I contenuti del catalogo per l'a.a. 2022-2023 sono in corso di aggiornamento

Laurearsi

La prova finale consiste nella discussione, di fronte a una commissione di docenti, di una tesi elaborata sotto forma di dissertazione scritta, in modo originale, dallo studente sotto la guida di un relatore.
L'elaborato ha per oggetto un progetto di ricerca di carattere sperimentale, condotto attraverso la frequenza per non meno di 12 mesi di un laboratorio interno ad un Dipartimento di ?Sapienza? o presso un ente di ricerca convenzionato con l'Ateneo.
Attraverso la prova finale viene verificata la capacita del laureando di portare avanti in modo autonomo, in coordinamento con un gruppo di ricerca, un progetto di natura sperimentale, cosi come la capacita dello stesso di descrivere, esporre e discutere con chiarezza e padronanza i risultati dello studio condotto.




Il lavoro di tesi sperimentale svolto viene presentato dallo studente alla Commissione di Laurea, composta da 11 membri, con l’ausilio di diapositive. Il tempo di presentazione a disposizione dello studente è di circa 15 minuti e la proclamazione dei candidati avviene nello stesso giorno, al termine di tutte le discussioni.
Oltre alla figura del relatore, può essere prevista quella di un docente correlatore, qualora il lavoro di tesi sia stato svolto presso un Ente di ricerca esterno a “Sapienza”. E’ inoltre prevista la figura di un controrelatore, nominato dalla struttura didattica, con il compito di acquisire gli elementi caratterizzanti della tesi/elaborato finale e valutare il contributo personale del candidato nella preparazione dell’elaborato.
A determinare il voto di laurea, espresso in centodecimi, contribuiscono i seguenti parametri:
a) la media non ponderata dei voti conseguiti negli esami curriculari, espressa in centodecimi;
b) i punti attribuiti dalla Commissione di Laurea in sede di discussione della tesi, fino ad un massimo di 8, tenendo conto dei seguenti criteri:
- tipologia della ricerca. Il carattere sperimentale della tesi di laurea, che sarà insindacabilmente giudicato dalla commissione, deve essere supportato dalle caratteristiche di originalità e/o innovatività dello studio condotto, oltre che dal rispetto della metodologia scientifica adottata, che deve originare da conclusioni basate su evidenze originali scientificamente valide.
- qualità della presentazione;
- padronanza dell’argomento;
- abilità nella discussione;
- durata del corso (in corso/fuori corso);
- numero di lodi ottenute negli esami di profitto.
Possono inoltre essere aggiunti fino ad un massimo di 2 punti premiali, in presenza di una o più delle seguenti condizioni: conseguimento del titolo in corso (1 punto); Erasmus o altre esperienze di studio all’estero (1 punto); tesi radatta in lingua inglese (1 punto); almeno tre lodi in carriera (1 punto).
La lode, che deve essere approvata all’unanimità dalla Commissione di Laurea, è proponibile solo per il candidato che superi il punteggio di 112.


Info Sedute di Laurea

Le sedute di laurea del CLM in Biotecnologie Mediche si svolgono nei mesi di marzo, luglio, ottobre, novembre e gennaio.

In allegato il promemoria per i laureandi, con l'indicazione delle procedure da seguire per la domanda di laurea e delle relative scadenze.

ATTENZIONE:

1. Il promemoria prevede anche delle sessioni di laurea nei mesi di giugno e di settembre, che tuttavia, a differenza di altri Corsi di Studio della Facoltà, non sono attive per il CLM in Biotecnologie Mediche.

2. Gli studenti che presentano domanda di laurea attraverso la procedura online, dovranno contestualmente compilare ed inviare alla segreteria didattica del Corso (clsbiotecnologie@uniroma1.it) il "modulo segreteria didattica" disponibile in allegato.

3. Indicazioni sull'impaginazione della tesi sono disponibili a questo link: https://www.uniroma1.it/it/pagina/impaginazione-della-tesi-e-logo

Per maggiori informazioni: clsbiotecnologie@uniroma1.it, 06.49255123.

Di seguito le scadenze relative alle sedute di laurea della sessione estiva 2022: 

 

Sessione straordinaria di giugno 2022 (valida per l'a.a. 2020/2021): 

- data della seduta: mercoledì 15 giugno (Auletta didattica V Clinica Medica)

- caricamento della domanda di laurea su Infostud: dal 3 al 13 maggio 

- invio del modulo per la segreteria didattica (disponibile in allegato, da compilare tassativamente su word): entro 17 maggio

- caricamento della tesi su Infostud: entro l'8 giugno

- sostenimento dell'ultimo esame: entro il 10 giugno

I laureati nella sessione straordinaria di giugno 2022 che avessero già pagato i contributi per l'a.a. 2021/2022, possono reperire a questo link:  www.uniroma1.it/it/notizia/prolungamento-dellaa-2020-2021 informazioni su come ottenere il rimborso spettante loro.

