Ritratto di mariachiara.giorgi@uniroma1.it

Le lezioni inizieranno il 4 marzo 2024

 

Storia contemporanea IA e I

Lunedì 18.00 - 20.00 (RM052 Aula XIII)

Martedì 18.00-20.00 (RM052 Aula XIII)

Venerdì 17.00-20.00 (RM052 Aula I)

 

Storia contemporanea IB

Lunedì 14.00 - 16.00 (RM052 Aula II)

Martedì' 16.00 - 18.00 (RM052 Aula XIII)

 

 

 

 

Gli appelli degli esami sono:

 

 

17 gennaio 2024

15 febbraio 2024

 

6 giugno 2024

20 giugno 2024

11 luglio 2024

12 settembre 2024

26 settembre 2024

16 gennaio 2025

 

 

Appelli straordinari

16 maggio 2024

14 novembre 2024

 

Per qualsiasi chiarimento sugli appelli di tutte le Storie moderne scrivere a 

benedetto.ligorio@uniroma1.it.

silvia.berti@uniroma1.it

 

 

Programmi di esame

Storia contemporanea I e IA (L)

esame da 12 CFU

T. Detti-G. Gozzini, Storia contemporanea. Il Novecento, Bruno Mondadori, Milano, 2002 (o edizioni successive)

E. Traverso, A ferro e fuoco. La guerra civile europea 1914-1945, Il Mulino, Bologna, 2007

P. Corner, La dittatura fascista. Consenso e controllo durante il Ventennio, Carocci, Roma, 2018

S. Lupo, A. Ventrone (a cura di), Il fascismo nella storia d’Italia, Donzelli, Roma, 2022 (Parte I e II)

M. Mazower, Le ombre dell'Europa. Democrazie e totalitarismi nel XX secolo, Garzanti, Milano, 2019 (o edizioni precedenti)

 

esame da 6 CFU

T. Detti-G. Gozzini, Storia contemporanea. Il Novecento, Bruno Mondadori, Milano, 2002 (o edizioni successive)

E. Traverso, A ferro e fuoco. La guerra civile europea 1914-1945, Il Mulino, Bologna, 2007

P. Corner, La dittatura fascista. Consenso e controllo durante il Ventennio, Carocci, Roma, 2018

S. Lupo, A. Ventrone (a cura di), Il fascismo nella storia d’Italia, Donzelli, Roma, 2022 (Parte I e II)

 

Storia contemporanea IB (LM)

6 CFU

 

Y. Kazepov-D. Carbone, Che cos’è il welfare state, Carocci, 2007

C. Saraceno, Il welfare. Tra vecchie e nuove diseguaglianze, Il Mulino 2021

C. Giorgi-I. Pavan, Storia dello Stato sociale in Italia, Il Mulino, 2021

C. Giorgi (a cura di), Welfare. Attualità e prospettive, Carocci 2022

Insegnamento Codice Anno Corso - Frequentare Bacheca
STORIA CONTEMPORANEA I B 1024818 2023/2024

Docente: Maria Chiara Giorgi

 

Titolo dell’insegnamento: STORIA CONTEMPORANEA I B

 

Livello: LM

 

CFU: 6

 

 

 

OBIETTIVI FORMATIVI

 

Italiano: Fatta salva l'acquisizione di una serie di obiettivi di fondo (conoscenza e comprensione della disciplina; capacità di applicare conoscenza e comprensione; capacità critiche e di giudizio; capacità di comunicare quanto si è appreso; capacità di proseguire lo studio in modo autonomo), il corso si propone di raggiungere più in dettaglio/più specificamente i seguenti ulteriori obiettivi: conoscenza approfondita delle tematiche oggetto del corso, dei concetti, dei metodi e degli avvenimenti affrontati; sviluppo di capacità critica; acquisizione degli strumenti necessari all’analisi storica degli argomenti trattati.

 

 

 

PREREQUISITI

 

Italiano: Conoscenza a livello di laurea triennale della storia del Novecento. Competenze nell’uso delle fonti, nelle metodologie di ricerca, conoscenza di base dei temi sociali, politici ed economici.

 

 

PROGRAMMA DELL’INSEGNAMENTO (minimo 700 caratteri, spazi inclusi)

 

Lo Stato sociale. Protagonisti, traiettorie, prospettive

 

Il tema dello Stato sociale è oggetto di una ricca letteratura interdisciplinare. Intento del corso è presentare gli itinerari storici di costruzione e consolidamento del welfare lungo il XX secolo sino ai giorni nostri, affrontando le traiettorie dei maggiori paesi europei e dell’Italia. Oggetto di specifica attenzione sarà l’intreccio di dinamiche sociali, processi politici, condizioni economiche, conflitti che hanno accompagnato la traiettoria del welfare, considerando in particolare le principali congiunture della storia italiana. La questione della salute e della sanità in Italia sarà oggetto di un approfondimento specifico, esaminando gli aspetti sociali, le politiche realizzate e il contesto internazionale.

 

 

MODALITA’ DI SVOLGIMENTO

 

Italiano: Didattica frontale e discussione seminariale dei testi e degli argomenti trattati

 

Inglese: Frontal lessons and seminar discussions of the texts and the issues treated in the course.

 

 

Frequenza:

La frequenza è raccomandabile.

 

 

 

 

MODALITA’ DI VALUTAZIONE

 

 

Italiano: L’esame sarà costituito da una verifica finale orale. Per superare la prova, lo studente/la studentessa dovrà dimostrare di: 1. conoscere approfonditamente il contenuto dei testi in programma; 2. saperlo restituire in modo chiaro e corretto; 3. saper individuare gli snodi teorici più rilevanti e saperli discutere criticamente; 4. sapersi orientare autonomamente nella letteratura secondaria e saperla discutere criticamente

 

 

 

TESTI ADOTTATI E BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO

 

Testi adottati

 

Y. Kazepov-D. Carbone, Che cos’è il welfare state, Carocci, 2007

C. Saraceno, Il welfare. Tra vecchie e nuove diseguaglianze, Il Mulino 2021

C. Giorgi-I. Pavan, Storia dello Stato sociale in Italia, Il Mulino, 2021

C. Giorgi (a cura di), Welfare. Attualità e prospettive, Carocci 2022

 

 

STORIA CONTEMPORANEA I 1022728 2023/2024

Docente: Maria Chiara Giorgi

 

Titolo dell’insegnamento: STORIA CONTEMPORANEA I

 

Livello: L

 

CFU: 12

 

 

 

 

OBIETTIVI FORMATIVI

 

Italiano: Fatta salva l'acquisizione di una serie di obiettivi di fondo (conoscenza e comprensione della disciplina; capacità di applicare conoscenza e comprensione; capacità critiche e di giudizio; capacità di comunicare quanto si è appreso; capacità di proseguire lo studio in modo autonomo), il corso si propone di raggiungere più in dettaglio/più specificamente i seguenti ulteriori obiettivi: conoscenza degli avvenimenti e delle questioni storiche principali che hanno segnato la storia del Novecento, approfondimento dei nodi problematici che hanno interrogato la storiografia classica e più recente, trattazione specifica delle vicende relative alla storia del fascismo.

 

Inglese: Given for granted some basic and indispensable goals (knowledge and understanding in the field of studies; ability to apply knowledge and understanding; capability of critical analysis; communication skills on that which has been learned; capacity to undertake further studies with some autonomy), the course intends to attain the following specific objectives: knowledge of XX century events and history, understanding of the key issues of historical research on this period, specific investigation of the history of Fascism in Italy and Europe.

 

PREREQUISITI

 

Italiano: Conoscenza manualistica delle linee generali della storia contemporanea, con competenze a livello di scuola secondaria su concetti, metodologia ed eventi della storia contemporanea.

 

Inglese: basic knowledge of contemporary history, with competences at the secondary school level of historical concepts, methods and events.

 

 

 

PROGRAMMA DELL’INSEGNAMENTO (minimo 700 caratteri, spazi inclusi)

 

Il Novecento. Fascismo e democrazia in Italia e Europa

 

Il corso intende fornire una conoscenza degli avvenimenti e delle questioni caratterizzanti il XX secolo, passando in rassegna le principali interpretazioni storiche. In particolare, il corso si sofferma sul periodo compreso tra le due guerre mondiali, affrontando le origini e il consolidamento del fascismo come fenomeno europeo. Verranno indagati i fondamenti teorici, le basi economiche e sociali dell’emergere dei fascismi, l’esperienza di governo e le politiche realizzate in più ambiti, con particolare riferimento al contesto italiano. Il corso esaminerà inoltre il conflitto tra fascismo e democrazia e l’affermarsi di sistemi democratici in Europa e Italia in particolare. Saranno esaminate le dinamiche politiche, istituzionali, economiche e sociali che hanno caratterizzato tali processi, rintracciando le linee di continuità e di rottura che hanno segnato la storia del secondo dopoguerra.

 

The Twentieth Century. Fascism and Democracy in Italy and Europe

 

The course aims to provide an understanding of the key events and issues characterizing the 20th

century by reviewing the main historical interpretations. In particular, the course focuses on the

period between the two world wars, addressing the origins and consolidation of fascism as a

European phenomenon. The theoretical foundations, the economic and social bases of the

emergence of fascisms, the experience of government and the policies implemented in several

areas will be investigated, with particular reference to the Italian context. The course will also

examine the conflict between fascism and democracy and the emergence of democratic systems in

Europe and Italy in particular. The political, institutional, economic and social dynamics that

characterized these processes will be examined, tracing the lines of continuity and rupture that

marked post-World War II history.

 

 

MODALITA’ DI SVOLGIMENTO

 

Italiano: Didattica frontale e discussione seminariale dei testi e degli argomenti trattati.

 

 

Inglese: Frontal lessons and seminar discussions of the texts and the issues treated in the course.

 

 

Frequenza:

La frequenza è raccomandabile.

 

Attending the course is highly recommended.

 

 

 

MODALITA’ DI VALUTAZIONE

 

 

Italiano: L’esame sarà costituito da una verifica finale orale. Per superare la prova, lo studente/la studentessa dovrà dimostrare di: 1. conoscere approfonditamente il contenuto dei testi in programma; 2. saperlo restituire in modo chiaro e corretto; 3. saper individuare gli snodi teorici più rilevanti e saperli discutere criticamente; 4. sapersi orientare autonomamente nella letteratura secondaria e saperla discutere criticamente

 

 

 

Inglese: oral examination. The oral examination will focus on text to be studied. Students must show: 1. In-depth knowledge of the content of the texts; 2. Ability to communicate it in an appropriate way; 3. Ability to grasp the main issues and to discuss them critically; 4. Ability to find his/her way in the bibliography and to discuss it.

 

 

TESTI ADOTTATI E BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO

 

Testi adottati

esame da 12 CFU

T. Detti-G. Gozzini, Storia contemporanea. Il Novecento, Bruno Mondadori, Milano, 2002 (o edizioni successive)

E. Traverso, A ferro e fuoco. La guerra civile europea 1914-1945, Il Mulino, Bologna, 2007

P. Corner, La dittatura fascista. Consenso e controllo durante il Ventennio, Carocci, Roma, 2018

S. Lupo, A. Ventrone (a cura di), Il fascismo nella storia d’Italia, Donzelli, Roma, 2022 (Parte I e II)

M. Mazower, Le ombre dell'Europa. Democrazie e totalitarismi nel XX secolo, Garzanti, Milano, 2019 (o edizioni precedenti)

 

 

Bibliografia di riferimento

 

E. Collotti, Fascismo, fascismi, Sansoni, Firenze, 1989

G. Melis, La macchina imperfetta. Immagine e realtà dello Stato fascista, Il Mulino, Bologna, 2018

P. Corner, Italia fascista. Politica e opinione popolare sotto la dittatura, Carocci, Roma, 2015

E. Gentile, Fascismo. Storia e interpretazione, Laterza, Roma-Bari, 2002

 

 

 

 

STORIA CONTEMPORANEA I A 1024817 2023/2024

Docente: Maria Chiara Giorgi

 

Titolo dell’insegnamento: STORIA CONTEMPORANEA IA

 

Livello: L

 

CFU: 6

 

 

 

OBIETTIVI FORMATIVI

 

Italiano: Fatta salva l'acquisizione di una serie di obiettivi di fondo (conoscenza e comprensione della disciplina; capacità di applicare conoscenza e comprensione; capacità critiche e di giudizio; capacità di comunicare quanto si è appreso; capacità di proseguire lo studio in modo autonomo), il corso si propone di raggiungere più in dettaglio/più specificamente i seguenti ulteriori obiettivi: conoscenza degli avvenimenti e delle questioni storiche principali che hanno segnato la storia del Novecento, approfondimento dei nodi problematici che hanno interrogato la storiografia classica e più recente, trattazione specifica delle vicende relative alla storia del fascismo.

 

Inglese: Given for granted some basic and indispensable goals (knowledge and understanding in the field of studies; ability to apply knowledge and understanding; capability of critical analysis; communication skills on that which has been learned; capacity to undertake further studies with some autonomy), the course intends to attain the following specific objectives: knowledge of XX century events and history, understanding of the key issues of historical research on this period, specific investigation of the history of Fascism in Italy and Europe.

 

PREREQUISITI

 

Italiano: Conoscenza manualistica delle linee generali della storia contemporanea, con competenze a livello di scuola secondaria su concetti, metodologia ed eventi della storia contemporanea.

 

Inglese: basic knowledge of contemporary history, with competences at the secondary school level of historical concepts, methods and events.

 

 

 

PROGRAMMA DELL’INSEGNAMENTO (minimo 700 caratteri, spazi inclusi)

 

Il Novecento. Fascismo e democrazia in Italia e Europa

 

Il corso intende fornire una conoscenza degli avvenimenti e delle questioni caratterizzanti il XX secolo, passando in rassegna le principali interpretazioni storiche. In particolare, il corso si sofferma sul periodo compreso tra le due guerre mondiali, affrontando le origini e il consolidamento del fascismo come fenomeno europeo. Verranno indagati i fondamenti teorici, le basi economiche e sociali dell’emergere dei fascismi, l’esperienza di governo e le politiche realizzate in più ambiti, con particolare riferimento al contesto italiano. Il corso esaminerà inoltre il conflitto tra fascismo e democrazia e l’affermarsi di sistemi democratici in Europa e Italia in particolare. Saranno esaminate le dinamiche politiche, istituzionali, economiche e sociali che hanno caratterizzato tali processi, rintracciando le linee di continuità e di rottura che hanno segnato la storia del secondo dopoguerra.

 

The Twentieth Century. Fascism and Democracy in Italy and Europe

 

The course aims to provide an understanding of the key events and issues characterizing the 20th

century by reviewing the main historical interpretations. In particular, the course focuses on the

period between the two world wars, addressing the origins and consolidation of fascism as a

European phenomenon. The theoretical foundations, the economic and social bases of the

emergence of fascisms, the experience of government and the policies implemented in several

areas will be investigated, with particular reference to the Italian context. The course will also

examine the conflict between fascism and democracy and the emergence of democratic systems in

Europe and Italy in particular. The political, institutional, economic and social dynamics that

characterized these processes will be examined, tracing the lines of continuity and rupture that

marked post-World War II history.

 

 

MODALITA’ DI SVOLGIMENTO

 

Italiano: Didattica frontale e discussione seminariale dei testi e degli argomenti trattati.

 

 

Inglese: Frontal lessons and seminar discussions of the texts and the issues treated in the course.

 

 

Frequenza:

La frequenza è raccomandabile.

 

Attending the course is highly recommended.

 

 

 

MODALITA’ DI VALUTAZIONE

 

 

Italiano: L’esame sarà costituito da una verifica finale orale. Per superare la prova, lo studente/la studentessa dovrà dimostrare di: 1. conoscere approfonditamente il contenuto dei testi in programma; 2. saperlo restituire in modo chiaro e corretto; 3. saper individuare gli snodi teorici più rilevanti e saperli discutere criticamente; 4. sapersi orientare autonomamente nella letteratura secondaria e saperla discutere criticamente

 

 

 

Inglese: oral examination. The oral examination will focus on text to be studied. Students must show: 1. In-depth knowledge of the content of the texts; 2. Ability to communicate it in an appropriate way; 3. Ability to grasp the main issues and to discuss them critically; 4. Ability to find his/her way in the bibliography and to discuss it.

 

 

TESTI ADOTTATI E BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO

 

Testi adottati

 

esame da 6 CFU

T. Detti-G. Gozzini, Storia contemporanea. Il Novecento, Bruno Mondadori, Milano, 2002 (o edizioni successive)

E. Traverso, A ferro e fuoco. La guerra civile europea 1914-1945, Il Mulino, Bologna, 2007

P. Corner, La dittatura fascista. Consenso e controllo durante il Ventennio, Carocci, Roma, 2018

S. Lupo, A. Ventrone (a cura di), Il fascismo nella storia d’Italia, Donzelli, Roma, 2022 (Parte I e II)

 

 

Bibliografia di riferimento

 

E. Collotti, Fascismo, fascismi, Sansoni, Firenze, 1989

G. Melis, La macchina imperfetta. Immagine e realtà dello Stato fascista, Il Mulino, Bologna, 2018

P. Corner, Italia fascista. Politica e opinione popolare sotto la dittatura, Carocci, Roma, 2015

E. Gentile, Fascismo. Storia e interpretazione, Laterza, Roma-Bari, 2002

 

 

 

 

STORIA MODERNA I.II 1025388 2022/2023
STORIA MODERNA 1023477 2022/2023
STORIA CONTEMPORANEA I A 1024817 2022/2023

 

Titolo dell’insegnamento: STORIA CONTEMPORANEA I A

 

Livello: L

 

CFU: 6

 

 

 

OBIETTIVI FORMATIVI

 

Italiano: Fatta salva l'acquisizione di una serie di obiettivi di fondo (conoscenza e comprensione della disciplina; capacità di applicare conoscenza e comprensione; capacità critiche e di giudizio; capacità di comunicare quanto si è appreso; capacità di proseguire lo studio in modo autonomo), il corso si propone di raggiungere più in dettaglio/più specificamente i seguenti ulteriori obiettivi: conoscenza degli avvenimenti e delle questioni storiche principali che hanno segnato la storia del Novecento, approfondimento dei nodi problematici che hanno interrogato la storiografia classica e più recente, trattazione specifica delle vicende relative alla storia del fascismo.

