison. Proceedings of an interdisciplinary workshop held at Sapienza University of Rome. Supplemento N. 1 alla Rivista degli Studi Orientali (RSO), Nuova Serie, Vol. XCI. ISSN: 0392-4866
2018. Fili di Seta. Introduzione al Pensiero Filosofico-Religioso dell Asia, D. Rossi (a cura di) e AA VV. Roma: Astrolabio Ubaldini Editore, 736 pp. ISBN: 978-88-340-1747-0
Prefazioni e
Introduzioni 2020. Preface . In Glimpses of Tibetan Divination. Past and Present, P. Maurer, D. Rossi, and R. Scheuermann (eds.). Leiden: Brill, pp. xxii-xxiv. ISBN: 9789004407374
2018a. Foreword . In: D. Rossi (ed.), Dialectics of Buddhist Metaphysics in East Asia. Tibet and Japan: An Inedited Comparison. Proceedings of an interdisciplinary workshop held at Sapienza University of Rome. Supplemento N. 1 alla Rivista degli Studi Orientali (RSO), Nuova Serie, Vol. XCI, pp. 9-11. ISSN: 0392-4866
2018b. Prefazione . In D. Rossi (a cura di) e AA VV, Fili di Seta. Introduzione al Pensiero Filosofico e Religioso dell'Asia. Roma: Ubaldini Editore, pp. 7-12. ISBN: 978-8834017470
Articoli 2020. Identifying the Magical Displays of the Lords of the World: The Oneiromancy of the gSal byed Byang bu. In Glimpses of Tibetan Divination. Past and Present, P. Maurer, D. Rossi, and R. Scheuermann (eds.). Leiden: Brill, pp. 136-160. ISBN: 9789004407374
2019a. The Don gsum (Three Teachings) of Lady Coza Bonmo. A Bonpo gTerma from the G. Tucci Tibetan Fund. Part Two. In Perspectives on Tibetan Culture, A Small Garland of Forget-me-nots Offered to Elena De Rossi Filibeck, M. Clemente, O. Nalesini, and F. Venturi (eds.), Revue d Etudes Tibétaines, numéro cinquante-et-un Juillet 2019, pp. 301-321. ISSN: 1768-2959
2019b. Mi am-ci: Exploring the Strange and the Wondrous in the Land of Snows. In Wind Horses. Tibetan. Himalayan and Mongolian Studies. Proceedings of the Founding Conference of the Italian Association of Tibetan, Himalayan, and Mongolian Studies (AISTHiM), Procida, Sept. 2017, A. Drocco, L. Galli, C. Letizia, G. Orofino, and C. Simioli (eds.), Studi Asiatici Serie Minor, Vol. LXXXVIII, pp. 443-454. ISBN: 978-88-6719-175-8
2018a. Transcendence and immanence. A Brief Exposition of the View (lTa ba i stong thun) from the rDzogs pa chen po Yang rtse klong chen Cycle . In D. Rossi (ed.), Dialectics of Buddhist Metaphysics in East Asia. Tibet and Japan: An Inedited Comparison. Proceedings of an interdisciplinary workshop held at Sapienza University of Rome. Supplemento N° 1 alla Rivista degli Studi Orientali (RSO), Nuova Serie, Vol. XCI, pp. 91-110. ISSN: 0392-4866
2018b. Faith or Fate? The Path towards Immortality according to the Tantric Traditions of Tibet. In Micrologus. Nature, Science and Medieval Societies XXVI Longevity and Immortality. Europe Islam Asia , A. Paravicini Bagliani (ed.), pp. 27-46. ISSN: 1123-2560
2016a. The Three Teachings (Don gsum) of Lady Co za Bon mo. A Bon po gter ma from the G. Tucci Tibetan Fund (Part One). In Studies in Honour of Luciano Petech. A Commemoration Volume, 1914-2014, E. De Rossi Filibeck, M. Clemente, G. Milanetti, O. Nalesini and F. Venturi (eds.). Rivista degli Studi Orientali (RSO), Nuova Serie, Vol. LXXXIX, Supplement Nr. 1, pp. 155-163. ISSN: 0392-4866
2016b. The Yid ches lung gi sgron ma [The Lamp of the Truthful Transmission]. A Bonpo Rediscovered Text from the rDzogs pa Chen po Yang rtse klong chen Cycle. In Sharro. Festschrift for Chögyal Namkhai Norbu, D. Rossi and C. J. Oliphant of Rossie (eds.). Schongau (CH): Garuda Verlag, pp. .200-212. ISBN: 978-3906139234
2015. Alcune Riflessioni sull Interrelazione fra la Semantica e la Divinazione. In From Bhakti to Bon. Festschrift for Per Kværne, Vol. 1, H. Havnevik and C. Ramble (eds.). Oslo: Novus Press, pp. 449-62. ISBN:9788270998173