 

Sessione ordinaria di luglio 2022 (valida per l'a.a. 2021/2022): 

- data della seduta: venerdì 22 luglio (Aula Aristide Busi, Radiologia Centrale)

- caricamento della domanda di laurea su Infostud: dal 20 al 30 maggio

- invio del modulo per la segreteria didattica  (disponibile in allegato, da compilare tassativamente su word): entro il 17 giugno

- caricamento della tesi su Infostud: entro il 15 luglio

- sostenimento dell'ultimo esame: entro il 30 giugno

 

N.B.: per facilitare i passaggi amministrativi, i candidati tengano a mente che: 

1) Al momento dell'invio del modulo alla segreteria didattica, il titolo della tesi può non essere quello definitivo, ma deve essere indicato il nome del controrelatore. Quest'ultimo viene normalmente individuato dal relatore, tra i docenti e ricercatori di Sapienza, anche del suo stesso laboratorio di ricerca. La sua funzione è quella di leggere attentamente l'elaborato e di porre domande in sede di discussione, permettendo così alla commissione di comprendere in maniera più approfondita il lavoro svolto dal candidato. 

2) Dopo il caricamento della tesi su Infostud da parte dello studente, il relatore deve, sempre sulla stessa piattaforma, approvare l'elaborato ed indicare la dicitura "sperimentale". Tale operazione va svolta entro i due giorni successivi al caricamento della tesi, per permettere alla segreteria di stampare il verbale di laurea. Si raccomanda ai candidati di sollecitare pertanto i propri relatori in tal senso. 

3) Eventuali rinunce vanno comunicate, oltre che alla segreteria studenti, anche alla segreteria didattica, all'indirizzo clsbiotecnologie@uniroma1.it

 

 

REGOLAMENTO LAUREE:

A partire dalla sessione di luglio 2022 (prima sessione di laurea dell'a.a. 2021/2022), entra in vigore il seguente regolamento per le lauree: 

La prova finale consiste nella discussione, di fronte a una commissione di docenti, di una tesi elaborata sotto forma di dissertazione scritta, in modo originale, dallo studente sotto la guida di un relatore.
L'elaborato ha per oggetto un progetto di ricerca di carattere sperimentale, condotto attraverso la frequenza per non meno di 12 mesi di un laboratorio interno ad un Dipartimento di Sapienza o presso un ente di ricerca convenzionato con l'Ateneo.
Attraverso la prova finale viene verificata la capacita del laureando di portare avanti in modo autonomo, in coordinamento con un gruppo di ricerca, un progetto di natura sperimentale, cosi come la capacità dello stesso di descrivere, esporre e discutere con chiarezza e padronanza i risultati dello studio condotto.

Il lavoro di tesi sperimentale svolto viene presentato dallo studente alla Commissione di Laurea, composta da 11 membri, con l’ausilio di diapositive. Il tempo di presentazione a disposizione dello studente è di circa 15 minuti e la proclamazione dei candidati avviene nello stesso giorno, al termine di tutte le discussioni.
Oltre alla figura del relatore, può essere prevista quella di un docente correlatore, qualora il lavoro di tesi sia stato svolto presso un Ente di ricerca esterno a “Sapienza”. E’ inoltre prevista la figura di un controrelatore, nominato dalla struttura didattica, con il compito di acquisire gli elementi caratterizzanti della tesi/elaborato finale e valutare il contributo personale del candidato nella preparazione dell’elaborato.
A determinare il voto di laurea, espresso in centodecimi, contribuiscono i seguenti parametri:
a) la media non ponderata dei voti conseguiti negli esami curriculari, espressa in centodecimi;
b) i punti attribuiti dalla Commissione di Laurea in sede di discussione della tesi, fino ad un massimo di 8, tenendo conto dei seguenti criteri:
- tipologia della ricerca. Il carattere sperimentale della tesi di laurea, che sarà insindacabilmente giudicato dalla commissione, deve essere supportato dalle caratteristiche di originalità e/o innovatività dello studio condotto, oltre che dal rispetto della metodologia scientifica adottata, che deve originare da conclusioni basate su evidenze originali scientificamente valide.
- qualità della presentazione;
- padronanza dell’argomento;
- abilità nella discussione;
- durata del corso (in corso/fuori corso);
- numero di lodi ottenute negli esami di profitto.
Possono inoltre essere aggiunti fino ad un massimo di 2 punti premiali, in presenza di una o più delle seguenti condizioni: conseguimento del titolo in corso (1 punto); Erasmus o altre esperienze di studio all’estero (1 punto); tesi radatta in lingua inglese (1 punto); almeno tre lodi in carriera (1 punto).
La lode, che deve essere approvata all’unanimità dalla Commissione di Laurea, è proponibile solo per il candidato che superi il punteggio di 112.