 

Inglese: Given for granted some basic and indispensable goals (knowledge and understanding in the field of studies; ability to apply knowledge and understanding; capability of critical analysis; communication skills on that which has been learned; capacity to undertake further studies with some autonomy), the course intends to attain the following specific objectives: knowledge of XX century events and history, understanding of the key issues of historical research on this period, specific investigation of the history of Fascism in Italy and Europe.

 

PREREQUISITI

 

Italiano: Conoscenza manualistica delle linee generali della storia contemporanea, con competenze a livello di scuola secondaria su concetti, metodologia ed eventi della storia contemporanea.

 

Inglese: basic knowledge of contemporary history, with competences at the secondary school level of historical concepts, methods and events.

 

 

 

PROGRAMMA DELL’INSEGNAMENTO (minimo 700 caratteri, spazi inclusi)

 

Fascismo e fascismi nella storia europea del Novecento

 

Il corso intende fornire una conoscenza degli avvenimenti e delle questioni caratterizzanti il XX secolo, passando in rassegna alcune delle sue principali interpretazioni storiche. In particolare, il corso si sofferma sul periodo compreso tra le due guerre mondiali, affrontando il tema delle origini, del consolidamento e della caduta del fascismo come fenomeno europeo. Verranno indagati i fondamenti teorici, le basi economiche e sociali dell’emergere del fascismo, l’esperienza di governo e le politiche realizzate in più ambiti, con particolare riferimento al contesto italiano.

 

Fascism/fascisms in the history of twentieth century Europe

 

The course addresses key events and issues of twentieth century history, building on a review of major interpretations. In particular, the course focuses on the period defined by the two world wars, the origins, consolidation and fall of fascisms as a European phenomenon. The theoretical foundations, the economic and social bases of the emergence of fascism, the experience of government and the policies implemented in several areas will be investigated, with particular reference to the Italian context.

 

 

 

MODALITA’ DI SVOLGIMENTO

 

Italiano: Didattica frontale e discussione seminariale dei testi e degli argomenti trattati.

 

 

Inglese: Frontal lessons and seminar discussions of the texts and the issues treated in the course.

 

 

Frequenza:

La frequenza è raccomandabile.

 

Attending the course is highly recommended.

 

 

 

MODALITA’ DI VALUTAZIONE

 

 

Italiano: L’esame sarà costituito da una verifica finale orale. Per superare la prova, lo studente/la studentessa dovrà dimostrare di: 1. conoscere approfonditamente il contenuto dei testi in programma; 2. saperlo restituire in modo chiaro e corretto; 3. saper individuare gli snodi teorici più rilevanti e saperli discutere criticamente; 4. sapersi orientare autonomamente nella letteratura secondaria e saperla discutere criticamente

 

 

 

Inglese: oral examination. The oral examination will focus on text to be studied. Students must show: 1. In-depth knowledge of the content of the texts; 2. Ability to communicate it in an appropriate way; 3. Ability to grasp the main issues and to discuss them critically; 4. Ability to find his/her way in the bibliography and to discuss it.

 

 

TESTI ADOTTATI E BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO

 

Testi adottati

T. Detti-G. Gozzini, Storia contemporanea. Il Novecento, Bruno Mondadori, Milano, 2002 (o edizioni successive)

E. Traverso, A ferro e fuoco. La guerra civile europea 1914-1945, Il Mulino, Bologna, 2007

E. Gentile, Fascismo. Storia e interpretazione, Laterza, Roma-Bari, 2002 (o edizioni successive)

S. Lupo, A. Ventrone (a cura di), Il fascismo nella storia d’Italia, Donzelli, Roma, 2022 (Parte I e II)

N. Labanca, Oltremare. Storia dell’espansione coloniale italiana, Il Mulino, Bologna, 2002 (capitolo III, Un «impero» per il fascismo?)

 

 

 

 

 

STORIA CONTEMPORANEA I B 1024818 2022/2023

 

Titolo dell’insegnamento: STORIA CONTEMPORANEA I B

 

Livello: LM

 

CFU: 6

 

 

 

OBIETTIVI FORMATIVI

 

Italiano: Fatta salva l'acquisizione di una serie di obiettivi di fondo (conoscenza e comprensione della disciplina; capacità di applicare conoscenza e comprensione; capacità critiche e di giudizio; capacità di comunicare quanto si è appreso; capacità di proseguire lo studio in modo autonomo), il corso si propone di raggiungere più in dettaglio/più specificamente i seguenti ulteriori obiettivi: conoscenza approfondita delle tematiche oggetto del corso, dei concetti, dei metodi e degli avvenimenti affrontati; sviluppo di capacità critica; acquisizione degli strumenti necessari all’analisi storica degli argomenti trattati.

 

 

Inglese: Given for granted some basic and indispensable goals (knowledge and understanding in the field of studies; ability to apply knowledge and understanding; capability of critical analysis; communication skills on that which has been learned; capacity to undertake further studies with some autonomy), the course intends to attain the following specific objectives: in-depth knowledge of the themes of the course, of the concepts, methods and events addressed; development of critical skills; acquisition of the tools for historical analysis of the issues of the course.

 

PREREQUISITI

 

Italiano: Conoscenza a livello di laurea triennale della storia del Novecento. Competenze nell’uso delle fonti, nelle metodologie di ricerca, conoscenza di base dei temi sociali, politici ed economici.

 

Inglese: Undergraduate level knowledge of XX century history. Competence in the use of sources and methodology of historical research; basic knowledge of social, political and economic issues.

 

 

PROGRAMMA DELL’INSEGNAMENTO (minimo 700 caratteri, spazi inclusi)

 

La storia dello Stato sociale in Italia e in Europa

 

La costruzione del welfare State è un elemento fondamentale della storia europea del Novecento. Essa si è fondata sui principi di eguaglianza e di affermazione dei diritti sociali, realizzandosi attraverso un ampio arco di politiche pubbliche e di misure sociali. Intento del corso è presentare gli itinerari storici di costruzione e consolidamento del welfare lungo il XX secolo sino ai giorni nostri, affrontando il caso italiano nel contesto europeo. Oggetto di specifica attenzione sarà l’intreccio di dinamiche sociali, processi politici e condizioni economiche che hanno accompagnato lo sviluppo del welfare state. Particolare considerazione sarà riservata al tema degli assetti sanitari e previdenziali.

 

The history of the Welfare State in Italy and Europe

 

The construction of the welfare state is a fundamental aspect of 20th century European history. It was founded on the principles of equality and the affirmation of social rights, and was realized through a wide range of public policies and social measures. The aim of the course is to investigate the trajectories of the welfare state along the twentieth century to the present day, addressing the Italian case in the European context. The intertwinning of social dynamics, political processes and economic conditions that have accompanied the development of the welfare state. Particular consideration will be given to the issues of health and social security systems.

 

 

 

MODALITA’ DI SVOLGIMENTO

 

Italiano: Didattica frontale e discussione seminariale dei testi e degli argomenti trattati

 

Inglese: Frontal lessons and seminar discussions of the texts and the issues treated in the course.

 

 

 

 

 

Frequenza:

La frequenza è raccomandabile.

 

Attending the course is highly recommended.

 

 

 

MODALITA’ DI VALUTAZIONE

 

 

Italiano: L’esame sarà costituito da una verifica finale orale. Per superare la prova, lo studente/la studentessa dovrà dimostrare di: 1. conoscere approfonditamente il contenuto dei testi in programma; 2. saperlo restituire in modo chiaro e corretto; 3. saper individuare gli snodi teorici più rilevanti e saperli discutere criticamente; 4. sapersi orientare autonomamente nella letteratura secondaria e saperla discutere criticamente

 

 

 

Inglese: oral examination. The oral examination will focus on text to be studied. Students must show: 1. In-depth knowledge of the content of the texts; 2. Ability to communicate it in an appropriate way; 3. Ability to grasp the main issues and to discuss them critically; 4. Ability to find his/her way in the bibliography and to discuss it.

 

 

TESTI ADOTTATI E BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO

 

Testi adottati

 

Y. Kazepov-D. Carbone, Che cos’è il welfare state, Carocci, 2007

C. Saraceno, Il welfare. Tra vecchie e nuove diseguaglianze, Il Mulino 2021

C. Giorgi-I. Pavan, Storia dello Stato sociale in Italia, Il Mulino, 2021

C. Giorgi (a cura di), Welfare. Attualità e prospettive, Carocci 2022

 

 

SOCIETA' DI MASSA MODA E COSTUME NELLA STORIA DEL NOVECENTO 10592830 2022/2023

Società di massa moda e costume nella storia del novecento

 

Livello: L

 

CFU: 6

 

 

 

OBIETTIVI FORMATIVI

 

Italiano: Fatta salva l'acquisizione di una serie di obiettivi di fondo (conoscenza e comprensione della disciplina; capacità di applicare conoscenza e comprensione; capacità critiche e di giudizio; capacità di comunicare quanto si è appreso; capacità di proseguire lo studio in modo autonomo), il corso si propone di raggiungere più in dettaglio/più specificamente i seguenti ulteriori obiettivi: conoscenza approfondita delle tematiche oggetto del corso, dei concetti, dei metodi e degli avvenimenti affrontati; sviluppo di capacità critica; acquisizione degli strumenti necessari all’analisi storica degli argomenti trattati.

 

 

Inglese: Given for granted some basic and indispensable goals (knowledge and understanding in the field of studies; ability to apply knowledge and understanding; capability of critical analysis; communication skills on that which has been learned; capacity to undertake further studies with some autonomy), the course intends to attain the following specific objectives: in-depth knowledge of the themes of the course, of the concepts, methods and events addressed; development of critical skills; acquisition of the tools for historical analysis of the issues of the course.

 

PREREQUISITI

 

Italiano: Conoscenza a livello di laurea triennale della storia del Novecento. Competenze nelle metodologie di ricerca, conoscenza di base dei temi sociali, politici ed economici.

 

Inglese: Undergraduate level knowledge of XX century history. Competence in the methodology of historical research; basic knowledge of social, political and economic issues.

 

 

PROGRAMMA DELL’INSEGNAMENTO

 

Fondamenti di storia contemporanea

 

Il corso affronterà i principali avvenimenti della storia contemporanea del XX secolo, con particolare attenzione ai fenomeni sociali e culturali che caratterizzano l’affermarsi della società di massa, dalla sua nascita agli inizi del Novecento sino agli anni Settanta del secolo scorso. Particolare attenzione verrà attribuita al caso italiano.

 

Fundamentals of Contemporary History

 
The course will deal with the main events of XX century contemporary history, with particular attention to the social and cultural phenomena characterising the rise of mass society from its appearance in the early XX century to the 1970s. Particular attention will be given to the Italian case.

 

 

MODALITA’ DI SVOLGIMENTO

 

Italiano: Didattica frontale e discussione seminariale dei testi e degli argomenti trattati

 

Inglese: Frontal lessons and seminar discussions of the texts and the issues treated in the course.

 

 

 

 

 

Frequenza:

La frequenza è raccomandabile.

 

Attending the course is highly recommended.

 

 

 

MODALITA’ DI VALUTAZIONE

 

 

Italiano: L’esame sarà costituito da una verifica finale scritta.

 

 

 

Inglese: written examination.

 

 

TESTI ADOTTATI E BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO

 

Testi adottati

 

G. Sabatucci, V. Vidotto, Storia Contemporanea. Il Novecento, Laterza, Roma 2008 (o altre edizioni).

 

S. Colarizi, Un paese in movimento. L'Italia negli anni Sessanta e Settanta, Laterza, Roma 2019

E. Scarpellini, La stoffa dell'Italia. Storia e cultura della moda dal 1945 a oggi, Laterza, Roma 2017 OPPURE G. Moro, Anni Settanta, Einaudi, Torino 2007.

STORIA MODERNA I.I A 1027536 2022/2023
Storia contemporanea 1018099 2022/2023

 

Titolo dell’insegnamento: Storia contemporanea 1018099

 

Livello: L

 

CFU: 6

 

 

 

OBIETTIVI FORMATIVI

 

Italiano: Fatta salva l'acquisizione di una serie di obiettivi di fondo (conoscenza e comprensione della disciplina; capacità di applicare conoscenza e comprensione; capacità critiche e di giudizio; capacità di comunicare quanto si è appreso; capacità di proseguire lo studio in modo autonomo), il corso si propone di raggiungere più in dettaglio/più specificamente i seguenti ulteriori obiettivi: conoscenza approfondita delle tematiche oggetto del corso, dei concetti, dei metodi e degli avvenimenti affrontati; sviluppo di capacità critica; acquisizione degli strumenti necessari all’analisi storica degli argomenti trattati.

 

 

Inglese: Given for granted some basic and indispensable goals (knowledge and understanding in the field of studies; ability to apply knowledge and understanding; capability of critical analysis; communication skills on that which has been learned; capacity to undertake further studies with some autonomy), the course intends to attain the following specific objectives: in-depth knowledge of the themes of the course, of the concepts, methods and events addressed; development of critical skills; acquisition of the tools for historical analysis of the issues of the course.

 

PREREQUISITI

 

Italiano: Conoscenza a livello di laurea triennale della storia del Novecento. Competenze nelle metodologie di ricerca, conoscenza di base dei temi sociali, politici ed economici.

 

Inglese: Undergraduate level knowledge of XX century history. Competence in the methodology of historical research; basic knowledge of social, political and economic issues.

 

 

PROGRAMMA DELL’INSEGNAMENTO

 

Lineamenti di storia del Novecento

 

Il corso affronterà i principali avvenimenti della storia contemporanea del XX secolo, con particolare attenzione ai fenomeni sociali e culturali che caratterizzano l’affermarsi della società di massa, dalla sua nascita agli inizi del Novecento sino agli anni Ottanta del secolo scorso. Particolare attenzione verrà attribuita al caso italiano.

 

Elements of Twentieth Century History

 
The course will deal with the main events of XX century contemporary history, with particular attention to the social and cultural phenomena characterising the rise of mass society from its appearance in the early XX century to the 1980s. Particular attention will be given to the Italian case.

 

 

MODALITA’ DI SVOLGIMENTO

 

Italiano: Didattica frontale e discussione seminariale dei testi e degli argomenti trattati

 

Inglese: Frontal lessons and seminar discussions of the texts and the issues treated in the course.

 

 

 

 

 

Frequenza:

La frequenza è raccomandabile.

 

Attending the course is highly recommended.

 

 

 

MODALITA’ DI VALUTAZIONE

 

 

Italiano: L’esame sarà costituito da una verifica finale scritta.

 

 

 

Inglese: written examination.

 

 

TESTI ADOTTATI E BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO

 

Testi adottati

 

G. Sabatucci, V. Vidotto, Storia Contemporanea. Il Novecento, Laterza, Roma 2008 (o altre edizioni).

 

S. Colarizi, Un paese in movimento. L'Italia negli anni Sessanta e Settanta, Laterza, Roma 2019

E. Scarpellini, La stoffa dell'Italia. Storia e cultura della moda dal 1945 a oggi, Laterza, Roma 2017 OPPURE G. Moro, Anni Settanta, Einaudi, Torino 2007.

 

 

 

 

SOCIETA' DI MASSA MODA E COSTUME NELLA STORIA DEL NOVECENTO 10592830 2021/2022

Docente: Maria Chiara Giorgi

 

Titolo dell’insegnamento: Società di massa moda e costume nella storia del novecento

 

Livello: L

 

CFU: 6

 

 

 

OBIETTIVI FORMATIVI

 

Italiano: Fatta salva l'acquisizione di una serie di obiettivi di fondo (conoscenza e comprensione della disciplina; capacità di applicare conoscenza e comprensione; capacità critiche e di giudizio; capacità di comunicare quanto si è appreso; capacità di proseguire lo studio in modo autonomo), il corso si propone di raggiungere più in dettaglio/più specificamente i seguenti ulteriori obiettivi: conoscenza approfondita delle tematiche oggetto del corso, dei concetti, dei metodi e degli avvenimenti affrontati; sviluppo di capacità critica; acquisizione degli strumenti necessari all’analisi storica degli argomenti trattati.

 

 

Inglese: Given for granted some basic and indispensable goals (knowledge and understanding in the field of studies; ability to apply knowledge and understanding; capability of critical analysis; communication skills on that which has been learned; capacity to undertake further studies with some autonomy), the course intends to attain the following specific objectives: in-depth knowledge of the themes of the course, of the concepts, methods and events addressed; development of critical skills; acquisition of the tools for historical analysis of the issues of the course.

 

PREREQUISITI

 

Italiano: Conoscenza a livello di laurea triennale della storia del Novecento. Competenze nelle metodologie di ricerca, conoscenza di base dei temi sociali, politici ed economici.

 

Inglese: Undergraduate level knowledge of XX century history. Competence in the methodology of historical research; basic knowledge of social, political and economic issues.

 

 

PROGRAMMA DELL’INSEGNAMENTO

 

Il corso affronterà i principali avvenimenti della Storia Contemporanea del XX secolo, con particolare attenzione ai fenomeni sociali e culturali che caratterizzano l’affermarsi della società di massa, dalla sua nascita agli inizi del Novecento, approfondendo il periodo tra le due grande guerre, sino agli anni Novanta del secolo scorso. Particolare attenzione verrà attribuita al caso italiano.

 

Programma inglese

The program will include Contemporary History main events in XX and XXI Century, with particular attention to the social and cultural phenomena which characterize Mass Society from its appearance in the early XX Century, deepening the period between the two great wars, up to the 1990s. Particular attention will be given to the Italian case.

 

 

MODALITA’ DI SVOLGIMENTO

 

Italiano: Didattica frontale e discussione seminariale dei testi e degli argomenti trattati

 

Inglese: Frontal lessons and seminar discussions of the texts and the issues treated in the course.

