Ritratto di raffaella.schneider@uniroma1.it

In adempimento alle linee guida di Ateneo, le attività didattiche del secondo semestre AA 2020/2021 verranno svolte in modalità blended sincrona.

 

Per le informazioni relative allo streaming delle lezioni, si prega di consultare le pagine elearning dei corsi.

Si riceve su appuntamento.

Raffaella Schneider si è formata presso il Dipartimento di Fisica della Sapienza Università di Roma, dove si è laureata con una tesi sulla radiazione di fondo cosmico e ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Fisica nel Febbraio del 2000 lavorando sui fondi stocastici di onde gravitazionali prodotti da sorgenti astrofisiche. Dopo un periodo di ricerca finanziato attraverso borse di post-dottorato (2000-2003) e una Senior Excellence Grant del Centro Studi e Ricerche Enrico Fermi (2003-2005), diventa ricercatrice a tempo indeterminato dell Istituto Nazionale di Astrofisica, prima presso l Osservatorio Astrofisico di Arcetri (2005-2010) e successivamente presso l Osservatorio Astronomico di Roma (2010-2016). Il 1 Novembre del 2016 viene chiamata come Professoressa Associata presso il Dipartimento di Fisica della Sapienza, dove dal 30 Dicembre 2019 ricopre il ruolo di Professoressa Ordinaria e dove insegna Astrofisica Stellare.

Autrice di oltre 100 pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali con Referee, si occupa della formazione ed evoluzione di stelle, buchi neri e galassie nell Universo primordiale, dei processi di reionizzazione cosmica e arricchimento metallico, della formazione di polveri e molecole nelle esplosioni di supernova e della caratterizzazione degli ambienti astrofisici che ospitano le sorgenti di onde gravitazionali. Una lista completa delle pubblicazioni è reperibile sull Astrophysics Data System (ADS):

https://ui.adsabs.harvard.edu/user/libraries/NTjiSXpxRsWWjs_MbOz2Hg

E stata visiting scientist presso numerosi istituti di ricerca internazionali, tra i quali il Kavli Institute for Theoretical Physics di Santa Barbara, University of Texas at Austin, Institute d Astrophysique Paris, Institute for Astronomy di Cambridge, University of Zurich, Dark Cosmology Center di Copenhagen, National Astronomical Observatory of Japan di Mitaka, Max Planck Institute for Astrophysics.
Ha collaborazioni scientifiche con ricercatori in Istituti Europei, negli USA, in India e in Giappone.

Nel 2012 ha vinto come Principal Investigator un Consolidator Grant dello European Research Council per il progetto FIRST: the first stars and galaxies.
Peer reviewer per le riviste scientifiche Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, The Astrophysical Journal, Astronomy & Astrophysics, Nature Astronomy, Classical and Quantum Gravity, a partire dal 2000 ha presentato quasi 90 contributi, di cui 54 presentazioni ad invito e 9 review, nell ambito di conferenze e workshops internazionali. E' stata nel comitato scientifico o organizzativo di 16 conferenze e workshops internazionali.

Ha svolto un intensa attività divulgativa, partecipando alle iniziative rivolte alle scuole, ai bambini, e al pubblico generico promosse dall Osservatorio Astronomico di Roma, tra cui la Cosmoscuola (Luglio 2014, Aprile 2015), incontri sulla questione di genere (Marzo 2014, 2016), partecipazione alla Notte Europea dei Ricercatori (2013-2016). Membro dell Osservatorio Scienza e Società promosso dal II municipio del Comune di Roma, ha partecipato al Festival della Scienza Scienza 3 con iniziative nelle scuole primarie (dal 2011 al 2014). Dal 2009 è socia dell Associazione Astronomica Amici di Arcetri e tra il 2005 e il 2010 ha svolto numerose conferenze pubbliche nelle scuole della Toscana nell ambito del programma Pianeta Galileo .

Da sempre interessata alla questione di genere nella scienza, promuove e partecipa all'osservatorio Gender and Diversity in Physics presso il Dipartimento di Fisica della Sapienza (https://sites.google.com/uniroma1.it/gender-and-diversity-physics/home), l'11 Febbraio del 2019 ha organizzato l'evento celebrativo dell'International Day of Girls and Women in Science (https://sites.google.com/uniroma1.it/fisica-le-donne-e-la-ricerca/home), ha partecipato al programma dell Unione Astronomica Internazionale (IAU) She is an Astronomer in occasione dell anno internazionale dell astronomia, coordinando un progetto di analisi statistica sul ruolo delle ricercatrici donne Nei cieli della statistica (http://sheastro.arcetri.astro.it/). Tra il 2011 e il 2013 ha collaborato alla rubrica A come AstronomA del Giornale di Astronomia, rivista della Società Astronomica Italiana (SAIt).