2014. The Light of Kailash. A History of Zhang Zhung and Tibet: An Overview and some Reflections about Chögyal Namkhai Norbu s Trilogy. Humanía del Sur, Journal of Latin American, African and Asian Studies of the School of Humanities and Education at the University of Los Andes in Merida, Venezuela, Center of Studies of Africa and Asia (CEAA) José Manuel Briceño Monzillo , Vol. 17, pp. 99-112. ISSN: 1856-6812
2012a. A preliminary note on the mandalas of the Bonpo tradition. In Tibetan Art between Past and Present: Studies dedicated to Luciano Petech, Proceedings of the Conference held in Rome on the 3rd November 2010, E. De Rossi Filibeck (ed.). Rivista degli Studi Orientali (RSO), Vol. 84, pp. 83-91. ISSN: 0392-4866
2012b. Bod/Tibet: sfide alla costituzione di un'identità. In L'identità nazionale nel XXI secolo in Cina, Giappone, Corea, Tibet e Taiwan, M. Miranda (ed.), Sapienza Università di Roma, Dipartimento Istituto di Studi Orientali - Iso, Dottorato di Ricerca in Civiltà, Culture e Società dell'Asia e dell'Africa, Curriculum Asia Orientale. Roma: Libreria Editrice Orientalia, pp. 69-77. ISBN: 978-8896851036
2009a. A Brief Note on the Bon po Texts of the Giuseppe Tucci Fund Preserved at the Library of IsIAO. In Bon: the Everlasting Religion of Tibet. Tibetan Studies in Honour of Professor David L. Snellgrove, S. G. Karmay & D. Rossi (eds.), EAST AND WEST Volume 59, Nos. 1-4, pp. 337-345. ISSN: 0012-8376
2009b. L Iconoclasta Gendün Chömphel (1905-1951) e il suo Kamasutra , Atti del Convegno Passioni ed Emozioni in India e in Tibet, Facoltà di Studi Orientali, Jannuary 27th 2007, Rome, Rivista degli Studi Orientali (RSO), Nuova Serie Volume LXXX, Fasc. 1-4, Fabrizio Serra Editore, Pisa Roma, pp. 141-147. ISSN: 0392-4866
2009c. An Introduction to the mKha gro gSang gcod teachings of Bon , EAST AND WEST Volume 58, Nos. 1-4, pp. 213-233. ISSN: 0012-8376
2008a. mKha gro dbang mo i rnam thar, The Biography of the gTer-ston-ma mKha - gro bDe-chen Chos-kyi dBang-mo (1868-1927?) , Tibetan Studies in Honour of Samten Karmay, Part II. Revue d'Etudes Tibétaines (RET), No. 15, , pp. 371-378. ISSN: 1768-2959
2008b. Sacred Female Biographies in the Bon Religion: A 20th Century gTer-ma , Rivista di Studi Sudasiatici (RiSS), Vol. III, pp. 127-143. ISSN: 1970-951X
2007a. Holy Mountains and Saint Immortals in the Bon Tradition: A Preliminary Survey of The History of Chang-cha-dur , Rivista degli Studi Orientali (RSO), Special Volume In Memoriam of Prof. Piero Corradini, LXXVIII, pp. 413-420.
2007b. Light of Kailash , in Tibetan Literary Arts (May 2007) Exhibition Catalogue, Marit Kranmer (ed.), Neilson Library, Smith College, Northampton (MA).
2007c. Sensualità e Buddhità: il VI Dalai Lama e i suoi canti d amore , Rivista degli Studi Orientali (RSO), Vol. LXXVIII, Suppl. no. 4, pp. 149-155.
2006. The Light of Kailash. History of Shang Shung and Tibet. , Merigar Letter, No. 3, Year II.
2004. An Overview of Tibet s Religions , Himalaya (formerly the Himalayan Research Bullettin), Volume XXIV, Number 1-2 Special Issue Tibetan Peoples and Landscapes, pp. 13-17.
2003a. Saggezza e Verità nel Buddhismo del Grande Veicolo , Hekimana na Ukweli (Wisdom and Truth), Special Number, Philosophat Edith Stein (Institute of Philosophy), Kisangani (Rép. du Congo).
2003b. An Interview with the only high Tibetan Lama living in Japan , Bukkyo Dendo Kyokai (Society for the Promotion of Buddhism) Newsletter, No. 6.
2002. The Lung rigs rin po che i mdzod blo gsal snying gyi nor by Shar-rdza bKra-shis rGyal-mtshan (1859-1934) , Proceedings of the Ninth Seminar of the International Association of Tibetan Studies, Leiden, 2000, Brill, Leiden.
2000. The Lo rgyus chen mo in the collection of the Ye khri mtha sel attributed to Dran-pa Nam-mkha , New Horizons in Bon Studies, Bon Studies 2, S.G. Karmay and Y. Nagano (eds.), Senri Ethnological Reports 15, Bon Studies 2, National Museum of Ethnology.