 

 

 

 

 

Frequenza:

La frequenza è raccomandabile.

 

Attending the course is highly recommended.

 

 

 

MODALITA’ DI VALUTAZIONE

 

 

Italiano: L’esame sarà costituito da una verifica finale scritta.

 

 

 

Inglese: written examination.

 

 

TESTI ADOTTATI E BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO

 

Testi adottati

 

G. Sabatucci, V. Vidotto, Storia Contemporanea. Il Novecento, Laterza, Roma 2008.

 

S. Colarizi, Un paese in movimento. L'Italia negli anni Sessanta e Settanta, Laterza, Roma 2019

C. Capalbo (a cura di) La moda tra età moderna e contemporanea. Cultura, società, economia, consumi, fascicolo monografico di "Dimensioni e problemi della ricerca storica", n. 2/2021

 

 

 

STORIA MODERNA 1023477 2021/2022
STORIA CONTEMPORANEA I B 1024818 2021/2022

 

Titolo dell’insegnamento: STORIA CONTEMPORANEA I B

 

Livello: LM

 

CFU: 6

 

 

 

OBIETTIVI FORMATIVI

 

Italiano: Fatta salva l'acquisizione di una serie di obiettivi di fondo (conoscenza e comprensione della disciplina; capacità di applicare conoscenza e comprensione; capacità critiche e di giudizio; capacità di comunicare quanto si è appreso; capacità di proseguire lo studio in modo autonomo), il corso si propone di raggiungere più in dettaglio/più specificamente i seguenti ulteriori obiettivi: conoscenza approfondita delle tematiche oggetto del corso, dei concetti, dei metodi e degli avvenimenti affrontati; sviluppo di capacità critica; acquisizione degli strumenti necessari all’analisi storica degli argomenti trattati.

 

 

Inglese: Given for granted some basic and indispensable goals (knowledge and understanding in the field of studies; ability to apply knowledge and understanding; capability of critical analysis; communication skills on that which has been learned; capacity to undertake further studies with some autonomy), the course intends to attain the following specific objectives: in-depth knowledge of the themes of the course, of the concepts, methods and events addressed; development of critical skills; acquisition of the tools for historical analysis of the issues of the course.

 

PREREQUISITI

 

Italiano: Conoscenza a livello di laurea triennale della storia del Novecento. Competenze nell’uso delle fonti, nelle metodologie di ricerca, conoscenza di base dei temi sociali, politici ed economici.

 

Inglese: Undergraduate level knowledge of XX century history. Competence in the use of sources and methodology of historical research; basic knowledge of social, political and economic issues.

 

 

PROGRAMMA DELL’INSEGNAMENTO (minimo 700 caratteri, spazi inclusi)

 

Lo Stato sociale. Storia, dinamiche, prospettive

 

Il tema del welfare è oggetto di una ricchissima letteratura interdisciplinare. Esso si connette alla questione dell’uguaglianza e dei diritti sociali. Intento del corso è presentare gli itinerari storici di costruzione e consolidamento del welfare lungo il XX secolo sino ai giorni nostri, affrontando il caso italiano nel contesto europeo. Oggetto di specifica attenzione sarà l’intreccio di dinamiche sociali, processi politici e condizioni economiche che hanno accompagnato lo sviluppo del welfare, con particolare attenzione alle diverse congiunture della storia italiana. Particolare considerazione sarà riservata al tema del diritto alla salute e dei servizi sanitari.

 

The Welfare State. History, evolution, perspectives

 

The welfare state is the subject of a very rich interdisciplinary literature. It is connected to the question of equality and social rights. The aim of the course is to investigate the historical itineraries of construction and consolidation of the welfare state along the twentieth century to the present day, addressing the Italian case in the European context. The intertwining of social dynamics, political processes and economic conditions that have accompanied the development of the welfare state in the different conjunctures of Italian history will receive special attention. Particular consideration will be given to the issue of the right to health and health services.

 

 

 

MODALITA’ DI SVOLGIMENTO

 

Italiano: Didattica frontale e discussione seminariale dei testi e degli argomenti trattati

 

Inglese: Frontal lessons and seminar discussions of the texts and the issues treated in the course.

 

 

 

 

 

Frequenza:

La frequenza è raccomandabile.

 

Attending the course is highly recommended.

 

 

 

MODALITA’ DI VALUTAZIONE

 

 

Italiano: L’esame sarà costituito da una verifica finale orale. Per superare la prova, lo studente/la studentessa dovrà dimostrare di: 1. conoscere approfonditamente il contenuto dei testi in programma; 2. saperlo restituire in modo chiaro e corretto; 3. saper individuare gli snodi teorici più rilevanti e saperli discutere criticamente; 4. sapersi orientare autonomamente nella letteratura secondaria e saperla discutere criticamente

 

 

 

Inglese: oral examination. The oral examination will focus on text to be studied. Students must show: 1. In-depth knowledge of the content of the texts; 2. Ability to communicate it in an appropriate way; 3. Ability to grasp the main issues and to discuss them critically; 4. Ability to find his/her way in the bibliography and to discuss it.

 

 

TESTI ADOTTATI E BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO

 

Testi adottati

 

Y. Kazepov-D. Carbone, Che cos’è il welfare state, Carocci, 2007

C. Saraceno, Il welfare. Modelli e dilemmi della cittadinanza sociale, Il Mulino, 2013 oppure Il welfare. Tra vecchie e nuove diseguaglianze, Il Mulino 2021

C. Giorgi-I. Pavan, Storia dello Stato sociale in Italia, Il Mulino, 2021

C. Giorgi (a cura di), Welfare. Attualità e prospettive, Carocci 2022

 

 

 

 

 

 

STORIA MODERNA A 1025531 2021/2022
STORIA MODERNA I.I A 1027536 2021/2022
STORIA CONTEMPORANEA I A 1024817 2021/2022

 

 

Titolo dell’insegnamento: STORIA CONTEMPORANEA I A

 

Livello: L

 

CFU: 6

 

 

 

OBIETTIVI FORMATIVI

 

Italiano: Fatta salva l'acquisizione di una serie di obiettivi di fondo (conoscenza e comprensione della disciplina; capacità di applicare conoscenza e comprensione; capacità critiche e di giudizio; capacità di comunicare quanto si è appreso; capacità di proseguire lo studio in modo autonomo), il corso si propone di raggiungere più in dettaglio/più specificamente i seguenti ulteriori obiettivi: conoscenza degli avvenimenti e delle questioni storiche principali che hanno segnato la storia del Novecento, approfondimento dei nodi problematici che hanno interrogato la storiografia classica e più recente, trattazione specifica delle vicende relative alla storia del fascismo.

 

Inglese: Given for granted some basic and indispensable goals (knowledge and understanding in the field of studies; ability to apply knowledge and understanding; capability of critical analysis; communication skills on that which has been learned; capacity to undertake further studies with some autonomy), the course intends to attain the following specific objectives: knowledge of XX century events and history, understanding of the key issues of historical research on this period, specific investigation of the history of Fascism in Italy and Europe.

 

PREREQUISITI

 

Italiano: Conoscenza manualistica delle linee generali della storia contemporanea, con competenze a livello di scuola secondaria su concetti, metodologia ed eventi della storia contemporanea.

 

Inglese: basic knowledge of contemporary history, with competences at the secondary school level of historical concepts, methods and events.

 

 

 

PROGRAMMA DELL’INSEGNAMENTO (minimo 700 caratteri, spazi inclusi)

 

Il Novecento della ‘guerra civile europea’

 

Il corso intende fornire una conoscenza degli avvenimenti e delle questioni caratterizzanti il XX secolo, e introdurre alcuni temi e letture “classiche” del Novecento. In particolare, il corso affronta la ‘guerra civile europea’: il periodo compreso tra le due guerre mondiali, soffermandosi sulle origini, il consolidamento e la caduta dei fascismi come fenomeno europeo. Verranno ripercorse le linee di continuità e di rottura che hanno segnato la storia del primo e del secondo dopoguerra, con particolare riferimento al contesto italiano.  

 

The ‘European civil war’ in the twentieth century

 

The course intends to provide knowledge of the events and issues characterizing the twentieth century, and to introduce some "classic" themes and readings. In particular, the course deals with the 'European civil war': the period defined by the two world wars, the origins, consolidation and fall of fascisms as a European phenomenon. The lines of continuity and rupture that marked the history of the first and second post-war periods will be retraced, with particular reference to the Italian context.

 

 

 

MODALITA’ DI SVOLGIMENTO

 

Italiano: Didattica frontale e discussione seminariale dei testi e degli argomenti trattati.

 

 

Inglese: Frontal lessons and seminar discussions of the texts and the issues treated in the course.

 

 

Frequenza:

La frequenza è raccomandabile.

 

Attending the course is highly recommended.

 

 

 

MODALITA’ DI VALUTAZIONE

 

 

Italiano: L’esame sarà costituito da una verifica finale orale. Per superare la prova, lo studente/la studentessa dovrà dimostrare di: 1. conoscere approfonditamente il contenuto dei testi in programma; 2. saperlo restituire in modo chiaro e corretto; 3. saper individuare gli snodi teorici più rilevanti e saperli discutere criticamente; 4. sapersi orientare autonomamente nella letteratura secondaria e saperla discutere criticamente

 

 

 

Inglese: oral examination. The oral examination will focus on text to be studied. Students must show: 1. In-depth knowledge of the content of the texts; 2. Ability to communicate it in an appropriate way; 3. Ability to grasp the main issues and to discuss them critically; 4. Ability to find his/her way in the bibliography and to discuss it.

 

 

TESTI ADOTTATI E BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO

 

Testi adottati

T. Detti-G. Gozzini, Storia contemporanea. Il Novecento, Bruno Mondadori, Milano, 2002 (o edizioni successive)

E. Gentile, Fascismo. Storia e interpretazione, Laterza, Roma-Bari, 2002 (o edizioni successive)

E. Traverso, A ferro e fuoco. La guerra civile europea 1914-1945, Il Mulino, Bologna, 2007

P. Corner, Italia fascista. Politica e opinione popolare sotto la dittatura, Carocci, Roma, 2015 (Introduzione, capitoli 7, 8, 9, 10, 11, 12)

N. Labanca, Oltremare. Storia dell’espansione coloniale italiana, Il Mulino, Bologna, 2002 (capitolo III, Un «impero» per il fascismo?)

 

Bibliografia di riferimento

 

E. Collotti, Fascismo, fascismi, Sansoni, Firenze, 1989

G. Melis, La macchina imperfetta. Immagine e realtà dello Stato fascista, Il Mulino, Bologna, 2018

G. Albanese, R. Pergher (ed. by), In the Society of Fascists. Acclamation, Acquiescence, and Agency in Mussolini’s Italy, Palgrave, New York 2012

P. Dogliani, Il fascismo degli italiani. Una storia sociale, Utet, Milano, 2008

V. De Grazia, Le donne nel regime fascista, Marsilio, Venezia, 1993

 

 

 

STORIA MODERNA I.II 1025388 2021/2022
STORIA CONTEMPORANEA I B 1024818 2020/2021

 

Titolo dell’insegnamento: STORIA CONTEMPORANEA I B

 

Livello: LM

 

CFU: 6

 

 

 

OBIETTIVI FORMATIVI

 

Italiano: Fatta salva l'acquisizione di una serie di obiettivi di fondo (conoscenza e comprensione della disciplina; capacità di applicare conoscenza e comprensione; capacità critiche e di giudizio; capacità di comunicare quanto si è appreso; capacità di proseguire lo studio in modo autonomo), il corso si propone di raggiungere più in dettaglio/più specificamente i seguenti ulteriori obiettivi: conoscenza approfondita delle tematiche oggetto del corso, dei concetti, dei metodi e degli avvenimenti affrontati; sviluppo di capacità critica; acquisizione degli strumenti necessari all’analisi storica degli argomenti trattati.

 

 

Inglese: Given for granted some basic and indispensable goals (knowledge and understanding in the field of studies; ability to apply knowledge and understanding; capability of critical analysis; communication skills on that which has been learned; capacity to undertake further studies with some autonomy), the course intends to attain the following specific objectives: in-depth knowledge of the themes of the course, of the concepts, methods and events addressed; development of critical skills; acquisition of the tools for historical analysis of the issues of the course.

 

PREREQUISITI

 

Italiano: Conoscenza a livello di laurea triennale della storia del Novecento. Competenze nell’uso delle fonti, nelle metodologie di ricerca, conoscenza di base dei temi sociali, politici ed economici.

 

Inglese: Undergraduate level knowledge of XX century history. Competence in the use of sources and methodology of historical research; basic knowledge of social, political and economic issues.

 

 

PROGRAMMA DELL’INSEGNAMENTO (minimo 700 caratteri, spazi inclusi)

 

Lo Stato sociale in Italia ed Europa

Il tema del welfare è oggetto di una ricchissima letteratura interdisciplinare. Esso si connette inoltre alla questione dell’uguaglianza e dei diritti sociali in riferimento alla storia ottocentesca e soprattutto novecentesca. Intento del corso è quello di rintracciare alcune delle interpretazioni più importanti relative a queste tematiche e ricostruirne gli itinerari storici, riservando particolare attenzione al percorso italiano. Oggetto di specifica attenzione sarà seguire l’intreccio di più fattori, soggetti, dinamiche sociali, politiche ed economiche che hanno accompagno i processi di affermazione del welfare in più contesti europei e soprattutto nelle varie congiunture della storia italiana.

 

 

The Welfare State in Italy and Europe

The history of the welfare state has been widely investigated from interdisciplinary perspectives, with close connections with the themes of equality and social rights. The course will address the main interpretations linking these themes, with a special focus on Italian history. The roots of welfare development in economic, social and political processes will be investigated in key cases of Italian and European history.

 

 

 

MODALITA’ DI SVOLGIMENTO

 

Italiano: Didattica frontale e discussione seminariale dei testi e degli argomenti trattati

 

Inglese: Frontal lessons and seminar discussions of the texts and the issues treated in the course.

 

 

 

 

 

Frequenza:

La frequenza è raccomandabile.

 

Attending the course is highly recommended.

 

 

 

MODALITA’ DI VALUTAZIONE

 

 

Italiano: L’esame sarà costituito da una verifica finale orale. Per superare la prova, lo studente/la studentessa dovrà dimostrare di: 1. conoscere approfonditamente il contenuto dei testi in programma; 2. saperlo restituire in modo chiaro e corretto; 3. saper individuare gli snodi teorici più rilevanti e saperli discutere criticamente; 4. sapersi orientare autonomamente nella letteratura secondaria e saperla discutere criticamente

 

 

 

Inglese: oral examination. The oral examination will focus on text to be studied. Students must show: 1. In-depth knowledge of the content of the texts; 2. Ability to communicate it in an appropriate way; 3. Ability to grasp the main issues and to discuss them critically; 4. Ability to find his/her way in the bibliography and to discuss it.

 

 

TESTI ADOTTATI E BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO

 

Testi adottati

 

Y. Kazepov-D. Carbone, Che cos’è il welfare state, Carocci, 2007

C. Giorgi-I. Pavan, Storia dello Stato sociale in Italia, Il Mulino, 2021

P. Rosanvallon, La società dell’uguaglianza, Castelvecchi, 2013 (capitoli III e IV)

C. Saraceno, Il welfare. Modelli e dilemmi della cittadinanza sociale, Il Mulino, 2013

P. Flora e A.J. Heidenheimer, Il nucleo storico e il cambiamento dei confini del «welfare state», in P. Flora e A.J. Heidenheimer (a cura di), Lo sviluppo del welfare state in Europa e in America, Il Mulino, 1983

 

 

Bibliografia di riferimento

 

M. Paci, Pubblico e privato nei moderni sistemi di welfare, Liguori, 1989

É. Balibar, Cittadinanza, Bollati Boringheri, Bollati Boringhieri, 2012

G.A. Ritter, Storia dello Stato sociale, Laterza, 1996

K. Polany, La grande trasformazione. Le origini economiche e politiche della nostra epoca, Einaudi, 1974

P. Costa, Lo Stato sociale come problema storiografico, in “Quaderni fiorentini per la storia del pensiero giuridico moderno”, 46, 2017, tomo I

C. Giorgi, Le istituzioni del Welfare, in M. Meriggi, L. Teodoldi (a cura di), Storia delle istituzioni politiche, Carocci, 2014

STORIA MODERNA A 1025531 2020/2021
STORIA MODERNA I.II 1025388 2020/2021
STORIA MODERNA I.I A 1027536 2020/2021
STORIA CONTEMPORANEA I A 1024817 2020/2021

 

Titolo dell’insegnamento: STORIA CONTEMPORANEA I A

 

Livello: L

 

CFU: 6

 

 

 

OBIETTIVI FORMATIVI

 

Italiano: Fatta salva l'acquisizione di una serie di obiettivi di fondo (conoscenza e comprensione della disciplina; capacità di applicare conoscenza e comprensione; capacità critiche e di giudizio; capacità di comunicare quanto si è appreso; capacità di proseguire lo studio in modo autonomo), il corso si propone di raggiungere più in dettaglio/più specificamente i seguenti ulteriori obiettivi: conoscenza degli avvenimenti e delle questioni storiche principali che hanno segnato la storia del Novecento, approfondimento dei nodi problematici che hanno interrogato la storiografia classica e più recente, trattazione specifica delle vicende relative alla storia del fascismo.

 

Inglese: Given for granted some basic and indispensable goals (knowledge and understanding in the field of studies; ability to apply knowledge and understanding; capability of critical analysis; communication skills on that which has been learned; capacity to undertake further studies with some autonomy), the course intends to attain the following specific objectives: knowledge of XX century events and history, understanding of the key issues of historical research on this period, specific investigation of the history of Fascism in Italy and Europe.

 

PREREQUISITI

 

Italiano: Conoscenza manualistica delle linee generali della storia contemporanea, con competenze a livello di scuola secondaria su concetti, metodologia ed eventi della storia contemporanea.