E' co-autrice, insieme a Edwige Pezzulli, Maria Orofino, Rosa Valiante, Simona Gallerani, e Tullia Sbarrato di "Apri gli Occhi al Cielo. Guida all'Universo", edito da Mondadori Ragazzi (2019).

Insegnamento Codice Anno Corso - Frequentare
Astrofisica stellare 1012131 2021/2022 Astronomia e Astrofisica - Astronomy and Astrophysics
FISICA 1011790 2021/2022 Scienze Biologiche
FISICA 1011790 2020/2021 Scienze Biologiche
Astrofisica stellare 1012131 2020/2021 Astronomia e Astrofisica - Astronomy and Astrophysics
FISICA 1011790 2019/2020 Scienze Biologiche
Astrofisica stellare 1012131 2019/2020 Astronomia e Astrofisica
FISICA 1011790 2018/2019 Scienze Biologiche
Astrofisica stellare 1012131 2018/2019 Astronomia e Astrofisica
FISICA 1011790 2017/2018 Scienze Biologiche
Astrofisica stellare 1012131 2017/2018 Astronomia e Astrofisica
FISICA 1008195 2017/2018 Farmacia
Astrofisica stellare 1012131 2016/2017 Astronomia e Astrofisica
Titolo Rivista Anno
Light, medium-weight or heavy? The nature of the first supermassive black hole seeds MONTHLY NOTICES OF THE ROYAL ASTRONOMICAL SOCIETY 2021
The assembly of dusty galaxies at z ≥ 4: Statistical properties MONTHLY NOTICES OF THE ROYAL ASTRONOMICAL SOCIETY 2020
Cosmic archaeology with massive stellar black hole binaries MONTHLY NOTICES OF THE ROYAL ASTRONOMICAL SOCIETY. LETTERS 2020
Universal bolometric corrections for active galactic nuclei over seven luminosity decades ASTRONOMY & ASTROPHYSICS 2020
Seeding the second star-II. CEMP star formation enriched from faint supernovae MONTHLY NOTICES OF THE ROYAL ASTRONOMICAL SOCIETY 2020
A hint on the metal-free star formation rate density from 21-cm-EDGES data MONTHLY NOTICES OF THE ROYAL ASTRONOMICAL SOCIETY 2020
Scaling relations and baryonic cycling in local star-forming galaxies: II. Gas content and star-formation efficiency ASTRONOMY & ASTROPHYSICS 2020
The properties of Heâ» II λ 1640 emitters at z 2.5-5 from the VANDELS survey ASTRONOMY & ASTROPHYSICS 2020
X-ray properties of He ii λ 1640 emitting galaxies in VANDELS MONTHLY NOTICES OF THE ROYAL ASTRONOMICAL SOCIETY 2020
Reionization with galaxies and active galactic nuclei MONTHLY NOTICES OF THE ROYAL ASTRONOMICAL SOCIETY 2020
The infrared-luminous progenitors of high-z quasars MONTHLY NOTICES OF THE ROYAL ASTRONOMICAL SOCIETY 2019
Supernova dust yields: the role of metallicity, rotation, and fallback MONTHLY NOTICES OF THE ROYAL ASTRONOMICAL SOCIETY 2019
Evolution of dwarf galaxies hosting GW150914-like events MONTHLY NOTICES OF THE ROYAL ASTRONOMICAL SOCIETY 2019
Chasing the observational signatures of seed black holes at z > 7: Candidate statistics MONTHLY NOTICES OF THE ROYAL ASTRONOMICAL SOCIETY 2018
Extended and broad Lyα emission around a BAL quasar at z ∼ 5 MONTHLY NOTICES OF THE ROYAL ASTRONOMICAL SOCIETY 2018
Where does galactic dust come from? MONTHLY NOTICES OF THE ROYAL ASTRONOMICAL SOCIETY 2018
Galaxy evolution studies with the SPace IR Telescope for Cosmology and Astrophysics (SPICA): The Power of IR Spectroscopy PUBLICATIONS OF THE ASTRONOMICAL SOCIETY OF AUSTRALIA 2018
Chasing the observational signatures of seed black holes at z > 7: candidate observability MONTHLY NOTICES OF THE ROYAL ASTRONOMICAL SOCIETY 2018
The WISSH quasars project: V. ALMA reveals the assembly of a giant galaxy around a z = 4.4 hyper-luminous QSO ASTRONOMY & ASTROPHYSICS 2018
Condition for low-mass star formation in shock-compressed metal-poor clouds MONTHLY NOTICES OF THE ROYAL ASTRONOMICAL SOCIETY 2018