1998. The Monastic Lineage of sNang zhig dgon pa in Amdo rNga ba , Tibet Journal, Vol. XXIII, No. 4, Library of Tibetan Works and Archives, Dharamsala.
1994. The Nine Ways of the Bonpo Tradition: an Oral Presentation by a Contemporary Bonpo Lama , Proceedings of the Sixth Seminar of the International Association of Tibetan Studies, Fagernes, 1992, The Institute for Comparative Research in Human Culture, Oslo, Vol. 2.
1993. La Condizione Attuale degli Studi Tibetologici nella Repubblica Popolare Cinese , Mondo Cinese, n. 83, Milan.
1992. Some Notes on the Tibetan Amdo Love Songs , Proceedings of the Fifth Seminar of the International Association of Tibetan Studies, Narita, 1989, Naritasan Shinshoji, Vol. 2.
1991. Il Seminario Tibetologico nella RPC del 1991 , Mondo Cinese, n. 76, Milano.
1990. La Visita del XIV Dalai Lama in Italia , Mondo Cinese, n. 71, Milano.
1989a. I Tibetani al di fuori del Tibet Centrale: Gli Amdo del Qinghai , Mondo Cinese, n. 67, Milan.
1989b. La Morte del Decimo Panchen Lama , Mondo Cinese, n. 68, Milano.
Pubblicazioni
Multimediali 2014. Practice of Divination: The Tibetan Zhang Zhung Ju thig Divination System, DVD, ca. 39 min., created for the International Consortium for Research in the Humanities (IKGF, University of Erlangen-Nürnberg - http://www.ikgf.uni-erlangen.de/videos/documentaries/).
2006a. Khandro Sangchod. An Introduction to the Liturgies and Principles of Chöd in the Bon Tradition. Documentary Dvd, 85 min., Rome.
2006b. Buddhismo e Occidente (Buddhism and the Western World), Treccani Encyclopedia, Online Review, Section Nella Scuola , Area Scienze Umane e Sociali
(www.treccani.it/site/Scuola/nellascuola/area_scienze_umane/index.htm 17.01.2006)
Voci d Enciclopedia 2011a. La medicina cinese . In La Grande Storia, L'Antichità, Umberto Eco (ed.), Le Grandi Collane del Corriere della Sera, Vol. 02. Milano: Encyclomedia Publishers srl, pp. 517-523.
2011b. La medicina indiana . In La Grande Storia, L'Antichità, Umberto Eco (ed.), Le Grandi Collane del Corriere della Sera, Vol. 02. Milano: Encyclomedia Publishers srl, pp. 524-533.
Recensioni 2017. Erberto Lo Bue (ed.) Il Tibet fra Mito e Realta: Tibet between Myth and Reality, Rivista degli Studi Orientali (RSO), Nuova Serie, Vol. LXXXIX, pp. 112-114.
2012. Giulio Aleni (Ai Rulüe), Vita del Maestro Ricci, Xitai del Grande Occidente, G. Criveller (ed.). Brescia, Fondazione Civiltà Bresciana Centro Giulio Aleni, in Ming Qing Studies 2012, Aracne Editrice, Collana Asia Orientale, Roma, pp. 267-268. ISBN 978-88-548-5764-3
2010. Monica Esposito, L Alchimia del Soffio. La pratica della visione interiore nell alchimia taoista, Roma, Ubaldini Editore, 1997, Ming Qing Studies 2010, Roma, Scriptaweb, pp. 369-370. ISBN 978-88-638-1096-7
2004. J. Hopkins, Reflections on Reality. The Three Natures and Non-Natures in the Mind-Only School (University of California Press, 2002), Himayalan Research Bulletin, Vol. XXIV, N. 1, pp. 123-125.
2003. Marcia Binder Schmidt, ed., The Dzogchen Primer: Embracing the Spiritual Path According to the Great Perfection (Shambhala, 2002), Journal of Asian Studies, Vol. 62/3, 2003.
2002. T. T. Lewis, Popular Buddhist texts from Nepal. Narratives and Rituals of Newar Buddhism, (State University of New York Press, 2000), Himalayan Research Bulletin, Vol. XXII, 1.
2001. D.S. Lopez, Jr. ed., Religions of Tibet in Practice (Princeton University Press, 1997), International Journal of Hindu Studies, 1,1, 1997.
2001. M.C. Goldstein, The Snow Lion and the Dragon: China, Tibet and the Dalai Lama, (University of California Press, 1997), International Journal of Hindu Studies, 2,2, 1998.
1999. P. Kværne, The Bon Religion of Tibet: The Iconography of a Living Tradition (Serindia Publications, 1995), Himalayan Research Bulletin, Vol. XIX, 1.
1996. S. Lienhard e G. Boccali, Tesori della lirica classica indiana (UTET, 1994), Acta Orientalia (AO), Vol. 56.