 

Inglese: basic knowledge of contemporary history, with competences at the secondary school level of historical concepts, methods and events.

 

 

 

PROGRAMMA DELL’INSEGNAMENTO (minimo 700 caratteri, spazi inclusi)

 

Il Fascismo nella storia del Novecento

Il corso intende fornire una conoscenza degli avvenimenti e delle questioni caratterizzanti il XX secolo. Inoltre, il corso intende approfondire il tema e gli eventi concernenti la nascita e l’affermazione del fascismo, puntando anche a rintracciare quelle linee di continuità e di rottura che hanno segnato la storia del secondo dopoguerra italiano, in una prospettiva di confronto con gli altri contesti europei.

 

 

Fascism in XX century history

The course aims to provide students with a knowledge of XX century history. The origins and historical experience of Fascism in Italy will be special focus of the course, with a consideration of continuity and change in postwar  Italian history. Appropriate comparisons with other European countries will be developed.

 

 

 

MODALITA’ DI SVOLGIMENTO

 

Italiano: Didattica frontale e discussione seminariale dei testi e degli argomenti trattati.

 

 

Inglese: Frontal lessons and seminar discussions of the texts and the issues treated in the course.

 

 

Frequenza:

La frequenza è raccomandabile.

 

Attending the course is highly recommended.

 

 

 

MODALITA’ DI VALUTAZIONE

 

 

Italiano: L’esame sarà costituito da una verifica finale orale. Per superare la prova, lo studente/la studentessa dovrà dimostrare di: 1. conoscere approfonditamente il contenuto dei testi in programma; 2. saperlo restituire in modo chiaro e corretto; 3. saper individuare gli snodi teorici più rilevanti e saperli discutere criticamente; 4. sapersi orientare autonomamente nella letteratura secondaria e saperla discutere criticamente

 

 

 

Inglese: oral examination. The oral examination will focus on text to be studied. Students must show: 1. In-depth knowledge of the content of the texts; 2. Ability to communicate it in an appropriate way; 3. Ability to grasp the main issues and to discuss them critically; 4. Ability to find his/her way in the bibliography and to discuss it.

 

 

TESTI ADOTTATI E BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO

 

Testi adottati

T. Detti-G. Gozzini, Storia contemporanea. Il Novecento, Bruno Mondadori, Milano, 2002 (o edizioni successive)

E. Gentile, Fascismo. Storia e interpretazione, Laterza, Roma-Bari, 2002

N. Labanca, Oltremare. Storia dell’espansione coloniale italiana, Il Mulino, Bologna, 2002 (capitolo III, Un «impero» per il fascismo?)

A. Del Boca, M. Legnani, M.G. Rossi (a cura di), Il Regime fascista, Laterza, Roma-Bari, 1995 (saggi di E. Collotti, M. Isnenghi, G. Melis, C. Saraceno)

P. Corner, Fascismo e controllo sociale, «Italia contemporanea», n. 228, 2002

 

Bibliografia di riferimento

 

E. Collotti, Fascismo, fascismi, Sansoni, Firenze, 1989

G. Melis, La macchina imperfetta. Immagine e realtà dello Stato fascista, Il Mulino, Bologna, 2018

P. Corner, Italia fascista. Politica e opinione popolare sotto la dittatura, Carocci, Roma, 2015

G. Albanese, R. Pergher (ed. by), In the Society of Fascists. Acclamation, Acquiescence, and Agency in Mussolini’s Italy, Palgrave, New York 2012

P. Dogliani, Il fascismo degli italiani. Una storia sociale, Utet, Milano, 2008

V. De Grazia, Le donne nel regime fascista, Marsilio, Venezia, 1993

 

 

 

STORIA MODERNA 1023477 2020/2021
EARLY MODERN HISTORY 1055062 2019/2020
STORIA MODERNA I.I A 1027536 2019/2020
STORIA MODERNA II.I 1023734 2019/2020
STORIA MODERNA I.I A 1027536 2018/2019
EARLY MODERN HISTORY 1055062 2018/2019
STORIA MODERNA II.I 1023734 2018/2019
EARLY MODERN HISTORY 1055062 2017/2018
STORIA MODERNA I.I A 1027536 2017/2018
STORIA MODERNA I.I A 1027536 2017/2018
STORIA MODERNA I.II A 1025389 2016/2017
STORIA MODERNA I.I A 1027536 2016/2017
STORIA MODERNA I A 1025016 2016/2017

scrivere a mariachiara.giorgi@uniroma1.it per appuntamento

Maria Chiara Giorgi
Curriculum Vitae

Professoressa Associata in Storia contemporanea, Sapienza Università di Roma.

Formazione

Laurea in Storia contemporanea nell anno accademico 1997-1998 presso l Università degli studi di Bologna, tesi: La sinistra alla Costituente: cultura politica e sensibilità istituzionale , votazione 110/110 e lode e menzione di merito ai fini della pubblicazione.

Dottore di ricerca nel novembre 2002 in Teoria e storia della modernizzazione e del cambiamento sociale in età contemporanea presso l Università degli studi di Siena, Facoltà di Scienze Politiche, tesi: L Istituto nazionale fascista di previdenza sociale. Storia dell INPS tra le due guerre .

Posizione attuale e interessi di ricerca

Dal settembre 2019 ricercatrice confermata a tempo indeterminato, prima in Storia delle istituzioni politiche (SPS/03); dal novembre 2020 in Storia Contemporanea (M-STO/04) presso l Università degli studi di Roma La Sapienza , Dipartimento di Filosofia, Facoltà di Lettere e filosofia; dal novembre 2021 Professoressa Associata in Storia Contemporanea (M-STO/04) presso l Università degli studi di Roma La Sapienza , Dipartimento di Filosofia, Facoltà di Lettere e filosofia.
Fa parte del collegio dei docenti del Dottorato di ricerca in Filosofia dell Università degli studi di Roma La Sapienza , modulo storico.

I temi di ricerca sono la storia dello Stato sociale, dei sistemi sanitari e di sicurezza sociale, il colonialismo italiano in Africa e l amministrazione coloniale, il dibattito sulla Costituzione italiana, la storia del socialismo, l opera di Lelio Basso e la sua biografia politica, la storia delle donne e alcuni temi della storia del marxismo.

Abilitazioni

Abilitazione nazionale di II fascia (ASN, 2012/13) per il settore concorsuale 11/A3 Storia Contemporanea (settore scientifico disciplinare M-STO/04 Storia Contemporanea) e per il settore concorsuale 14/B1, Storia delle dottrine e delle istituzioni politiche (settore scientifico-disciplinare SPS/03 storia delle istituzioni politiche).

Abilitazione nazionale di I fascia (ASN, 2017) per il settore concorsuale 14/B1, Storia delle dottrine e delle istituzioni politiche (settore scientifico-disciplinare SPS/03 storia delle istituzioni politiche).

Abilitazione nazionale di I fascia (ASN, 2021) per il settore concorsuale 11/A3 Storia Contemporanea (settore scientifico disciplinare M-STO/04 Storia Contemporanea)

Posizioni precedenti

Gennaio 2018-Agosto 2019, ricercatrice confermata a tempo indeterminato presso l Università degli studi di Pisa, Dipartimento DICI.

Luglio 2011-Dicembre 2017, ricercatrice a tempo indeterminato in Storia delle istituzioni politiche (SPS/03) presso l Università degli studi di Genova, Dipartimento di Scienze politiche, confermata dal luglio 2014.

2011, contrattista presso l International University College of Turin (IUC).

2007-2010, assegnista di ricerca presso l Università degli studi di Bologna, Dipartimento di Discipline storiche, Cattedra di Storia contemporanea.

2005-2006, borsista post-dottorato presso l Università degli studi di Bologna, Dipartimento di Discipline storiche, Cattedra di Storia contemporanea.

Settembre-Ottobre 2004 e Marzo-Aprile 2005, visiting scholar al Department of History dell Università del Connecticut (UConn) negli Stati Uniti, con il programma di scambi con l Università degli studi di Teramo, con un progetto sulle riforme dell amministrazione statunitense nel Novecento.

2003-2005, assegnista di ricerca presso l Università degli studi di Teramo, Facoltà di Scienze Politiche, Cattedra di storia delle istituzioni politiche.

1999, borsista della Fondazione Nenni, Roma, per una ricerca sulla figura di Francesco De Martino.

Attività di ricerca all estero

Febbraio 2015, visiting fellow presso la Faculty of Arts and Social Sciences dell Università di Kingston (UK).
Febbraio-Maggio 2016, visiting fellow presso il Department of Sociology di Goldsmith, University of London (UK).
Febbraio 2017, visiting fellow presso Queen Mary University of London (UK).
Febbraio 2019, visiting fellow presso il Department of Sociology di Goldsmith, University of London (UK).

Attività didattica

Insegnamenti ufficiali

Storia contemporanea, M-STO/04 (a.a. 2021/2021), (6 cfu, 42 ore) Corso di Laurea Magistrale Filosofia presso l Università degli studi di Roma, La Sapienza

Storia contemporanea, M-STO/04 (a.a. 2021/2022), (6 cfu, 42 ore) Corso di Laurea Filosofia presso l Università degli studi di Roma, La Sapienza

Società di massa moda e costume nella storia del novecento, M-STO/04 (a.a. 2021/2022), (6 cfu, 42 ore) Corso di Laurea Lettere e Filosofia presso l Università degli studi di Roma, La Sapienza

Storia contemporanea, M-STO/04 (a.a. 2020/2021), (6 cfu, 42 ore) Corso di Laurea Magistrale Filosofia presso l Università degli studi di Roma, La Sapienza

Storia contemporanea, M-STO/04 (a.a. 2020/2021), (6 cfu, 42 ore) Corso di Laurea Filosofia presso l Università degli studi di Roma, La Sapienza

Storia delle Istituzioni Politiche, SPS/03 (a.a. 2012/2013; a.a. 2013/2014; a.a. 2014/2015) (10 cfu, 60 ore) Corso di Laurea in Scienze Politiche e dell'Amministrazione presso la Facoltà di Scienze Politiche, Università degli Studi di Genova

Storia della pubblica amministrazione, SPS/03 (a.a. 2011/2012; a.a. 2012/2013; a.a. 2013/2014; a.a 2014/2015; a.a. 2015/2016) (6 cfu, 36 ore) Corso di Laurea Magistrale in Amministrazione e Politiche Pubbliche presso la Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi di Genova

Corsi di dottorato

Ha svolto un modulo didattico del Dottorato di ricerca in filosofia (a.a. 2020/2021, Modulo storico, Teorie e pratiche dell uguaglianza).
Ha tenuto lezioni presso il Dottorato in Studi storici dell Università di Siena e dell Università Firenze (19 febbraio 2021) e presso altre università italiane.
Ha partecipato al Collegio dei Docenti e svolto attività didattica nel Dottorato di Ricerca in Scienze sociali presso l'Università degli Studi di Genova, Dipartimento di Scienze politiche, ed è stata tutor di due tesi di dottorato.

Attività didattiche integrative

Negli anni 2005-2009 ha collaborato all'attività didattica dell'insegnamento di Storia contemporanea presso il Dipartimento di discipline storiche dell'Università degli studi di Bologna.
Negli anni 2002-2003 e 2003-2004 ha collaborato all'attività didattica degli insegnamenti di Storia delle istituzioni politiche e di Storia delle istituzioni sportive presso il Dipartimento di Scienze politiche dell Università degli studi di Teramo, svolgendo attività seminariale.

Partecipazione a progetti di ricerca

2021-2022 Progetto di ricerca d ateneo, Università di Roma La Sapienza, Scienza, salute e riforme: una biografia intellettuale di Giovanni Berlinguer.

2020-2021, Progetto di ricerca d ateneo, Università di Roma La Sapienza, Salute individuale e collettiva: una questione transdisciplinare.

2020-2023, PRIN The welfare-warfare nexus. The Italian experience in transnational perspective: total wars, citizenship and the transformation of the welfare state , diretto dalla Scuola Normale Superiore di Pisa.

2011-2012, Progetto di ricerca d ateneo, Università di Genova, Qualità e rendimento delle democrazie. Un analisi multidisciplinare, 2011; Mercato e democrazia: prospettive e ricerche della new political economy, 2012.

Incarichi editoriali attuali

Co-direttrice della rivista Parole-chiave .

Membro del comitato di redazione della rivista Le carte e la storia (fascia A Anvur).

Membro del comitato di redazione della rivista Instituta

Membro del comitato editoriale della rivista Studi Storici

Fondatrice e membro del coordinamento della collana editoriale Fondamenti (Ediesse editore, oltre 30 libri pubblicati).

Referee per le riviste Italia contemporanea, Le carte e la storia, Materiali per una storia della cultura giuridica, Studi storici ed altre.

Altri incarichi attuali

Membro del Comitato direttivo della Società per gli studi di storia delle Istituzioni .
Membro del Consiglio dei garanti della Fondazione Lelio e Lisli Basso di Roma.
Membro del Comitato direttivo del Centro per la Riforma dello Stato, Roma.
Socia della Sissco (Società italiana per lo Studio della Storia contemporanea).

Premi ricevuti

2013, Premio Grifoni per il libro di storia edito, per il volume L Africa come carriera. Funzioni e funzionari del colonialismo italiano, Carocci, Roma 2012

Organizzazione e partecipazione a convegni e seminari nazionali e internazionali

2015-2021
Ha svolto attività seminariale presso la Scuola Normale Superiore sul tema dello Stato sociale durante il fascismo (Pisa, 18/19 marzo 2015). Ha partecipato al seminario internazionale su Lavoro e welfare tra pubblico e privato. Un confronto italo-francese-spagnolo con un intervento sulla costruzione della sicurezza sociale negli anni Trenta (Torino, 8-9 aprile 2015). Ha partecipato alla Summer school del dottorato in scienze giuridiche dell Università di Perugia sul tema Access to justice. What policies for the XXI century?, con una relazione dal titolo Anatomia di una corte: come si diventa giudici costituzionali (Perugia, 25 maggio 2015). Ha partecipato al convegno con una relazione (Roma, 11 settembre 2015). È stata discussant nel panel La costruzione dello Stato sociale italiano nel contesto europeo ai cantieri Sissco organizzati presso l Università della Tuscia (Cantieri di storia, VIII, Viterbo, settembre 2015).
È stata organizzatrice e ha partecipato alla conferenza internazionale di Historical Materialism Rome 2015 Revolution and Restoration con una relazione dal titolo Filosofia della prassi, costruzione di soggettività, totalità. Il marxismo italiano agli inizi del Novecento (Roma, 17-19 settembre 2015). Ha partecipato al convegno Lontano vicino. Metropoli e colonie nella costruzione dello Stato nazionale italiano (La Sapienza, Roma, 11 settembre 2015); ha partecipato all incontro seminariale Il cattolicesimo politico nella storia della Repubblica (11 febbraio, Istituto Gramsci, Roma); ha partecipato alla Summer school del dottorato in scienze giuridiche dell Università di Perugia sul tema The Globalization of Law and Legal Institutions con una relazione dal titolo Colonialism and Italian History: The Current state of Hystoriography (Perugia 20 giugno 2016); ha partecipato al convegno L età costituente. Italia 1946 (Fondazione Bruno Kessler, Trento 6-8 luglio), con una relazione dal titolo Il progetto dell eguaglianza: le sinistre e il nuovo assetto costituzionale.
Ha partecipato al convegno internazionale La società italiana e le grandi crisi economiche (1929-2016) con una relazione dal titolo Enti pubblici e politiche sociali, (La Sapienza, 26 novembre 2016); ha partecipato al seminario internazionale Politiche migratorie e legal transplant nel Mediterraneo. Strategie di controllo tra colonialismo e postcolonialismo con una relazione dal titolo I confini temporali e spaziali dell amministrazione coloniale (Università del Salento, 12 dicembre 2016). Ha partecipato al workshop The making of Italian welfare regime: National specificities and European entaglements con una relazione dal titolo La previdenza del regime tra disposizioni autoritari e integrazione sociale (Istituto storico-germanico di Roma, DHI, 4-5 maggio 2017).
Ha partecipato alla conferenza internazionale Fascism and the International. The Global order yesterday and tomorrow (México City, 18-20 giugno 2017) con una relazione dal titolo Fascist Social Policies in International Context. Ha partecipato al simposio del Instituto de Historia social Valentin De Foronda, Welfare, prevision social y mundo del trabajo. Europa, del siglo XIX a nuestros dias con una relazione dal titolo Le istituzioni del welfare: contesto nazionale ed europeo (Vitoria-Gasteiz, 4-5 luglio 2017). Ha partecipato all incontro seminariale Capitalism forever or is there any utopian potenzial left? con un intervento dal titolo Thinking the present, reclaiming the future (Londra, 8 settembre 2017).
Ha partecipato al convegno della Sissco con una relazione dal titolo L uguaglianza sostanziale e le culture costituenti (Cantieri di storia, IX, Padova, settembre, 2017). Ha partecipato al convegno Legacy. Codex e civitas. Giornate in memoria di Stefano Rodotà con una relazione dal titolo Le trasformazioni del capitalismo e la politica del diritto (Università degli studi di Torino, 15-18 marzo 2018).
Ha organizzato e partecipato al seminario internazionale L attualità del Capitale. Nel bicentenario della nascita di Karl Marx, con una relazione dal titolo L interpretazione di Lelio Basso (Roma, 23/24 marzo 2018). Ha partecipato al seminario Le Commun entre travail et institutions, con un intervento dal titolo Le istituzioni del Welfare (Parigi, la Maison des Sciences Economiques, 13 giugno 2018). Ha partecipato al seminario Nuove istituzioni: Gli assemblaggi dei contropoteri (Università degli studi di Salerno, 17 luglio 2018). Ha partecipato al convegno 120-INPS con una relazione dal titolo La storia dell INPS e delle politiche sociali italiane (Venezia, 4 ottobre 2018). Ha partecipato al convegno Giovanni Berlinguer e le riforme del 1978 con una relazione dal titolo Il dibattito sul diritto alla salute negli anni 60/ 70 (La Sapienza, 23 ottobre 2018).
Ha organizzato e partecipato al seminario internazionale 200 Marx. Il futuro di Karl, con una relazione dal titolo, Utopia/non utopia (Macro, Roma, 13-15 dicembre 2018). Ha organizzato e partecipato al seminario Anni 70. Bilancio di un dibattito in corso (Fondazione Basso, Roma, 21 dicembre 2018). Ha partecipato al Corso di Perfezionamento in Teoria critica della società con due interventi dal titolo: L uguaglianza sostanziale e I fondamenti storici del Servizio sanitario nazionale (Milano Bicocca, 7 giugno 2019).
Ha partecipato al convegno internazionale Weimar Moments. Constitutionalising Mass Democracy in Germany, Italy, Spain, and beyond con una relazione dal titolo The Principle of Equality in Italy s 1948 Constitution: institutional debate, political cultures and social rights (Madrid, 13-15 novembre 2019).
Nel corso del 2020 ha partecipato a numerosi incontri online relativi alla sanità pubblica, al diritto alla salute, al principio di uguaglianza: Rinnovare la città. Osservatorio emergenza Coronavirus, Fondazione Innovazione urbana, Bologna, Dialogo su diritto alla salute nella storia d Italia (10 aprile 2020); Sanità e spesa pubblica per la salute nell Italia del Coronavirus (Incontro webinar con Banca etica, Attiviamo energie positive, Sbilanciamoci, 27 aprile 2020); La privatizzazione irresponsabile del servizio sanitario (Incontro webinar con Medicina Democratica, Epidemiologia e Prevenzione, Sbilanciamoci, Forum Diritto alla salute, 16 novembre 2020); Il Servizio sanitario nazionale di fronte alla pandemia. Risorse, politiche e autonomie regionali (Incontro webinar con CRS, Sbilanciamoci, Medicina Democratica Martedi 15 dicembre 2020); Presentazione del libro La salute è un diritto. Giovanni Berlinguer e le riforme del 1978, Istituto Gramsci, Dipartimento di Filosofia La Sapienza (Venerdì 18 dicembre 2020).
Ha svolto la lezione organizzata dall Istituto romano per la storia d'Italia dal fascismo alla Resistenza La Costituzione italiana. L articolo 3 (webinar 13 gennaio 2021); ha partecipato al seminario in occasione della pubblicazione del libro Aldo Aniasi. La rete del riformista, a cura di J. Perazzoli, Biblion edizioni (webinar 26 gennaio 2021). Ha partecipato al convegno Il fallimento del riformismo degli anni Novanta, organizzato dall Università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli, con una relazione dal titolo Riforme e controriforme della sanità italiana (webinar, 14 maggio 2021). Ha partecipato al convegno della Sissco come discussant del panel La politica dei diritti sociali. Protagonisti, pratiche e retoriche del welfare in Italia (Cantieri di storia 2021, 15 settembre). Ha partecipato al convegno Lavoro, welfare e sicurezza sociale: le nuove sfide (Inapp, Roma 30 marzo 2022).

2011-2015
Ha partecipato al convegno Le nuove frontiere del diritto dell'immigrazione: integrazione, diritti, sicurezza organizzato presso l'Università degli studi di Roma "La Sapienza", con una relazione dal titolo L'inclusione differenziale nell'Italia coloniale (Roma, 2-3 febbraio 2011). Ha promosso partecipato all'organizzazione scientifica del convegno Funzionari e intermediari al servizio del governo coloniale presso l'Università degli Studi di Pavia (Pavia, 29-30 settembre 2011). Ha promosso e partecipato all'organizzazione del seminario nazionale Sissco Il fascismo nella storia d'Italia. Tradizione e modernità del regime tenutosi presso la Fondazione Istituto Storico Giuseppe Siotto (Cagliari, 20-21 ottobre 2011). Ha partecipato al seminario della Rivista "Ragion Pratica" sul tema Beni Comuni organizzato presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli studi di Genova con una relazione dal titolo Dalla Comune di Parigi ai movimenti per i beni comuni: le sfide alla cittadinanza (Genova, 6-7 luglio 2012).
Ha partecipato al seminario internazionale Les hommes de la décolonisation organizzato dal Centre d'Histoire Judiciaire dell'Università di Lille 2 e da la Maison europeenne des sciences de l'homme et de la société con una relazione sulle istituzioni del colonialismo italiano (Lille, 23 ottobre 2012). Ha fatto parte del seminario su Fascismo e storiografia, organizzato presso l Istituto Gramsci, con due interventi su Le politiche sociali del fascismo nel dibattito storiografico e Il colonialismo fascista nella storiografia (gennaio/febbraio 2013). Ha partecipato al convegno internazionale dal titolo Il progetto costituzionale dell uguaglianza con una relazione dal titolo La fantasia giuridica del costituente: Lelio Basso e il secondo comma dell articolo 3 (Roma, 12-13 dicembre 2013). Ha partecipato al convegno italo/tedesco dal titolo Da partito dei notabili a partito popolare di massa? Fascisti, comunisti, socialdemocratici e democristiani in Italia e in Germania, con una relazione dal titolo Le politiche sociali attraverso il partito fascista (Villa Vigoni, 26-30 marzo 2014).
Ha partecipato agli incontri annuali della Scuola per la buona politica, organizzata dalla Fondazione Lelio e Lisli Basso (Roma, 2010-2014). È stata promotrice di molti incontri seminariali organizzati dalla Fondazione Lelio e Lisli Basso, tra i quali, la presentazione di G. Azzariti, Il costituzionalismo moderno può sopravvivere? (Laterza 2013), con S. Rodotà e L. Ferrajoli (26 giugno 2013); K. Polanyi, Per un nuovo Occidente. Scritti 1919-1958 (Laterza, 2013), con M. Salvati, M. Cangiani, G. Marramao (4 luglio 2103); Zappino, Coccoli, Tabacchini, Genealogie del presente, Mimesis, 2014 (dicembre 2014); Il valore delle Cose di Yan Thomas (19 ottobre 2015); G. Azzariti, Contro il revisionismo costituzionale. Tornare ai fondamentali, Laterza, 2016 (30 giugno 2016); Principio di uguaglianza e politiche pubbliche (13 aprile 2018). Ha partecipato alla creazione, promozione e organizzazione del seminario annuale I confini del diritto (curato da Fondazione Lelio e Lisli Basso, Istituto svizzero di Roma, Dipartimento di La Sapienza, CRS, Lum).

2006-2010
Ha partecipato all'incontro seminariale su Biografia/e. Ricerche, fonti, problemi tra età moderna e contemporanea organizzato dall'Università degli studi di Teramo con una relazione dal titolo La ricerca biografica nell'ambito della storia delle istituzioni (Teramo, 21-22 novembre 2006). Ha partecipato a numerosi incontri organizzati presso la Fondazione Lelio e Lisli Basso sul tema degli studi postcoloniali (2005-2006). Ha partecipato alla Summer School organizzata dall'Università di Bologna in collaborazione con le università di Lisbona e di Santiago di Compostela e dedicata al tema Centri e periferie. Politica, società e istituzioni in Italia, Portogallo e Spagna (Bertinoro, luglio 2006).
Ha partecipato al convegno della Sissco, come relatrice e coordinatrice del panel dal titolo Quattro percorsi nello spazio coloniale italiano, con una relazione su I funzionari coloniali (Cantieri di storia, IV, Marsala, settembre 2007). Ha partecipato al convegno nazionale Francesco De Martino e il suo tempo con una relazione dal titolo Il marxismo di Basso e De Martino (Senato della Repubblica, 30 novembre 2007). Ha partecipato al convegno Carità pubblica, assistenza sociale, politiche di welfare: il caso di Trieste organizzato presso l'Università di Trieste (Trieste, 17-18 marzo 2008). Ha partecipato al convegno conclusivo Culture politiche e dimensioni del femminile nell'Italia del '900 con una relazione dal titolo Il femminismo e le socialiste (Istituto della Enciclopedia italiana, 23-24 giugno 2008).
Ha partecipato al convegno della Sissco, come relatrice e coordinatrice del panel dal titolo Alla periferia del fascismo con una relazione dal titolo Centro e periferia dell'Oltremare (Cantieri di storia, V, Trieste, settembre 2009). Ha partecipato al convegno Votare con i piedi. Amministrazione coloniale, borderlands e mobilità degli individui nell'Africa coloniale italiana, presso l'Università degli studi di Macerata con una relazione dal titolo Uomini sul campo. Soggetti e logiche della mobilità coloniale (Macerata, 14-15 ottobre 2010).

2001-2005
Ha partecipato al convegno L'Italia repubblicana nella crisi degli anni settanta con una relazione dal titolo L'INPS negli anni Settanta (Istituto della Enciclopedia italiana, Roma, novembre e dicembre 2001). Ha partecipato all'organizzazione scientifica del convegno tenutosi presso il Centro di ricerca e documentazione per la storia del lavoro in Italia in età contemporanea di Imola su L'impiego al femminile. Le donne negli uffici pubblici e privati, per il quale ha presentato la relazione L'emarginazione femminile nella pubblica amministrazione tra le due guerre: storie di donne (Imola, 13-14 novembre 2002).
Ha partecipato al convegno della Società italiana per lo studio della Storia Contemporanea (Sissco) con una relazione dal titolo L'Istituto fascista per la previdenza sociale: un contributo allo studio del sistema istituzionale fascista (Cantieri di storia, II, Lecce, settembre 2003). Ha partecipato al terzo congresso della Società delle storiche (Sis) con un intervento dal titolo La dirigenza femminile nelle istituzioni sportive: un percorso storico (Firenze, 14-16 novembre 2003). Ha partecipato alla giornata di studio su Fonti e studi sulla storia della questione femminile con una relazione su La presenza femminile nella pubblica amministrazione durante il fascismo (Teramo, 22 aprile 2004). Ha preso parte al convegno di studi storici organizzato dalla Fondazione ISEC su L'Italia alla metà del XX secolo. Conflitto sociale, Resistenza, Costruzione di una democrazia con una relazione dal titolo Lelio Basso nella democrazia costituzionale (Sesto San Giovanni, 4-5 marzo 2004).
Ha presentato la lecture dal titolo Fascism and The Welfare State presso The D. Calandra Italian American Institute (New York, 1 aprile 2005). Ha partecipato al convegno della Sissco con una relazione dal titolo Élites nazionali ed enti pubblici tra anni Venti e Trenta (Cantieri di storia, III, Bologna, 22-24 settembre 2005). Ha partecipato al 3° Colloquio Italo-Francese di Storia Amministrativa su Diritti e Doveri degli impiegati. Lo Statuto del pubblico impiego con un intervento su Il personale degli enti pubblici economici e previdenziali: un diverso modello di organizzazione (Università degli studi di Siena, 21 ottobre 2005). Ha partecipato al convegno dal titolo Percorsi di studio e opportunità professionali: le donne italiane tra 800 e 900, organizzato presso l'Università Politecnica delle Marche con una relazione su Donne e amministrazione (Ancona, 18-19 novembre 2005). Ha partecipato al convegno Lo Stato in Europa negli anni Trenta. Democrazie e totalitarismi, con un intervento su Gli enti Beneduce (Biblioteca del Senato, Roma, 26-27 ottobre 2006).

Elenco delle pubblicazioni

Volumi

1) La sinistra alla Costituente. Per una storia del dibattito istituzionale, Carocci, Roma 2001, prima ristampa, 2015, pp. 261.
2) La previdenza del regime. Storia dell INPS durante il fascismo, Il Mulino, Bologna 2004, pp. 356.
3) L Africa come carriera. Funzioni e funzionari del colonialismo italiano, Carocci, Roma 2012 ( Premio Grifoni , libro di Storia edito, 2013), pp. 222.
4) Un socialista del Novecento. Uguaglianza, libertà e diritti nel percorso di Lelio Basso, Carocci, Roma 2015, prima ristampa 2017, pp. 276.
5) Costituzione italiana: articolo 3 (con M. Dogliani), Carocci, Roma 2017, seconda ristampa 2019, pp. 163.
6) Storia dello Stato sociale in Italia (con I. Pavan), Il Mulino, Bologna 2021, pp. 519.

Curatele

1) F. De Martino, Socialisti e comunisti nell Italia repubblicana, La Nuova Italia, Firenze 2000;
2) (con Mariuccia Salvati), Lelio Basso, Scritti scelti, Carocci, Roma 2003;
3) (con Guido Melis e Angelo Varni), L altra metà dell impiego. Storia delle donne nell amministrazione, Bononia University Press, Bologna 2005;
4) (con P. Capuzzo), Centro e periferia come categorie storiografiche. Esperienze di ricerca in Italia, Spagna e Portogallo, Carocci, Roma 2009:
5) (con P. Capuzzo, M. Martini, C. Sorba), Pensare la contemporaneità, Scritti per Mariuccia Salvati, Viella, Roma 2011;
6) (con G. Dore, A. Morone, M. Zaccaria), Governare l Oltremare. Istituzioni, funzionari e società nel colonialismo italiano, Carocci, Roma 2013;
7) Il progetto costituzionale dell uguaglianza, Ediesse, Roma 2014;
8) (con F. Brancaccio), Ai confini del diritto. Poteri, istituzioni e soggettività, DeriveApprodi, Roma 2017;
9) Rileggere Il Capitale, Manifestolibri, Roma 2018;
10) A Heterodox Marxist and his century: Lelio Basso. Selected Writings, Brill, Leiden 2020;
11) Welfare. Attualità e prospettive, Carocci, Roma, 2022.

Articoli su riviste di fascia A del settore M-STO/04, Storia Contemporanea

1) L Istituto nazionale fascista di previdenza sociale, Le carte e la storia , n. 2, 2003, pp. 165-174;
2) Alle origini della previdenza nazionale: L INA e la Cassa mutua cooperativa italiana per le pensioni, Le carte e la storia , n. 2, 2005, pp. 142-155;
3) Governance e amministrazione nelle politiche pubbliche statunitensi: retoriche a confronto in un dibattito di fine secolo, Mondo contemporaneo , n. 1, 2007, pp. 131-151;
4) I funzionari dell Oltremare: tra autorappresentazione e realtà del governo coloniale, Le carte e la storia , n. 2, 2008, pp. 187-204;
5) Magistrati d Oltremare, Studi storici , n. 4, 2010, pp. 63-77;
6) (con A. Morone), Colonie celebrate, colonie dimenticate. L Unità d Italia e l Africa, Le carte e la storia , numero speciale, 2011, pp. 76-96;
7) Le politiche sociali del fascismo, Studi storici (numero monografico su Fascismo: Itinerari storiografici da un secolo all altro), n. 1, 2014, pp. 93-107;
8) Das faschistiche System der sozialen Vorsorge im Spannungsverhältnis zwischen autoritären Maßnahmen und sozialer Integration, Quellen Und Forschungen Aus Italienischen Archiven Und Bibliotheken , 97, 2017, pp. 44-62;
9) (con I. Pavan), «Un sistema finito di fronte a una domanda infinita». Alle origini del Servizio sanitario nazionale, Le Carte e la Storia , n. 2, 2018, pp. 103-119;
10) Cultura cattolica ed elaborazione costituzionale, Mondo Contemporaneo , n. 2-3, 2018, pp. 76-84;
11) (con I. Pavan), Le lotte per la salute in Italia e le premesse della riforma sanitaria. Partiti, sindacati, movimenti, percorsi biografici (1958-1978), Studi storici , n. 2, 2019, pp. 417-455;
12) Remodeling Welfare. Social Policies Beetween Emergiences and Renewal (con I. Pavan e J. Moses), Contemporanea , n. 4, 2020, pp. 507-18;
13) Politica e salute nella crisi del welfare, Studi storici , n. ,

Articoli su altre riviste scientifiche

1) Il contributo di Vezio Crisafulli, Scienza & Politica , n. 21, 1999, pp. 47-64;
2) Le radici della crisi. Gli anni sessanta e settanta in Italia, Italia contemporanea , giugno 1999;
3) Le Assicurazioni sociali e il dibattito italiano e internazionale sullo Stato sociale (1933-1943), "Storia e Futuro", n. 2, 2003 (www.storiaefuturo.com);
4) La dirigenza femminile nelle istituzioni sportive: un percorso storico, Trimestre , n. 1, 2004, pp. 343-362;
5) Una «filosofia della prassi»: il marxismo di Lelio Basso e di Francesco De Martino in Quaderni della Fondazione Giacomo Brodolini , 2009, pp. 119-134;
6) La periferia fascista dell Oltremare, in Fascismi periferici. Nuove ricerche, L Annale Irsifar 2010, pp. 63-77;
7) Diritto, società e Costituzione nell elaborazione di Lelio Basso, Democrazia e Diritto , 1-2, 2011, pp. 284-294;
8) Socialismo/comunismo: questione terminologica e implicazioni politiche, Parole chiave , 2015, 52;
9) La storia costituzionale d Italia tra interpretazioni storiche, scelte del presente e prospettive future, Diritto Pubblico , n. 3, 2015;
10) Le nuove geografie del potere, La Rivista delle politiche sociali , 2-3, 2015;
11) Intervento in Pensare la Corte costituzionale. La prospettiva storica per la comprensione giuridica, Nomos , 2, 2015;
12) La Corte costituzionale tra storia, protagonisti e dilemmi, Rivista critica del diritto privato , 2016;
13) Benedict Anderson e il potere dell immaginazione, Storicamente , n. 12, 2016, pp. 1-16;
14) L uguaglianza tra diritto e storia (italiana). Momenti e figure di un principio costituzionale, Costituzionalismo.it , 3, 2017;
15) Pensare il presente, riconquistare il futuro, Critica Marxista , 6, 2017;
16) L uguaglianza sostanziale nel lungo dibattito costituente, Rivista Trimestrale di Diritto Pubblico , 1, 2018, pp. 9-43;
17) Le trasformazioni del capitalismo e gli spazi per una politica del diritto , The Cardozo Electronic Law Bulletin , spring-summer 2019, pp. 1-14.
18) Dei tanti e diversi confini dell amministrazione coloniale italiana, Giornale di storia costituzionale , n. 2, 2019, pp. 185-196;
19) Social Policies in Italian Fascism. Authoritarian strategies and social integration, Historia Contemporánea ; n. 61, 2019, pp. 907-932;
20) (con F. Taroni), Il Servizio sanitario nazionale di fronte alla pandemia. Passato e futuro delle politiche per la salute, La Rivista delle Politiche sociali, https://www.ediesseonline.it/wp-content/uploads/2020/04/Il-Servizio-sani...
21) (con F. Taroni), I regionalismi sanitari in Italia nel contesto internazionale: lezioni dalla pandemia, Costituzionalismo.it , 2, 2020;
22) Riforme e controriforme della sanità italiana, Democrazia e Diritto , n. 3, 2021, pp. 73-89;
23) Utopia, non utopia. Le tensioni di un concetto, Parole-chiave , n. 6, 2021, pp. 5-24.

Capitoli in volumi

1) Lelio Basso alla Costituente, in Fondazione Lelio e Lisli Basso, La via alla politica. Lelio Basso, Ugo La Malfa, Meuccio Riuni, protagonisti della Costituente, Franco Angeli, Milano 1999, pp. 76-84; Ugo La Malfa alla Costituente, ivi, pp. 132-6; Meuccio Ruini alla Costituente, ivi, pp. 179-86; Costituente, tradizioni giuridiche e trasformazioni della società;
2) La libertà degli eguali. Per un analisi della cultura politica e istituzionale di Francesco De Martino, in E. Bartocci (a cura di), Il futuro nella storia del socialismo. Saggi sul pensiero e l esperienza politica di Francesco De Martino Lacaita, Manduria-Roma 2002, pp. 43-182;
3) L'INPS negli anni Settanta, in L'Italia repubblicana nella crisi degli anni settanta, Rubettino, Soveria-Mannelli 2003, pp. 475-511;
4) Travet, in F. Bonini, Storia della pubblica amministrazione in Italia, Le Monnier, Firenze 2004, pp. 17-23; Donne nell amministrazione, ivi, pp. 46-50; Un (piccolo) impiegato romano, ivi pp. 66-68; Maladministration, ivi, pp. 86-88; Velleità di rinnovamento e continuità della burocrazia, ivi, pp 111-117; I Burosauri, ivi, pp. 139-144; Governance ivi, pp. 169-173;
5) Lelio Basso e la difesa dei diritti, in L. Ganapini (a cura di), L Italia alla metà del XX secolo. Conflitto sociale, Resistenza, costruzione di una democrazia, Guerini e associati, Milano 2005, pp. 175-186;
6) L emarginazione femminile nella pubblica amministrazione tra le due guerre: storie di donne, in C. Giorgi, G. Melis, A. Varni (a cura di), L altra metà dell impiego. Storia delle donne nell amministrazione, Bononia University Press, Bologna 2005, pp. 79-98;
7) Giuseppe Montemurri, Guido Ruberti, Carlo Pîni, G. Barcati, A. Petretti, D. Barone, Il Consiglio di Cremona, in G. Melis (a cura di), Dizionario biografico dei Consiglieri di Stato (1861-1948), Giuffré, Milano 2006;
8) La famiglia unitissima del pubblico impiego . in P. Iuso (a cura di), La sindacalizzazione del pubblico impiego. Dalle origini delle rappresentanze alla funzione pubblica CGIL, Ediesse, Roma 2006, pp. 179-231;
9) Politiche sociali e politiche di contrattazione nel regime fascista italiano: l ambito previdenziale, in M. Pasetti (a cura di), Progetti corporativi tra le due guerre mondiali, Carocci, Roma 2006, pp. 203-212;
10) Il lavoro femminile nella pubblica amministrazione, in G. Vicarelli (a cura di), Donne e professioni nell'Italia del Novecento, Il Mulino, Bologna 2007, pp. 159-179;
11) Un intreccio di uomini ed istituzioni: l INPS nella rete degli enti pubblici tra fascismo e Repubblica, in M. Cammelli (a cura di) Territorialità e delocalizzazione nel governo locale, Il Mulino, Bologna 2007, pp. 153-183;
12) Lelio Basso tra partito politico e Assemblea Costituente, in G. Monina (a cura di), 1945-1946. Le origini della Repubblica, Rubbettino, Soveria Mannelli 2007, pp. 453-483;
13) Gli enti pubblici di Beneduce nel sistema istituzionale fascista in G. Melis (a cura di), Lo Stato negli anni Trenta, Il Mulino, Bologna 2008, pp. 169-183;
14) L amministrazione italiana delle colonie: le strutture e gli uomini, in P. Capuzzo, C. Giorgi (a cura di), Centro e periferia come categorie storiografiche. Esperienze di ricerca in Italia, Spagna e Portogallo, Carocci, Roma 2009, pp. 141-150;
15) The Origins and the Development of the Welfare State: Democracies and Totalitarianisms Compared in Alice Kessler-Harris and Maurizio Vaudagna (eds.), Book on the History of Social Rights in Europe and America, Otto, Torino 2009, pp. 329-345;
16) I Professionisti dell Oltremare, in M. Malatesta (a cura di), Atlante delle professioni, Bononia University Press, Bologna 2009;
17) Il femminismo e le socialiste, in G. Bonacchi e C. Dau Novelli (a cura di), Culture politiche e dimensioni del femminile nell Italia del 900, Rubbettino, Soveria Mannelli 2010, pp. 85-98;
18) L inclusione differenziale nell Italia coloniale, in F. Angelini, M. Benvenuti, A. Schillaci (a cura di), Le nuove frontiere del diritto dell immigrazione: integrazione, diritti, sicurezza, Jovene, Napoli 2011, pp. 9-26;
19) Celebrazione nazionale e consenso coloniale, in F. Bilancia, F.M. Di Sciullo, A. Gianelli, M.P. Paternò, F. Rimoli, Salerno (a cura di), Fardelli d Italia. L Unità nazionale tra coesione e conflitti, Edizione Scientifica, Napoli 2011, pp. 71-86;
20) Politiche sociali e fascismo nel dibattito storiografico, in P. Mattera (a cura di), Momenti di welfare in Italia, Carocci, Roma 2012, p. 55-65;
21) The Allure of the Welfare State, in G. Albanese, R. Pergher, In the Society of Fascists. Acclamation, Acquiescence, and Agency in Mussolini's Italy, Palgrave Macmillan, Oxford 2012, p. 131-148;
22) (con G. Bonacchi), La Comune di Parigi e la cittadinanza attiva, in Tempo di beni comuni, Ediesse, Roma 2013, pp. 383-402;
23) Soggetti e politiche della mobilità coloniale in I. Rosoni, U. Chelati Dirar (a cura di), Votare con i piedi. La mobilità degli individui nell Africa coloniale italiana, Eum, Macerata 2012, pp. 199-230;
24) Le istituzioni del Welfare, in M. Meriggi, L. Teodoldi (a cura di), Storia delle istituzioni politiche, Carocci, Roma 2014, ottava ristampa 2021, pp. 169-194;
25) La fantasia giuridica del costituente: Lelio Basso e il secondo comma dell articolo 3 in C. Giorgi (a cura di), Il progetto costituzionale dell eguaglianza, Ediesse, Roma 2014, pp. 53-70;
26) (con F. Di Pasquale), The «Worker Nuns of Nigrizia». The Pious Mothers of Nigrizia between Italy and Africa during the Imperial Age (1872-1950), in E. Olivito (ed.by) Gender and Migration in Italy, Ashgate, 2016, pp. 21-39;
27) Colonialismo e storia d Italia: lo stato degli studi, in G. Bascherini, G Ruocco (a cura di), Lontano vicino. Metropoli e colonie nella costruzione dello Stato nazionale italiano, Jovene, Roma 2016, pp. 35-61;
28) (con G. Bonacchi), Due di diritto. Differenza sessuale e cittadinanza in A. Pitino (a cura di), Interventi di contrasto alla discriminazione e alla violenza sulle donne nella vita pubblica e privata, Giappichelli, Torino 2016, pp. 101-113;
29) Le sinistre e il nuovo assetto costituzionale. Il progetto dell uguaglianza, in G. Bernardini, M. Cau, C. Nubola e G. D Ottavio (a cura di), L età costituente 1945-1948, Il Mulino, Bologna 2017;
30) Die Sozialpolitik der faschistischen Partei, in S. Cavazza, T. Großbölting, C. Jansen (Hg.), Massenparteien im 20. Jahrhundert. Christ- und Sozialdemokraten, Kommunisten und Faschisten in Deutschland und Italien, Franz Steiner Verlag, Wiesbaden 2018, pp. 157-173;
31) Presente e passato coloniale nella storia e nella storiografia italiana in Il mestiere di storico , 1, 2018;
32) La «critica vivente di una società in movimento»: una lettura novecentesca del Capitale in C. Giorgi (a cura di) Rileggere Il Capitale, Manifestolibri, Roma 2018, pp. 165-184;
33) Borghesia: tra epica e attualità (con T. Rispoli); Il dilemma della nazione; Il programma delle misure rivoluzionarie in K. Marx-F. Engels, Il manifesto comunista, a cura di C17, Ponte alle grazie, Milano 2018;
34) Differenza/uguaglianza, in A. Simone, I. Boiano (a cura di), Femminismo giuridico. Teorie e problemi, Mondadori, Milano 2019;
35) Al di qua delle Utopie, in L. Basile, C. Paolini, G. Zingone (a cura di), Attraversamenti di Marx, ETS, Pisa 2019, pp. 55-63;
36) (con F. Taroni), Espansione pubblica e rioriganizzazione privata. Come sono cambiati i sistemi sanitari in Italia e in Europa, in J. Perazzoli (a cura di), Al posto della paura. Percorsi di storia dei modelli sanitari tra passato e futuro, Feltrinelli, Milano 2020, pp. 20-26;
37) (con I. Pavan), La politica della medicina. L impegno di Giovanni Berlinguer per la riforma sanitaria, in F. Rufo (a cura di), La salute è un diritto. Giovanni Berlinguer e le riforme del 1978, Ediesse, Roma 2020, pp. 139-166;
38) Introduction, in C. Giorgi (a cura di) A Heterodox Marxist and his century: Lelio Basso. Selected Writings, Brill, Leiden 2020, pp.1-28;
39) Utopia, in B. Skeggs, S. Farris, A. Toscano, S. Bromberg (ed. by), The Sage Handbook of Marxism, Sage, London, 2021, pp. 1232-1248;
40) (con I. Pavan), Il Pci e le politiche sociali tra anni Sessanta e Settanta in S. Pons (a cura di), Il comunismo italiano nella storia del Novecento, Viella, Roma, 2021, pp. 461-76
41) Il welfare ieri e domani in C. Giorgi (a cura di), Welfare. Attualità e prospettive, Carocci, Roma, 2022, pp. 15-30;
42) La traiettoria delle politiche sanitarie italiane, in F.R. Pizzuti, M. Raitano, M. Tancioni (a cura di) Rapporto sullo Stato sociale 2022, Sapienza University Press (in stampa), Roma, pp. 68-86.

Maria Chiara Giorgi
Curriculum Vitae

Professoressa Associata in Storia contemporanea, Sapienza Università di Roma.

Formazione

Laurea in Storia contemporanea nell anno accademico 1997-1998 presso l Università degli studi di Bologna, tesi: La sinistra alla Costituente: cultura politica e sensibilità istituzionale , votazione 110/110 e lode e menzione di merito ai fini della pubblicazione.

Dottore di ricerca nel novembre 2002 in Teoria e storia della modernizzazione e del cambiamento sociale in età contemporanea presso l Università degli studi di Siena, Facoltà di Scienze Politiche, tesi: L Istituto nazionale fascista di previdenza sociale. Storia dell INPS tra le due guerre .

Posizione attuale e interessi di ricerca

Dal settembre 2019 ricercatrice confermata a tempo indeterminato, prima in Storia delle istituzioni politiche (SPS/03); dal novembre 2020 in Storia Contemporanea (M-STO/04) presso l Università degli studi di Roma La Sapienza , Dipartimento di Filosofia, Facoltà di Lettere e filosofia; dal novembre 2021 Professoressa Associata in Storia Contemporanea (M-STO/04) presso l Università degli studi di Roma La Sapienza , Dipartimento di Filosofia, Facoltà di Lettere e filosofia.
Fa parte del collegio dei docenti del Dottorato di ricerca in Filosofia dell Università degli studi di Roma La Sapienza , modulo storico.

I temi di ricerca sono la storia dello Stato sociale, dei sistemi sanitari e di sicurezza sociale, il colonialismo italiano in Africa e l amministrazione coloniale, il dibattito sulla Costituzione italiana, la storia del socialismo, l opera di Lelio Basso e la sua biografia politica, la storia delle donne e alcuni temi della storia del marxismo.

Abilitazioni

Abilitazione nazionale di II fascia (ASN, 2012/13) per il settore concorsuale 11/A3 Storia Contemporanea (settore scientifico disciplinare M-STO/04 Storia Contemporanea) e per il settore concorsuale 14/B1, Storia delle dottrine e delle istituzioni politiche (settore scientifico-disciplinare SPS/03 storia delle istituzioni politiche).

Abilitazione nazionale di I fascia (ASN, 2017) per il settore concorsuale 14/B1, Storia delle dottrine e delle istituzioni politiche (settore scientifico-disciplinare SPS/03 storia delle istituzioni politiche).

Posizioni precedenti

Gennaio 2018-Agosto 2019, ricercatrice confermata a tempo indeterminato presso l Università degli studi di Pisa, Dipartimento DICI.

Luglio 2011-Dicembre 2017, ricercatrice a tempo indeterminato in Storia delle istituzioni politiche (SPS/03) presso l Università degli studi di Genova, Dipartimento di Scienze politiche, confermata dal luglio 2014.

2011, contrattista presso l International University College of Turin (IUC).

2007-2010, assegnista di ricerca presso l Università degli studi di Bologna, Dipartimento di Discipline storiche, Cattedra di Storia contemporanea.

2005-2006, borsista post-dottorato presso l Università degli studi di Bologna, Dipartimento di Discipline storiche, Cattedra di Storia contemporanea.

Settembre-Ottobre 2004 e Marzo-Aprile 2005, visiting scholar al Department of History dell Università del Connecticut (UConn) negli Stati Uniti, con il programma di scambi con l Università degli studi di Teramo, con un progetto sulle riforme dell amministrazione statunitense nel Novecento.

2003-2005, assegnista di ricerca presso l Università degli studi di Teramo, Facoltà di Scienze Politiche, Cattedra di storia delle istituzioni politiche.

1999, borsista della Fondazione Nenni, Roma, per una ricerca sulla figura di Francesco De Martino.

Attività di ricerca all estero

Febbraio 2015, visiting fellow presso la Faculty of Arts and Social Sciences dell Università di Kingston (UK).
Febbraio-Maggio 2016, visiting fellow presso il Department of Sociology di Goldsmith, University of London (UK).
Febbraio 2017, visiting fellow presso Queen Mary University of London (UK).
Febbraio 2019, visiting fellow presso il Department of Sociology di Goldsmith, University of London (UK).

Attività didattica

Insegnamenti ufficiali

Storia contemporanea, M-STO/04 (a.a. 2021/2021), (6 cfu, 42 ore) Corso di Laurea Magistrale Filosofia presso l Università degli studi di Roma, La Sapienza

Storia contemporanea, M-STO/04 (a.a. 2021/2022), (6 cfu, 42 ore) Corso di Laurea Filosofia presso l Università degli studi di Roma, La Sapienza

Società di massa moda e costume nella storia del novecento, M-STO/04 (a.a. 2021/2022), (6 cfu, 42 ore) Corso di Laurea Lettere e Filosofia presso l Università degli studi di Roma, La Sapienza

Storia contemporanea, M-STO/04 (a.a. 2020/2021), (6 cfu, 42 ore) Corso di Laurea Magistrale Filosofia presso l Università degli studi di Roma, La Sapienza

Storia contemporanea, M-STO/04 (a.a. 2020/2021), (6 cfu, 42 ore) Corso di Laurea Filosofia presso l Università degli studi di Roma, La Sapienza

Storia delle Istituzioni Politiche, SPS/03 (a.a. 2012/2013; a.a. 2013/2014; a.a. 2014/2015) (10 cfu, 60 ore) Corso di Laurea in Scienze Politiche e dell'Amministrazione presso la Facoltà di Scienze Politiche, Università degli Studi di Genova

Storia della pubblica amministrazione, SPS/03 (a.a. 2011/2012; a.a. 2012/2013; a.a. 2013/2014; a.a 2014/2015; a.a. 2015/2016) (6 cfu, 36 ore) Corso di Laurea Magistrale in Amministrazione e Politiche Pubbliche presso la Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi di Genova

Corsi di dottorato

Ha svolto un modulo didattico del Dottorato di ricerca in filosofia (a.a. 2020/2021, Modulo storico, Teorie e pratiche dell uguaglianza).
Ha tenuto lezioni presso il Dottorato in Studi storici dell Università di Siena e dell Università Firenze (19 febbraio 2021) e presso altre università italiane.
Ha partecipato al Collegio dei Docenti e svolto attività didattica nel Dottorato di Ricerca in Scienze sociali presso l'Università degli Studi di Genova, Dipartimento di Scienze politiche, ed è stata tutor di due tesi di dottorato.

Attività didattiche integrative

Negli anni 2005-2009 ha collaborato all'attività didattica dell'insegnamento di Storia contemporanea presso il Dipartimento di discipline storiche dell'Università degli studi di Bologna.
Negli anni 2002-2003 e 2003-2004 ha collaborato all'attività didattica degli insegnamenti di Storia delle istituzioni politiche e di Storia delle istituzioni sportive presso il Dipartimento di Scienze politiche dell Università degli studi di Teramo, svolgendo attività seminariale.

Partecipazione a progetti di ricerca

2021-2022 Progetto di ricerca d ateneo, Università di Roma La Sapienza, Scienza, salute e riforme: una biografia intellettuale di Giovanni Berlinguer.

2020-2021, Progetto di ricerca d ateneo, Università di Roma La Sapienza, Salute individuale e collettiva: una questione transdisciplinare.

2020-2023, PRIN The welfare-warfare nexus. The Italian experience in transnational perspective: total wars, citizenship and the transformation of the welfare state , diretto dalla Scuola Normale Superiore di Pisa.

2011-2012, Progetto di ricerca d ateneo, Università di Genova, Qualità e rendimento delle democrazie. Un analisi multidisciplinare, 2011; Mercato e democrazia: prospettive e ricerche della new political economy, 2012.

Incarichi editoriali attuali

Co-direttrice della rivista Parole-chiave .

Membro del comitato di redazione della rivista Le carte e la storia (fascia A Anvur).

Membro del comitato di redazione della rivista Instituta

Membro del comitato editoriale della rivista Studi Storici

Fondatrice e membro del coordinamento della collana editoriale Fondamenti (Ediesse editore, oltre 30 libri pubblicati).

Referee per le riviste Italia contemporanea, Le carte e la storia, Materiali per una storia della cultura giuridica, Studi storici ed altre.

Altri incarichi attuali

Membro del Comitato direttivo della Società per gli studi di storia delle Istituzioni .
Membro del Consiglio dei garanti della Fondazione Lelio e Lisli Basso di Roma.
Membro del Comitato direttivo del Centro per la Riforma dello Stato, Roma.
Socia della Sissco (Società italiana per lo Studio della Storia contemporanea).

Premi ricevuti

2013, Premio Grifoni per il libro di storia edito, per il volume L Africa come carriera. Funzioni e funzionari del colonialismo italiano, Carocci, Roma 2012

Organizzazione e partecipazione a convegni e seminari nazionali e internazionali

2015-2021
Ha svolto attività seminariale presso la Scuola Normale Superiore sul tema dello Stato sociale durante il fascismo (Pisa, 18/19 marzo 2015). Ha partecipato al seminario internazionale su Lavoro e welfare tra pubblico e privato. Un confronto italo-francese-spagnolo con un intervento sulla costruzione della sicurezza sociale negli anni Trenta (Torino, 8-9 aprile 2015). Ha partecipato alla Summer school del dottorato in scienze giuridiche dell Università di Perugia sul tema Access to justice. What policies for the XXI century?, con una relazione dal titolo Anatomia di una corte: come si diventa giudici costituzionali (Perugia, 25 maggio 2015). Ha partecipato al convegno con una relazione (Roma, 11 settembre 2015). È stata discussant nel panel La costruzione dello Stato sociale italiano nel contesto europeo ai cantieri Sissco organizzati presso l Università della Tuscia (Cantieri di storia, VIII, Viterbo, settembre 2015).
È stata organizzatrice e ha partecipato alla conferenza internazionale di Historical Materialism Rome 2015 Revolution and Restoration con una relazione dal titolo Filosofia della prassi, costruzione di soggettività, totalità. Il marxismo italiano agli inizi del Novecento (Roma, 17-19 settembre 2015). Ha partecipato al convegno Lontano vicino. Metropoli e colonie nella costruzione dello Stato nazionale italiano (La Sapienza, Roma, 11 settembre 2015); ha partecipato all incontro seminariale Il cattolicesimo politico nella storia della Repubblica (11 febbraio, Istituto Gramsci, Roma); ha partecipato alla Summer school del dottorato in scienze giuridiche dell Università di Perugia sul tema The Globalization of Law and Legal Institutions con una relazione dal titolo Colonialism and Italian History: The Current state of Hystoriography (Perugia 20 giugno 2016); ha partecipato al convegno L età costituente. Italia 1946 (Fondazione Bruno Kessler, Trento 6-8 luglio), con una relazione dal titolo Il progetto dell eguaglianza: le sinistre e il nuovo assetto costituzionale.
Ha partecipato al convegno internazionale La società italiana e le grandi crisi economiche (1929-2016) con una relazione dal titolo Enti pubblici e politiche sociali, (La Sapienza, 26 novembre 2016); ha partecipato al seminario internazionale Politiche migratorie e legal transplant nel Mediterraneo. Strategie di controllo tra colonialismo e postcolonialismo con una relazione dal titolo I confini temporali e spaziali dell amministrazione coloniale (Università del Salento, 12 dicembre 2016). Ha partecipato al workshop The making of Italian welfare regime: National specificities and European entaglements con una relazione dal titolo La previdenza del regime tra disposizioni autoritari e integrazione sociale (Istituto storico-germanico di Roma, DHI, 4-5 maggio 2017).
Ha partecipato alla conferenza internazionale Fascism and the International. The Global order yesterday and tomorrow (México City, 18-20 giugno 2017) con una relazione dal titolo Fascist Social Policies in International Context. Ha partecipato al simposio del Instituto de Historia social Valentin De Foronda, Welfare, prevision social y mundo del trabajo. Europa, del siglo XIX a nuestros dias con una relazione dal titolo Le istituzioni del welfare: contesto nazionale ed europeo (Vitoria-Gasteiz, 4-5 luglio 2017). Ha partecipato all incontro seminariale Capitalism forever or is there any utopian potenzial left? con un intervento dal titolo Thinking the present, reclaiming the future (Londra, 8 settembre 2017).
Ha partecipato al convegno della Sissco con una relazione dal titolo L uguaglianza sostanziale e le culture costituenti (Cantieri di storia, IX, Padova, settembre, 2017). Ha partecipato al convegno Legacy. Codex e civitas. Giornate in memoria di Stefano Rodotà con una relazione dal titolo Le trasformazioni del capitalismo e la politica del diritto (Università degli studi di Torino, 15-18 marzo 2018).
Ha organizzato e partecipato al seminario internazionale L attualità del Capitale. Nel bicentenario della nascita di Karl Marx, con una relazione dal titolo L interpretazione di Lelio Basso (Roma, 23/24 marzo 2018). Ha partecipato al seminario Le Commun entre travail et institutions, con un intervento dal titolo Le istituzioni del Welfare (Parigi, la Maison des Sciences Economiques, 13 giugno 2018). Ha partecipato al seminario Nuove istituzioni: Gli assemblaggi dei contropoteri (Università degli studi di Salerno, 17 luglio 2018). Ha partecipato al convegno 120-INPS con una relazione dal titolo La storia dell INPS e delle politiche sociali italiane (Venezia, 4 ottobre 2018). Ha partecipato al convegno Giovanni Berlinguer e le riforme del 1978 con una relazione dal titolo Il dibattito sul diritto alla salute negli anni 60/ 70 (La Sapienza, 23 ottobre 2018).
Ha organizzato e partecipato al seminario internazionale 200 Marx. Il futuro di Karl, con una relazione dal titolo, Utopia/non utopia (Macro, Roma, 13-15 dicembre 2018). Ha organizzato e partecipato al seminario Anni 70. Bilancio di un dibattito in corso (Fondazione Basso, Roma, 21 dicembre 2018). Ha partecipato al Corso di Perfezionamento in Teoria critica della società con due interventi dal titolo: L uguaglianza sostanziale e I fondamenti storici del Servizio sanitario nazionale (Milano Bicocca, 7 giugno 2019).
Ha partecipato al convegno internazionale Weimar Moments. Constitutionalising Mass Democracy in Germany, Italy, Spain, and beyond con una relazione dal titolo The Principle of Equality in Italy s 1948 Constitution: institutional debate, political cultures and social rights (Madrid, 13-15 novembre 2019).
Nel corso del 2020 ha partecipato a numerosi incontri online relativi alla sanità pubblica, al diritto alla salute, al principio di uguaglianza: Rinnovare la città. Osservatorio emergenza Coronavirus, Fondazione Innovazione urbana, Bologna, Dialogo su diritto alla salute nella storia d Italia (10 aprile 2020); Sanità e spesa pubblica per la salute nell Italia del Coronavirus (Incontro webinar con Banca etica, Attiviamo energie positive, Sbilanciamoci, 27 aprile 2020); La privatizzazione irresponsabile del servizio sanitario (Incontro webinar con Medicina Democratica, Epidemiologia e Prevenzione, Sbilanciamoci, Forum Diritto alla salute, 16 novembre 2020); Il Servizio sanitario nazionale di fronte alla pandemia. Risorse, politiche e autonomie regionali (Incontro webinar con CRS, Sbilanciamoci, Medicina Democratica Martedi 15 dicembre 2020); Presentazione del libro La salute è un diritto. Giovanni Berlinguer e le riforme del 1978, Istituto Gramsci, Dipartimento di Filosofia La Sapienza (Venerdì 18 dicembre 2020).
Ha svolto la lezione organizzata dall Istituto romano per la storia d'Italia dal fascismo alla Resistenza La Costituzione italiana. L articolo 3 (webinar 13 gennaio 2021); ha partecipato al seminario in occasione della pubblicazione del libro Aldo Aniasi. La rete del riformista, a cura di J. Perazzoli, Biblion edizioni (webinar 26 gennaio 2021). Ha partecipato al convegno Il fallimento del riformismo degli anni Novanta, organizzato dall Università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli, con una relazione dal titolo Riforme e controriforme della sanità italiana (webinar, 14 maggio 2021). Ha partecipato al convegno della Sissco come discussant del panel La politica dei diritti sociali. Protagonisti, pratiche e retoriche del welfare in Italia (Cantieri di storia 2021, 15 settembre). Ha partecipato al convegno Lavoro, welfare e sicurezza sociale: le nuove sfide (Inapp, Roma 30 marzo 2022).

2011-2015
Ha partecipato al convegno Le nuove frontiere del diritto dell'immigrazione: integrazione, diritti, sicurezza organizzato presso l'Università degli studi di Roma "La Sapienza", con una relazione dal titolo L'inclusione differenziale nell'Italia coloniale (Roma, 2-3 febbraio 2011). Ha promosso partecipato all'organizzazione scientifica del convegno Funzionari e intermediari al servizio del governo coloniale presso l'Università degli Studi di Pavia (Pavia, 29-30 settembre 2011). Ha promosso e partecipato all'organizzazione del seminario nazionale Sissco Il fascismo nella storia d'Italia. Tradizione e modernità del regime tenutosi presso la Fondazione Istituto Storico Giuseppe Siotto (Cagliari, 20-21 ottobre 2011). Ha partecipato al seminario della Rivista "Ragion Pratica" sul tema Beni Comuni organizzato presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli studi di Genova con una relazione dal titolo Dalla Comune di Parigi ai movimenti per i beni comuni: le sfide alla cittadinanza (Genova, 6-7 luglio 2012).
Ha partecipato al seminario internazionale Les hommes de la décolonisation organizzato dal Centre d'Histoire Judiciaire dell'Università di Lille 2 e da la Maison europeenne des sciences de l'homme et de la société con una relazione sulle istituzioni del colonialismo italiano (Lille, 23 ottobre 2012). Ha fatto parte del seminario su Fascismo e storiografia, organizzato presso l Istituto Gramsci, con due interventi su Le politiche sociali del fascismo nel dibattito storiografico e Il colonialismo fascista nella storiografia (gennaio/febbraio 2013). Ha partecipato al convegno internazionale dal titolo Il progetto costituzionale dell uguaglianza con una relazione dal titolo La fantasia giuridica del costituente: Lelio Basso e il secondo comma dell articolo 3 (Roma, 12-13 dicembre 2013). Ha partecipato al convegno italo/tedesco dal titolo Da partito dei notabili a partito popolare di massa? Fascisti, comunisti, socialdemocratici e democristiani in Italia e in Germania, con una relazione dal titolo Le politiche sociali attraverso il partito fascista (Villa Vigoni, 26-30 marzo 2014).
Ha partecipato agli incontri annuali della Scuola per la buona politica, organizzata dalla Fondazione Lelio e Lisli Basso (Roma, 2010-2014). È stata promotrice di molti incontri seminariali organizzati dalla Fondazione Lelio e Lisli Basso, tra i quali, la presentazione di G. Azzariti, Il costituzionalismo moderno può sopravvivere? (Laterza 2013), con S. Rodotà e L. Ferrajoli (26 giugno 2013); K. Polanyi, Per un nuovo Occidente. Scritti 1919-1958 (Laterza, 2013), con M. Salvati, M. Cangiani, G. Marramao (4 luglio 2103); Zappino, Coccoli, Tabacchini, Genealogie del presente, Mimesis, 2014 (dicembre 2014); Il valore delle Cose di Yan Thomas (19 ottobre 2015); G. Azzariti, Contro il revisionismo costituzionale. Tornare ai fondamentali, Laterza, 2016 (30 giugno 2016); Principio di uguaglianza e politiche pubbliche (13 aprile 2018). Ha partecipato alla creazione, promozione e organizzazione del seminario annuale I confini del diritto (curato da Fondazione Lelio e Lisli Basso, Istituto svizzero di Roma, Dipartimento di La Sapienza, CRS, Lum).

2006-2010
Ha partecipato all'incontro seminariale su Biografia/e. Ricerche, fonti, problemi tra età moderna e contemporanea organizzato dall'Università degli studi di Teramo con una relazione dal titolo La ricerca biografica nell'ambito della storia delle istituzioni (Teramo, 21-22 novembre 2006). Ha partecipato a numerosi incontri organizzati presso la Fondazione Lelio e Lisli Basso sul tema degli studi postcoloniali (2005-2006). Ha partecipato alla Summer School organizzata dall'Università di Bologna in collaborazione con le università di Lisbona e di Santiago di Compostela e dedicata al tema Centri e periferie. Politica, società e istituzioni in Italia, Portogallo e Spagna (Bertinoro, luglio 2006).
Ha partecipato al convegno della Sissco, come relatrice e coordinatrice del panel dal titolo Quattro percorsi nello spazio coloniale italiano, con una relazione su I funzionari coloniali (Cantieri di storia, IV, Marsala, settembre 2007). Ha partecipato al convegno nazionale Francesco De Martino e il suo tempo con una relazione dal titolo Il marxismo di Basso e De Martino (Senato della Repubblica, 30 novembre 2007). Ha partecipato al convegno Carità pubblica, assistenza sociale, politiche di welfare: il caso di Trieste organizzato presso l'Università di Trieste (Trieste, 17-18 marzo 2008). Ha partecipato al convegno conclusivo Culture politiche e dimensioni del femminile nell'Italia del '900 con una relazione dal titolo Il femminismo e le socialiste (Istituto della Enciclopedia italiana, 23-24 giugno 2008).
Ha partecipato al convegno della Sissco, come relatrice e coordinatrice del panel dal titolo Alla periferia del fascismo con una relazione dal titolo Centro e periferia dell'Oltremare (Cantieri di storia, V, Trieste, settembre 2009). Ha partecipato al convegno Votare con i piedi. Amministrazione coloniale, borderlands e mobilità degli individui nell'Africa coloniale italiana, presso l'Università degli studi di Macerata con una relazione dal titolo Uomini sul campo. Soggetti e logiche della mobilità coloniale (Macerata, 14-15 ottobre 2010).

2001-2005
Ha partecipato al convegno L'Italia repubblicana nella crisi degli anni settanta con una relazione dal titolo L'INPS negli anni Settanta (Istituto della Enciclopedia italiana, Roma, novembre e dicembre 2001). Ha partecipato all'organizzazione scientifica del convegno tenutosi presso il Centro di ricerca e documentazione per la storia del lavoro in Italia in età contemporanea di Imola su L'impiego al femminile. Le donne negli uffici pubblici e privati, per il quale ha presentato la relazione L'emarginazione femminile nella pubblica amministrazione tra le due guerre: storie di donne (Imola, 13-14 novembre 2002).
Ha partecipato al convegno della Società italiana per lo studio della Storia Contemporanea (Sissco) con una relazione dal titolo L'Istituto fascista per la previdenza sociale: un contributo allo studio del sistema istituzionale fascista (Cantieri di storia, II, Lecce, settembre 2003). Ha partecipato al terzo congresso della Società delle storiche (Sis) con un intervento dal titolo La dirigenza femminile nelle istituzioni sportive: un percorso storico (Firenze, 14-16 novembre 2003). Ha partecipato alla giornata di studio su Fonti e studi sulla storia della questione femminile con una relazione su La presenza femminile nella pubblica amministrazione durante il fascismo (Teramo, 22 aprile 2004). Ha preso parte al convegno di studi storici organizzato dalla Fondazione ISEC su L'Italia alla metà del XX secolo. Conflitto sociale, Resistenza, Costruzione di una democrazia con una relazione dal titolo Lelio Basso nella democrazia costituzionale (Sesto San Giovanni, 4-5 marzo 2004).
Ha presentato la lecture dal titolo Fascism and The Welfare State presso The D. Calandra Italian American Institute (New York, 1 aprile 2005). Ha partecipato al convegno della Sissco con una relazione dal titolo Élites nazionali ed enti pubblici tra anni Venti e Trenta (Cantieri di storia, III, Bologna, 22-24 settembre 2005). Ha partecipato al 3° Colloquio Italo-Francese di Storia Amministrativa su Diritti e Doveri degli impiegati. Lo Statuto del pubblico impiego con un intervento su Il personale degli enti pubblici economici e previdenziali: un diverso modello di organizzazione (Università degli studi di Siena, 21 ottobre 2005). Ha partecipato al convegno dal titolo Percorsi di studio e opportunità professionali: le donne italiane tra 800 e 900, organizzato presso l'Università Politecnica delle Marche con una relazione su Donne e amministrazione (Ancona, 18-19 novembre 2005). Ha partecipato al convegno Lo Stato in Europa negli anni Trenta. Democrazie e totalitarismi, con un intervento su Gli enti Beneduce (Biblioteca del Senato, Roma, 26-27 ottobre 2006).

Elenco delle pubblicazioni

Volumi

1) La sinistra alla Costituente. Per una storia del dibattito istituzionale, Carocci, Roma 2001, prima ristampa, 2015, pp. 261.
2) La previdenza del regime. Storia dell INPS durante il fascismo, Il Mulino, Bologna 2004, pp. 356.
3) L Africa come carriera. Funzioni e funzionari del colonialismo italiano, Carocci, Roma 2012 ( Premio Grifoni , libro di Storia edito, 2013), pp. 222.
4) Un socialista del Novecento. Uguaglianza, libertà e diritti nel percorso di Lelio Basso, Carocci, Roma 2015, prima ristampa 2017, pp. 276.
5) Costituzione italiana: articolo 3 (con M. Dogliani), Carocci, Roma 2017, seconda ristampa 2019, pp. 163.
6) Storia dello Stato sociale in Italia (con I. Pavan), Il Mulino, Bologna 2021, pp. 519.

Curatele

1) F. De Martino, Socialisti e comunisti nell Italia repubblicana, La Nuova Italia, Firenze 2000;
2) (con Mariuccia Salvati), Lelio Basso, Scritti scelti, Carocci, Roma 2003;
3) (con Guido Melis e Angelo Varni), L altra metà dell impiego. Storia delle donne nell amministrazione, Bononia University Press, Bologna 2005;
4) (con P. Capuzzo), Centro e periferia come categorie storiografiche. Esperienze di ricerca in Italia, Spagna e Portogallo, Carocci, Roma 2009:
5) (con P. Capuzzo, M. Martini, C. Sorba), Pensare la contemporaneità, Scritti per Mariuccia Salvati, Viella, Roma 2011;
6) (con G. Dore, A. Morone, M. Zaccaria), Governare l Oltremare. Istituzioni, funzionari e società nel colonialismo italiano, Carocci, Roma 2013;
7) Il progetto costituzionale dell uguaglianza, Ediesse, Roma 2014;
8) (con F. Brancaccio), Ai confini del diritto. Poteri, istituzioni e soggettività, DeriveApprodi, Roma 2017;
9) Rileggere Il Capitale, Manifestolibri, Roma 2018;
10) A Heterodox Marxist and his century: Lelio Basso. Selected Writings, Brill, Leiden 2020;
11) Welfare. Attualità e prospettive, Carocci, Roma, 2022.

Articoli su riviste di fascia A del settore M-STO/04, Storia Contemporanea

1) L Istituto nazionale fascista di previdenza sociale, Le carte e la storia , n. 2, 2003, pp. 165-174;
2) Alle origini della previdenza nazionale: L INA e la Cassa mutua cooperativa italiana per le pensioni, Le carte e la storia , n. 2, 2005, pp. 142-155;
3) Governance e amministrazione nelle politiche pubbliche statunitensi: retoriche a confronto in un dibattito di fine secolo, Mondo contemporaneo , n. 1, 2007, pp. 131-151;
4) I funzionari dell Oltremare: tra autorappresentazione e realtà del governo coloniale, Le carte e la storia , n. 2, 2008, pp. 187-204;
5) Magistrati d Oltremare, Studi storici , n. 4, 2010, pp. 63-77;
6) (con A. Morone), Colonie celebrate, colonie dimenticate. L Unità d Italia e l Africa, Le carte e la storia , numero speciale, 2011, pp. 76-96;
7) Le politiche sociali del fascismo, Studi storici (numero monografico su Fascismo: Itinerari storiografici da un secolo all altro), n. 1, 2014, pp. 93-107;
8) Das faschistiche System der sozialen Vorsorge im Spannungsverhältnis zwischen autoritären Maßnahmen und sozialer Integration, Quellen Und Forschungen Aus Italienischen Archiven Und Bibliotheken , 97, 2017, pp. 44-62;
9) (con I. Pavan), «Un sistema finito di fronte a una domanda infinita». Alle origini del Servizio sanitario nazionale, Le Carte e la Storia , n. 2, 2018, pp. 103-119;
10) Cultura cattolica ed elaborazione costituzionale, Mondo Contemporaneo , n. 2-3, 2018, pp. 76-84;
11) (con I. Pavan), Le lotte per la salute in Italia e le premesse della riforma sanitaria. Partiti, sindacati, movimenti, percorsi biografici (1958-1978), Studi storici , n. 2, 2019, pp. 417-455;
12) Remodeling Welfare. Social Policies Beetween Emergiences and Renewal (con I. Pavan e J. Moses), Contemporanea , n. 4, 2020, pp. 507-18;
13) Politica e salute. La sanità italiana nella crisi del welfare, Studi storici , 2023, n. 2, DOI: 10.7375/104978

Articoli su altre riviste scientifiche

1) Il contributo di Vezio Crisafulli, Scienza & Politica , n. 21, 1999, pp. 47-64;
2) Le radici della crisi. Gli anni sessanta e settanta in Italia, Italia contemporanea , giugno 1999;
3) Le Assicurazioni sociali e il dibattito italiano e internazionale sullo Stato sociale (1933-1943), "Storia e Futuro", n. 2, 2003 (www.storiaefuturo.com);
4) La dirigenza femminile nelle istituzioni sportive: un percorso storico, Trimestre , n. 1, 2004, pp. 343-362;
5) Una «filosofia della prassi»: il marxismo di Lelio Basso e di Francesco De Martino in Quaderni della Fondazione Giacomo Brodolini , 2009, pp. 119-134;
6) La periferia fascista dell Oltremare, in Fascismi periferici. Nuove ricerche, L Annale Irsifar 2010, pp. 63-77;
7) Diritto, società e Costituzione nell elaborazione di Lelio Basso, Democrazia e Diritto , 1-2, 2011, pp. 284-294;
8) Socialismo/comunismo: questione terminologica e implicazioni politiche, Parole chiave , 2015, 52;
9) La storia costituzionale d Italia tra interpretazioni storiche, scelte del presente e prospettive future, Diritto Pubblico , n. 3, 2015;
10) Le nuove geografie del potere, La Rivista delle politiche sociali , 2-3, 2015;
11) Intervento in Pensare la Corte costituzionale. La prospettiva storica per la comprensione giuridica, Nomos , 2, 2015;
12) La Corte costituzionale tra storia, protagonisti e dilemmi, Rivista critica del diritto privato , 2016;
13) Benedict Anderson e il potere dell immaginazione, Storicamente , n. 12, 2016, pp. 1-16;
14) L uguaglianza tra diritto e storia (italiana). Momenti e figure di un principio costituzionale, Costituzionalismo.it , 3, 2017;
15) Pensare il presente, riconquistare il futuro, Critica Marxista , 6, 2017;
16) L uguaglianza sostanziale nel lungo dibattito costituente, Rivista Trimestrale di Diritto Pubblico , 1, 2018, pp. 9-43;
17) Le trasformazioni del capitalismo e gli spazi per una politica del diritto , The Cardozo Electronic Law Bulletin , spring-summer 2019, pp. 1-14.
18) Dei tanti e diversi confini dell amministrazione coloniale italiana, Giornale di storia costituzionale , n. 2, 2019, pp. 185-196;
19) Social Policies in Italian Fascism. Authoritarian strategies and social integration, Historia Contemporánea ; n. 61, 2019, pp. 907-932;
20) (con F. Taroni), Il Servizio sanitario nazionale di fronte alla pandemia. Passato e futuro delle politiche per la salute, La Rivista delle Politiche sociali, https://www.ediesseonline.it/wp-content/uploads/2020/04/Il-Servizio-sani...
21) (con F. Taroni), I regionalismi sanitari in Italia nel contesto internazionale: lezioni dalla pandemia, Costituzionalismo.it , 2, 2020;
22) Riforme e controriforme della sanità italiana, Democrazia e Diritto , n. 3, 2021, pp. 73-89;
23) Utopia, non utopia. Le tensioni di un concetto, Parole-chiave , n. 6, 2021, pp. 5-24.

Capitoli in volumi

1) Lelio Basso alla Costituente, in Fondazione Lelio e Lisli Basso, La via alla politica. Lelio Basso, Ugo La Malfa, Meuccio Riuni, protagonisti della Costituente, Franco Angeli, Milano 1999, pp. 76-84; Ugo La Malfa alla Costituente, ivi, pp. 132-6; Meuccio Ruini alla Costituente, ivi, pp. 179-86; Costituente, tradizioni giuridiche e trasformazioni della società;
2) La libertà degli eguali. Per un analisi della cultura politica e istituzionale di Francesco De Martino, in E. Bartocci (a cura di), Il futuro nella storia del socialismo. Saggi sul pensiero e l esperienza politica di Francesco De Martino Lacaita, Manduria-Roma 2002, pp. 43-182;
3) L'INPS negli anni Settanta, in L'Italia repubblicana nella crisi degli anni settanta, Rubettino, Soveria-Mannelli 2003, pp. 475-511;
4) Travet, in F. Bonini, Storia della pubblica amministrazione in Italia, Le Monnier, Firenze 2004, pp. 17-23; Donne nell amministrazione, ivi, pp. 46-50; Un (piccolo) impiegato romano, ivi pp. 66-68; Maladministration, ivi, pp. 86-88; Velleità di rinnovamento e continuità della burocrazia, ivi, pp 111-117; I Burosauri, ivi, pp. 139-144; Governance ivi, pp. 169-173;
5) Lelio Basso e la difesa dei diritti, in L. Ganapini (a cura di), L Italia alla metà del XX secolo. Conflitto sociale, Resistenza, costruzione di una democrazia, Guerini e associati, Milano 2005, pp. 175-186;
6) L emarginazione femminile nella pubblica amministrazione tra le due guerre: storie di donne, in C. Giorgi, G. Melis, A. Varni (a cura di), L altra metà dell impiego. Storia delle donne nell amministrazione, Bononia University Press, Bologna 2005, pp. 79-98;
7) Giuseppe Montemurri, Guido Ruberti, Carlo Pîni, G. Barcati, A. Petretti, D. Barone, Il Consiglio di Cremona, in G. Melis (a cura di), Dizionario biografico dei Consiglieri di Stato (1861-1948), Giuffré, Milano 2006;
8) La famiglia unitissima del pubblico impiego . in P. Iuso (a cura di), La sindacalizzazione del pubblico impiego. Dalle origini delle rappresentanze alla funzione pubblica CGIL, Ediesse, Roma 2006, pp. 179-231;
9) Politiche sociali e politiche di contrattazione nel regime fascista italiano: l ambito previdenziale, in M. Pasetti (a cura di), Progetti corporativi tra le due guerre mondiali, Carocci, Roma 2006, pp. 203-212;
10) Il lavoro femminile nella pubblica amministrazione, in G. Vicarelli (a cura di), Donne e professioni nell'Italia del Novecento, Il Mulino, Bologna 2007, pp. 159-179;
11) Un intreccio di uomini ed istituzioni: l INPS nella rete degli enti pubblici tra fascismo e Repubblica, in M. Cammelli (a cura di) Territorialità e delocalizzazione nel governo locale, Il Mulino, Bologna 2007, pp. 153-183;
12) Lelio Basso tra partito politico e Assemblea Costituente, in G. Monina (a cura di), 1945-1946. Le origini della Repubblica, Rubbettino, Soveria Mannelli 2007, pp. 453-483;
13) Gli enti pubblici di Beneduce nel sistema istituzionale fascista in G. Melis (a cura di), Lo Stato negli anni Trenta, Il Mulino, Bologna 2008, pp. 169-183;
14) L amministrazione italiana delle colonie: le strutture e gli uomini, in P. Capuzzo, C. Giorgi (a cura di), Centro e periferia come categorie storiografiche. Esperienze di ricerca in Italia, Spagna e Portogallo, Carocci, Roma 2009, pp. 141-150;
15) The Origins and the Development of the Welfare State: Democracies and Totalitarianisms Compared in Alice Kessler-Harris and Maurizio Vaudagna (eds.), Book on the History of Social Rights in Europe and America, Otto, Torino 2009, pp. 329-345;
16) I Professionisti dell Oltremare, in M. Malatesta (a cura di), Atlante delle professioni, Bononia University Press, Bologna 2009;
17) Il femminismo e le socialiste, in G. Bonacchi e C. Dau Novelli (a cura di), Culture politiche e dimensioni del femminile nell Italia del 900, Rubbettino, Soveria Mannelli 2010, pp. 85-98;
18) L inclusione differenziale nell Italia coloniale, in F. Angelini, M. Benvenuti, A. Schillaci (a cura di), Le nuove frontiere del diritto dell immigrazione: integrazione, diritti, sicurezza, Jovene, Napoli 2011, pp. 9-26;
19) Celebrazione nazionale e consenso coloniale, in F. Bilancia, F.M. Di Sciullo, A. Gianelli, M.P. Paternò, F. Rimoli, Salerno (a cura di), Fardelli d Italia. L Unità nazionale tra coesione e conflitti, Edizione Scientifica, Napoli 2011, pp. 71-86;
20) Politiche sociali e fascismo nel dibattito storiografico, in P. Mattera (a cura di), Momenti di welfare in Italia, Carocci, Roma 2012, p. 55-65;
21) The Allure of the Welfare State, in G. Albanese, R. Pergher, In the Society of Fascists. Acclamation, Acquiescence, and Agency in Mussolini's Italy, Palgrave Macmillan, Oxford 2012, p. 131-148;
22) (con G. Bonacchi), La Comune di Parigi e la cittadinanza attiva, in Tempo di beni comuni, Ediesse, Roma 2013, pp. 383-402;
23) Soggetti e politiche della mobilità coloniale in I. Rosoni, U. Chelati Dirar (a cura di), Votare con i piedi. La mobilità degli individui nell Africa coloniale italiana, Eum, Macerata 2012, pp. 199-230;
24) Le istituzioni del Welfare, in M. Meriggi, L. Teodoldi (a cura di), Storia delle istituzioni politiche, Carocci, Roma 2014, ottava ristampa 2021, pp. 169-194;
25) La fantasia giuridica del costituente: Lelio Basso e il secondo comma dell articolo 3 in C. Giorgi (a cura di), Il progetto costituzionale dell eguaglianza, Ediesse, Roma 2014, pp. 53-70;
26) (con F. Di Pasquale), The «Worker Nuns of Nigrizia». The Pious Mothers of Nigrizia between Italy and Africa during the Imperial Age (1872-1950), in E. Olivito (ed.by) Gender and Migration in Italy, Ashgate, 2016, pp. 21-39;
27) Colonialismo e storia d Italia: lo stato degli studi, in G. Bascherini, G Ruocco (a cura di), Lontano vicino. Metropoli e colonie nella costruzione dello Stato nazionale italiano, Jovene, Roma 2016, pp. 35-61;
28) (con G. Bonacchi), Due di diritto. Differenza sessuale e cittadinanza in A. Pitino (a cura di), Interventi di contrasto alla discriminazione e alla violenza sulle donne nella vita pubblica e privata, Giappichelli, Torino 2016, pp. 101-113;
29) Le sinistre e il nuovo assetto costituzionale. Il progetto dell uguaglianza, in G. Bernardini, M. Cau, C. Nubola e G. D Ottavio (a cura di), L età costituente 1945-1948, Il Mulino, Bologna 2017;
30) Die Sozialpolitik der faschistischen Partei, in S. Cavazza, T. Großbölting, C. Jansen (Hg.), Massenparteien im 20. Jahrhundert. Christ- und Sozialdemokraten, Kommunisten und Faschisten in Deutschland und Italien, Franz Steiner Verlag, Wiesbaden 2018, pp. 157-173;
31) Presente e passato coloniale nella storia e nella storiografia italiana in Il mestiere di storico , 1, 2018;
32) La «critica vivente di una società in movimento»: una lettura novecentesca del Capitale in C. Giorgi (a cura di) Rileggere Il Capitale, Manifestolibri, Roma 2018, pp. 165-184;
33) Borghesia: tra epica e attualità (con T. Rispoli); Il dilemma della nazione; Il programma delle misure rivoluzionarie in K. Marx-F. Engels, Il manifesto comunista, a cura di C17, Ponte alle grazie, Milano 2018;
34) Differenza/uguaglianza, in A. Simone, I. Boiano (a cura di), Femminismo giuridico. Teorie e problemi, Mondadori, Milano 2019;
35) Al di qua delle Utopie, in L. Basile, C. Paolini, G. Zingone (a cura di), Attraversamenti di Marx, ETS, Pisa 2019, pp. 55-63;
36) (con F. Taroni), Espansione pubblica e rioriganizzazione privata. Come sono cambiati i sistemi sanitari in Italia e in Europa, in J. Perazzoli (a cura di), Al posto della paura. Percorsi di storia dei modelli sanitari tra passato e futuro, Feltrinelli, Milano 2020, pp. 20-26;
37) (con I. Pavan), La politica della medicina. L impegno di Giovanni Berlinguer per la riforma sanitaria, in F. Rufo (a cura di), La salute è un diritto. Giovanni Berlinguer e le riforme del 1978, Ediesse, Roma 2020, pp. 139-166;
38) Introduction, in C. Giorgi (a cura di) A Heterodox Marxist and his century: Lelio Basso. Selected Writings, Brill, Leiden 2020, pp.1-28;
39) Utopia, in B. Skeggs, S. Farris, A. Toscano, S. Bromberg (ed. by), The Sage Handbook of Marxism, Sage, London, 2021, pp. 1232-1248;
40) (con I. Pavan), Il Pci e le politiche sociali tra anni Sessanta e Settanta in S. Pons (a cura di), Il comunismo italiano nella storia del Novecento, Viella, Roma, 2021, pp. 461-76
41) Il welfare ieri e domani in C. Giorgi (a cura di), Welfare. Attualità e prospettive, Carocci, Roma, 2022, pp. 15-30;
42)La traiettoria delle politiche sanitarie italiane, in F.R. Pizzuti, M. Raitano, M. Tancioni (a cura di) Rapporto sullo Stato sociale 2022, Sapienza University Press, Roma, 2022, pp. 68-86;
43) 27 marzo 1933 La fondazione dell Inps: lo Stato sociale di prossima pubblicazione in S. Lupo, A. Ventrone (a cura di), Il fascismo nella storia italiana, Donzelli, Roma, 2022.